Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Sostieni la causa dello Scambio Etico, dona a TNT

Puoi donare anche utilizzando PostePay, Per versare la tua donazione chiedi il numero di carta

Sostieni movimentopirati.org

 

  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

> Progetto Alfred Hitchcock, Coordinatore: Aragorn10
Boadicea
Inviato il: Jan 16 2013, 06:36 PM
Cita questo messaggio


\"100rel\"
\"translators\"

Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 5069
Utente Nr.: 499078
Iscritto il: 30-September 10



user posted image

user posted image


Codice del banner da inserire in testa alle release del progetto
CODE
[URL=http://forum.tntvillage.scambioetico.org/index.php?showtopic=173548][img]https://dl.dropbox.com/s/iocanyv08x9bbg5/baNNERINO.jpg[/img][/URL]




user posted image



user posted image


Biografia

user posted image


 

Famiglia
I genitori William (1862–1914) e Emma Jane Whelan (1863–1942), erano titolari e proprietari di un negozio di frutta e verdura. Il padre commerciava come grossista di derrate alimentari; successivamente acquistò anche una pescheria. Dirimpetto al negozio si trovava l'abitazione della famiglia. Alfred è il più giovane di tre fratelli. (Taylor, pp. 19–34.) Il padre, cattolico osservante, provvede ad impartirgli una educazione cattolica, "cosa che in Inghilterra rappresentava quasi un’eccentricità". (Alfred Hitchcock in François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, p. 23.) Spesso Alfred accompagnava il padre sul carretto con i cavalli nel giro di consegna delle merci ai clienti e ai negozi della zona. Da regista Hitchcock ha spesso inserito nei suoi film questi ricordi e gli ambienti della Londra della sua infanzia; in particolare in Il pensionante e in Frenzy.

Severità paterna
Il padre era fissato con la disciplina e l'ordine. Hitchcock ha raccontato molte volte l'episodio più traumatico della sua infanzia. Ecco come lo riferisce a François Truffaut:
« Avevo forse quattro o cinque anni ... Mio padre mi mandò al commissariato di polizia con una lettera. Il commissario la lesse e mi rinchiuse in una cella per cinque o dieci minuti dicendomi: "Ecco che cosa si fa ai bambini cattivi!". - E lei che cosa aveva fatto per meritare questa punizione? - Non ne ho la minima idea. Mio padre mi chiamava agnellino senza macchia. Veramente non riesco ad immaginarmi che cosa abbia potuto fare. »
(Alfred Hitchcock in François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, p. 23.)
Il motivo dell’innocente arrestato e imprigionato ingiustamente ricorre molto frequentemente nei suoi film e appare il tentativo di esorcizzare quel trauma infantile.

Interessi
La famiglia gli trasmette un grande amore per il teatro. Si recavano tutti insieme alla domenica nei teatri della zona e Alfred ben presto conosce attraverso commedie e drammi, tante storie con cui nutrire la sua fantasia; apprezza le interpretazioni di attori e attrici famose, guarda ammirato le spettacolari scenografie.(Spoto, p. 41)
Durante il tempo libero spesso se ne sta solitario e disdegna i giochi, preferisce osservare. Ha una passione spiccata per la geografia: colleziona carte topografiche, studia gli orari ferroviari. A otto anni ha già percorso tutte le linee tramviarie londinesi e raggiunto in battello a vapore la foce del Tamigi. Consulta con regolarità il bollettino dei naviganti e su una mappa segna le rotte della flotta mercantile inglese. (Taylor, p. 27, Spoto, p. 38.)

Studi
Nell’autunno del 1910 è iscritto presso il Saint Ignatius College, retto dai Gesuiti. Ne sperimenta la rigida disciplina.
« Avevo il terrore delle punizioni corporali. I Gesuiti adoperavano la sferza e credo che la usino ancora oggi. Era di gomma molto dura. »
(Alfred Hitchcock in François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock. p. 24.)
Nel luglio del 1913, a 14 anni, lascia l'Istituto. Per tutto il 1914 frequenta dei corsi serali presso la Scuola di Ingegneria e Navigazione presso l'Università di Londra ma non rimane documentazione in nessun dipartimento universitario della città, perché non era abitudine conservare la documentazione dei frequentanti non iscritti a un corso di laurea. (Spoto, p. 59.)

Morte del padre
Il 12 dicembre del 1914 muore il padre all’età di 52 anni.
« A 15 anni mi hanno fatto scendere dal treno e mi sono ritrovato in mezzo alla strada; ero solo e praticamente senza un centesimo. »
(Alfred Hitchcock in Cedric Belfrage, Alfred the Great, World's Youngest Filmmaker, "Picture-goer", marzo 1926, p. 60.)

Primo impiego
All’inizio del 1915 trova un posto alla Henley Telegraph & Cable Company, una fabbrica di cablature elettriche, fili telegrafici e materiale bellico. Per 15 scellini alla settimana deve calcolare la misura e il voltaggio dei cavi elettrici che la ditta installa. Nel 1917 è sottoposto alla visita medica per il servizio militare, ma viene riformato. Si arruola comunque in un corpo volontario del genio. (Taylor, p. 29.)
Legge molto: Gilbert Keith Chesterton, John Buchan, Edgar Allan Poe, Gustave Flaubert; scrive racconti per la rivista aziendale. Alla Henley, grazie alla sua abilità nel disegno, viene trasferito all'ufficio pubblicità. (Spoto, pp. 61–71.)
Continua a frequentare il teatro e si appassiona per il cinema. A Londra all’epoca c’erano 400 cinematografi e l’ingresso al cinema costava meno della poltrona a teatro.
« Andavo molto spesso a teatro, tuttavia il cinema mi attraeva di più e preferivo i film americani a quelli inglesi. Vedevo i film di Chaplin, tutti i film Famous Player della Paramount, Buster Keaton, Douglas Fairbanks, Mary Pickford e anche la produzione tedesca della compagnia Decla-Bioscop. »
(Alfred Hitchcock in François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, p. 25.)

Il cinema
Nel 1920 entra nel mondo del cinema: viene assunto nella sede londinese della Famous Players-Lasky-Studios, una società cinematografica anglo-americana (la futura Paramount Pictures). Il suo lavoro consiste nel disegnare i titoli e le didascalie dei film muti prodotti dallo Studio, un lavoro che esegue spesso di notte perché non ha lasciato il vecchio impiego alla Henley.
Dal 1923 al 1925 Alfred lavora per la Gainsborough Pictures, occupandosi di diverse mansioni secondarie, come il più classico dei tuttofare: sceneggiatore, scenografo, assistente alla regia, addirittura montatore in cinque film. Affianca come aiuto il regista Graham Cutts nella lavorazione del film Woman to Woman prodotto da Michael Balcon.

L’incontro con Alma Reville
Tra le montatrici-editrici approdate alla Balcon Saville Freedam conosce Alma Reville, una ragazza della sua età, già con una brillante carriera che la porta a lavorare con il grande David Wark Griffith nella lavorazione di Hearts of the World, Cuori del mondo.
Hitchcock in qualità di aiuto regista di Woman to Woman le propone di montare le inquadrature. Da quella collaborazione nasce un lungo fidanzamento e un matrimonio, celebrato nel 1926 e durato fino alla morte. Il loro rapporto rappresenta un sodalizio sentimentale e professionale: la moglie collaborerà come sceneggiatrice a molti dei suoi film e il regista terrà sempre molto al suo giudizio e ai suoi suggerimenti. Alma e Alfred avranno un'unica figlia, Patricia, Pat, (1928), che collaborerà come attrice in alcuni lavori del padre.

L’espressionismo tedesco
L’ultima esperienza maturata come aiuto scenografo-sceneggiatore per il film The Blackguard di Graham Cutts, coproduzione fra la Gainsbourough e l’UFA di Berlino, lo porta nella capitale tedesca dove lavora a fianco di Murnau che stava girando L'ultima risata e di Fritz Lang che aveva appena finito di girare I Nibelunghi. Si fa risalire a questo soggiorno berlinese la componente espressionistica di tanto cinema Hitchcockiano.

Il primo film da regista
Nel 1925 Michael Balcon gli affida la regia di un film anglotedesco: The Pleasure Garden.
È il suo primo film. Fa percorrere ad Alfred e Alma migliaia di chilometri perché fu girato tra Monaco, lago di Como, Riviera Ligure, Parigi e Cherbourg. Con le difficoltà economiche, gli imprevisti, gli intoppi e i capricci delle dive americane, rappresentò una specie di battesimo di fuoco per il giovane regista esordiente.


Peculiarità Cinema
user posted image

user posted image

 


Il MacGuffin è un artificio introdotto nello svolgimento della trama del film, di scarsa rilevanza per il significato della storia in sé, ma necessario per sviluppare certi snodi fondamentali della trama. Si tratta di un concetto del tutto peculiare nel cinema di Alfred Hitchcock e viene descritto dal regista in una piccola storiella, nel celebre libro-intervista con François Truffaut:
Due viaggiatori si trovano in un treno in Inghilterra. L'uno dice all'altro: «Mi scusi signore, che cos'è quel bizzarro pacchetto che ha messo sul portabagagli? — Beh, è un MacGuffin. — E che cos'è un MacGuffin? — È un marchingegno che serve a catturare i leoni sulle montagne scozzesi. — Ma sulle montagne scozzesi non ci sono leoni! — Allora non esiste neppure il MacGuffin!».
Il MacGuffin («scappatoia, trucco, espediente», come lo definisce il regista) è un elemento della storia che serve come inizializzazione o come giustificazione ma che, di fatto, si manifesta senza grande importanza nel corso dello sviluppo della trama del film.
Alcuni esempi di MacGuffin:
In Psycho (1960) il MacGuffin è rappresentato dal denaro sottratto da Marion al suo datore di lavoro all'inizio del film; l'episodio costituisce un pretesto narrativo per condurre Marion al motel di Norman Bates; quest'ultimo la ucciderà non sapendo nemmeno dell'esistenza del denaro.
In Notorious (1946), il MacGuffin è l'uranio contenuto nelle bottiglie di vino. È il motivo per cui la storia si sviluppa ma non è importante che nelle bottiglie ci sia necessariamente dell'uranio. Infatti, durante la realizzazione del film si era discusso di sostituire l'uranio con dei diamanti.
In Intrigo internazionale (1959), il MacGuffin è la non meglio precisata informazione segreta di cui sarebbe dovuto essere a conoscenza Kaplan, l'uomo per cui è scambiato Roger Thornhill (Cary Grant). Grant, per gran parte del film cerca di trovare il fantomatico Kaplan senza capire che in realtà non esiste.
In La finestra sul cortile (1954), il MacGuffin è la gamba rotta del protagonista, ma non è importante come e perché si è rotta: serve solo per farlo stare davanti alla finestra.


user posted image

 


-Dirigere il pubblico
La suspense è lo strumentto più potente per trattenere l’attenzione dello spettatore. È ciò che incita lo spettatore a chiedersi: e adesso che cosa succederà?
« Il pubblico cerca sempre di anticipare. Gli piace dire: "Ah, io so cosa succederà adesso". Non soltanto bisogna tenerne conto ma occorre pilotare rigorosamente i pensieri degli spettatori. Il regista è costretto a raccogliere la sfida: "Ah sì? credete? lo vedremo".
Il pubblico è molto più spaventato da ciò che immagina piuttosto che da ciò che vede realmente. »

(Alfred Hitchcock in François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, pp. 57-61.)

-Informare il pubblico: la suspense non è sorpresa
La suspense si distingue dalla sorpresa (più caratteristica del genere horror) e Hitchcock la preferisce: è ottenuta grazie ad uno scollamento tra ciò di cui è a conoscenza lo spettatore e ciò di cui è a conoscenza il personaggio sulla scena; lo spettatore si trova così in uno stato di ansiosa attesa, spesso rinforzata da temi musicali, ombre o luci particolari. Mentre nel cinema horror l'effetto sorpresa consiste nel far apparire improvvisamente un qualcosa (o un qualcuno) che lo spettatore non si attende, nei film di impronta hitchcockiana l'effetto ansiogeno è commisurato al grado di consapevolezza e di conoscenza del pericolo che grava sul personaggio.
Ad esempio ne La finestra sul cortile soltanto chi guarda il film vede il vicino di casa sospetto uscire di notte con una valigia, mentre il protagonista, Jeffrey, sta dormendo. Allo stesso modo, in Psycho, lo spettatore, mentre il detective sale le scale della casa di Norman, vede la porta aprirsi, e prevede in anticipo l'agguato mortale.

-Costringere il pubblico a identificarsi: la soggettiva
Un'ulteriore tecnica per ottenere la suspense è quella di costringere lo spettatore a identificarsi con il personaggio. Cinematograficamente ciò si realizza utilizzando la soggettiva. Ecco come Truffaut illustra l'uso che ne fa Hitchcock:
« La messa in scena di Hitchcock rifiuta la registrazione pura e semplice dell’azione adottando una scrittura che consiste nel privilegiare un personaggio attraverso i cui occhi saranno viste ( e vissute da noi, il pubblico) le cose. Questo personaggio sarà ripreso costantemente di fronte e con inquadratura ravvicinata, di modo che ci identificheremo con lui. La macchina da presa lo precederà in ogni suo spostamento tenendolo sempre a grandezza costante nell'immagine e, quando lui scoprirà qualcosa di inquietante, la macchina da presa si attarderà qualche secondo di troppo sul suo viso allo scopo di aumentare la nostra curiosità. Quando avrà paura, condivideremo la sua paura, quando sarà rinfrancato lo saremo anche noi, ma....non prima della fine del film! »
(François Truffaut, Alfred Hitchcock nel 1980 in Il piacere degli occhi, trad. Melania Biancat, Marsilio, Venezia 1988, p. 63.)

-Il tempo nella suspense
Quel che distingue lo stile di Hitchcock da quello di altri grandi cineasti come Fritz Lang o Howard Hawks è l’impiego molto personale che egli fa della lentezza e della rapidità, della preparazione e della folgorazione, dell’attesa e dell’ellissi: il regista gioca col tempo, qualche volta contraendolo, ma più spesso dilatandolo. (Truffaut, p. 57). Scrive Jean Douchet:
« Si può dare della suspense la seguente definizione: la dilatazione del presente sospeso fra due possibili futuri imminenti e contrari. Ciò appare un paradosso linguistico perché due futuri non possono esserci. Ma il concetto importante da afferrare è l'arrestarsi del tempo, la paralisi del presente. »
(Jean Douchet, La troisième clé d'Hitchcock, Cahiers du Cinéma, n. 99, settembre 1959, p. 45.)



user posted image

 


L'occhio e la macchina da presa
Bill Krohn, commentando il primo film diretto dal regista, Il giardino del piacere, dichiara:
« Il gesto inaugurale dell'opera di Hitchcock è l'aggiunta di un occhio a un evento teatrale che lo trasforma in uno spettacolo osservato da un punto di vista particolare, assegnando allo spettatore del film il posto migliore. »
(Bill Krohn, Alfred Hitchcock, p. 8.)
Il cinema come occhio-schermo, sguardo che spia: "Le operazioni dello sguardo compongono la filosofia e la prassi del cinema di Hitchcock. Sono l'enunciazione/sviluppo dell'azione da rappresentare e da vedere." (Bruzzone-Caprara, p. 7)
I suoi film abbondano di riferimenti al "vedere" e ai dispositivi che ne intensificano il potere, come lenti, cannocchiali, macchine fotografiche: dalle prime sequenze dei suoi primi film, Il giardino del piacere, Virtù facile, Tabarin di lusso, Giovane e innocente fino a La finestra sul cortile e Gli uccelli, in cui il tema dello sguardo è indagato in modo diretto.

Il teatro
Il teatro nei film di Hitchcock è una presenza costante: concretamente come struttura architettonica, luogo reale, in cui si consumano i momenti di massima tensione per la soluzione dell'intrigo, basti pensare a Omicidio!, Il club dei trentanove, L'uomo che sapeva troppo, Paura in palcoscenico, Il sipario strappato, e simbolicamente, perché il teatro è lo spettacolo per eccellenza.
Tutte le forme di teatro interessano ad Hitchcock: commedia, melodramma, music-hall, circo.
Le componenti dello spettacolo: finzione, scenario, intrigo [modifica]
« Il primo punto davvero discriminante del cinema di Hitchcock, è proprio la messa in scena, intendendo per messa in scena "l'organizzazione di una finzione, la costruzione di uno scenario e la descrizione di un intrigo". »
(René Predal, La peur et le destin, in "Études Cinématographiques", n. 84-87, Paris 1971, Minard Lettres Modernes, citato da Fabio Carlini.)
Hitchcock è un maestro della messa in scena: nulla nei suoi film è estemporaneo o gratuito:
« Nella sua carriera Hitchcock non ha mai girato un solo piano che fosse gratuito. Il più insignificante, in fin dei conti, serve sempre all'intrigo che arricchisce alla maniera con cui il piccolo tocco caro agli impressionisti arricchiva il quadro. »
(Jean Luc Godard, Godard par Godard, Paris, Belfont, p. 70.)

Le componenti dello spettacolo: finzione, scenario, intrigo
« Il primo punto davvero discriminante del cinema di Hitchcock, è proprio la messa in scena, intendendo per messa in scena "l'organizzazione di una finzione, la costruzione di uno scenario e la descrizione di un intrigo". »
(René Predal, La peur et le destin, in "Études Cinématographiques", n. 84-87, Paris 1971, Minard Lettres Modernes, citato da Fabio Carlini.)
Hitchcock è un maestro della messa in scena: nulla nei suoi film è estemporaneo o gratuito:
« Nella sua carriera Hitchcock non ha mai girato un solo piano che fosse gratuito. Il più insignificante, in fin dei conti, serve sempre all'intrigo che arricchisce alla maniera con cui il piccolo tocco caro agli impressionisti arricchiva il quadro. »
(Jean Luc Godard, Godard par Godard, Paris, Belfont, p. 70.)

La finzione come solo universo possibile
All'epoca della loro uscita, molti film di Hitchcock furono criticati proprio per l'inverosimiglianza delle situazioni; ma un giudizio di questo tipo si basa su un errore di prospettiva. A Hitchcock infatti non interessa tanto riprodurre "realisticamente" eventi e personaggi, quanto suscitare emozioni tramite un racconto. Il regista, parlando con Truffaut del Il club dei trentanove, ma estendendo evidentemente queste considerazioni a tutta la sua opera, dichiara:
« La verosimiglianza non mi interessa. [... ]Siamo logici: se si vuole analizzare e costruire tutto in termini di plausibilità e verosimiglianza, nessuna sceneggiatura che si basi sulla finzione resisterebbe a una simile analisi; a questo punto non resterebbe che una cosa da fare: dei documentari...Chiedere a uno che racconta delle storie di tener conto della verosimiglianza mi sembra tanto ridicolo come chiedere a un pittore figurativo di rappresentare le cose con esattezza. [...]I miei film non sono pezzi di vita, sono fette di torta. »
(Alfred Hitchcock, Il cinema secondo Hitchcock, pp. 81-84)

L'umorismo
Hitchcock mescola volentieri commedia e suspense e le sue sceneggiature sono ricche di battute brillanti. La sua vena ironica si esercita su tutti i personaggi che sono descritti con l'occhio di un osservatore divertito e impietoso.
Quello che gli piace e che condivide con John Buchan è qualcosa di profondamente britannico, che in Inghilterra chiamano understatement, un modo di presentare avvenimenti molto drammatici con un tono leggero." (Alfred Hitchcock a François Truffaut, p.77.)



user posted image

 


Hitchcock utilizza molti modi per comunicare l'ansia e l'angoscia insita nell' esistenza dell'uomo.

L'inquadratura
Sandro Bernardi:
« L'inquadratura hitchcockiana, con la sua marca fortemente onirica, è inconfondibile fra mille: ha spesso una luce espressionista, fortemente contrastata, e lo spazio oscilla fra una piattezza priva di spessore, quasi a due dimensioni, o l'opposto, una profondità di campo molto forte, eccessiva, innaturale. Tutto questo tende a costruire una dimensione irreale o, meglio, sospesa fra la veglia e il sonno, alla maniera surrealista. Nei suoi film il gioco dei punti di vista costruisce mirabili alternanze: una dimensione paranoica in cui il mondo viene visto con gli occhi di un personaggio ossessionato o perseguitato, si alterna rapidamente con un punto di vista del tutto normale e addirittura oggettivo, che sembra smentire le allucinazioni precedenti ma in effetti le rafforza per il gioco dei contrasti. »
(Sandro Bernardi, L'avventura del cinema, p. 183.)

Espressività di oggetti e luoghi
« Un oggetto è un oggetto e resta tale fino alla sua entrata nella suspense hitchcockiana. Allora possiede nuovi contorni, nuove significazioni: lo spazio, il tempo, la simbologia, la funzione sono sottoposti ad un ingrandimento e a uno sfalsamento. L’oggetto come idea, sensazione, segnale, rifrazione psicologica, come ingranaggio della "macchina- sguardo". »
(Bruzzone-Caprara, I film di Alfred Hitchcock,13.)

Simboli e metafore
il treno e i binari che si intrecciano: "metafora della vita-viaggio e della casualità del destino", in La signora scompare, L'ombra del dubbio, Io ti salverò, Delitto per delitto; "campo della lotta e della fuga" per Richard Hannay in Il club dei trentanove, per Richard Ashenden in L'agente segreto, per Roger Thornhill in Intrigo internazionale;
la giostra impazzita: "il caos e il caso", nel finale di Delitto per delitto;
il mare: "forza dell'inconscio e mistero del passato", in Rebecca, la prima moglie; "spazio del confronto" in Prigionieri dell'oceano;
le scale: "messa in scena di idee e sensazioni, simboli di un itinerario che provoca, pericoli, mutazioni, violazioni dell'inconscio, visualizzazione di caratteri e preoccupazioni, anticipazioni di prossime condizioni" (Bruzzone-Caprara, p. 11), ascensioni e sali-scendi in Il pensionante, Ricatto, Numero diciassette, L'uomo che sapeva troppo, Notorious, l'amante perduta, La donna che visse due volte, Psycho, Frenzy, Topaz;
il deserto: una trappola mortale in Intrigo internazionale;
il monumento celebre: in Ricatto il British Museum con la Sfinge Egizia, in Sabotatori la Statua della Libertà, in Intrigo internazionale il Monte Rushmore con le facce scolpite dei Presidenti degli Stati Uniti. Slavoj Zizek nel suo libro L'universo di Hitchcock osserva che queste enormi statue di pietra sembrano simboleggiare il destino oscuro e imprevedibile che gioca sadicamente con gli esseri umani.

Invenzione di "effetti visivi speciali"
Le invenzioni visive di Hitchcock sono numerose e sparse un po' in tutti i film. Alcuni esempi li descrive lui stesso nell'intervista concessa a Truffaut:
la lampadina nascosta nel bicchiere di latte, che la protagonista teme sia avvelenato ne Il sospetto
l'uso di bicchieri giganti in La signora scompare, di un modello di telefono ingrandito in Il delitto perfetto allo scopo di esaltare l'espressività dell'oggetto.
la lente degli occhiali della vittima su cui si riflette il delitto in Delitto per delitto.
i capelli sparsi su un vetro illuminato dal basso per il primo piano del viso della vittima che urla prima di essere colpita, nella prima inquadratura de Il pensionante, suo terzo film. L'impatto emotivo sullo spettatore è molto intenso;
la camminata nervosa e ossessiva che fa oscillare il lampadario della stanza sottostante, le suole delle scarpe del pensionante riprese dal basso, attraverso un pavimento trasparente, rappresentazione del suo segreto tormento.



user posted image

 


Hitchcock è stato considerato un interprete e un divulgatore, anche se distaccato e talvolta ironico, della psicoanalisi.
Sono considerati film psicoanalitici Psyco e Marnie, ma elementi di interesse psicanalitico si ritrovano anche in Io ti salverò e Nodo alla gola.
« In Hitchcock, la psicoanalisi, senza perdere la dimensione di oggettività che caratterizza la scienza [...] è un atto di coraggio: è il mettere l'uomo di fronte a se stesso, costringendolo a vedere ciò che non vorrebbe vedere o ricordare, è l'andare fino in fondo, confrontandosi con ciò che non si sarebbe mai voluto incontrare ma che è necessario frequentare, per modificare la situazione in senso positivo. »
(Giorgio Simonelli, Invito al cinema di Hitchcock, p. 142.)

Sequenze oniriche
l'effetto delle "allucinazioni", ottenuto con l'uso di trasparenti, appaiono fin dal primo film, Il giardino del piacere, ritornano in Declino e ne La signora scompare.
la rappresentazione dei sogni: quello di Gregory Peck in Io ti salverò, ottenuto con la collaborazione di Salvador Dalì; l'incubo che tormenta James Stewart, dopo la morte di Madeleine, in La donna che visse due volte.



user posted image

 


Caratteristica comune a quasi tutti i film di Hitchcock, ad eccezione di alcuni fra quelli girati in Inghilterra nel periodo giovanile, è la sua presenza in almeno una scena. Il regista riferì che all'inizio della sua carriera si prestava per presenze casuali, laddove ci fosse stato bisogno di una comparsa; successivamente, le sue apparizioni cameo divennero una consuetudine scaramantica e, infine, una specie di gioco per gli spettatori, che, a ogni uscita di un nuovo film, dovevano cercare d'individuare in quale inquadratura si fosse nascosto. Memorabili gli espedienti usati per le apparizioni nei film "claustrofobici", in cui il set era interamente costituito da un'unica scena ed era difficile inserire una "comparsata": ad esempio, in Prigionieri dell'oceano, tutto girato su una barca di naufraghi, compare in una fotografia sulla pagina di un giornale; analogamente, ne Il delitto perfetto, che si svolge quasi per intero all'interno di un appartamento, lo si può riconoscere in una fotografia di compagni di scuola mostrata dal protagonista. Anche Nodo alla gola è un altro film girato tutto in un appartamento e qui appare due volte: nella prima inquadratura attraversa una strada con una donna e poi in maniera virtuale mediante un'insegna al neon che riproduce il suo profilo, posta sul tetto dell'edificio di fronte. In Intrigo internazionale appare come passeggero che non riesce a salire su un autobus alla fine della sigla iniziale. Ne La finestra sul cortile invece appare in una scena insieme al musicista che suona al pianoforte, proprio di fronte all'appartamento di James Stewart. In Caccia al ladro invece appare come passeggero a bordo dell'autobus, seduto accanto a Cary Grant. In Marnie esce da una stanza d'albergo all'inizio del film. In La donna che visse due volte lo si vede attraversare la strada prima della scena in cui James Stewart incontra il suo amico nell'ufficio di un cantiere navale. In L'uomo che sapeva troppo è in mezzo al pubblico ad assistere a uno spettacolo di saltimbanchi arabi a Marrakech.


user posted image

 


« La parola amore è così piena di sospetto. »
(Alfred Hitchcock in Il cinema secondo Hitchcock.)

-La coppia
Hitchcock sa raccontare in modo inimitabile le tante sfaccettature del rapporto amoroso: la seduzione e l'innamoramento, la fedeltà e il sacrificio, il sospetto e la gelosia, la paura di non essere amati e il tradimento, la noia e la solitudine; nei suoi film viene indagata ogni fase del rapporto di coppia. Qualche esempio:
l'amore fedele e disinteressato, La moglie del fattore, Giovane e innocente, Io ti salverò;
il triangolo "lei, lui e l'altro", Il giardino del piacere, Il pensionante, Vinci per me!, L'isola del peccato, Notorious, l'amante perduta, Il delitto perfetto, Il caso Paradine, Il peccato di Lady Considine, Paura in palcoscenico;
la paura di non essere amati, Rebecca, Il sospetto;
la crisi della coppia, Virtù facile, Ricco e strano, Il signore e la signora Smith, La finestra sul cortile, Topaz.

-Le figure femminili
« La donna nei film di Hitchcock riveste un ruolo fondamentale che viene diversificandosi nel corso della sua produzione ... può essere sia la rovina che la salvezza per l’uomo, può incarnare sia il bene che il male. »
(Gian Piero Brunetta, Il cinema di Hitchcock, p.75.)
I personaggi femminili di Hitchcock presentano una variegata tipologia:
- donne insicure, dominate da complessi d'inferiorità, che trovano comunque la forza e determinazione per gestire difficili relazioni, come Joan Fontaine in Rebecca e ne Il sospetto;
- donne che pospongono tutto, immagine sociale e sicurezza, per il proprio compagno alla cui innocenza gli altri non credono. Il loro amore diventa una forza salvifica: Erica, Nova Pilbeam, in Giovane e innocente, la dottoressa Costance Peterson, Ingrid Bergman, in Io ti salverò;
- donne anticonformiste, aggressive e autosufficienti, che nel corso della storia manifestano doti di tenerezza e di coraggio insospettate, come Betty, Betty Balfour, in Tabarin di lusso, Iris Henderson, Margaret Lockwood, in La signora scompare, Jill Lawrence, Edna Best, in L'uomo che sapeva troppo del 1934, la giornalista Connie Porter, Tallulah Bankhead, in Prigionieri dell'oceano;
- donne che sfidano le convenienze sociali e subiscono la condanna dei benpensanti e delle istituzioni: Laurita Filton, Isabel Jeans, in Virtù facile, Chloe, Phyllis Konstam, in La fiamma del peccato, Alicia Huberman in Notorious, l'amante perduta e lady Henrietta Considine in Il peccato di Lady Considine, entrambe interpretate da Ingrid Bergman;
- donne dalla bellezza perfetta e dal fascino ambiguo: le bionde sofisticate interpretate da Grace Kelly, Margot Mary Wendice, Il delitto perfetto, Lisa Freemont, La finestra sul cortile e Frances Stevens, Caccia al ladro, ma anche Madeleine Carroll, Pamela, in Il club dei trentanove, Tippi Hedren, in Melanie Daniels de Gli uccelli e in Marnie, o Kim Novak, Madeleine Elster/Judy Burton, in La donna che visse due volte, Eva Marie Saint, Eve Kendall, in Intrigo internazionale.
- madri possessive e autoritarie: la madre che ha paura di essere abbandonata dai figli ne Gli uccelli e la madre di Norman Bates in Psycho che instaura con il figlio un rapporto psicotico, la madre di Cary Grant in Intrigo internazionale, che in tribunale non difende il figlio come suggerisce l'avvocato. Altre figure di madri e suocere terribili appaiono in Virtù facile, Fiamma d'amore, Notorious, l'amante perduta.



user posted image

 


Lo storyboard
Hitchcock era uno dei pochi registi che arrivava al momento di girare con degli storyboard dettagliatamente disegnati da lui stesso.
« Per me un film è finito al novantanove per cento quando è scritto. A volte preferirei non doverlo girare. Ci si immagina il film, poi tutto comincia ad andare a rotoli. Gli attori ai quali si è pensato non sono liberi, non si può avere sempre un buon cast. Sogno una macchina IBM nella quale inserire la sceneggiatura da una parte e veder uscire il film dall'altra. Finito e a colori. »
(Alfred Hitchcock, L'Express, intervista rilasciata a Pierre Billard, citato da François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, p. 276.)

Uno sperimentatore
Hitchcock è un geniale sperimentatore di linguaggi visivi. "È ormai comunemente accettato il fatto che il cinema di Hitchcock rappresenta un percorso di ricerca espressiva tra i più significativi di tutta la storia del cinema".

Il montaggio
Due estremi, il massimo effetto ottenuto con il montaggio e la negazione, la rinuncia quasi totale del montaggio:
il montaggio della scena della doccia in Psycho, che si compone di ben 70 inquadrature in soli 45 secondi di durata.
il piano sequenza in Nodo alla gola che è un film interamente girato in piano sequenza, apparentemente senza tagli di montaggio. In realtà i tagli ci sono (dovuti necessariamente alla durata di un rullo di pellicola che all'epoca era all'incirca di dieci minuti), ma sono abilmente mascherati da movimenti della macchina da presa o degli attori che vi passano davanti.

I movimenti di macchina
la combinazione di carrelli e panoramiche dall'alto in Giovane e innocente, Notorious, l'amante perduta, La finestra sul cortile, Psycho.
il senso di vertigine ottenuto con zoomate improvvise sui volti dei protagonisti, inquadrature in soggettiva, immagini distorte o turbinanti, combinazione di una carrellata all'indietro con lo zoom, in La donna che visse due volte.


user posted image

 


Un individuo ingiustamente accusato, braccato dalle forze dell'ordine disperatamente tenta di dimostrare la propria innocenza (Il pensionante, Io ti salverò, Il ladro, Io confesso, Intrigo internazionale, Frenzy): questa situazione rappresenta in modo esemplare la concezione che Hitchcock ha della condizione umana. L'esistenza dell'uomo per Hitchcock si caratterizza per:

fragilità dell’ordine, dell’armonia di un’esistenza: un precario equilibrio mantiene separata la nostra dimensione quotidiana, la presunta armonia della nostra esistenza, dalla sua messa in discussione.
ruolo determinante della casualità: il caso, un avvenimento imprevisto, sconvolge l’"ordine" della esistenza di un personaggio comune, simile a tanti altri, simile allo spettatore, e lo precipita in un incubo. Da lì deve uscire, per la sua salvezza o la sua perdizione, facendo ricorso solo sulle sue forze.
perversità dell’imprevisto. Il caso è implacabile e feroce.

difficoltà di distinguere vero e falso, apparenza e realtà: i personaggi sono avvolti in un alone di segreto e di mistero, di dubbio e di sospetto. "Per il regista la realtà sembra essere una delle tante maschere dell'apparenza [...] La preoccupazione che accompagna l'autore in tutto il suo itinerario registico è quella della ricerca dell'Essere dei suoi personaggi, della loro autenticità al di là del loro agire convenzionale."
conflitto fra bene e male, innocenza e colpa, normalità e follia.
« Non esiste normalità nel mondo hitchcockiano: il diaframma che separa normalità e follia o anormalità è sottilissimo e non è possibile separare manicheisticamente i buoni dai cattivi, gli innocenti dai colpevoli, in quanto gli uni sono le maschere e il doppio degli altri. »
(Gian Piero Brunetta, Dizionario universale dei registi, pp.166-167.)

doppiezza dei personaggi: Il giardino del piacere, Il declino, Il club dei trentanove, L'ombra del dubbio, Delitto per delitto, La donna che visse due volte, Intrigo internazionale. Raggiunge il suo apice nel patologico Norman Bates in Psycho.
« Scambio, capovolgimento e duplicazione: meccanismi che operano costantemente nella dinamica dell'intrigo hitchcockiano e vengono scelti e utilizzati proprio per il potere di sconvolgere qualsiasi realtà armonicamente composta. »
(Fabio Carlini, Hitchcock, p.46.)


user posted image

 


Che Hitchcock sia un "classico" lo dimostra anche la quantità di riferimenti alla sua produzione contenuti nelle opere cinematografiche successive:
- Hitchcock ha avuto una grande influenza innanzitutto sui registi della Nouvelle Vague, Éric Rohmer, Claude Chabrol, François Truffaut, Jean-Luc Godard, Jacques Rivette, ai quali è dovuto il grande lavoro di rivalutazione della sua opera in ambito critico: i loro film pullulano di citazioni dell'opera del maestro.
- Molti dei più importanti e conosciuti registi contemporanei hanno nei loro film citato Hitchcock in omaggio alla sua maestria tecnica: Martin Scorsese, Quentin Tarantino, Steven Spielberg, Woody Allen, Ridley Scott, Tim Burton, per citarne solo alcuni.
- Per i cineasti che operano nell'ambito del genere giallo o noir, ad esempio Dario Argento e Brian De Palma i film di Hitchcock sono presi a modello.
- Parodie, sequel, remake. Fra i primi, Mel Brooks ha raccolto, in chiave parodistica, nel suo film Alta tensione tutta una serie di motivi, temi, immagini hitchcockiane. Sono seguite poi tante altre parodie e rifacimenti dei film più famosi.
- Persino i cartoni rendono omaggio al grande regista: Paperino e il mago del brivido di Disney contiene varie citazioni dei suoi film.Psycho: Paperino viene condotto in un esterno che riproduce la famosa casa e il vicino motel, è presente anche una citazione della celeberrima scena della doccia; La donna che visse due volte: Paperino, in seguito a un incidente, ha la fobia delle altezze elevate (come James Stewart), appare ogni tanto una "misteriosa papera bionda" che ricorda Kim Novak e la scena sul faro ricorda molto quella del campanile presente nel film e, come lo stesso Stewart, anche lo sfortunato papero rimane appeso ad un edificio;La finestra sul cortile: Paperino assiste ad un fantomatico crimine vedendolo attraverso le finestre del palazzo di fronte alla sua camera;Gli uccelli: durante un pic nic in una baia, Paperino viene attaccato da uno stormo di corvi; Caccia al ladro: il titolo del film che Hitchcock sta girando nella storia è "Caccia al lardo".Inoltre la storia presenta una caricatura di Hitchcock (chiamato per l'occasione Alfred Iciok), che presenta il classico abbigliamento con cui il grande regista si recava a "lavoro", i suoi giochi di parole e...la stazza.



user posted image

 
Nel 1955 inizia a produrre e a girare alcuni episodi del famoso telefilm Alfred Hitchcock presenta. Dal 1955 al 1962 gira una ventina di telefilm.
« L'inserimento nel mondo televisivo fu un elemento determinante nella carriera di Hitchcock per due motivi diversi, ma strettamente connessi fra loro. Il primo è un motivo economico [...] la ricchezza che gli arrivò con la produzione televisiva gli consentì di diventare azionista della MCA riuscendo così a controllare la casa di produzione Universal. Il secondo è un motivo artistico: la sua nuova forza economica gli permise di realizzare tutti quei progetti, anche i più ambiziosi e stravaganti che prima di allora non era riuscito a definire. »
(Giorgio Simonelli, Invito al cinema di Hitchcock, p. 35.)

user posted image

Vendetta (Revenge) (1955)
Crollo nervoso (Breakdown) (1955)
Il caso del signor Pelhalm (The Case of Mr. Pelhalm) (1955)
Ci rivedremo a Natale (Back for Christmas) (1956)
Un sabato di pioggia (Wet Saturday) (1956)
Il segreto del Signor Blanchard (Mr. Blanchard's Street) (1956)
Ancora un miglio (One More Mile to Go) (1957)
Delitto perfetto (The Perfect Crime) (1957)
Come servire un agnello (Lamb to the Slaughter) (1958)
Concorso a bordo (Dip in the Pool) (1958)
Veleno (Poison) (1958)
L'ospite d'onore (Banquo's Chair) (1958)
Arthur (Arthur) (1959)
La bara di ghiaccio (The Crystal Trench) (1959)
La signora Bixby e la pelliccia del colonnello (Mrs. Bixby and the Colonel's Coat) (1960)
Cavallo vincente (The Horse Player) (1961)
Bang, sei morto (Bang! You're Dead) (1962)

NOTA BENE
La serie di 28 dvd-rip "Alfred Hitchcock Presenta" è stata rimossa causa mancanza cronica di seed.


user posted image


Messaggio modificato da Dilling il Sep 3 2014, 01:14 PM
QUI POTETE TROVARE I LINK AGGIORNATI DEI BANNER DI TUTTI I CICLI CURA !

Cercansi detectives sulle tracce di Sherlock Holmes in filmati, fumetti, libri e cartoons dal 1900 in poi!
Riceverai il distintivo degli Irregolari Di Baker Street! Maggiori informazioni e lista dei soci li trovi
QUI
L'iscrizione comporta il solo dovere di inserire la targa nella propria firma!
Messaggio PrivatoSito Web dell
Top
Aragorn10
Inviato il: Aug 29 2014, 12:22 PM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13



user posted image


user posted image

CINEMA MUTO

 
Hitchcock girerà dal 1925 al 1929 nove film muti.
Gira nel 1926 il suo secondo film, The Mountain Eagle, andato perduto.
Il primo vero film di successo è The Lodger, "il suo primo film di suspense" (Rohmer-Chabrol).
Grazie al successo ottenuto, Hitchcock è contattato da John Maxwell, direttore della casa di produzione British International Picture (BIP), che gli offre un contratto molto vantaggioso, di 13.000 sterline l'anno. Hitchcock firma, ma gira ancora due film dovuti alla Gainsborough Picture, Il declino, Virtù facile. (Spoto, pp. 132–141)
Dirige poi con la nuova casa di produzione Vinci per me!, La moglie del fattore, Tabarin di lusso, L'isola del peccato.
« Con il gruppo di film muti, Hitchcock collabora a far nascere il cinema inglese, gli conferisce un'anima, uno stile, un'identità. Pur dando l'impressione di farsi la mano girando con grande scioltezza storie molto differenti, esibisce subito fonti e maestri, da Murnau a Lubitsch, da Stroheim al Kammerspiel tedesco. »
(Gian Piero Brunetta, Dizionario dei registi del cinema mondiale, p.164.)

* The Pleasure Garden (1925)
* The Mountain Eagle (1926) - tutte le copie di questo film sono andate distrutte
* Il pensionante (The Lodger: A Story Of The London Fog) (1926) (Muto Sub Ita) [Xvid - Ita Mp3 - Sub Ita] by Logansan
* Il declino (Downhill) (1927)
* Virtù facile (Easy Virtue) (1927)
* Vinci per me! (The Ring) (1927)
* La moglie del fattore (The Farmer's Wife) (1928)
* Tabarin di lusso (Champagne) (1928)
* L'isola del peccato (The Manxman) (1929)

CINEMA SONORO

 
Nel 1929, Hitchcock dirige Ricatto, il suo primo film sonoro e il primo film sonoro in Europa.
« Blackmail è un film fondamentale nella storia personale di Hitchcock, e in quella del cinema: alle grandi novità tecniche e linguistiche, alle suggestioni spettacolari si unirono i riconoscimenti della critica e l'enorme successo del pubblico. Con Blackmail Hitchcock diventava una stella di prima grandezza. »
(Giorgio Simonelli, Invito al cinema di Hitchcock, p. 27.)
Fino al 1933 alterna film a suspense a storie di vario genere, spesso riduzioni di romanzi o trascrizioni cinematografiche di commedie celebri: Giunone e il pavone, Omicidio!, Fiamma d'amore, Ricco e strano, Numero diciassette, Vienna di Strauss.
« Accade però che, alla ricerca del copione giusto e desideroso di ripristinare la sua statura di regista da box office, Hitchcock accetti sceneggiature e sfide molto distanti dalla sua sensibilità. In questo periodo, punteggiato da due film ben più personali ma poco applauditi come Murder! e Number Seventeen, trovano posto commedie, gonfi melodrammi familiari, sortite poco riuscite, fino al disastro della collaborazione con gli studi Elstree per Elstree Calling e al pasticccio di Waltzes from Vienna. I risultati stilistici e commerciali sono altalenanti, l'interesse rispetto all'opera base dell'autore ben scarso. »
(Giorgio Gosetti, Alfred Hitchcock, p. 64.)
Nel 1934 Hitchcock firma un contratto per cinque film con la casa di produzione Gaumont British Picture Corporation, di cui era responsabile Michael Balcon, con il quale aveva già collaborato nei primi film.
L'isola del peccato e Ricco e strano nei quali aveva messo con sincerità e audacia molto di sé, non furono compresi dalla critica britannica dell’epoca. Furono fiaschi commerciali e ciò gli impedì di proseguire su una strada che pure sapeva fruttuosa, smorzò lo slancio e indusse il regista a rinunciare.
Rohmer e Chabrol nel loro libro dedicato ad Hitchcock raccontano:
« Hitchcock preparò con cura maniacale un ritorno in bellezza: Non aveva dimenticato il successo di Blackmail e così decise di ripiegare sul genere poliziesco, ma prendendo mille precauzioni. Le storie poliziesche gli interessavano solo se erano ambiziose o addirittura austere, come Murder!, d’altra parte esse suscitavano attrattiva solo se erano movimentate o addirittura scatenate, come Number Seventeen. Pensò allora di preparare un sapiente e calcolato dosaggio: 50% di Murder!, 50% di Number Seventeen, tentando di inaugurare un genere nuovo, il feuilleton intelligente di spionaggio. »
(Rohmer-Chabrol, Hitchcock, p. 51.)
Hitchcock vuol trovare una ricetta, non c’è dubbio, che lasci però una parte consistente al talento artistico, al suo stile, e L'uomo che sapeva troppo, girato nel 1934, fu un perfetto successo strategico: la critica e il pubblico, trovando adesso un Hitchcock simile a quello che immaginavano, applaudirono il film senza riserve.
L’anno successivo, riprendendo lo stesso principio "... lo innalzò a un punto di massima perfezione" (Rohmer-Chabrol) con Il club dei trentanove.
Seguiranno L'agente segreto, Sabotaggio, Giovane e innocente e La signora scompare, quello che Raymond Durgnat ha definito The classic thriller sextet (un ciclo di sei classici trhiller).
La fama internazionale che gli deriva da queste opere attira l'attenzione dei produttori americani che iniziano a fargli proposte di contratti; contemporaneamente la Gaumont-British si scioglie, disperdendo il gruppo di collaboratori esperti e fidati con cui Hitchcock era abituato a lavorare: Michael Balcon va alla Metro, Charles Bennett alla Universal, Ivor Montagu lascia il cinema. Il contratto di Hitchcock è subito rilevato dalla Gainsborough. Iniziano i contatti con David O. Selznick.
Con la figlia Pat e la moglie Alma nell'agosto del 1937 fa un viaggio negli Stati Uniti d'America.
L'ultimo film girato in Inghilterra, prima della partenza per l'America è La taverna della Giamaica con il quale onora gli impegni presi con Erich Pommer e Charles Laughton.
Si conclude il cosiddetto periodo inglese durante il quale Hitchcock ha girato ventitré film.
Nell'estate del 1939, a quarant'anni di età, con la famiglia si trasferisce a Los Angeles. (Spoto, pp. 221–256, Taylor, pp. 141–186)

* Ricatto - Blackmail (1929), [DVD5 - Ita] by ireneXXX
* Elstree Calling (1930) - co-regia di André Charlot, Jack Hulbert e Paul Murray
* Giunone e il pavone (1930), [DivX - Ita Mp3] by Dorelik
* Omicidio! - Murder! (1930), [H264 - Ita Vorbis ] by crap0101
* Fiamma D'amore (1931), [DivX - Ita Mp3] by Dorelik
* Ricco e Strano (1931), [XviD - Ita Mp3] by Alexx
* Numero Diciassette (1932), [DivX - Ita Mp3] by Dorelik
* Vienna di Strauss (Waltzes from Vienna) (1933)
* L'uomo che sapeva troppo (1934), [TvRip - DivX - Ita Mp3] by Logansan
* Il club dei trentanove (1935), [TvRip - DivX - Ita Mp3] by Berjoska
* Il club dei trentanove (1935), [BDmux 720p - H264 - Ita Eng Ac3 - Multisub] by Orgazmo
* Secret Agent - L'agente segreto (Amore e Mistero) (1936), [DivX - Eng Mp3 - HardSub Ita] by Boadicea
* Sabotaggio (1936), [DVD9 - Ita Eng - Sub Ita Eng] by @@ThePresident@@
* Giovane e Innocente (1937), [SATrip - XviD - Ita Mp3] by taotine
* The Lady Vanishes - La Signora Scompare (1938), [DivX - Ita Eng Mp3] by chirilloff
* La Taverna della Giamaica (1939), [TVRip - DivX - Ita Mp3] by logansan

user posted image


 
« In America porta a perfezione il suo stile: passa, come dice lui stesso, dalla "sensazione del cinema" alla "formazione delle idee". »
(Fernaldo Di Gianmatteo)
A Hollywood lavora per David O. Selznick, il produttore di Via col vento; il contratto, che prevedeva l'impegno per cinque film, era stato firmato il 14 luglio 1938.
Inizialmente Hitchcock doveva dirigere un film sulla tragedia del Titanic, ma preferisce un altro soggetto, tratto dal bestseller di Daphne du Maurier, Rebecca, la prima moglie che vince l'Oscar per la produzione di Selznick e per la fotografia di George Barnes ma non per la regia: Hitchcock non ottenne mai un Oscar come regista di un suo film. Seguono Il sospetto che ha ancora come protagonista femminile Joan Fontaine e che segna l'incontro di Hitchcock con Cary Grant, con cui girerà ben quattro film; poi Il signore e la signora Smith, una commedia con Carole Lombard. (Taylor, pp. 189–213, Spoto, pp. 259–305)
Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale si alternano una serie di film di impegno antinazista e patriottico: Il prigioniero di Amsterdam, Sabotatori, Prigionieri dell'oceano, e i documentari Bon Voyage e Aventure malgache, ad opere che continuano a esplorare i temi cari al regista come L'ombra del dubbio; Io ti salverò, Notorious, l'amante perduta con i quali si instaura la felice collaborazione con Ingrid Bergman.
I film successivi hanno esiti critici alterni e, per la gran parte, insuccesso commerciale: Il caso Paradine, un dramma giudiziario, Nodo alla gola, fortemente sperimentale e con il quale inizia la collaborazione con James Stewart che sarà protagonista, come Cary Grant, di quattro film di Hitchcock; Il peccato di Lady Considine, melodramma incompreso e Paura in palcoscenico, un giallo girato in Inghilterra. (Taylor, 214-265, Spoto, pp. 307–404)

* Rebecca - La Prima Moglie (1940), [DivX - Ita Mp3] by Taotine
* Il signore e la signora Smith (Mr. e Mrs. Smith) (1941), [SatRip - DivX - Ita Mp3] by Patty2003
* Il Sospetto - Suspicion (1941), [XviD - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng] by Pir8
* Sabotatori (1942), [XviD - Ita Eng MP3 - Sub Ita Eng] by Logansan
* Sabotatori (1942), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Deu Rus Ac3 - MultiSub] by max74
* L'Ombra Del Dubbio (1943), [SatRip - XviD - Ita Mp3] by The Nick
* L'Ombra Del Dubbio (1943) + Making Of, [XviD - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng] by Alexx
* L'Ombra Del Dubbio (1943), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Deu Rus Jap Ac3 - MultiSub] by max74
* Bon Voyage (1944), [XviD - Fra Ac3 - Sub Ita] by Loris
* Aventure Malgache (1944), [XviD - Fra Ac3 - Hardsub Ita] by Loris
* Io ti salverò - Spellbound (1945), [XviD - Ita Eng Mp3] by cmd-z5
* Io ti salverò (1945), [BDmux 720p - H264 - Ita Eng Aac - Sub Ita Eng - Ita Eng Mp3] by Pettola
* Notorius - L'amante perduta (1946), [XviD - Ita Eng Mp3] by aritanga
* Notorius - L'amante perduta (1946), [BDmux 720p - H264 - Ita Mp3 Eng Ac3 - MultiSub] by Pettola
* Il Caso Paradine (1947), [ Xvid - Ita Eng Mp3 - Sub Ita] by Logansan
* Nodo alla gola (1948), [XviD - Ita Eng Mp3] by Berjoska
* Nodo alla gola - Rope (1948), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Ac3 - MultiSub] by max74
* Nodo alla gola - Rope (1948), (1948), [BDmux 720p - H264 - Ita Eng Aac] by Little-Boy
* Il peccato di Lady Considine - Under Capricorn (1949), [XviD - Ita Ac3] by Boadicea
* Paura in palcoscenico - Stage Fright (1950), [XviD - Ita Mp3 Eng Ac3 - MultiSub] by Logansan


 
Gli anni cinquanta sono un decennio d'oro per Hollywood e anche per Hitchcock. Nel 1950 il regista passa alla Warner Bros., con cui gira Delitto per delitto che si rivela un grande successo; incassa ancora una delusione con un film a cui teneva molto Io confesso ma si prende la rivincita con il successivo Il delitto perfetto che è anche il primo film con Grace Kelly. Nell'attrice trova un'interprete ideale del suo tipo di donna preferito e, sempre con lei, in forma smagliante, per la Paramount Pictures gira il celeberrimo La finestra sul cortile; infine realizza il divertente Caccia al ladro e una storia di humour nero La congiura degli innocenti. (Taylor pp. 266–284, Spoto pp. 407–455)

* Delitto per delitto - L'altro uomo (1951), [XviD - Ita Mp3] by Taotine
* Delitto per delitto - L'altro uomo (1951), [BDrip 1080p - H264 - Ita Ac3 Eng DTS - Sub Ita Eng] by Pettola
* Io Confesso (1953), [Divx - Ita Eng Mp3 - Sub Eng] by Logansan
* Il Delitto Perfetto (1954) + Making Of, [DivX - Ita Eng Fra Mp3 - Multisub] by Logansan
* Il Delitto Perfetto (1954), [BDrip 720p - H264 - Ita Ac3 Eng DTS Ac3 - Sub Ita Eng] by @@ThePresident@@
* Il delitto perfetto - Dial M for Murder (1954), [BDrip 1080p - H264 - Eng Ita Ac3 - Sub Ita Eng] by ShivaShanti
* La finestra sul cortile (1954), [Xvid - Ita Mp3] by domenan
* La Finestra Sul Cortile - Rear Window (1954), [H264 - Ita Eng Esp Aac - MultiSub] by Agente X
* La Finestra Sul Cortile - Rear Window (1954), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Deu Ac3 - MultiSub] by max74
* Caccia al ladro (1955), [DivX - Ita Mp3] by taotine
* Caccia Al Ladro - To Catch A Thief (1954), [DVD9 - Eng Fra Deu Ita Esp - MultiSub] by Ghazali
* La congiura degli innocenti (1955), [H264 - Ita DTS Eng Ac3 - Sub Ita Eng] by @@ThePresident@@
* La Congiura degli innocenti (1955), [DivX - Ita Mp3] by taotine
* La Congiura degli innocenti (1955), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Deu Rus Ac3 - MultiSub] by max74
* L'uomo che sapeva troppo (1956)(+ Making Of), [XviD - Ita Eng Mp3] by giggio il grigio
* L'uomo che sapeva troppo (1956), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Ac3 - MultiSub] by max74
* Il Ladro (1956), [DivX - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng] by logansan
* La donna che visse due volte (1958), [XviD - Ita Mp3] by domenan
* La donna che visse due volte - Vertigo (1958), [XviD - Ita Eng Esp Ac3 - MultiSub] by max74
* La donna che visse due volte - Vertigo (1958), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Ac3 - MultiSub] by max74
* Intrigo Internazionale (1959), [DivX - Ita Mp3] by kid_70268
* Intrigo Internazionale (1959), [XviD - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng] by pir8
* Intrigo Internazionale (1959) Edizione 50° Anniversario [BDmux 720p - H264 - Ita Eng Ac3 - MultiSub Thriller] by Orgazmo
* Psycho (1960), [DivX - Ita Mp3] by domenan
* Psycho (1960), [H264 - Ita Eng Esp Ac3 - Multisub] by Marainos
* Psycho (1960), [BDrip 720p - H264 - Ita Eng Fra Esp Deu Aac - MultiSub] by max74
* Psycho (1960), [XviD - Ita Ac3] by Dorelik
* Gli uccelli (1963), [DivX - Ita Mp3] by cecche88
* The Birds - Gli Uccelli (1963) Hitchcock, [XviD - Ita Eng Esp Ac3 - Multisub] by robbyrs
* Gli uccelli - The birds (1963), [DVD5 - Ita Esp Eng Fra - Multisub] by patty2003
* Gli uccelli - The birds (1963), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Ac3 - MultiSub] by max74
* Marnie (1964), [DivX - Ita Mp3] by sharky_74
* Marnie (1964), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fra Ac3 - MultiSub] by max74



 
Dopo la metà degli anni sessanta segue un periodo difficile, l'ultimo nella carriera dell'artista.
Il sipario strappato (1966) e Topaz (1969) furono molto costosi e non ebbero il successo sperato. Il regista ripiegò sulla produzione di un film a basso costo Frenzy (1971). Le riprese a Londra gli consentirono di tornare a girare nella sua città natale, accolto con tutti gli onori. La soddisfazione per il successo del film fu oscurata dalla malattia della moglie Alma, colpita da un ictus. Anche il suo stato di salute subì un peggioramento a causa di problemi cardiaci e fu sottoposto ad un intervento chirurgico per l'applicazione di un "pacemaker". Il miglioramento delle condizioni di Alma riportò un po' di ottimismo.
Il 29 aprile 1974 la New-York Film Society organizzò il gala annuale in onore del regista, all' "Avery Fischer Hall" del Lincoln Center. Proiettarano brani dei suoi film e attori e attrici presenti, Grace Kelly, Joan Fontaine, Teresa Wright, Janet Leigh, pronunciarono brevi discorsi. Hitchcock, chiamato dagli applausi a concludere la serata, commentò con una battuta a doppio senso: "Come vedete sullo schermo le forbici sono il mezzo migliore!".
Inizia la progettazione del suo ultimo film, il cinquantatreesimo, Complotto di famiglia, che sarà presentato nella primavera del 1976. (Taylor pp. 349–395, Spoto, pp. 607–692)
Ha ancora progetti: sta pensando alla sceneggiatura di The Short Night (La notte breve) da un romanzo di Ronald Kirkbride, sulla storia di una spia. Ma per le riprese è necessario trasferirsi in Finlandia e le condizioni di salute non glielo consentono, anzi è necessario installare un altro pacemaker.
Partecipa alla festa organizzata in suo onore al Beverly Hilton, il 7 marzo 1979, dall'American Film Institute dal titolo "Life Achievement Award" (omaggio al lavoro di una vita) e pronuncia uno spiritoso discorso di fronte ai protagonisti di Hollywood al completo.[5]
A Capodanno del 1980 riceve dalla Regina Elisabetta II d'Inghilterra il titolo di baronetto.
Nel mese di aprile è ricoverato al Cedars Sinai Hospital. La mattina del 29 aprile 1980 muore, per problemi cardiaci e renali,[6] a Bel Air, Los Angeles all'età di 80 anni.[7]

* Il Sipario Strappato (1966), [DivX - Ita Mp3] by taotine
* Il Sipario Strappato - Torn Curtain (1966), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Ac3 - MultiSub] by max74
* Topaz (1969), [DivX - Eng AC3 - Ita Esp Fra MP3 - Sub Multi] by Releaser Anonimo
* Topaz (1969), [H264 - Ita Eng Ac3 - Sub Ita Eng] - 480p by @@ThePresident@@
* Topaz (1969), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Ac3 - MultiSub] - 480p by max74
* Frenzy (1972 ), [DivX - Ita Eng ac3] by Albert Einstein
* Frenzy (1972), [H264 - Ita Eng Ac3 - Sub Ita Eng] - 480p by @@ThePresident@@
* Frenzy (1972), [BDrip 1080p - H264 - Eng Ac3 Ita DTS Jap Rus Aac - MultiSub] by ShivaShanti
* Complotto di Famiglia (1976), [DivX - Ita Mp3] by taotine
* Complotto di famiglia - Family Plot (1976), [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fre Ac3 - MultiSub] by max74



DOCUMENTARIO:
Psycho Making of - Alfred Hitchcock, [DivX - Eng Mp3 - Multisub] by logansan
Il Ladro Making of - Alfred Hitchcock, [DivX - Eng Mp3 - Sub Ita] by logansan
Gli Uccelli Making Of, [Divx - Eng MP3 - Sub Ita Eng ] by ogansan
Hitchcock racconta Psycho [DivX - Eng Mp3 - Sub Ita] by Aragorn10

Messaggio modificato da Aragorn10 il Apr 16 2015, 02:26 PM

Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Dilling
Inviato il: Aug 31 2014, 06:04 PM
Cita questo messaggio


\"residente\"

Group Icon

Gruppo: Admin
Messaggi: 44253
Utente Nr.: 275
Iscritto il: 24-March 05




Limitazione a TNT contro PayPal da FPM
Se volete inviate una donazione il Movimento dei Pirati
vi ringrazio anche per TNT Village.

...abbi sempre il coraggio di seguire il tuo cuore e le tue intuizioni.
“Se noi vogliamo essere ancora presenti, ebbene dobbiamo essere per le cose che nascono, anche se
hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime.” WINDOW WIND

Movimento dei Pirati
Questo è il sito ufficialmente di TNT Village
Iscriviti, ti serve, TNT magari è offline..
Messaggio Privato
Top
Aragorn10
Inviato il: Sep 3 2014, 12:29 PM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13




Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Dilling
Inviato il: Sep 3 2014, 02:43 PM
Cita questo messaggio


\"residente\"

Group Icon

Gruppo: Admin
Messaggi: 44253
Utente Nr.: 275
Iscritto il: 24-March 05



QUOTE (bacillo48 @ May 15 2014, 12:44 AM)
Scusate un pò tutti, ma ho a disposizione due film di Alfred Hitchcock, esattamente : Vinci per me e La moglie del fattore.
Come potrei mettere in condivisione uploadware questi due film. Che mancano alla collezione.
grazie

Manda un messaggio a bacillo48 per vedere se possiamo di aggiungere il progetto angel1.gif

Limitazione a TNT contro PayPal da FPM
Se volete inviate una donazione il Movimento dei Pirati
vi ringrazio anche per TNT Village.

...abbi sempre il coraggio di seguire il tuo cuore e le tue intuizioni.
“Se noi vogliamo essere ancora presenti, ebbene dobbiamo essere per le cose che nascono, anche se
hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime.” WINDOW WIND

Movimento dei Pirati
Questo è il sito ufficialmente di TNT Village
Iscriviti, ti serve, TNT magari è offline..
Messaggio Privato
Top
Aragorn10
Inviato il: Sep 14 2014, 03:45 PM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13



PROGETTO AGGIORNATO

Aggiunto :
Io ti salverò (1945), [BDmux 720p - H264 - Ita Eng Aac - Sub Ita Eng - Ita Eng Mp3] by Pettola

Messaggio modificato da Aragorn10 il Sep 14 2014, 03:46 PM

Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Aragorn10
Inviato il: Oct 13 2014, 03:08 PM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13




Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Aragorn10
Inviato il: Oct 22 2014, 06:24 AM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13



PROGETTO AGGIORNATO:
Aggiunto

Delitto per delitto - L'altro uomo (1951), [BDrip 1080p - H264 - Ita Ac3 Eng DTS - Sub Ita Eng] by Pettola
good.gif

Messaggio modificato da Aragorn10 il Oct 22 2014, 06:25 AM

Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Aragorn10
Inviato il: Oct 25 2014, 09:57 AM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13




Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
bmaurizio
Inviato il: Nov 26 2014, 04:15 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 4
Utente Nr.: 1266665
Iscritto il: 19-November 14



grazie a tutti del vostro lavoro certosino
io e mia moglie siamo appassionati del maestro, li ho scaricati tutti
il mio pc resterà acceso lun-ven dalle 10 alle 4 (di notte)
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
ShivaShanti
Inviato il: Mar 14 2015, 03:55 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 1957
Utente Nr.: 40953
Iscritto il: 23-January 06



Segnalo:



user posted image




Il Delitto Perfetto - Dial M For Murder (1954) [BDrip 1080p - H264 - Eng Ita Ac3 - Sub Ita Eng] Thriller - Alfred Hitchcock


Sharing is fun but only with altruistic & appreciative audience.



Hai scaricato una mia release, ma la senti solo in inglese e non sai come selezionare l'italiano? Leggi QUI


MY RELEASES
Messaggio Privato
Top
Aragorn10
Inviato il: Mar 14 2015, 10:38 PM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13



QUOTE (ShivaShanti @ Mar 14 2015, 03:55 PM)
Segnalo:



user posted image




Il Delitto Perfetto - Dial M For Murder (1954) [BDrip 1080p - H264 - Eng Ita Ac3 - Sub Ita Eng] Thriller - Alfred Hitchcock

Aggiunto e grazie!
biggrin.gif
birra.gif

Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Aragorn10
Inviato il: Mar 21 2015, 11:22 AM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13



PROGETTO AGGIORNATO

Aggiunto:
* The Birds - Gli Uccelli (1963) Hitchcock, [XviD - Ita Eng Esp Ac3 - Multisub] by robbyrs
clap.gif

Messaggio modificato da Aragorn10 il Mar 21 2015, 11:24 AM

Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Aragorn10
Inviato il: Apr 16 2015, 02:28 PM
Cita questo messaggio


\"coordinatore\"

Group Icon

Gruppo: Releaser
Messaggi: 109
Utente Nr.: 1050438
Iscritto il: 5-November 13




Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quel ch'è senza corona.

J. R. R. Tolkien - L'enigma di Grampasso
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni Discussione Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents