Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.

Sostieni movimentopirati.org

 

Pagine: (2) [1] 2  ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

> Ciclo William Shakespeare, Coordinatore: NAHOM
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 01:48 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image

user posted image



William Shakespeare (Stratford-upon-Avon, battezzato il 26 aprile 1564 – Stratford-upon-Avon, 23 aprile 1616) è stato un drammaturgo e poeta inglese.
È considerato uno dei più importanti drammaturghi di sempre. Scrisse circa 38 rappresentazioni teatrali, 154 sonetti e una serie di altri poemi. Benché fosse già popolare in vita, divenne incredibilmente famoso dopo la sua morte e i suoi lavori furono esaltati e celebrati da numerose ed importanti personaggi dei secoli seguenti; è spesso considerato inoltre il poeta rappresentativo del popolo inglese, Soprannominato anche il Bardo dell'Avon (o semplicemente Il Bardo) oppure il Cigno dell'Avon.


user posted image
Anonymous (Roland Emmerich 2011) [XviD - Ita Ac3 5.1 Eng Mp3 - Sub Ita Eng] - release by Robbyrs
Shakespeare a colazione (Bruce Robinson 1987) [XviD - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng Esp] - release by Yorikarus
Shakespeare in Love (John Madden 1998) [XviD - Ita Eng Fra Spa Ac3 - Sub Fra Eng] - release by ioria
Shakespeare in Love (John Madden 1998) [BDrip 720p - H264 - Eng Ac3 Ita DTS - MultiSub] - release by ShivaShanti

user posted image
Moni Ovadia racconta William Shakespeare e il teatro moderno (Il Caffè Letterario - Il racconto dei grandi della Letteratura Vol 5) [Mp3] - release by L'Ultimo Teorema di Fermat
Shakespeare, era siciliano? (Voyager) [SatRip - XviD - Ita Mp3] - release by Antone

user posted image
Moni Ovadia racconta William Shakespeare e il teatro moderno (Il Caffè Letterario - Il racconto dei grandi della Letteratura Vol 5) [Mp3] - release by sovrumanisilenzi83

user posted image
Shakespeare's Musick (Philip Pickett) [Flac + Cue] - release by loris
Shakespeare Songs (Deller Consort) [Mp3] - release by loris
The Film Album (Shostakovich) [Flac] - release by loris
William Shakespeare - Ages Of Song (Martin Best) [Eac Flac Cue] - release by loris

user posted image
Angela Leonardi - Figurazioni zoomorfe in Shakespeare (Tesi di dottorato) [Pdf - Ita] - release by darayava
Marco Malaspina - Shakespeare e la terapia della famiglia (Tesi di dottorato) [Pdf - Ita] - release by darayava
Tutto il Teatro di William Shakespeare [Win - Mac - Ita Eng] - release by loris
William Shakespeare - Hamlet - Prince of Denmark (Black Cat ed.) [Pdf + Exe - Eng] - release by LaCariatide

user posted image
Clifford Simak - Il Pianeta Di Shakespeare [Pdf Epub Mobi Azw3 - Ita] - release by KwisatzHaderack
Domenico Seminerio - Il manoscritto di Shakespeare [Pdf Doc Epub Mobi - Ita] - release by KwisatzHaderack
Saggi su Shakespeare - Un'interpretazione teosofica dei personaggi shakespeariani [Pdf - Ita] - release by darayava
Nemi D'Agostino - Scritti shakespeariani [Pdf Epub Mobi Azw3 - Ita]Saggi e traduzioni - 2a ediz - release by mmhappy
Nemi D'Agostino - Scritti shakespeariani [Pdf Epub Mobi Azw3 - Ita]Saggi e traduzioni - 3^ ed.- release by mmhappy
Nemi D'Agostino - Scritti shakespeariani [Pdf Epub Azw3 - Ita]Saggi e traduzioni - 4^ ed.- release by mmhappy

BBC Collection

user posted image



user posted image

AMLETOANTONIO E CLEOPATRACORIOLANO

GIULIO CESAREMACBETHOTELLORE LEAR

ROMEO E GIULIETTATITO ANDRONICOTROILO E CRESSIDA


user posted image

EDOARDO IIIENRICO IVENRICO VENRICO VI

ENRICO VIIIRE GIOVANNIRICCARDO IIRICCARDO III


user posted image

LE ALLEGRE COMARI DI WINDSORLA BISBETICA DOMATACIMBELINOCOME VI PIACE

LA COMMEDIA DEGLI EQUIVOCILA DODICESIMA NOTTEI DUE GENTILUOMINI DI VERONA

I DUE NOBILI CONGIUNTIIL MERCANTE DI VENEZIA

MISURA PER MISURAMOLTO RUMORE PER NULLAPENE D'AMOR PERDUTE

PERICLE, PRINCIPE DI TIROIL RACCONTO D'INVERNO

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE • LA TEMPESTATIMONE D'ATENETUTTO È BENE QUELLO CHE FINISCE BENE


user posted image

LA FENICE E LA TORTORAIL PELLEGRINO APPASSIONATOSONETTI

LO STUPRO DI LUCREZIAVENERE E ADONE


Banner da inserire nelle releases, a disposizione di tutti i releasers:

user posted image

CODE
[URL=./?showtopic=98505][IMG]http://www.scambioetico.org/wp-content/uploads/2013/03/William-Shakespeare.png[/IMG][/URL]


Tag da inserire nella descrizione delle releases:

CODE
[CURA] Shakespeare



user posted image

Messaggio modificato da NAHOM il Dec 22 2016, 01:32 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 01:49 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image

user posted image


user posted image
Amleto (Laurence Olivier 1948) [DivX - Eng Mp3 - Sub Ita] - release by loris
Amleto (Grigori Kozintsev 1964) [DivX - Rus Mp3 - Sub Ita] - release by loris
Amleto (Franco Zeffirelli 1990) [DivX - Ita Mp3] - release by mima210
Amleto (Zeffirelli,1990) [720p - H265 - Ita Eng Aac]HDTVmux - release by NAHOM
Amleto (Franco Zeffirelli 1990) [Dvd9 - Eng Ita] - release by DagoVerde
Amleto si mette in affari (Aki Kaurismäki 1987) [TVrip - DivX - Fin Mp3 - HardSub Ita] - release by darayava
Hair (Miloš Forman 1979) [BDrip 1080p - H264 Ita Eng Esp Ac3 - MultiSub] - release by John Carter
Hair (Miloš Forman 1979) [XviD - Ita Ac3] - release by @@ThePresident@@
Hair (Miloš Forman 1979) [Xvid - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng] - release by druidian
Hamlet (Sven Gade e Heinz Schall 1920) [SatRip - DivX - Muto Mp3] - release by loris
Hamlet (Kenneth Branagh 1996) [DivX - Ita Mp3] - release by faraone2
Hamlet (Kenneth Branagh 1996) [2xDVD5 - Ita Eng - Sub Ita] - release by joetiziano
Hamlet (Campbell Scott 2000) [DivX - Ita Mp3] - release by Brythos
Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (John Mctiernan 1993) [DivX - Ita Mp3] - release by jacket
Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (John Mctiernan 1993) [XviD - Ita Ac3] - release by robbyrs
Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (John Mctiernan 1993) [XviD - Ita Eng Esp Fra Deu Mp3 - Multi Sub] - release by max74
Nel bel mezzo di un gelido inverno (Kenneth Branagh 1995) [SATrip - DivX - Ita Mp3] - release by darayava
Rosencrantz e Guildenstern sono morti (Tom Stoppard 1990) [XviD - Ita Eng Ac3] - release by Scorpi0
Un Amleto di meno (Carmelo Bene 1973) [XviD - Ita Ac3] - release by darayava

user posted image
Amleto (Rodney Bennett 1980) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout
Amleto² (Felice Cappa 2012) [H264 - Ita Aac] - release by agidi77
Hamlet (Claudio Fino 1955) [TvRip - DivX - Ita mp3] - release by zabuza89
Hamlet (Royal Shakespeare Company) [XviD - Eng Mp3] - release by Releaser Anonimo
Hommelette for Hamlet (Carmelo Bene 1990) [TVrip - XviD - Ita Ac3] - release by darayava

user posted image
Amleto da Shakespeare a Laforgue (Carmelo Bene 1974) [TvRip - DivX - Ita - Mp3] - release by loris

user posted image
Amleto [VHSRip - DivX - MP3 - Ita] - release by Loris
I Simpson - Opere di pubblico dominio (s13 e14) (Mike B. Anderson 2003) [SatRip - DivX - ITA mp3] - release by LadyParanoid
Il Re Leone (Roger Alles - Rob Minkoff 1994) [XviD - ITA - Mp3] - release by pernakk
Il Re Leone (Roger Alles - Rob Minkoff 1994) [DVD5 - Eng Ita - sub Eng Ita] - release by gemini9669
Il Re Leone (Roger Alles - Rob Minkoff 1994) [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Dts - SoftSub Ita Eng] - release by guybrushtx
Il Re Leone (Roger Alles - Rob Minkoff 1994) [BDrip 1080p - H264 - Eng Ita DTS Comm Ac3 - MultiSub] - release by ShivaShanti
Il Re Leone - Edizione speciale (Roger Alles - Rob Minkoff 1994) [XviD - Ita Eng Ac3] - release by Albert Einstein

user posted image
Amleto [Pdf - Ita] - release by darayava
Amleto - Hamlet (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
Amleto (Tutto il teatro di tutti i tempi) [Pdf - Ita] - release by pietrolonghi
Luca Rognoni - To be or not to be... That is the Webquest. (Ri)scoprire Amleto nel World Wide Web [Pdf - Ita] - release by darayava
The Tragical History of Hamlet, Prince of Denmark (6 opere) [Pdf - Eng] - release by cianino_11
Nemi D'Agostino - Scritti shakespeariani [Pdf Epub Mobi Azw3 - Ita] - release by mmhappy

user posted image
Amleto (Letto Da Carmelo Bene) [Ita - Mp3] - release by pir8
Amleto (Teatro in diretta: Vittorio Gassman e Claudio Fino) [Ita - Mp3] - release by pir8

user posted image
Ambroise Thomas - Hamlet (Opera lirica) [Ape Cue - Fra] - release by darayava
Dream Theater - Images And Words (1992) (Pull Me Under) [Flac] - release by TheMan WhoSold TheWorld
Francesco Guccini - Due anni dopo (Ophelia) [Mp3 320 Kbps] - release by Mr.Do
Francesco Guccini - Due anni dopo (Ophelia) [Flac] - release by Mr.Do
Liszt - Hamlet (Symphonic Poems - Golovanov) (Sinfonia) [Vinyl Flac] - release by loris
Ennio Morricone - Hamlet (Colonna sonora film Zeffirelli) [Mp3 128 Kbps] - release by darayava
Hair - Original Soundtrack Recording (What A Piece Of Work Is Man) [Flac] - release by John Carter
Lou Reed - Transformer (1972) (Goodnight Ladies) [Mp3 320 Kbps] - release by TheMan WhoSold TheWorld
New Trolls - Concerto Grosso per i New Trolls (Adagio - Shadows) [Mp3 Cbr 256 Kbps] - release by lottalove
Peter Il'yich Tchaikovsky - Hamlet (Sinfonia) [Eac Ape Cue] - release by darayava
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Cleopatra (Joseph L. Mankiewicz 1963) [XviD - Ita Ac3] - release by giggio il grigio

user posted image
Antonio e Cleopatra [Pdf - Ita] - release by loris
Antonio e Cleopatra - Antony and Cleopatra (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Johann Adolf Hasse - Marc'Antonio e Cleopatra [Lossy Mp3 128Kbps] - release by darayava

user posted image
Cleopatra (La storia in giallo) [Mp3 - Ita] - release by darayava
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Coriolano [Pdf - Ita] - release by loris
Coriolano - Coriolanus (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Coriolano - Eroe senza patria (Giorgio Ferroni 1964) [TVrip - DivX - Ita Mp3] - release by darayava
Coriolanus (Ralph Fiennesi 2011) [XviD - Eng Mp3 - Sub Ita] - release by gide

user posted image
Coriolano (Claudio Fino 1965) [Satrip DivX - Ita Mp3] - release by darayava
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da NAHOM il Feb 24 2016, 12:05 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 01:49 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image



user posted image

user posted image



user posted image
Giulio Cesare (Julius Caesar) (Joseph L. Mankiewicz 1953) [SatRip - DivX - Ita Eng Mp3] - release by loris

user posted image
Giulio Cesare [Pdf - Ita] - release by darayava
Giulio Cesare - The Tragedy of Julius Caesar (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
Julius Caesar (6 opere) [Pdf - Eng] - release by cianino_11
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Il trono di sangue (Akira Kurosawa 1957) [XviD - Ita Jap Ac3 - Sub Ita] - release by loris
Trono di Sangue (Akira Kurosawa 1957) [BDmux 1080p - H265 - Ita Jap Ac3 - Sub Eng] - release by NAHOM
Macbeth (Orson Welles 1948) [DVD5 - Ita] - release by loris
Macbeth - Versione Integrale (Welles,1948) [720p - H265 - Eng Ac3 - Sub Ita Eng]HDTV - release by NAHOM
Macbeth (Orson Welles 1948) [XviD - Ita Ac3] - release by Campiro
Macbeth (Roman Polanski 1971) [XviD - Ita Eng Ac3] - release by robbyrs
Macbeth (Polanski,1971) [BDmux 1080p - H265 - Ita Eng Ac3 - Sub Ita Eng] - release by NAHOM
Macbeth (2015)[BDmux 1080p - H265 - Ita Eng Aac - MultiSub] - release by NAHOM
Macbeth (2015) [XviD - Ita Ac3] - release by multi

user posted image
Macbeth (Jack Gold 1983) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout

user posted image
Caroline Pagani - Shakespeare e la filosofia occulta del Rinascimento. L’estetica del colore nel Macbeth [Pdf - Ita] - release by darayava
Macbeth - The Tragedy of Macbeth (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Macbeth (Giuseppe Verdi: Callas - De Sabata) [Lossy Mp3 224 kbps] - release by loris

user posted image
Macbeth [VHSRip - Divx - Ita] - release by loris



user posted image

user posted image


user posted image
Otello (Claudio Fino 1957 - versione televisiva) [SatRip-Divx-Ita Mp3] - release by loris

user posted image
Capriccio all'italiana episodio: Che cosa sono le nuvole? (Pier Paolo Pasolini 1968) [XviD - Ita Rus Mp3] - release by Pippo Chennedi
Capriccio all'italiana episodio: Che cosa sono le nuvole? (Pier Paolo Pasolini 1968) [DivX - ITA Mp3] - release by Shark636
Iago (Volfango De Biasi 2009) [XviD - Ita Mp3] - release by Eyxe88
O come Otello (Tim Blake Nelson 2001) [XviD - Ita Eng Ac3 - Sub NUIta] - release by IlFilmografo
Otello (Orson Welles 1952) [DivX - Eng Pcm - HardSub Ita] - release by robbyrs
Othello (Oliver Parker 1995) [DivX - Ita Eng Fra Ac3] - release by Kid_70268
Stage Beauty (Richard Eyre 2004) [XviD - Ita Mp3] - release by max74

user posted image
Otello (Colin Lowrey 1981) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout
Otello (Colin Lowrey 1981) [DivX - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng] - release by faraone2

user posted image
Otello (Gioacchino Rossini) [Lossless Ape - Cue] - release by loris

user posted image
Otello [Pdf - Ita] - release by darayava
Otello - The Tragedy of Othello (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Otello (Teatro in diretta) [Ita - Mp3] - release by Pir8
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Re Lear (Giorgio Strehler 1973) [VHSRip - DivX Ita] - release by loris
Re Lear (Giorgio Strehler 1972 - versione televisiva) [XviD - Ita Mp3] - release by faraone2

user posted image
King Lear (Silent Shakespeare) (Gerolamo Lo Savio 1910 - 16 min) [DVD5 Silent with Eng Intertitles] - release by loris
Ran (Akira Kurosawa 1980) [TvRip DivX - Ita Mp3] - release by loris
Ran (Akira Kurosawa 1980) [BDrip 720p - H264 - Ita Eng Jap Ac3 - Multisub] - release by ShivaShanti
Re Lear (Peter Brook 1971) [DivX - Ita Mp3] - release by zabuza89

user posted image
Re Lear [Pdf - Ita] - release by darayava
Re Lear - The Tragedy of King Lear (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da NAHOM il Feb 4 2017, 12:55 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 01:49 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image



user posted image

user posted image


user posted image
China Girl (Abel Ferrara 1987) [Xvid - Ita Ac3] - release by darayava
Giulietta e Romeo (Renato Castellani 1954) [XviD - Ita Ac3] - release by lizaliza
Letters To Juliet (Gary Winick 2010) [XviD - Ita Ac3] - release by Eyxe88
Lonesome Cowboys (Andy Warhol 1968) [DVD9 - Ita Eng - Sub Ita] - release by loris
Romeo + Giulietta (Baz Luhrmann 1996) [Divx - Ita Mp3] - release by Maury
Romeo + Giulietta (Baz Luhrmann 1996) [XviD - Ita Ac3 5.1] - release by Dorelik
Romeo + Giulietta (Baz Luhrmann 1996) [BDrip 1080p - H264 - Eng Ita Fra Deu Aac - MultiSub] - release by ShivaShanti
Romeo e Giulietta (Franco Zeffirelli 1968) [DivX - Ita Ac3] - release by francianime
Romeo e Giulietta (Franco Zeffirelli 1968) [DVD9 - Ita Eng Esp Fra Deu - Multisub] - release by patty2003
Romeo e Giulietta (Alvin Rakoff 1978) [VHSRip - Divx - Ita - Mp3] - release by loris
Romeo deve morire (Andrzej Bartkowiak 2000) [DivX - Ita Mp3] - release by giggio il grigio
Romeo deve morire (Andrzej Bartkowiak 2000) [XviD - Ita Ac3 5.1 Eng Mp3 - Sub Ita Eng Sub Forced SubNU] - release by robbyrs
Romeo deve morire (Andrzej Bartkowiak 2000) [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Esp Fra Ac3 - MultiSub] - release by max74
Tromeo and Juliet (Lloyd Kaufman - James Gunn 1996) [VHSRip - DivX - ENG Mp3 - SUB ITA] - release by tnt-nemo
West Side Story (Jerome Robbins - Robert Wise 1961) [DVD - Ita Eng Spa Fre Ger - Multisub] - release by picchiogrigio
West Side Story (Jerome Robbins - Robert Wise 1961) [BDrip 720p - H264 - Eng Ac3 Ita DTS Jap Rus Aac - Multisub] - release by ShivaShanti
West Side Story (Jerome Robbins - Robert Wise 1961) [XviD - Ita Ac3] - release by Dorelik

user posted image
Romeo & Giulietta (Paolo Rossi 2007) [DivX - Ita Mp3] - release by Dorelik
Romeo and Juliet (Sergej Prokofiev - Royal Ballet) [DivX - Mp3] - release by Equos
Romeo e Giulietta (Alvin Rakoff 1978) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout
Charles Gounod - Romeo et Juliette (2009) (DVD1) [DVD9 Fra NTSC] - release by dye
Charles Gounod - Romeo et Juliette (2009) (DVD2) [DVD9 Fra NTSC] - release by dye

user posted image
Romeo e Giulietta (Alvin Rakoff 1978) [VHSRip - Divx - Ita - Mp3] - release by loris
Romeo e Giulietta ('sto classico!) [DTTRip - XviD - Ita Mp3] - release by pir8
Romeo e Giulietta - Ama e cambia il mondo [DTTrip - DivX - Ita Mp3] - release by giuseppetnt

user posted image
Giulietta e Romeo - Brani scelti (Cocciante - Panella) [Mp3] - release by Hirisia
Romeo & Juliet (Nino Rota - Colonna Sonora del film di Zeffirelli) [Mp3] - release by loris
Romeo & Juliet (Serge Prokofiev - dir. Abbado) [Ape - Cue] - release by loris
Romeo & Juliette (Hector Berlioz) [Eac Ape Cue] - release by loris
Romeo and Juliet (Serge Prokofiev - dir. Previn) [Flac] - release by jadawin
Romeo and Juliet - Suite n° 1, Op. 64a: n° 5, Masks (Serge Prokofiev - Renaud Capuçon [Violin] e Jerome Ducros [Piano]) [Flac] - release by Cer8
Romeo e Giulietta (Pyotr Ilyich Tchaikovsky[diretto da Toscanini]) [Mp3] - release by loris
West Side Story (Leonard Bernstein - colonna sonora) [Flac] - release by loris

user posted image
Romeo & Juliet (Peter Ilyich Tchaikovsky) [SatRip - Divx Mp3] - release by loris
Romeo and Juliet (Dire Straits) [Mpeg - Eng Mp3] - release by loris

user posted image
Gnomeo & Giulietta (Kelly Asbury 2011) [XviD - Ita MP3] - release by Dorelik
Gnomeo & Giulietta (Kelly Asbury 2011) [XviD - Ita Ac3 5.1] - release by Dorelik
Romeo e Giulietta (Capolavori dell'Animazione Russa) [VHSrip Divx - Ita Mp3] - release by loris
Romeo e Puffetta (2008) [XviD - Ita Ac3] - release by Dorelik

user posted image
Romeo x Juliet (Epi 01-12 + sigla iniziale) [XviD - Ita Jap - Mp3] - release by darayava
Romeo x Juliet (Epi 13-24 + sigle finali) [XivD - Ita Jap - Mp3] - release by darayava
Romeo x Juliet (Epi 01-24) [720p - DivX - Jap Mp3 - HardSub Ita] - release by MonoS94
Romeo x Juliet (Epi 01-24) [[H264 - Ita Jap Ac3 - SoftSub Ita] - release by hplovecr
Romeo x Juliet (Epi 01-24) [[Mux 720p - H264 - Ita Eng Aac Jap Mp3 - SoftSub Ita Eng] - release by rose02

user posted image
Caino e Abele (Tony Cucchiara) [Pdf Ita] - release by darayava
Romeo e Giulietta [Pdf Ita] - release by darayava
Romeo e Giulietta - The Tragedy of Romeo and Juliet (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Romeo e Giulietta [Ita Mp3] - release by pir8
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Titus (Julie Taymor 1999) [XviD - Ita Mp3] - release by gogo
user posted image
Titus (Julie Taymor 1999) [BDmux 720p - H265 - Ita Eng Aac - Sub Eng] - release by NAHOM

user posted image
Tito Andronico [Pdf Ita] - release by loris
Tito Andronico - The Tragedy of Titus Andronicus (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Troilo e Cressida [Pdf Ita] - release by loris
Troilo e Cressida - The Tragedy of Troilus and Cressida (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture


user posted image


Messaggio modificato da NAHOM il Apr 19 2017, 02:21 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:27 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image

user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Belli e dannati (Gus Van Sant 1991) [XviD - Ita Mp3] - release by Reptile75
Falstaff (Orson Welles 1965) [Mux - Mp4v - Ita Aac] - release by alfio1968

user posted image
Enrico IV, parte I e II - History of Henry IV, part and part II (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Antonio Salieri - Falstaff (Alberto Veronesi) [Ape + Cue] + Libretto testi (Ita Eng Deu Fra) - release by Cer8

user posted image
Giuseppe Verdi - Falstaff (Muti - Teatro alla Scala) [DVD Sub Eng Deu Fra Esp Ita] + libretto - release by Kickaha



user posted image

user posted image


user posted image
Enrico V (Henry V) (Kenneth Branagh 1989) [XviD - Ita Eng Mp3 Sub Eng Ita] - release by loris
Falstaff (Orson Welles 1965) [Mux - Mp4v - Ita Aac] - release by alfio1968

user posted image
Enrico V - History of Henry V (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Antonio Salieri - Falstaff (Alberto Veronesi) [Ape + Cue] + Libretto testi (Ita Eng Deu Fra) - release by Cer8

user posted image
Giuseppe Verdi - Falstaff (Muti - Teatro alla Scala) [DVD Sub Eng Deu Fra Esp Ita] + libretto - release by Kickaha
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Re Enrico VI Prima, Seconda e Terza Parte - History of Henry VI (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 3 2015, 10:22 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:28 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image



user posted image

user posted image


user posted image
Re Enrico VIII - History of Henry VIII (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture



user posted image

user posted image


user posted image
King John (Silent Shakespeare) (Walter Pfeffer Dando 1899 - 3 min) [DVD5 Silent with Eng Intertitles] - release by loris

user posted image
Re Giovanni - History of John (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture



user posted image

user posted image


user posted image
Falstaff (Orson Welles 1965) [Mux - Mp4v - Ita Aac] - release by alfio1968

user posted image
Riccardo II - History of Richard II (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Antonio Salieri - Falstaff (Alberto Veronesi) [Ape + Cue] + Libretto testi (Ita Eng Deu Fra) - release by Cer8

user posted image
Giuseppe Verdi - Falstaff (Muti - Teatro alla Scala) [DVD Sub Eng Deu Fra Esp Ita] + libretto - release by Kickaha



user posted image

user posted image


user posted image
Richard III (Silent Shakespeare) (1911 - 22 min) [DVD5 Silent with Eng Intertitles] - release by loris
Riccardo III (Laurence Olivier 1955) [XviD - Ita Eng Ac3 - Sub Ita] - release by lizaliza
Riccardo III (Richard Loncraine 1995) [Mpeg - Ita Mp3] - release by cacca12
Riccardo III (Richard Loncraine 1995) [DVD - Ita Eng AC3 - Sub Ita] - release by Crafalapapera
Richard III - Un uomo un re (Al Pacino 1996) [XviD - Ita Ac3] - release by scubats
Richard III - Un uomo un re (Al Pacino 1996) [720p H265 - Ita Eng Ac3 - MultiSub]HDTV - release by NAHOM

user posted image
Riccardo III(Jane Howell 1983) [DivX - Ita Eng MP3 - Sub Ita Eng] - release by faraone2
Riccardo III(Jane Howell 1983) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout

user posted image
Riccardo III(Carmelo Bene 1977) [Satrip - DivX - Ita Mp3] - release by Erborista

user posted image
Riccardo III - History of Richard III (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da NAHOM il Jun 22 2015, 12:46 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:28 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image

user posted image

user posted image


user posted image
Falstaff (Orson Welles 1965) [Mux - Mp4v - Ita Aac] - release by alfio1968

user posted image
Le allegre comari di Windsor (David Jones 1982) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout

user posted image
Le gaie mogli di Windsor - The Merry Wives of Windsor (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Antonio Salieri - Falstaff (Alberto Veronesi) [Ape + Cue] + Libretto testi (Ita Eng Deu Fra) - release by Cer8

user posted image
Giuseppe Verdi - Falstaff (Muti - Teatro alla Scala) [DVD Sub Eng Deu Fra Esp Ita] + libretto - release by Kickaha
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
10 cose che odio di te (Gil Junger 1999) [DivX - Ita Mp3] - release by Eyxe88
Il bisbetico domato (Castellano e Pippolo 1980) [DVD9 - Ita Deu] - release by mg83
Il bisbetico domato (Castellano e Pippolo 1980) [DVD9 - Ita Rus - Sub Ita] - release by loris
Il bisbetico domato (Castellano e Pippolo 1980) [DivX - Ita Mp3] - release by mg83
La bisbetica domata (The Taming of the Shrew) (Franco Zeffirelli 1967) [Divx - Ita Mp3] - release by mima210
McLintock (Andrew V. McLaglen 1963) [XviD - Ita Mp3] - release by L'Ultimo Teorema di Fermat
McLintock (Andrew V. McLaglen 1963) [XviD - Ita Eng Ac3] - release by Cavaliroberto

user posted image
La bisbetica domata (Jonathan Miller 1980) [DivX - Ita Eng Ac3 - Sub Ita Eng] - release by faraone2
La bisbetica domata (Jonathan Miller 1980) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout

user posted image
10 things I hate about you (K. McCullah - L. & K. Smith) [Pdf - Eng] - release by darayava
La bisbetica addomesticata - The Taming of the Shrew (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
La bisbetica domata (Audio della commedia teatrale) [Ita - Mp3] - release by pir8

user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
Cimbellino [Pdf Epub Mobi - Ita] - release by fabertorrent
Cimbelino - Cymbeline, King of Britain (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image




user posted image

user posted image


user posted image
As You Like It - Come Vi Piace (Kenneth Branagh 2006) [DivX Ita Ac3 - Eng Mp3 ] - release by loris

user posted image
Come vi piace (Basil Coleman 1978) [DivX - Ita Eng Mp3 - Sub Ita Eng] - release by faraone2

user posted image
As You Like It [Pdf - Eng] - release by cianino_11
Come vi piaccia - As You Like It (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da NAHOM il Oct 15 2016, 12:00 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:29 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image

user posted image


user posted image
La Commedia Degli Equivoci [Pdf - Ita] - release by loris
La commedia degli errori (o degli equivoci) - he Comedy of Errors (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
The Comedy of Errors (6 opere) [Pdf - Eng] - release by cianino_11


user posted image

user posted image


user posted image
She's the man (Andy Fickman 2006) [XviD - Ita Mp3] - release by gemini9669


user posted image
La dodicesima notte (John Gorrie 1980) [DivX - Ita Eng Ac3 - Sub Ita Eng] - release by faraone2


user posted image
La dodicesima notte [VHSRip - Divx - Ita] - release by Loris

user posted image
La dodicesima notte - Twelfth Night (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image



user posted image

user posted image


user posted image
I due gentiluomini di Verona - Two Gentlemen of Verona (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture


user posted image

user posted image


user posted image

user posted image


user posted image
Il mercante di Venezia (The Merchant of Venice) (Michael Radford 2004) [BDmux 720p - H265 - Ita Rus Ac3 - Sub Ita Eng] - release by NAHOM
Il mercante di Venezia (The Merchant of Venice) (Michael Radford 2004) [XviD - Ita Ac3] - release by Campiro
Il mercante di Venezia (The Merchant of Venice) (Michael Radford 2004) [DVD9 - Ita Eng - Sub NUIta] - release by Dorelik
Il mercante di Venezia (The Merchant of Venice) (Michael Radford 2004) [BDrip 1080p - H264 - Ita Eng Ac3 - Sub Ita Eng] - release by Mandragola
The Merchant of Venice (Silent Shakespeare) (Gerolamo Lo Savio 1910 - 10 min) [DVD5 Silent with Eng Intertitles] - release by loris


user posted image
Il mercante di Venezia - The Merchant of Venice (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da NAHOM il Dec 7 2016, 03:23 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:29 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image

user posted image


user posted image
Measure for Measure (6 opere) [Pdf - Eng] - release by cianino_11
Misura per Misura [Pdf - Ita] - release by loris
Misura per misura - Measure for Measure (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image



user posted image

user posted image


user posted image
Molto Rumore Per Nulla (Kenneth Branagh1993) [DivX - Ita Mp3 Eng Ac3] - release by Loris
Molto Rumore Per Nulla (Kenneth Branagh1993) [BDrip 1080p - H264 - Eng DTS Ita Fra Deu Jap Ac3 - MultiSub] - release by ShivaShanti

user posted image
Tanto trambusto per nulla [Pdf - Ita] - release by loris
Tanto trambusto per nulla - Much Ado about Nothing(Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image



user posted image
[b]Pene d'amor perdute


user posted image


user posted image
Pene d'amore perdute - Love's Labour's Lost (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image



user posted image
Pericle, principe di Tiro

user posted image


user posted image
Pericle principe di Tiro [Pdf - Ita] - release by loris
Pericle principe di Tiro - Pericles, Prince of Tyre (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture


user posted image
Il racconto d'inverno

user posted image


user posted image
Il racconto d'inverno - The Winter's Tale (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
[/b]


Messaggio modificato da iPelle il Jun 3 2015, 10:25 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:30 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image
Sogno di una notte di mezza estate

user posted image


user posted image
A Midsummer night's dream (Silent Shakespeare) (James Stuart Blackton and Charles Kent 1999 - 11 min) [DVD5 Silent with Eng Intertitles] - release by loris
L'attimo fuggente (Peter Weir 1989) [DivX - Ita Ac3] - release by marmac
Sogno di una notte di mezza estate (Michael Hoffman 1999) [XviD - Ita Ac3] - release by -=TheDoctor=-
Sogno di una notte d'estate (Gabriele Salvatores 1983) [DVD5 - Ita] - release by Puppybarf

user posted image
Sogno di una notte di mezza estate (Elijah Moshinsk 1981) [DivX - Ita Eng Ac3 - Sub Ita Eng] - release by faraone2
Sogno di una notte di mezza estate (Elijah Moshinsk 1981) [DVD5 - Ita Eng - Sub Ita Eng] - release by Tryout

user posted image
A Midsummer Night's Dream (6 opere) [Pdf - Eng] - release by cianino_11
Sogno di una notte di mezza estate - A Midsummer Night's Dream (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture

user posted image
Sogno di una notte di mezza estate [Mp3 - Ita] - release by pir8
Sogno di una notte di mezza estate (Teatro in diretta) [Ita - Mp3] - release by pir8

user posted image
Sogno di una notte di Mezza Estate [VHSRip - Divx - Ita Mp3] - release by Vampira76

user posted image
Benjamin Britten - A midsummer night's dream [Lossless - Ape] - release by loris
Felix Mendelssohn Bartholdy - A Midsummer Night's Dream [Lossless Flac] - release by Loris
user posted image



user posted image
La tempesta

user posted image


user posted image
Il pianeta proibito (Fred McLeod Wilcox 1956) [XviD - Ita Ac3 - Sub Ita] - release by robbyrs
Il pianeta proibito (Fred McLeod Wilcox 1956) [DVD5 - Ita Sub Ita] - release by robbyrs
Il pianeta proibito (Fred McLeod Wilcox 1956) [Mux - BDrip 720p - Eng DTS Ita Fra Deu Ac3 Esp Ptr Aac - MultiSub] - release by Marainos
Il pianeta proibito (Fred McLeod Wilcox 1956) [Mux - BDrip 1080p - Eng DTS Ita Ac3 - Sub Eng Ita] - release by Marainos
Il pianeta proibito (Fred McLeod Wilcox 1956) [BluRay 1080p - MultiLang - MultiSub] - release by Marainos
Il pianeta proibito - Versione uncut (Fred McLeod Wilcox 1956) [XviD - Ita Mp3] - release by kid_70268
L'ultima tempesta (Peter Greenaway 1991) [DVD - Eng - Sub Ita Ola] - release by biccato
The Tempest (Silent Shakespeare) (Percy Stow 1908 - 12 min) [DVD5 Silent with Eng Intertitles] - release by loris
The Tempest (Julie Taymor 2010) [XviD - Eng Ac3 5.1 - MultiSub] - release by zabuza89
L'Ultima Tempesta (Peter Greenaway 1991) [720p - H265 - Ita Aac Eng Ac3 - Sub Ita Eng]HDTV - release by NAHOM

user posted image
La Tempesta [Pdf - Ita] - release by loris
La tempesta - The Tempest (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
La tempesta (Tutto il teatro di tutti i tempi) [Pdf - Ita] - release by pietrolonghi
The Tempest (6 opere) [Pdf - Eng] - release by cianino_11
W.J.Stuart - Il Pianeta Proibito (1956) [Epub Lit Mobi Pdf Txt - Ita] - release by John Carter

user posted image
La tempesta [Lossy Mp3 128Kbps] - release by darayava

user posted image
La Tempesta [VHSRip - Divx - Ita Mp3] - release by Loris
user posted image



user posted image
[b]Timone d'Atene


user posted image


user posted image
Timone di Atene [Pdf - Ita] - release by loris
Timone di Atene - The Tragedy of Timon of Athens (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture


user posted image
Tutto è bene quel che finisce bene

user posted image


user posted image
Tutto è bene quel che finisce bene [Pdf - Ita] - release by loris
Tutto è bene quell che finisce bene - All's Well That Ends Well (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Ita Eng] - release by Free Culture
user posted image


user posted image
[/b]


Messaggio modificato da NAHOM il Jun 7 2015, 05:33 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:31 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image
La fenice e la tortora

user posted image


user posted image
The Phoenix and the Turtle (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Eng] - release by Free Culture


user posted image
Il pellegrino appassionato


user posted image
The Passionate Pilgrim (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Eng] - release by Free Culture


user posted image
Sonetti


user posted image
Sonnets 1-154 (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Eng] - release by Free Culture


user posted image
Lo stupro di Lucrezia

user posted image


user posted image
The Rape of Lucrece (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Eng] - release by Free Culture


user posted image
Venere e Adone

user posted image


user posted image
Venus and Adonis (Raccolta opere) [Pdf - Rtf - Txt - Eng] - release by Free Culture

user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 3 2015, 10:25 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:31 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


L’opera è ambientata nella Danimarca feudale e la quasi totalità delle scene si svolgono all’interno del castello di Elsinor, ad eccezion fatta per alcune scene ambientate rispettivamente nello spazio circostante al castello (atto primo, scena prima e scena quarta), nella casa di Polonio (atto primo, scena terza ed atto secondo, scena prima), nella pianura danese (atto quarto, scena quarta) ed all’interno di un cimitero (atto quinto, scena prima).
Il primo atto inizia con due uomini (Bernardo e Francesco) di guardia al castello, raggiunti più tardi da Orazio e Marcello. Un fantasma dalle sembianze del padre di Amleto appare agli uomini ma, improvvisamente e prima di poter parlare, svanisce nel nulla. La notte successiva, dopo essere stato dovutamente avvertito, il giovane Amleto si unisce alla guardia del castello. Il fantasma riappare ed Amleto riesce a parlargli, dopo averlo seguito, prima che esso scompaia di nuovo. Il fantasma gli rivelerà i veri avvenimenti che hanno preceduto la sua morte, svelandogli l’omicidio da parte del fratello Claudio e chiedendogli di vendicarlo. Da adesso in poi Amleto si fingerà pazzo per confondere chiunque cerchi di prevederlo ed in modo da facilitarsi, quindi, la vendetta.
Dopo la morte del re, Claudio ha sposato la regina, Gertrude. Sia la madre Gertrude che lo zio Claudio sono preoccupati per la presunta pazzia di Amleto e chiedono a due suoi amici di scuola, Rosencrantz e Guildenstern, di trovare la causa del problema.
Una compagnia di attori, la "compagnia stabile della città", viene invitata al castello con l’intento di risollevare l’animo di Amleto. Amleto chiede agli attori di interpretare "L’Omicidio di Gonzago" (chiamandola in seguito "La trappola per topi") aggiungendo alcune sue righe al testo. L’interpretazione, raggiungendo l’obiettivo prefissato da Amleto, rende furioso il re, che interrompe la recita. Questo sembra provare agli occhi di Orazio ed Amleto la colpa di Claudio.
Amleto raggiunge la madre nella sua stanza per parlarle. Mentre dialoga animatamente con lei, sente Polonio gridare da dietro le tende. Amleto, credendo si trattasse del re, lo uccide. Claudio, decidendo quindi che Amleto è troppo pericoloso per essere lasciato a piede libero in Danimarca, decide di trasferirlo in Inghilterra con Rosencrantz e Guildenstern, a cui consegna una lettera con l’ordine di uccidere Amleto non appena raggiunta l’Inghilterra. Sulla nave, a causa dell’attacco di una nave corsara, Amleto scopre la lettera e la rimpiazza con un’altra in cui si ordina invece di uccidere Rosencrantz e Guildenstern a viaggio completato. Amleto si dirige di nuovo verso la Danimarca.
Non appena ritornato, Amleto scopre che Ofelia, impazzita dopo la morte del padre, è annegata. Vedendo Amleto, Laerte lo accusa della morte di Ofelia e Polonio. Per mettere fine alla disputa, il re prepara un incontro di scherma tra Amleto e Laerte, trovando un artificio per uccidere "accidentalmente" Amleto. Claudio avvelena del vino che offrirà ad Amleto alla fine del primo incontro, e Laerte avvelena a sua volta la punta del suo fioretto. Durante il combattimento Gertrude, all’oscuro delle macchinazioni del re, beve dalla coppa riservata ad Amleto. Laerte ferisce Amleto, condannandolo a morte e, scoprendo Amleto che il fioretto è a punta scoperta, attacca furiosamente Laerte. Nello scontro che segue i due si scambiano i fioretti ed Amleto ferisce Laerte. Quasi nello stesso istante, Gertrude cade a terra, affermando che la coppa è avvelenata. Laerte confessa quindi che la morte di Gertrude è opera del re, e che la punta da cui Amleto è stato ferito è avvelenata. Amleto, gridando al tradimento, Trafigge il re. Prima di morire Amleto chiede ad Orazio di fare in modo che tale storia non vada perduta, e di raccontare pubblicamente gli avvenimenti di cui è stato vittima.
Pochi istanti dopo Fortebraccio entra con i suoi soldati nel castello e, impreparato ad un simile scenario di morte, reclama i propri diritti sulla Danimarca. Viene ordinato di esporre sul palco la salma di Amleto, e di annunciare la sua morte con fanfare e salve di cannoni.
user posted image




user posted image


Antonio, uno dei triumviri di Roma insieme a Cesare Ottaviano (che Shakespeare denomina sempre solo 'Cesare') e a Marco Emilio Lepido, si è fermato in Egitto dopo essersi innamorato della regina Cleopatra. Antonio riceve la notizia che sua moglie, Fulvia, si è ribellata contro Ottaviano, ed è morta. Ora il triumvirato è minacciato da Sesto Pompeo, figlio del Pompeo avversario di Giulio Cesare. Pompeo ha raccolto una flotta, insieme ai pirati Menecrate e Mena e controlla la Sardegna e la Sicilia. A causa di questa situazione, Antonio è consapevole che deve tornare a Roma. Nonostante l'opposizione di Cleopatra, parte.
Tornato a Roma, Ottaviano convince Antonio a sposare sua sorella, Ottavia, per saldare i legame tra i due generali. Il luogotenente di Antonio, Enobarbo, sa che Ottavia non potrà appagarlo, dopo esser stato con Cleopatra. In un famoso passo, egli descrive il fascino di Cleopatra con un'iperbole: "l'età non può appassirla, né l'abitudine rendere insipida la sua varietà infinita: le altre donne saziano i desideri che esse alimentano, ma ella affama di sé laddove più si prodiga: poiché le cose più vili acquistano grazia in lei, così che i sacerdoti santi la benedicono nella sua lussuria."
Un indovino mette in guardia Antonio: "se giuochi con lui ad un giuoco qualunque, sei sicuro di perdere."
In Egitto, Cleopatra viene a sapere del matrimonio di Antonio, e mette in atto una terribile vendetta nei confronti del messaggero che le riferisce la notizia. La sua collera si placa solo quando le sue cortigiane le assicurano che Ottavia è brutta, almeno secondo i canoni estetici elisabettiani: bassa, rozza, con il viso rotondo e con capelli sciupati.
I triumviri discutono con Pompeo, e gli offrono un accordo: egli può mantenere il controllo della Sicilia e della Sardegna ma deve aiutarli a "liberare tutto il mare dai pirati" e mandargli un tributo in grano. Dopo qualche esitazione, Pompeo accetta. I generali si intrattengono in un festino sulla galea di Pompeo. Mena consiglia a Pompeo di uccidere i triumviri per diventare condottiero di Roma, ma egli non accetta. Più tardi, Ottaviano e Lepido rompono la tregua con Pompeo, e i combattimenti ripartono. Questa decisione è disapprovata da Antonio, che è furente.
Una volta ritornato ad Alessandria, Antonio incorona se stesso e Cleopatra sovrani dell'Egitto e del terzo orientale dell'impero romano, che era il territorio posseduto da Antonio in quanto triumviro. Egli accusa Ottaviano di non aver spartito con lui le terre conquistate a Pompeo, ed è arrabbiato che Lepido, imprigionato da Ottaviano, è stato escluso dal triumvirato. Ottaviano cede all'ultima richiesta, ma è molto deluso dal comportamento di Antonio.
Antonio si prepara a dare battaglia ad Ottaviano. Enobarbo lo spinge a dare battaglia sulla terraferma, ove egli sarebbe avvantaggiato, anziché in mare, dove le navi di Ottaviano sono più leggere e meglio condotte. Antonio rifiuta, in quanto era stato sfidato da Ottaviano ad una battaglia navale. Cleopatra si impegna a mettere la sua flotta a disposizione di Antonio; ma, durante la battaglia navale, la regina abbandona il campo con le sue sessanta navi. Antonio la insegue causando così la disfatta del suo esercito. Vergognatosi per le sue gesta, dovute all'amore che egli prova per Cleopatra, Antonio la richiama per averlo fatto sembrare un codardo, ma pone anche il suo amore sopra ogni altra cosa, dicendo "datemi un bacio, questo basta a compensarmi."
Ottaviano manda un messaggero a chiedere a Cleopatra di consegnarli Antonio, e di allearsi con lui. Ella esita, e flirta col messaggero; nel frattempo, Antonio entra in scena e, rabbioso, condanna il comportamento della principessa. Fa frustare il messaggero, e finalmente perdona Cleopatra, e le promette di combattere un'altra battaglia per lei, questa volta sulla terraferma.
Alla vigilia della battaglia, i soldati di Antonio odono strani oracoli, che interpretano come la perdita di protezione per il loro condottiero, da parte del dio Ercole. Inoltre, Enobarbo, lo storico luogotenente di Antonio, lo abbandona per passare dalla parte del nemico. Invece di confiscare i beni di Enobarbo, che erano stati lasciati presso Antonio durante la fuga da Ottaviano, Antonio ordina che tali beni siano riportati a Enobarbo. Enobarbo è talmente colpito dalla generosità di Antonio, e così pieno di vergogna per la sua infedeltà, che si suicida.
La battaglia comincia bene per Antonio, finché Ottaviano non la tramuta in una battaglia navale. Ancora una volta, Antonio perde, la sua flotta si arrende, ed egli denuncia Cleopatra: "questa infame egiziana mi ha tradito."
Antonio decide allora di uccidere la regina per il suo ennesimo tradimento. Cleopatra capisce che l'unico modo per riconquistare l'amore di Antonio, è quello di fargli credere che si è uccisa, col nome di Antonio come ultime parole. Ella si rinchiude nel suo mausoleo, e aspetta il ritorno di Antonio.
Il suo piano, però, fallisce: invece che correre per vedere Cleopatra morta, con il cuore pieno di rimorso, Antonio decide che la sua vita non ha più senso. Chiede a Erote, uno dei suoi più intimi amici, di trapassarlo con una spada; Erote non riesce però ad uccidere il suo generale, e si suicida. Antonio ammira il coraggio di Erote e cerca di morire allo stesso modo, ma si ferisce solamente. In uno stato di dolore lancinante, scopre che, in realtà, Cleopatra è ancora viva. Si trascina fino al suo mausoleo, e muore tra le sue braccia.
Ottaviano si reca da Cleopatra e cerca di convincerla ad arrendersi. Ella però rifiuta orgogliosa, per non essere trascinata in trionfo per le vie di Roma come una schiava qualsiasi. La cortigiana Ira descrive la loro probabile sorte: "istrioni di pronto ingegno improvviseranno commedie su di noi, rappresentando i nostri conviti alessandrini; Antonio sarà raffigurato ubriaco, ed io vedrò qualche giovanotto travestito da stridula Cleopatra avvilire la mia grandezza in atteggiamento di puttana." Questo discorso è intriso di ironia drammatica, perché, al tempo di Shakespeare, la parte di Cleopatra era veramente recitata da un "giovanotto travestito", e la tragedia di Shakespeare, raffigura i festini di un Antonio ubriaco.
Cleopatra decide di suicidarsi, insieme alle sue ancelle Carmiana e Ira, usando il veleno di un aspide. Muore serena, pensando di rivedere Antonio nell'aldilà. Ottaviano scopre i corpi morti e ordina che sia data loro sepoltura con un funerale solenne.
user posted image




user posted image


La tragedia è ambientata a Roma, poco dopo la cacciata dei re etruschi della dinastia dei Tarquini. La città è in preda ad una sommossa dopo che le scorte di grano sono state negate al popolo. I rivoltosi sono particolarmente arrabbiati con Caio Marzio, un valoroso generale che incolpano della sparizione delle scorte alimentari. Incontrano dapprima un patrizio di nome Menenio Agrippa, quindi Caio Marzio stesso. Menenio tenta di placare i rivoltosi,mentre Coriolano si mostra sprezzante e dice che i plebei non meritano il grano perché non hanno servito l'esercito. Due tribuni della plebe, Bruto e Sicinio, denunciano personalmente Caio Marzio che lascia Roma quando giunge la notizia che l'esercito dei Volsci è pronto a dare battaglia.
Il capo dell'esercito dei Volsci, Tullo Aufidio, si è varie volte scontrato con Caio Marzio e lo considera un nemico giurato. L'esercito romano è guidato da Cominio, mentre Caio Marzio è il suo secondo. Mentre Cominio conduce i suoi soldati contro l'esercito di Aufidio, Caio Marzio guida una sortita contro la città volscia di Corioli. L'assedio di Corioli è inizialmente infruttuoso, ma Marzio riesce poi ad aprire con la forza le porte della città e a conquistarla per Roma. Anche se esausto per la battaglia, Marzio raggiunge velocemente Cominio e si batte conto le rimanenti forze dei Volsci. Lui e Aufidio si sfidano ad un duello che termina solo quando i soldati di Aufidio lo trascinano via dalla battaglia.
In segno di riconoscimento per il suo incredibile valore Comino concede a Marzio il soprannome onorifico di "Coriolano". Quando tornano a Roma Volumnia, la madre di Coriolano, incoraggia il figlio a candidarsi alla carica di console. Coriolano esita ma alla fine cede ai desideri della madre. Grazie al sostegno del Senato vince senza difficoltà e sulle prime sembra avere la meglio anche sugli oppositori della fazione popolare. Tuttavia Bruto e Sicinio tramano per distruggerlo e aizzano un'altra rivolta contro la sua elezione a console. Di fronte di tutto ciò Coriolano si infuria e critica duramente il concetto di governo del popolo. Paragona il permettere ai plebei di esercitare il potere sui patrizi al concedere "ai corvi di prendere a beccate le aquile". Per queste parole i due tribuni lo condannano come traditore e ordinano che sia mandato in esilio.
Dopo essere stato esiliato da Roma Coriolano si reca da Aufidio nella capitale dei Volsci e gli propone di guidare il suo esercito alla vittoria contro Roma. Aufidio e i nobili volsci abbracciano Coriolano e gli concedono di condurre un nuovo assalto contro la città.
Roma, in preda al panico, cerca disperatamente di convincere Coriolano di abbandonare i suoi propositi di vendetta, ma né Cominio né Menenio riescono nell'intento. A questo punto viene mandata ad incontrare il figlio Volumnia, insieme alla moglie e al figlio di Coriolano: la donna riesce a dissuadere il figlio dal distruggere Roma. Invece di muovere battaglia conclude un trattato di pace tra i Volsci e i Romani. Quando però Coriolano torna nella capitale dei Volsci, dei congiurati guidati da Aufidio lo uccidono per il suo tradimento.
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 3 2015, 10:26 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:33 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


L'inizio del racconto si svolge prima a Roma e in secondo luogo in Grecia (Filippi). Bruto, i cui antenati sono celebri per aver cacciato da Roma Tarquinio il Superbo (il fatto è descritto ne Il ratto di Lucrezia), è il figlio di Cesare. Bruto si lascia convincere ad entrare in una cospirazione, ordita da alcuni senatori romani tra cui Cassio, per impedire che Cesare trasformi la Repubblica romana in una monarchia. Dapprima Bruto si oppone a Cassio, ma poi, visto che la congiura acquista un crescente favore popolare, Bruto cambia idea e si unisce ai congiurati.
Cesare nel frattempo in un suo viaggio in Egitto si innamora follemente di Cleopatra e si uniscono in amore dando alla luce un figlio: Cesarione. Ritornato a Roma un indovino dice a Cesare di guardarsi dalle Idi di marzo, ma egli ignora l'avvertimento, e viene assassinato proprio quello stesso giorno. Dopo la morte di Cesare, comunque, un altro personaggio compare sullo sfondo come amico di Cesare: si tratta di Marco Antonio che, tramite il celeberrimo discorso Amici, Romani, cittadini, prestatemi orecchio, muove l'opinione pubblica contro gli assassini di Cesare. Dopo la morte di Cesare, Bruto attacca Cassio accusandolo di regicidio in cambio di denaro; i due in seguito si riconciliano, ma mentre entrambi si preparano alla guerra contro Marco Antonio e Ottaviano, lo spettro di Cesare appare a Bruto, annunciandogli la sua prossima sconfitta ("Ci rivedremo a Filippi" - atto IV, scena III).
Durante la battaglia le cose si mettono male per i cospiratori e sia Bruto che Cassio decidono di suicidarsi piuttosto che essere fatti prigionieri. La tragedia termina con un accenno alla futura frattura dei rapporti tra Marco Antonio e Ottaviano, che sarà sviluppata nella tragedia Antonio e Cleopatra. nell'ultima parte si accenna alla ascesa al potere di Ottaviano e la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31a.C.
user posted image




user posted image


La tragedia si apre in un'atmosfera di lampi e tuoni; tre Streghe, (Le Sorelle Fatali, le Norne) decidono che il loro prossimo incontro dovrà avvenire in presenza di Macbeth. Nella scena seguente, un ufficiale ferito riporta al re Duncan di Scozia che i suoi generali, Macbeth, barone di Glamis, e Banquo hanno appena sconfitto le forze congiunte di Norvegia e Irlanda, guidate dal ribelle Macdonwald. Macbeth, congiunto al re, viene lodato per il suo coraggio e prodezza in battaglia.
La scena cambia: Macbeth e Banquo stanno facendo considerazioni sul tempo e sulla loro vittoria. Mentre passeggiano nella brughiera, le tre streghe, che lo stavano aspettando, compaiono a loro e pronunciano profezie. Anche se Banquo per primo le sfida, esse si rivolgono a Macbeth. La prima lo saluta come Barone di Glamis, la seconda come Barone di Cawdor e la terza gli preannuncia che diverrà re in futuro. Macbeth sembra basito nel suo silenzio così Banquo ancora una volta le sfida. Le streghe lo informano che Banquo d'altra parte, sarà il capostipite di una dinastia di re. Mentre i due uomini si stupiscono delle parole delle streghe, queste svaniscono e un altro barone, Ross, un messaggero del re, subito arriva e informa Macbeth del titolo che questi ha appena acquisito: Barone di Cawdor. La prima profezia è così realizzata. Immediatamente Macbeth incomincia a nutrire l'ambizione di diventare re.
Macbeth scrive alla moglie delle profezie delle tre streghe. Quando Duncan decide di soggiornare al castello di Macbeth a Inverness, Lady Macbeth escogita un piano per ucciderlo e assicurare il trono di Scozia al marito. Anche se Macbeth mostra preoccupazione all’idea di un regicidio, Lady Macbeth alla fine lo persuade a seguire il suo piano.
Nella notte della visita, Macbeth uccide Duncan. L'azione non viene vista dal pubblico ma lascia Macbeth così scosso che Lady Macbeth deve assumere il comando del tutto. Secondo il suo piano, dirotta i sospetti sulle guardie del re addormentate davanti alla porta della stanza di Duncan, facendo trovare i pugnali insanguinati in mano loro. Il mattino dopo arrivano Lennox, un nobile scozzese e MacDuff, il leale barone di Fife. Il portiere apre il portone e Macbeth li conduce nella stanza del re dove MacDuff scopre il cadavere di Duncan. In un simulato attacco di rabbia, Macbeth uccide le tre guardie prima che queste possano reclamare la propria innocenza.
MacDuff è subito dubbioso riguardo la condotta di Macbeth ma non rivela i propri sospetti pubblicamente. Temendo per la propria vita, i figli di Duncan, scappano: Malcolm in Inghilterra e Donalbain in Irlanda. La fuga dei legittimi eredi li rende però dei sospetti e Macbeth sale al trono di Scozia come congiunto all'ex re defunto.
A dispetto del suo successo, Macbeth non è a suo agio riguardo la profezia per cui Banquo sarebbe diventato il capostipite di una dinastia di re. Così invita Banquo ad un banchetto reale e viene a sapere che Banquo e il suo giovane figlio, Fleance, sarebbero usciti per una cavalcata quella sera stessa. Macbeth ingaggia due sicari per uccidere Banquo e Fleance (un terzo sicario compare misteriosamente nel parco prima dell'omicidio). Mentre gli assassini uccidono Banquo, Fleance riesce a fuggire. Al banchetto si presenta il fantasma di Banquo che siede al posto riservato a Macbeth ma solo Macbeth può vederlo. Il resto dei convitati è spaventato dalla furia di Macbeth verso un seggio vuoto finché una disperata Lady Macbeth ordina a tutti di andare via.
Macbeth, sconvolto, si reca dalle streghe ancora una volta. Queste evocano tre spiriti latori di ulteriori profezie e avvertimenti:
« Guardati da MacDuff! »
(Prima apparizione: Una testa armata, Atto IV, scena I)
« Nessuno nato da donna potrà far danno a Macbeth »
(Seconda Apparizione: Un bambino insanguinato, Atto IV, scena I)
« Macbeth non verrà mai sconfitto finché il grande bosco di Birnan non avanzi verso l’alto colle di Dunsinane contro di lui »
(Terza Apparizione: Un bambino incoronato con un ramo d'albero nella mano, Atto IV, scena I)
Dal momento che MacDuff è in esilio in Inghilterra, Macbeth crede di essere al sicuro. La famiglia di MacDuff cade però preda della follia omicida di Macbeth che manda dei sicari al castello dei MacDuff, con l'incarico di ucciderne la moglie e i giovani figli.
Lady Macbeth incomincia ad essere tormentata dal peso degli omicidi ordinati che grava sul suo subconscio. In una famosa scena, Lady Macbeth cammina nel sonno e prova a lavare via l'immaginaria macchia di sangue dalle sue mani e confessando tutti i misfatti, tra la paura e il piacere, senza l'ombra del minimo pentimento anche nelle ore estreme della sua esistenza.
In Inghilterra MacDuff e Malcolm pianificano l'invasione della Scozia. Macbeth, adesso identificato come un tiranno, vede che molti baroni disertano. Malcolm guida un esercito con MacDuff e Siward, conte di Northumbria, contro il castello di Dunsinane. Accampati nel bosco di Birnan, ai soldati viene ordinato di tagliare i rami degli alberi per mascherare il loro numero, realizzando così la terza profezia delle streghe: reggendo i rami degli alberi innumerevoli soldati rassomigliano al bosco di Birnan che avanza verso Dunsinane. Nel frattempo Macbeth pronuncia il famoso soliloquio ("Domani e domani e domani") alla notizia della morte di Lady Macbeth (la causa non è chiara; si presume che ella abbia commesso suicidio).
La battaglia culmina nell'uccisione del giovane Siward e nel confronto finale tra Macbeth e MacDuff. Macbeth pensa con arroganza che non ha alcun motivo di temere MacDuff perché non può essere ferito o ucciso da "nessuno nato da donna". MacDuff però dichiara di "essere stato strappato prima del tempo dal ventre di sua madre" e che quindi non era propriamente "nato" da donna. Macbeth capisce troppo tardi che le streghe lo avevano fuorviato. I due combattono e MacDuff decapita Macbeth, realizzando così l'ultima delle profezie.
Anche se Malcolm, e non Fleance, sale al trono, la profezia delle streghe riguardante Banquo venne ritenuta veritiera dal pubblico di Shakespeare, che riteneva che re Giacomo I fosse diretto discendente di Banquo.
user posted image




user posted image


Otello é un generale moro, al servizio della repubblica veneta, al quale è stato affidato il compito di comandare l'esercito veneziano contro i Turchi nell'isola di Cipro. All'inizio del dramma, Otello parte da Venezia in compagnia del luogotenente Cassio, lo avrebbe seguito Desdemona, sposata al Moro in gran segreto (ma fatto svelare da Iago) scortata da Iago ed Emilia. All'arrivo, scoprono che la flotta turca è stata distrutta dalla tempesta. L'infido alfiere Iago tenta in vari modi di far destituire Cassio, riuscendoci infine con uno stratagemma grazie all'aiuto di Roderigo. Con l'ignara complicità della moglie Emilia, Iago fa arrivare un prezioso fazzoletto di Desdemona tra le mani di Cassio, convincendo Otello (che lo osserva di nascosto su consiglio di Iago) del tradimento di Desdemona. Le false difese di Cassio da parte di Iago e le sue studiate reticenze sono la parte centrale dell'opera di persuasione che sfocia nella furia cieca del Moro. Otello uccide Desdemona nel letto nuziale, travolto dalla gelosia.
Nell'immediato epilogo, Emilia rivela che il tradimento di Desdemona era soltanto un'invenzione del marito Iago, il quale freddamente la uccide seduta stante. Otello, preso dal rimorso, a sua volta si toglie la vita. Iago infine viene portato via, condannato a subire tortura. Cassio, invece, prende il posto di Otello.
user posted image




user posted image


Il dramma comincia con la decisione di re Lear di abdicare e dividere il suo regno fra le tre figlie Gonerilla, Regana e Cordelia. Le prime due sono già sposate, mentre Cordelia ha molti pretendenti, in parte perché è la figlia preferita dal padre. In un accesso di vanità senile, il re propone una gara: ogni figlia riceverà dei territori in proporzione all'amore verso il padre che saprà dimostrare con le sue parole. Ma il piano fallisce. Cordelia si rifiuta di gareggiare con l'adulazione delle sorelle maggiori, poiché è convinta che i suoi veri sentimenti sarebbero immiseriti dall'adulazione rivolta al proprio vantaggio. Lear, per ripicca, divide la sua quota del regno che le spetterebbe fra Gonerilla e Regana, e mette al bando Cordelia. Tuttavia il re di Francia la sposa, benché diseredata, poiché apprezza la sua sincerità, o forse perché vuole un casus belli per una successiva invasione dell'Inghilterra.
Poco dopo aver abdicato, Lear scopre che i sentimenti di Gonerilla e Regana verso di lui si sono raffreddati; ne nascono discussioni. Il conte di Kent, che ha preso le difese di Cordelia ed è stato messo al bando, ritorna travestito da Caio, un servo, che "non vuole mangiare pesce" (ossia è un protestante), per proteggere il re al quale resta fedele. Nel frattempo, Gonerilla e Regana litigano a causa della loro attrazione per Edmund, figlio illegittimo del conte di Gloucester, e sono costrette ad affrontare un esercito francese, guidato da Cordelia, mandato a ricollocare sul trono Lear. Si combatte una guerra devastante.
La trama secondaria coinvolge il conte di Gloucester e i suoi due figli, Edgar e Edmund. Edmund inventa racconti calunniosi sul fratellastro legittimo; Edgar è costretto all'esilio e a fingersi pazzo. Edmund corteggia Gonerilla e Regana. Il conte di Gloucester è affrontato dal duca di Cornovaglia, marito di Regana, ma è salvato da alcuni servi di quest'ultimo che accusano il duca di aver trattato ingiustamente Lear. Il duca, ferito da un servo (che viene ucciso da Regana), abbandona Gloucester nella tempesta dopo averlo accecato, perché "fiuti la strada per Dover". Poco dopo il duca di Cornovaglia muore per la ferita riportata. Nella scena della tempesta Lear esclama che è "più un uomo contro il quale si pecca che un peccatore".
Edgar, ancora travestito da pazzo vagabondo, scopre Gloucester abbandonato nella tempesta. Il conte gli chiede la strada per Dover, e Edgar risponde che lo guiderà lui. Gloucester non riconosce la voce del figlio, che è turbato dall'incontro col padre cieco.
A Dover, Lear si aggira farneticando e parlando ai topi. Gloucester tenta di uccidersi gettandosi da una roccia, ma il figlio Edgar, con l'inganno, lo salva; poco dopo incontra il re. Lear e Cordelia si incontrano e rappacificano poco prima della battaglia tra Britannia e Francia. Dopo la sconfitta dei francesi, Lear pensa con gioia alla prospettiva di vivere in prigione insieme a Cordelia, ma Edmund ordina che essi siano condannati a morte.
Edgar, travestito, si scontra con Edmund e lo ferisce a morte. A questa vista, Gonerilla, che per gelosia ha già avvelenato Regana, si uccide. Edgar rivela a Edmund la propria identità e lo informa che Gloucester è appena deceduto. Nell'apprendere questo, e le morti di Gonerilla e Regana, Edmund riferisce a Edgar di aver disposto l'uccisione di Lear e Cordelia, e dà ordine che l'esecuzione sia sospesa - forse il suo unico gesto di bontà in tutto il dramma.
Disgraziatamente, la sospensione arriva troppo tardi. Lear appare sulla scena portando fra le braccia il cadavere di Cordelia, dopo aver ucciso il servo che l'ha impiccata, poi muore anch'egli di dolore.
Oltre alla trama secondaria che riguarda il conte di Gloucester e i suoi figli, la principale innovazione introdotta da Shakespeare nella vicenda è la morte di Cordelia e di Lear nel finale. Nei secoli XVIII e XIX, questa conclusione tragica ricevette molte critiche, e furono scritte e rappresentate versioni alternative, in cui i personaggi principali si salvavano dalla morte e Cordelia sposava Edgar.
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 3 2015, 10:27 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:34 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Nel prologo, il coro racconta agli spettatori come due nobili famiglie di Verona, i Montecchi e i Capuleti, si siano osteggiate per generazioni e che "dai fatali lombi di due nemici discende una coppia di amanti, nati sotto cattiva stella cui tragico suicidio porrà fine al conflitto".
Il primo atto comincia con una rissa di strada tra i servi delle due famiglie, interrotta dal Principe di Verona, che per ogni ulteriore scontro dichiarerà responsabili con le loro stesse vite i capi delle due famiglie per poi disperdere la folla. Paride, un giovane nobile, ha chiesto al Capuleti di dargli in moglie la figlia quattordicenne, Giulietta. Capuleti lo invita ad attirarne l'attenzione durante il ballo in maschera del giorno seguente, mentre la madre di Giulietta cerca di convincerla ad accettare le offerte di Paride. Questa scena introduce la nutrice di Giulietta, l'elemento comico del dramma. Il rampollo sedicenne dei Montecchi, Romeo, è innamorato di Rosalina, una Capuleti (personaggio che non compare mai). Mercuzio (amico di Romeo e congiunto del Principe) e Benvolio (cugino di Romeo) cercano invano di distogliere Romeo dalla sua malinconia, quindi decidono di andare mascherati alla casa dei Capuleti, per divertirsi e cercare di dimenticare. Romeo, che spera di vedere Rosalina al ballo, incontra invece Giulietta.
I due ragazzi si scambiano poche parole, ma queste sono sufficienti a farli innamorare l'uno dell'altra e a baciarsi. Prima che il ballo finisca, la Balia dice a Giulietta il nome di Romeo, e (separatamente) viceversa.Proprio in tale scena Giulietta canta il suo amore per Romeo nella celebre aria di "Je Ve Vivrè".Romeo rischiando la vita, resta nel giardino dei Capuleti dopo la fine della festa, e nella famosa scena del balcone, i due si dichiarano il loro amore e decidono di sposarsi in segreto. Il giorno seguente, con l'aiuto della Balia, il francescano Frate Lorenzo unisce in matrimonio Romeo e Giulietta, sperando così di portare pace tra le due famiglie attraverso la loro unione.
Le cose precipitano quando Tebaldo, cugino di Giulietta e di temperamento iracondo, incontra Romeo e cerca di provocarlo a un duello. Romeo rifiuta di combattere contro colui che è ormai anche suo cugino, ma Mercuzio (ignaro di ciò) raccoglie la sfida. Tentando di separarli, Romeo inavvertitamente permette a Tebaldo di ferire Mercuzio, che muore augurando "la peste a tutt'e due le vostre famiglie". Romeo, nell'ira, uccide Tebaldo. Il Principe condanna Romeo solo all'esilio (perché Mercuzio era suo congiunto e Romeo l'ha solo vendicato): dovrà lasciare la città prima dell'alba del giorno seguente. I due sposi riescono a passare insieme un'unica notte d'amore. All'alba, svegliati dal canto dell'allodola, messaggera del mattino (che vorrebbero fosse il canto notturno dell'usignolo), si separano e Romeo fugge a Mantova.
Giulietta dovrebbe però sposarsi tre giorni dopo con Paride. Frate Lorenzo, esperto in erbe medicamentose, dà a Giulietta una pozione che la porterà a una morte apparente per quaranta ore. Nel frattempo il frate manda un messaggero a informare Romeo affinché egli la possa raggiungere al suo risveglio e fuggire da Mantova.
Sfortunatamente il messaggero del frate non riesce a raggiungere Romeo poiché Mantova è sotto quarantena per la peste, e Romeo viene a sapere da un servitore della famiglia del funerale di Giulietta (una interessante incongruenza nella storia: come avrebbe fatto il servitore a tornare a Mantova dopo aver assistito al "funerale" di Giulietta?). Romeo si procura un veleno, torna a Verona in segreto e si inoltra nella cripta dei Capuleti, determinato ad unirsi a Giulietta nella morte.
Romeo, dopo aver ucciso in duello Paride, che era giunto anche lui nella cripta, e aver guardato teneramente Giulietta un'ultima volta, si avvelena pronunciando la famosa battuta "E così con un bacio io muoio" (Atto 5 scena III). Quando Giulietta si sveglia, trovando l'amante e Paride morti accanto a lei, si trafigge così con il pugnale di Romeo.
Nella scena finale, le due famiglie e il Principe accorrono alla tomba, dove Frate Lorenzo gli rivela l'amore e il matrimonio segreto di Romeo e Giulietta. Le due famiglie, come anticipato nel prologo, sono riconciliate dal sangue dei loro figli, e pongono fine alla loro guerra.
user posted image




user posted image


L' Imperatore di Roma è morto, e i suoi figli Saturnino e Bassiano litigano per il possesso del trono. Il Tribuno della plebe, Marco Andronico, annuncia che la plebe ha scelto come nuovo imperatore suo fratello, Tito Andronico, un generale romano appena ritornato da una campagna militare durata 10 anni contro i nemici dell'impero. Tito entra a Roma portando con sé dei prigionieri: Tamora, la regina dei Goti, i suoi figli e Aronne il Moro. Tito ritiene un suo pio dovere religioso sacrificare il primo figlio di Tamora, Alarbo alla memoria dei propri figli caduti durante la guerra. Tamora lo implora di non sacrificare Alarbo, e quando Alarbo viene comunque sacrificato, giura vendetta.
Tito Andronico rifiuta, in segno di umiltà, di diventare imperatore e rinuncia in favore del figlio maggiore del vecchio imperatore, Saturnino; i due si accordano per il matrimonio di Saturnino con la figlia prediletta di Tito, Lavinia. Non sanno che Bassiano e la ragazza si erano precedentemente sposati in segreto: i ragazzi decidono di fuggire, aiutati da un altro dei figli di Tito, Muzio. Nel tentativo di impedire la fuga Tito si scontra con Muzio e lo uccide.
Saturnino, novello imperatore, decide quindi di sposare invece Tamora. Spinti l'uno dall'invidia per la popolarità di Tito e dall'affronto subìto per il rifiuto di Lavinia, l'altra dall'odio verso chi ha ucciso il suo figlio maggiore, la coppia decide di vendicarsi sulla famiglia di Andronico.
Il giorno seguente, durante una battuta di caccia, Aronne, l'amante di Tamora, incontra i figli di Tamora, Chirone e Demetrio, e discute con loro su chi dovrebbe prendersi le grazie di Lavinia.
Aronne ha gioco facile nel convincerli a tendere un agguato nel bosco a Bassiano e ad ucciderlo davanti a Lavinia mentre Tamora osserva soddisfatta. Lavinia disperata chiede aiuto a Tamora ed implora pietà. Tamora rifiuta: vuole la sua vendetta. Chirone e Demetrio portano via Lavinia, la torturano, la violentano e, successivamente, le tagliano la lingua e le mozzano le mani.
Aronne conduce quindi i figli di Tito, Marzio e Quinto, nel luogo in cui è stato ucciso Bassiano, e li accusa fraudolentemente dell'omicidio; l'Imperatore ha così la scusa per farli arrestare. Nel frattempo Marco trova la mutilata Lavinia nel bosco, la soccorre e la riconduce dal padre.
Tito e il suo figlio rimanente sono preoccupati per le vite di Marzio e Quinto, ma non sanno che questi sono già stati giustiziati. Marco entra con la sorella Lavinia, ma nessuno riesce a capire se lei tentasse di scagionare o incolpare i suoi fratelli.
Entra Aronne, e dice agli uomini che l'Imperatore risparmierà i prigionieri, se uno di loro in cambio sacrificherà una mano. Tutti offrono di sacrificare la propria, ma è Tito a tagliarsela e a consegnarla ad Aronne, che la porta all'Imperatore. Come tutta risposta, un messaggero consegna a Tito le teste mozzate dei suoi figli.
Tito ordina quindi a Lucio di fuggire da Roma e di radunare un esercito tra quelli che erano in precedenza i suoi nemici, i Goti. Una volta tornato a casa, la disperazione di Tito sconfina nella follia, e i suoi familiari cominciano ad essere veramente preoccupati per lui.
Il nipote di Tito, che stava aiutando Tito a leggere alcune storie a Lavinia, si accorge che ella non vuole lasciare il libro per nessun motivo. In quel libro, Lavinia mostra a Tito e a Marco la storia di Filomela, nella quale la vittima di una violenza, muta come ora lei era, scrive il nome del suo brutalizzatore. Marco le dà un bastone grande abbastanza perché lei lo possa stringere con la bocca e con i moncherini, e con esso la ragazza scrive i nomi degli aggressori nel terreno sabbioso. Una volta letti, tutti i presenti giurano vendetta.
Tito si finge allora impazzito, fa legare dei biglietti con scritte preghiere e invocazioni agli dei a delle frecce, e ordina ai suoi scudieri di scagliarle verso il cielo. Marco lancia le sue frecce in modo tale che atterrino all'interno del palazzo dell'imperatore Saturnino: costui si irrita molto per questo, ed ordina di giustiziare un buffone che gli aveva consegnato l'ennesima supplica da parte di Tito.
Tamora intanto partorisce un bambino di pelle scura: l'ostetrica potrebbe rivelare che il padre in realtà non è altri che Aronne. Egli decide così di uccidere la serva e fugge con il bambino per salvarlo dall'inevitabile furia dell'Imperatore tradito.
Lucio, mentre sta marciando su Roma con l'esercito appena radunato, incontra Aronne e lo cattura. Per poter salvare suo figlio, Aronne rivela quindi l'intero complotto, confessandosi ispiratore degli omicidi, dello stupro e delle mutilazioni di Lavinia.
Tamora, convinta della pazzia di Tito, va da lui insieme ai suoi due figli, travestiti come gli spiriti della Vendetta, dell' Assassinio e dello Stupro. Racconta a Tito che, con i suoi poteri di spirito sovrannaturale, gli assicurerà la sua vendetta se egli convincerà Lucio ad interrompere l'avanzata verso Roma.
Tito acconsente, manda Marco ad invitare Lucio a partecipare ad un banchetto e chiede a "Vendetta" (in realtà Tamora), di invitare anche l'Imperatore. Insiste però affinché "Stupro" e " Assassinio" (Chirone e Demetrio) restino lì con lui, suoi ospiti.
Tito fa legare Chirone e Demetrio dai suoi servi e a quel punto rivela loro il suo piano: li sgozzerà, mentre Lavinia raccoglierà il loro sangue stringendo una coppa con i suoi moncherini, quindi li farà a pezzi e con le loro carni preparerà un pasticcio che verrà servito durante il banchetto alla loro madre. È la stessa vendetta che Procne si prese per lo stupro della sorella Filomela.
Il giorno del banchetto Tito si presenta nel salone di casa sua vestito da cuoco, ed invita tutti a mangiare a sazietà. Chiede quindi a Saturnino se un padre dovrebbe uccidere la figlia se essa fosse stata stuprata. Quando l'Imperatore si dichiara d'accordo, Tito improvvisamente uccide Lavinia e dice a Saturnino ciò che Tamora e i suoi figli hanno fatto. Rivela anche che Chirone e Demetrio si trovano nel pasticcio di carne che Tamora ha appena mangiato con soddisfazione, e subito dopo uccide l'inorridita perfida donna. Gli eventi precipitano. Saturnino uccide Tito: Lucio uccide Saturnino.
Lucio viene acclamato come nuovo imperatore. Egli, lo zio Marco e tutti i presenti tributano un commosso ed addolorato addio a a Tito.
Lucio dispone quindi che sia data un'appropriata sepoltura all'imperatore Saturnino, mentre il corpo di Tamora venga dato in pasto alle bestie. Quanto ad Aronne sia seppellito vivo fino alle spalle e lasciato a morire di fame e sete.
Aronne, impenitente e orgoglioso fino all'ultimo proclama:
« Se mai ho commesso una sola buona azione in tutta la mia vita
me ne pento dal profondo dell'anima »
(William Shakespeare - Tito Andronico)

user posted image





user posted image


La tragedia è ambientata nel corso della guerra di Troia ed ha in pratica due intrecci distinti. In uno Troilo, un principe troiano, corteggia Cressida, fa l'amore con lei e le giura eterno amore poco prima che sia mandata dai Greci in cambio di un prigioniero di guerra. Quando tenta di andarla a trovare nell'accampamento greco, la sorprende in intimità con Diomede e decide che è solo una prostituta.
Nonostante questo intreccio sia quello che dà il titolo all'opera, in realtà si risolve in poche scene: la maggior parte della tragedia ruota attorno ad un piano ordito da Nestore ed Odisseo per spingere l'orgoglioso Achille a scendere nuovamente in battaglia tra le file greche.
L'opera si chiude con una serie di scontri tra i due schieramenti e la morte dell'eroe troiano Ettore.
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 3 2015, 10:27 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 3 2015, 06:34 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Amleto al cinema
▪ Amleto (Le duel d'Hamlet) - Regia di Clément Maurice - Francia, 1900 - Interpreti: Sarah Bernhardt (Amleto), Pierre Magnier (Laerte).
▪ Amleto (Hamlet) - Regia di Georges Méliès - Francia, 1907 (probabilmente perduto) Formato: B.N., muto, proiezioni animate. Durata: 10'.
▪ Amleto - Regia di Mario Caserini - Italia, 1908
▪ Amleto - Regia di Luca Comerio - Italia, 1908
▪ Amleto - Regia di Mario Caserini - Italia, 1910
▪ Amleto - Regia di Arturo Ambrosio - Italia, 1914
▪ Amleto - Regia di Eleuterio Rodolfi - Italia, 1917 - Interpreti: Ruggero Ruggeri (Amleto), Enrico Gemelli (Claudio), Mercedes Brignone (Gertrude).
▪ Amleto (Hamlet) - RFT, 1960 - Regia di Franz Peter Wirth - Interpreti: Maximilian Schell (Amleto).
▪ Amleto (Hamlet) - USA, 1964 - Regia di B. Colleran (regia teatrale John Gielgud) - Interpreti: Richard Burton (Amleto), Hume Cronin (Polonio), John Gielgud (il fantasma).
▪ Hamlet at Elsinore - Regia di Philip Saville - GB-Danimarca, 1964 - Interpreti: Christopher Plummer (Amleto), Robert Shaw (Claudio), Michael Caine (Orazio), Donald Sutherland (Fortebraccio), Jo Maxwell Muller (Ofelia), Steven Berkoff (Luciano), Lindsay Kemp.
▪ Amleto (Hamlet) - Regia di Tony Richardson - GB, 1969 - Interpreti: Nicol Williamson (Amleto), Anthony Hopkins (Claudio), Judy Parfitt (Gertrude), Marianne Faithfull (Ofelia).
▪ Amleto (Hamlet) - Regia di David Giles - GB-USA, 1972 - Interpreti Faith Brook (Gertrude) Susan Fleetwood (Ophelia) Ian McKellen (Amleto) John Woodvine (Claudio)
▪ Amleto - Regia di Celestino Coronado 1976
▪ Hamlet 2000 - regia Michael Almereyda - USA, 2000, col.; durata: 123' - interpreti Ethan Hawke (Amleto), Kyle MacLachlan (Claudio), Sam Shepard (il fantasma del padre), Diane Venora (Gertrude), Julia Stiles (Ofelia), Karl Geary (Orazio)
▪ La tragedia di Amleto (The Tragedy of Hamlet) (TV) - regia di Peter Brook - Francia 2002, 134' - interpreti Adrian Lester (Amleto), Natasha Parry (Gertrude), Bruce Myers (Polonio), Scott Handy, Jeffery Kissoon, Yoshi Oida (Attore che impersona il re)


Amleto nella musica

Opere liriche

Almeno 26 opere liriche sono state scritte basandosi su Amleto, tra cui:
▪ Amleto, di Francesco Gasparini (1706)
▪ Amleto, di Domenico Scarlatti (1715)
▪ Amleto, di Giuseppe Carcani (1741)
▪ Amleto, di Luigi Caruso (1789)
▪ Amleto, di Gaetano Andreozzi (1792)
▪ Amleto, di Saverio Mercadante (1822)
▪ Amleto, di Antonio Buzzola (1848)
▪ Amleto, di Angelo Zanardini (1854)
▪ Amleto, di Luigi Moroni (1860)
▪ Amleto, di Franco Faccio (libretto di Arrigo Boito) (1865)
▪ Amleto, di Vittorino Joncières (1867)
▪ Amleto, di Aristide Hignard (1888)
▪ Amleto, di Edoardo Keurvels (1891)
▪ Amleto, di Alfredo Grandi (1898)
▪ Amleto, di Mario Zafred (1961)
▪ Hamlet, di Humphrey Searle (1968)
▪ Hamlet, di Giorgio Lanzani (2006)

Poemi sinfonici
▪ Hamlet di Franz Liszt (1858)
▪ Hamlet e Ophelia, poemi sinfonici di Edward MacDowell

Musica leggera
▪ Un'Ofelia compare anche nella canzone "Via della povertà" di Fabrizio De André (1974), come del resto nell'originale inglese "Desolation Row" di Bob Dylan (1965).
▪ La canzone "Ophelia", dall'album Sitting Targets di Peter Hammill tratta anch'essa del personaggio dell'Amleto.


Amleto nella letteratura
L'Ambleto di Giovanni Testori, appartenente alla Trilogia degli scarrozzati scritta dall'autore. In questa versione della tragedia gli interpreti, dal nome storpiato, ripercorrono a grandi linee la vicenda originale esprimendosi in dialetto lombardo.


Curiosità
▪ Dell'Amleto esiste persino una traduzione in Klingoniano, sebbene non sia mai stata rappresentata.
user posted image




user posted image


Antonio e Cleopatra al cinema
▪ Marcantonio e Cleopatra - regia di Enrico Guazzoni - Italia (1913) - Interpreti: Gianna Terribili Gonzalez (Cleopatra), Amleto Novelli Marco Antonio
▪ Cleopatra - regia di Cecil B. DeMille - USA (1934) - Interpreti: Claudette Colbert (Cleopatra), Warren William (Giulio Cesare), Henry Wilcoxon (Marcantonio)
▪ La vita intima di Marcantonio e Cleopatra (La vida intima de Marco Antonio y Cleopatra) - regia di Roberto Gavaldòn - Messico (1947) - Interpreti: Maria A. Pons (Cleopatra), Luis Sandrini (Marcantonio)
▪ All'ombra delle piramidi (Antony and Cleopatra) - Regia di Charlton Heston - Svizzera-Spagna-GB (1972) - Interpreti: Charlton Heston (Marco Antonio), Hildegard Neil (Cleopatra), Eric Porter, Fernando Rey, John Castle
▪ Antonio e Cleopatra (Antony and Cleopatra) - Regia di John Scoffield (regia teatrale T. Nunn, B. Goodbody, E. Smith) GB, 1974 - Interpreti: Richard Jonson (Marco Antonio), Janet Suzman (Cleopatra), Patrick Stewart (Enobarbo), :Corin Redgrave (Ottaviano)
▪ Antonio e Cleopatra 1981, film per la televisione, prodotto all'interno della serie BBC Shakespeare, con Colin Blakely (Antonio) e Jane Lapotaire (Cleopatra).
▪ Antonio e Cleopatra 1983, film per la televisione con Timothy Dalton (Antonio) e Lynn Redgrave (Cleopatra).
user posted image




user posted image


Coriolano al cinema
▪ Coriolanus - Regia di W. Leach - USA, 1979 - Interpreti: Morgan Freeman (Coriolano), Gloria Footer (Volumnia), Earle Hyman (Cominio).
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 3 2015, 10:28 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:03 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


L'inizio del racconto si svolge prima a Roma e in secondo luogo in Grecia (Filippi). Bruto, i cui antenati sono celebri per aver cacciato da Roma Tarquinio il Superbo (il fatto è descritto ne Il ratto di Lucrezia), è il figlio di Cesare. Bruto si lascia convincere ad entrare in una cospirazione, ordita da alcuni senatori romani tra cui Cassio, per impedire che Cesare trasformi la Repubblica romana in una monarchia. Dapprima Bruto si oppone a Cassio, ma poi, visto che la congiura acquista un crescente favore popolare, Bruto cambia idea e si unisce ai congiurati.
Cesare nel frattempo in un suo viaggio in Egitto si innamora follemente di Cleopatra e si uniscono in amore dando alla luce un figlio: Cesarione. Ritornato a Roma un indovino dice a Cesare di guardarsi dalle Idi di marzo, ma egli ignora l'avvertimento, e viene assassinato proprio quello stesso giorno. Dopo la morte di Cesare, comunque, un altro personaggio compare sullo sfondo come amico di Cesare: si tratta di Marco Antonio che, tramite il celeberrimo discorso Amici, Romani, cittadini, prestatemi orecchio, muove l'opinione pubblica contro gli assassini di Cesare. Dopo la morte di Cesare, Bruto attacca Cassio accusandolo di regicidio in cambio di denaro; i due in seguito si riconciliano, ma mentre entrambi si preparano alla guerra contro Marco Antonio e Ottaviano, lo spettro di Cesare appare a Bruto, annunciandogli la sua prossima sconfitta ("Ci rivedremo a Filippi" - atto IV, scena III).
Durante la battaglia le cose si mettono male per i cospiratori e sia Bruto che Cassio decidono di suicidarsi piuttosto che essere fatti prigionieri. La tragedia termina con un accenno alla futura frattura dei rapporti tra Marco Antonio e Ottaviano, che sarà sviluppata nella tragedia Antonio e Cleopatra. nell'ultima parte si accenna alla ascesa al potere di Ottaviano e la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31a.C.
user posted image




user posted image


La tragedia si apre in un'atmosfera di lampi e tuoni; tre Streghe, (Le Sorelle Fatali, le Norne) decidono che il loro prossimo incontro dovrà avvenire in presenza di Macbeth. Nella scena seguente, un ufficiale ferito riporta al re Duncan di Scozia che i suoi generali, Macbeth, barone di Glamis, e Banquo hanno appena sconfitto le forze congiunte di Norvegia e Irlanda, guidate dal ribelle Macdonwald. Macbeth, congiunto al re, viene lodato per il suo coraggio e prodezza in battaglia.
La scena cambia: Macbeth e Banquo stanno facendo considerazioni sul tempo e sulla loro vittoria. Mentre passeggiano nella brughiera, le tre streghe, che lo stavano aspettando, compaiono a loro e pronunciano profezie. Anche se Banquo per primo le sfida, esse si rivolgono a Macbeth. La prima lo saluta come Barone di Glamis, la seconda come Barone di Cawdor e la terza gli preannuncia che diverrà re in futuro. Macbeth sembra basito nel suo silenzio così Banquo ancora una volta le sfida. Le streghe lo informano che Banquo d'altra parte, sarà il capostipite di una dinastia di re. Mentre i due uomini si stupiscono delle parole delle streghe, queste svaniscono e un altro barone, Ross, un messaggero del re, subito arriva e informa Macbeth del titolo che questi ha appena acquisito: Barone di Cawdor. La prima profezia è così realizzata. Immediatamente Macbeth incomincia a nutrire l'ambizione di diventare re.
Macbeth scrive alla moglie delle profezie delle tre streghe. Quando Duncan decide di soggiornare al castello di Macbeth a Inverness, Lady Macbeth escogita un piano per ucciderlo e assicurare il trono di Scozia al marito. Anche se Macbeth mostra preoccupazione all’idea di un regicidio, Lady Macbeth alla fine lo persuade a seguire il suo piano.
Nella notte della visita, Macbeth uccide Duncan. L'azione non viene vista dal pubblico ma lascia Macbeth così scosso che Lady Macbeth deve assumere il comando del tutto. Secondo il suo piano, dirotta i sospetti sulle guardie del re addormentate davanti alla porta della stanza di Duncan, facendo trovare i pugnali insanguinati in mano loro. Il mattino dopo arrivano Lennox, un nobile scozzese e MacDuff, il leale barone di Fife. Il portiere apre il portone e Macbeth li conduce nella stanza del re dove MacDuff scopre il cadavere di Duncan. In un simulato attacco di rabbia, Macbeth uccide le tre guardie prima che queste possano reclamare la propria innocenza.
MacDuff è subito dubbioso riguardo la condotta di Macbeth ma non rivela i propri sospetti pubblicamente. Temendo per la propria vita, i figli di Duncan, scappano: Malcolm in Inghilterra e Donalbain in Irlanda. La fuga dei legittimi eredi li rende però dei sospetti e Macbeth sale al trono di Scozia come congiunto all'ex re defunto.
A dispetto del suo successo, Macbeth non è a suo agio riguardo la profezia per cui Banquo sarebbe diventato il capostipite di una dinastia di re. Così invita Banquo ad un banchetto reale e viene a sapere che Banquo e il suo giovane figlio, Fleance, sarebbero usciti per una cavalcata quella sera stessa. Macbeth ingaggia due sicari per uccidere Banquo e Fleance (un terzo sicario compare misteriosamente nel parco prima dell'omicidio). Mentre gli assassini uccidono Banquo, Fleance riesce a fuggire. Al banchetto si presenta il fantasma di Banquo che siede al posto riservato a Macbeth ma solo Macbeth può vederlo. Il resto dei convitati è spaventato dalla furia di Macbeth verso un seggio vuoto finché una disperata Lady Macbeth ordina a tutti di andare via.
Macbeth, sconvolto, si reca dalle streghe ancora una volta. Queste evocano tre spiriti latori di ulteriori profezie e avvertimenti:
« Guardati da MacDuff! »
(Prima apparizione: Una testa armata, Atto IV, scena I)
« Nessuno nato da donna potrà far danno a Macbeth »
(Seconda Apparizione: Un bambino insanguinato, Atto IV, scena I)
« Macbeth non verrà mai sconfitto finché il grande bosco di Birnan non avanzi verso l’alto colle di Dunsinane contro di lui »
(Terza Apparizione: Un bambino incoronato con un ramo d'albero nella mano, Atto IV, scena I)
Dal momento che MacDuff è in esilio in Inghilterra, Macbeth crede di essere al sicuro. La famiglia di MacDuff cade però preda della follia omicida di Macbeth che manda dei sicari al castello dei MacDuff, con l'incarico di ucciderne la moglie e i giovani figli.
Lady Macbeth incomincia ad essere tormentata dal peso degli omicidi ordinati che grava sul suo subconscio. In una famosa scena, Lady Macbeth cammina nel sonno e prova a lavare via l'immaginaria macchia di sangue dalle sue mani e confessando tutti i misfatti, tra la paura e il piacere, senza l'ombra del minimo pentimento anche nelle ore estreme della sua esistenza.
In Inghilterra MacDuff e Malcolm pianificano l'invasione della Scozia. Macbeth, adesso identificato come un tiranno, vede che molti baroni disertano. Malcolm guida un esercito con MacDuff e Siward, conte di Northumbria, contro il castello di Dunsinane. Accampati nel bosco di Birnan, ai soldati viene ordinato di tagliare i rami degli alberi per mascherare il loro numero, realizzando così la terza profezia delle streghe: reggendo i rami degli alberi innumerevoli soldati rassomigliano al bosco di Birnan che avanza verso Dunsinane. Nel frattempo Macbeth pronuncia il famoso soliloquio ("Domani e domani e domani") alla notizia della morte di Lady Macbeth (la causa non è chiara; si presume che ella abbia commesso suicidio).
La battaglia culmina nell'uccisione del giovane Siward e nel confronto finale tra Macbeth e MacDuff. Macbeth pensa con arroganza che non ha alcun motivo di temere MacDuff perché non può essere ferito o ucciso da "nessuno nato da donna". MacDuff però dichiara di "essere stato strappato prima del tempo dal ventre di sua madre" e che quindi non era propriamente "nato" da donna. Macbeth capisce troppo tardi che le streghe lo avevano fuorviato. I due combattono e MacDuff decapita Macbeth, realizzando così l'ultima delle profezie.
Anche se Malcolm, e non Fleance, sale al trono, la profezia delle streghe riguardante Banquo venne ritenuta veritiera dal pubblico di Shakespeare, che riteneva che re Giacomo I fosse diretto discendente di Banquo.
user posted image




user posted image


Otello é un generale moro, al servizio della repubblica veneta, al quale è stato affidato il compito di comandare l'esercito veneziano contro i Turchi nell'isola di Cipro. All'inizio del dramma, Otello parte da Venezia in compagnia del luogotenente Cassio, lo avrebbe seguito Desdemona, sposata al Moro in gran segreto (ma fatto svelare da Iago) scortata da Iago ed Emilia. All'arrivo, scoprono che la flotta turca è stata distrutta dalla tempesta. L'infido alfiere Iago tenta in vari modi di far destituire Cassio, riuscendoci infine con uno stratagemma grazie all'aiuto di Roderigo. Con l'ignara complicità della moglie Emilia, Iago fa arrivare un prezioso fazzoletto di Desdemona tra le mani di Cassio, convincendo Otello (che lo osserva di nascosto su consiglio di Iago) del tradimento di Desdemona. Le false difese di Cassio da parte di Iago e le sue studiate reticenze sono la parte centrale dell'opera di persuasione che sfocia nella furia cieca del Moro. Otello uccide Desdemona nel letto nuziale, travolto dalla gelosia.
Nell'immediato epilogo, Emilia rivela che il tradimento di Desdemona era soltanto un'invenzione del marito Iago, il quale freddamente la uccide seduta stante. Otello, preso dal rimorso, a sua volta si toglie la vita. Iago infine viene portato via, condannato a subire tortura. Cassio, invece, prende il posto di Otello.
user posted image




user posted image


Il dramma comincia con la decisione di re Lear di abdicare e dividere il suo regno fra le tre figlie Gonerilla, Regana e Cordelia. Le prime due sono già sposate, mentre Cordelia ha molti pretendenti, in parte perché è la figlia preferita dal padre. In un accesso di vanità senile, il re propone una gara: ogni figlia riceverà dei territori in proporzione all'amore verso il padre che saprà dimostrare con le sue parole. Ma il piano fallisce. Cordelia si rifiuta di gareggiare con l'adulazione delle sorelle maggiori, poiché è convinta che i suoi veri sentimenti sarebbero immiseriti dall'adulazione rivolta al proprio vantaggio. Lear, per ripicca, divide la sua quota del regno che le spetterebbe fra Gonerilla e Regana, e mette al bando Cordelia. Tuttavia il re di Francia la sposa, benché diseredata, poiché apprezza la sua sincerità, o forse perché vuole un casus belli per una successiva invasione dell'Inghilterra.
Poco dopo aver abdicato, Lear scopre che i sentimenti di Gonerilla e Regana verso di lui si sono raffreddati; ne nascono discussioni. Il conte di Kent, che ha preso le difese di Cordelia ed è stato messo al bando, ritorna travestito da Caio, un servo, che "non vuole mangiare pesce" (ossia è un protestante), per proteggere il re al quale resta fedele. Nel frattempo, Gonerilla e Regana litigano a causa della loro attrazione per Edmund, figlio illegittimo del conte di Gloucester, e sono costrette ad affrontare un esercito francese, guidato da Cordelia, mandato a ricollocare sul trono Lear. Si combatte una guerra devastante.
La trama secondaria coinvolge il conte di Gloucester e i suoi due figli, Edgar e Edmund. Edmund inventa racconti calunniosi sul fratellastro legittimo; Edgar è costretto all'esilio e a fingersi pazzo. Edmund corteggia Gonerilla e Regana. Il conte di Gloucester è affrontato dal duca di Cornovaglia, marito di Regana, ma è salvato da alcuni servi di quest'ultimo che accusano il duca di aver trattato ingiustamente Lear. Il duca, ferito da un servo (che viene ucciso da Regana), abbandona Gloucester nella tempesta dopo averlo accecato, perché "fiuti la strada per Dover". Poco dopo il duca di Cornovaglia muore per la ferita riportata. Nella scena della tempesta Lear esclama che è "più un uomo contro il quale si pecca che un peccatore".
Edgar, ancora travestito da pazzo vagabondo, scopre Gloucester abbandonato nella tempesta. Il conte gli chiede la strada per Dover, e Edgar risponde che lo guiderà lui. Gloucester non riconosce la voce del figlio, che è turbato dall'incontro col padre cieco.
A Dover, Lear si aggira farneticando e parlando ai topi. Gloucester tenta di uccidersi gettandosi da una roccia, ma il figlio Edgar, con l'inganno, lo salva; poco dopo incontra il re. Lear e Cordelia si incontrano e rappacificano poco prima della battaglia tra Britannia e Francia. Dopo la sconfitta dei francesi, Lear pensa con gioia alla prospettiva di vivere in prigione insieme a Cordelia, ma Edmund ordina che essi siano condannati a morte.
Edgar, travestito, si scontra con Edmund e lo ferisce a morte. A questa vista, Gonerilla, che per gelosia ha già avvelenato Regana, si uccide. Edgar rivela a Edmund la propria identità e lo informa che Gloucester è appena deceduto. Nell'apprendere questo, e le morti di Gonerilla e Regana, Edmund riferisce a Edgar di aver disposto l'uccisione di Lear e Cordelia, e dà ordine che l'esecuzione sia sospesa - forse il suo unico gesto di bontà in tutto il dramma.
Disgraziatamente, la sospensione arriva troppo tardi. Lear appare sulla scena portando fra le braccia il cadavere di Cordelia, dopo aver ucciso il servo che l'ha impiccata, poi muore anch'egli di dolore.
Oltre alla trama secondaria che riguarda il conte di Gloucester e i suoi figli, la principale innovazione introdotta da Shakespeare nella vicenda è la morte di Cordelia e di Lear nel finale. Nei secoli XVIII e XIX, questa conclusione tragica ricevette molte critiche, e furono scritte e rappresentate versioni alternative, in cui i personaggi principali si salvavano dalla morte e Cordelia sposava Edgar.
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:20 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:03 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Nel prologo, il coro racconta agli spettatori come due nobili famiglie di Verona, i Montecchi e i Capuleti, si siano osteggiate per generazioni e che "dai fatali lombi di due nemici discende una coppia di amanti, nati sotto cattiva stella cui tragico suicidio porrà fine al conflitto".
Il primo atto comincia con una rissa di strada tra i servi delle due famiglie, interrotta dal Principe di Verona, che per ogni ulteriore scontro dichiarerà responsabili con le loro stesse vite i capi delle due famiglie per poi disperdere la folla. Paride, un giovane nobile, ha chiesto al Capuleti di dargli in moglie la figlia quattordicenne, Giulietta. Capuleti lo invita ad attirarne l'attenzione durante il ballo in maschera del giorno seguente, mentre la madre di Giulietta cerca di convincerla ad accettare le offerte di Paride. Questa scena introduce la nutrice di Giulietta, l'elemento comico del dramma. Il rampollo sedicenne dei Montecchi, Romeo, è innamorato di Rosalina, una Capuleti (personaggio che non compare mai). Mercuzio (amico di Romeo e congiunto del Principe) e Benvolio (cugino di Romeo) cercano invano di distogliere Romeo dalla sua malinconia, quindi decidono di andare mascherati alla casa dei Capuleti, per divertirsi e cercare di dimenticare. Romeo, che spera di vedere Rosalina al ballo, incontra invece Giulietta.
I due ragazzi si scambiano poche parole, ma queste sono sufficienti a farli innamorare l'uno dell'altra e a baciarsi. Prima che il ballo finisca, la Balia dice a Giulietta il nome di Romeo, e (separatamente) viceversa.Proprio in tale scena Giulietta canta il suo amore per Romeo nella celebre aria di "Je Ve Vivrè".Romeo rischiando la vita, resta nel giardino dei Capuleti dopo la fine della festa, e nella famosa scena del balcone, i due si dichiarano il loro amore e decidono di sposarsi in segreto. Il giorno seguente, con l'aiuto della Balia, il francescano Frate Lorenzo unisce in matrimonio Romeo e Giulietta, sperando così di portare pace tra le due famiglie attraverso la loro unione.
Le cose precipitano quando Tebaldo, cugino di Giulietta e di temperamento iracondo, incontra Romeo e cerca di provocarlo a un duello. Romeo rifiuta di combattere contro colui che è ormai anche suo cugino, ma Mercuzio (ignaro di ciò) raccoglie la sfida. Tentando di separarli, Romeo inavvertitamente permette a Tebaldo di ferire Mercuzio, che muore augurando "la peste a tutt'e due le vostre famiglie". Romeo, nell'ira, uccide Tebaldo. Il Principe condanna Romeo solo all'esilio (perché Mercuzio era suo congiunto e Romeo l'ha solo vendicato): dovrà lasciare la città prima dell'alba del giorno seguente. I due sposi riescono a passare insieme un'unica notte d'amore. All'alba, svegliati dal canto dell'allodola, messaggera del mattino (che vorrebbero fosse il canto notturno dell'usignolo), si separano e Romeo fugge a Mantova.
Giulietta dovrebbe però sposarsi tre giorni dopo con Paride. Frate Lorenzo, esperto in erbe medicamentose, dà a Giulietta una pozione che la porterà a una morte apparente per quaranta ore. Nel frattempo il frate manda un messaggero a informare Romeo affinché egli la possa raggiungere al suo risveglio e fuggire da Mantova.
Sfortunatamente il messaggero del frate non riesce a raggiungere Romeo poiché Mantova è sotto quarantena per la peste, e Romeo viene a sapere da un servitore della famiglia del funerale di Giulietta (una interessante incongruenza nella storia: come avrebbe fatto il servitore a tornare a Mantova dopo aver assistito al "funerale" di Giulietta?). Romeo si procura un veleno, torna a Verona in segreto e si inoltra nella cripta dei Capuleti, determinato ad unirsi a Giulietta nella morte.
Romeo, dopo aver ucciso in duello Paride, che era giunto anche lui nella cripta, e aver guardato teneramente Giulietta un'ultima volta, si avvelena pronunciando la famosa battuta "E così con un bacio io muoio" (Atto 5 scena III). Quando Giulietta si sveglia, trovando l'amante e Paride morti accanto a lei, si trafigge così con il pugnale di Romeo.
Nella scena finale, le due famiglie e il Principe accorrono alla tomba, dove Frate Lorenzo gli rivela l'amore e il matrimonio segreto di Romeo e Giulietta. Le due famiglie, come anticipato nel prologo, sono riconciliate dal sangue dei loro figli, e pongono fine alla loro guerra.
user posted image




user posted image


L' Imperatore di Roma è morto, e i suoi figli Saturnino e Bassiano litigano per il possesso del trono. Il Tribuno della plebe, Marco Andronico, annuncia che la plebe ha scelto come nuovo imperatore suo fratello, Tito Andronico, un generale romano appena ritornato da una campagna militare durata 10 anni contro i nemici dell'impero. Tito entra a Roma portando con sé dei prigionieri: Tamora, la regina dei Goti, i suoi figli e Aronne il Moro. Tito ritiene un suo pio dovere religioso sacrificare il primo figlio di Tamora, Alarbo alla memoria dei propri figli caduti durante la guerra. Tamora lo implora di non sacrificare Alarbo, e quando Alarbo viene comunque sacrificato, giura vendetta.
Tito Andronico rifiuta, in segno di umiltà, di diventare imperatore e rinuncia in favore del figlio maggiore del vecchio imperatore, Saturnino; i due si accordano per il matrimonio di Saturnino con la figlia prediletta di Tito, Lavinia. Non sanno che Bassiano e la ragazza si erano precedentemente sposati in segreto: i ragazzi decidono di fuggire, aiutati da un altro dei figli di Tito, Muzio. Nel tentativo di impedire la fuga Tito si scontra con Muzio e lo uccide.
Saturnino, novello imperatore, decide quindi di sposare invece Tamora. Spinti l'uno dall'invidia per la popolarità di Tito e dall'affronto subìto per il rifiuto di Lavinia, l'altra dall'odio verso chi ha ucciso il suo figlio maggiore, la coppia decide di vendicarsi sulla famiglia di Andronico.
Il giorno seguente, durante una battuta di caccia, Aronne, l'amante di Tamora, incontra i figli di Tamora, Chirone e Demetrio, e discute con loro su chi dovrebbe prendersi le grazie di Lavinia.
Aronne ha gioco facile nel convincerli a tendere un agguato nel bosco a Bassiano e ad ucciderlo davanti a Lavinia mentre Tamora osserva soddisfatta. Lavinia disperata chiede aiuto a Tamora ed implora pietà. Tamora rifiuta: vuole la sua vendetta. Chirone e Demetrio portano via Lavinia, la torturano, la violentano e, successivamente, le tagliano la lingua e le mozzano le mani.
Aronne conduce quindi i figli di Tito, Marzio e Quinto, nel luogo in cui è stato ucciso Bassiano, e li accusa fraudolentemente dell'omicidio; l'Imperatore ha così la scusa per farli arrestare. Nel frattempo Marco trova la mutilata Lavinia nel bosco, la soccorre e la riconduce dal padre.
Tito e il suo figlio rimanente sono preoccupati per le vite di Marzio e Quinto, ma non sanno che questi sono già stati giustiziati. Marco entra con la sorella Lavinia, ma nessuno riesce a capire se lei tentasse di scagionare o incolpare i suoi fratelli.
Entra Aronne, e dice agli uomini che l'Imperatore risparmierà i prigionieri, se uno di loro in cambio sacrificherà una mano. Tutti offrono di sacrificare la propria, ma è Tito a tagliarsela e a consegnarla ad Aronne, che la porta all'Imperatore. Come tutta risposta, un messaggero consegna a Tito le teste mozzate dei suoi figli.
Tito ordina quindi a Lucio di fuggire da Roma e di radunare un esercito tra quelli che erano in precedenza i suoi nemici, i Goti. Una volta tornato a casa, la disperazione di Tito sconfina nella follia, e i suoi familiari cominciano ad essere veramente preoccupati per lui.
Il nipote di Tito, che stava aiutando Tito a leggere alcune storie a Lavinia, si accorge che ella non vuole lasciare il libro per nessun motivo. In quel libro, Lavinia mostra a Tito e a Marco la storia di Filomela, nella quale la vittima di una violenza, muta come ora lei era, scrive il nome del suo brutalizzatore. Marco le dà un bastone grande abbastanza perché lei lo possa stringere con la bocca e con i moncherini, e con esso la ragazza scrive i nomi degli aggressori nel terreno sabbioso. Una volta letti, tutti i presenti giurano vendetta.
Tito si finge allora impazzito, fa legare dei biglietti con scritte preghiere e invocazioni agli dei a delle frecce, e ordina ai suoi scudieri di scagliarle verso il cielo. Marco lancia le sue frecce in modo tale che atterrino all'interno del palazzo dell'imperatore Saturnino: costui si irrita molto per questo, ed ordina di giustiziare un buffone che gli aveva consegnato l'ennesima supplica da parte di Tito.
Tamora intanto partorisce un bambino di pelle scura: l'ostetrica potrebbe rivelare che il padre in realtà non è altri che Aronne. Egli decide così di uccidere la serva e fugge con il bambino per salvarlo dall'inevitabile furia dell'Imperatore tradito.
Lucio, mentre sta marciando su Roma con l'esercito appena radunato, incontra Aronne e lo cattura. Per poter salvare suo figlio, Aronne rivela quindi l'intero complotto, confessandosi ispiratore degli omicidi, dello stupro e delle mutilazioni di Lavinia.
Tamora, convinta della pazzia di Tito, va da lui insieme ai suoi due figli, travestiti come gli spiriti della Vendetta, dell' Assassinio e dello Stupro. Racconta a Tito che, con i suoi poteri di spirito sovrannaturale, gli assicurerà la sua vendetta se egli convincerà Lucio ad interrompere l'avanzata verso Roma.
Tito acconsente, manda Marco ad invitare Lucio a partecipare ad un banchetto e chiede a "Vendetta" (in realtà Tamora), di invitare anche l'Imperatore. Insiste però affinché "Stupro" e " Assassinio" (Chirone e Demetrio) restino lì con lui, suoi ospiti.
Tito fa legare Chirone e Demetrio dai suoi servi e a quel punto rivela loro il suo piano: li sgozzerà, mentre Lavinia raccoglierà il loro sangue stringendo una coppa con i suoi moncherini, quindi li farà a pezzi e con le loro carni preparerà un pasticcio che verrà servito durante il banchetto alla loro madre. È la stessa vendetta che Procne si prese per lo stupro della sorella Filomela.
Il giorno del banchetto Tito si presenta nel salone di casa sua vestito da cuoco, ed invita tutti a mangiare a sazietà. Chiede quindi a Saturnino se un padre dovrebbe uccidere la figlia se essa fosse stata stuprata. Quando l'Imperatore si dichiara d'accordo, Tito improvvisamente uccide Lavinia e dice a Saturnino ciò che Tamora e i suoi figli hanno fatto. Rivela anche che Chirone e Demetrio si trovano nel pasticcio di carne che Tamora ha appena mangiato con soddisfazione, e subito dopo uccide l'inorridita perfida donna. Gli eventi precipitano. Saturnino uccide Tito: Lucio uccide Saturnino.
Lucio viene acclamato come nuovo imperatore. Egli, lo zio Marco e tutti i presenti tributano un commosso ed addolorato addio a a Tito.
Lucio dispone quindi che sia data un'appropriata sepoltura all'imperatore Saturnino, mentre il corpo di Tamora venga dato in pasto alle bestie. Quanto ad Aronne sia seppellito vivo fino alle spalle e lasciato a morire di fame e sete.
Aronne, impenitente e orgoglioso fino all'ultimo proclama:
« Se mai ho commesso una sola buona azione in tutta la mia vita
me ne pento dal profondo dell'anima »
(William Shakespeare - Tito Andronico)

user posted image





user posted image


La tragedia è ambientata nel corso della guerra di Troia ed ha in pratica due intrecci distinti. In uno Troilo, un principe troiano, corteggia Cressida, fa l'amore con lei e le giura eterno amore poco prima che sia mandata dai Greci in cambio di un prigioniero di guerra. Quando tenta di andarla a trovare nell'accampamento greco, la sorprende in intimità con Diomede e decide che è solo una prostituta.
Nonostante questo intreccio sia quello che dà il titolo all'opera, in realtà si risolve in poche scene: la maggior parte della tragedia ruota attorno ad un piano ordito da Nestore ed Odisseo per spingere l'orgoglioso Achille a scendere nuovamente in battaglia tra le file greche.
L'opera si chiude con una serie di scontri tra i due schieramenti e la morte dell'eroe troiano Ettore.
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:20 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:04 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Amleto al cinema
▪ Amleto (Le duel d'Hamlet) - Regia di Clément Maurice - Francia, 1900 - Interpreti: Sarah Bernhardt (Amleto), Pierre Magnier (Laerte).
▪ Amleto (Hamlet) - Regia di Georges Méliès - Francia, 1907 (probabilmente perduto) Formato: B.N., muto, proiezioni animate. Durata: 10'.
▪ Amleto - Regia di Mario Caserini - Italia, 1908
▪ Amleto - Regia di Luca Comerio - Italia, 1908
▪ Amleto - Regia di Mario Caserini - Italia, 1910
▪ Amleto - Regia di Arturo Ambrosio - Italia, 1914
▪ Amleto - Regia di Eleuterio Rodolfi - Italia, 1917 - Interpreti: Ruggero Ruggeri (Amleto), Enrico Gemelli (Claudio), Mercedes Brignone (Gertrude).
▪ Amleto (Hamlet) - RFT, 1960 - Regia di Franz Peter Wirth - Interpreti: Maximilian Schell (Amleto).
▪ Amleto (Hamlet) - USA, 1964 - Regia di B. Colleran (regia teatrale John Gielgud) - Interpreti: Richard Burton (Amleto), Hume Cronin (Polonio), John Gielgud (il fantasma).
▪ Hamlet at Elsinore - Regia di Philip Saville - GB-Danimarca, 1964 - Interpreti: Christopher Plummer (Amleto), Robert Shaw (Claudio), Michael Caine (Orazio), Donald Sutherland (Fortebraccio), Jo Maxwell Muller (Ofelia), Steven Berkoff (Luciano), Lindsay Kemp.
▪ Amleto (Hamlet) - Regia di Tony Richardson - GB, 1969 - Interpreti: Nicol Williamson (Amleto), Anthony Hopkins (Claudio), Judy Parfitt (Gertrude), Marianne Faithfull (Ofelia).
▪ Amleto (Hamlet) - Regia di David Giles - GB-USA, 1972 - Interpreti Faith Brook (Gertrude) Susan Fleetwood (Ophelia) Ian McKellen (Amleto) John Woodvine (Claudio)
▪ Amleto - Regia di Celestino Coronado 1976
▪ Hamlet 2000 - regia Michael Almereyda - USA, 2000, col.; durata: 123' - interpreti Ethan Hawke (Amleto), Kyle MacLachlan (Claudio), Sam Shepard (il fantasma del padre), Diane Venora (Gertrude), Julia Stiles (Ofelia), Karl Geary (Orazio)
▪ La tragedia di Amleto (The Tragedy of Hamlet) (TV) - regia di Peter Brook - Francia 2002, 134' - interpreti Adrian Lester (Amleto), Natasha Parry (Gertrude), Bruce Myers (Polonio), Scott Handy, Jeffery Kissoon, Yoshi Oida (Attore che impersona il re)


Amleto nella musica

Opere liriche

Almeno 26 opere liriche sono state scritte basandosi su Amleto, tra cui:
▪ Amleto, di Francesco Gasparini (1706)
▪ Amleto, di Domenico Scarlatti (1715)
▪ Amleto, di Giuseppe Carcani (1741)
▪ Amleto, di Luigi Caruso (1789)
▪ Amleto, di Gaetano Andreozzi (1792)
▪ Amleto, di Saverio Mercadante (1822)
▪ Amleto, di Antonio Buzzola (1848)
▪ Amleto, di Angelo Zanardini (1854)
▪ Amleto, di Luigi Moroni (1860)
▪ Amleto, di Franco Faccio (libretto di Arrigo Boito) (1865)
▪ Amleto, di Vittorino Joncières (1867)
▪ Amleto, di Aristide Hignard (1888)
▪ Amleto, di Edoardo Keurvels (1891)
▪ Amleto, di Alfredo Grandi (1898)
▪ Amleto, di Mario Zafred (1961)
▪ Hamlet, di Humphrey Searle (1968)
▪ Hamlet, di Giorgio Lanzani (2006)

Poemi sinfonici
▪ Hamlet di Franz Liszt (1858)
▪ Hamlet e Ophelia, poemi sinfonici di Edward MacDowell

Musica leggera
▪ Un'Ofelia compare anche nella canzone "Via della povertà" di Fabrizio De André (1974), come del resto nell'originale inglese "Desolation Row" di Bob Dylan (1965).
▪ La canzone "Ophelia", dall'album Sitting Targets di Peter Hammill tratta anch'essa del personaggio dell'Amleto.


Amleto nella letteratura
L'Ambleto di Giovanni Testori, appartenente alla Trilogia degli scarrozzati scritta dall'autore. In questa versione della tragedia gli interpreti, dal nome storpiato, ripercorrono a grandi linee la vicenda originale esprimendosi in dialetto lombardo.


Curiosità
▪ Dell'Amleto esiste persino una traduzione in Klingoniano, sebbene non sia mai stata rappresentata.
user posted image




user posted image


Antonio e Cleopatra al cinema
▪ Marcantonio e Cleopatra - regia di Enrico Guazzoni - Italia (1913) - Interpreti: Gianna Terribili Gonzalez (Cleopatra), Amleto Novelli Marco Antonio
▪ Cleopatra - regia di Cecil B. DeMille - USA (1934) - Interpreti: Claudette Colbert (Cleopatra), Warren William (Giulio Cesare), Henry Wilcoxon (Marcantonio)
▪ La vita intima di Marcantonio e Cleopatra (La vida intima de Marco Antonio y Cleopatra) - regia di Roberto Gavaldòn - Messico (1947) - Interpreti: Maria A. Pons (Cleopatra), Luis Sandrini (Marcantonio)
▪ All'ombra delle piramidi (Antony and Cleopatra) - Regia di Charlton Heston - Svizzera-Spagna-GB (1972) - Interpreti: Charlton Heston (Marco Antonio), Hildegard Neil (Cleopatra), Eric Porter, Fernando Rey, John Castle
▪ Antonio e Cleopatra (Antony and Cleopatra) - Regia di John Scoffield (regia teatrale T. Nunn, B. Goodbody, E. Smith) GB, 1974 - Interpreti: Richard Jonson (Marco Antonio), Janet Suzman (Cleopatra), Patrick Stewart (Enobarbo), :Corin Redgrave (Ottaviano)
▪ Antonio e Cleopatra 1981, film per la televisione, prodotto all'interno della serie BBC Shakespeare, con Colin Blakely (Antonio) e Jane Lapotaire (Cleopatra).
▪ Antonio e Cleopatra 1983, film per la televisione con Timothy Dalton (Antonio) e Lynn Redgrave (Cleopatra).
user posted image




user posted image


Coriolano al cinema
▪ Coriolanus - Regia di W. Leach - USA, 1979 - Interpreti: Morgan Freeman (Coriolano), Gloria Footer (Volumnia), Earle Hyman (Cominio).
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:21 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:04 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Film
▪ Caius Julius Caesar (film 1914) - Regia di E. Guazzoni - Interpreti: Amleto Novelli (Giulio Cesare), Gianna Terribili-Gonzales, Lia Orlandini, :Bruto Castellani - Italia, 1914
▪ Giulio Cesare (1950), con Harold Tasker nel ruolo di Giulio Cesare
▪ 23 pugnali per Cesare (1970), con Charlton Heston nel ruolo di Antonio
▪ Blackadder the Third (1985)

Importanti riproduzioni teatrali
▪ 1599: Un viaggiatore svizzero, Thomas Platter, ha scritto di aver visto a Londra un'opera teatrale riguardante Giulio Cesare il 21 settembre 1599 - questa era probabilmente l'originale riproduzione dell'opera di Shakespeare. Lui inoltre afferma che gli attori ballavano una giga alla fine della recita , una consuetudine del teatro elisabettiano.
▪ 1926: La rappresentazione di gran lunga più elaborata fu inscenata durante uno spettacolo di beneficenza per l'Actors' Fund of America all' Hollywood Bowl. Cesare entrava in scena in una carrozza trainata da quattro cavalli bianchi. Il palcoscenico aveva la dimensione di un isolato ed era dominato da una torre centrale alta 24 metri. L'evento era pensato principalmente per creare lavoro per attori disoccupati: 300 gladiatori apparivano in una scena di arena non presente nell'opera di Shakespeare; un simile numero di ragazze danzava come prigioniere di Cesare; un totale di tremila soldati prese parte alle scene di battaglia.
▪ 1937: La famosa produzione di Orson Welles al Mercury Theatre scatenò infervorati commenti poiché il direttore vestì i suoi protagonisti con uniformi simili a quelle comuni in quel tempo nell'Italia fascista e nella Germania nazista oltre a tracciare una specifica analogia tra Cesare e Mussolini. Le opinioni sono molto varie riguardo al valore artistico della produzione risultante: alcuni vedono nel taglio senza pietà fatto da Welles alla trama (la durata totale era di circa 90 minuti senza intervallo, molti personaggi furono eliminati, dialoghi furono spostati o presi da altre opere, e gli ultimi due atti ridotti ad una singola scena) come un modo radicale e innovativo di tagliare gli elementi superflui del racconto di Shakespeare; altri pensarono che la versione di Welles fosse una versione rimaneggiata e lobotomizzata della tragedia di Shakespeare che mancava della profondità psicologica dell'originale. Molti furono d'accordo sul fatto che la produzione apparteneva più a Welles che a Shakespeare. Tuttavia l'innovazione di Welles ha avuto eco in molte successive produzioni moderne, che hanno visto parallelismi tra la caduta di Cesare e la caduta di vari governi del ventesimo secolo.

Parodie
Il duo Canadese Wayne and Shuster parodiò Giulio Cesare nel loro sketch del 1958 sciacqua il sangue dalla mia toga. Flavio Massimo è ingaggiato da Bruto per investigare sulla morte di Giulio Cesare. Le procedure di polizia combinano Shakespeare, Dragnet, e gli scherzi di vaudeville e fu trasmesso per la prima volta all'Ed Sullivan Show.
user posted image




user posted image


Trasposizioni operistiche
Le due opere liriche più famose su questo personaggio scespiriano sono
- l'Otello di Gioachino Rossini (composta nel 1816) - l'Otello di Giuseppe Verdi (rappresentata per la prima volta nel 1887).
- Per quanto riguarda i trattamenti moderni, da segnalare "IO ODIO IL MORO" di Gaetano Filice.

Trasposizioni cinematografiche
Ci sono stati diversi adattamenti cinematografici di "Otello". Tra questi citiamo:
▪ Othello (1922) con Emil Jannings. Film muto.
▪ Otello il moro di Venezia (Отелло) (1955), URSS, con Sergei Bondarchuk, Irina Skobtseva, Andrei Popov. Diretto da Sergei Yutkevich da un adattamento di Boris Pasternak
▪ All Night Long (film 1961) - Regia di Basil Dearden, sceneggiatura: Nel King e Paul Jarrico, musiche: Philip Green - Interpreti: Marti Stevens (Delia Lane), Paul Harris (Aurelius Rex), Patrick McGoohan (Johnny Cousin), Richard Attenborough (Rod Hamilton), Dave Brubeck, Johnny Dankworth, Charles Mingus, Tubby Hayes. - GB, 1961, b/n - Adattamento di Otello nelle Londra degli anni '60
▪ Otello (Othello) - regia Stuart Burge; - interpreti Laurence Olivier, Maggie Smith. - GB, 1965, col.; durata: 166'
▪ Filming Othello - regia Orson Welles - interpreti Orson Welles, Michael MacLiammoir, Hilton Edwards - USA/RFT, 1978, col.; durata: 90';
▪ Othello (1981) parte delle opere complete di William Shakespeare prodotto dalla BBC. Con Anthony Hopkins e Bob Hoskins.
▪ Otello (1986) Una versione film dell'opera di Verdi con Placido Domingo, diretta da Franco Zeffirelli. Ha vinto il BAFTA come miglior film straniero.
▪ Otello (Othello) - regia Oliver Parker; - interpreti Laurence Fishburne, Kenneth Branagh, Irène Jacob, Gabriele Ferzetti - GB, 1995, col.; durata: 123'
▪ Kaliyattam (1997), in Malayalam, una versione moderna, ambientata in Kerala, con Suresh Gopi nel ruolo di Otello, Lal nel ruolo di Iago, Manju Warrier nel ruolo di Desdemona, diretto da Jayaraaj.
▪ Othello (2001). Film TV. Una versione moderna ambientata ai giorni nostri in cui Otello è il primo commissario nero della polizia metropolitana di Londra. Prodotto da LWT. Scritto da Andrew Davies. Diretto da Geoffrey Sax. Con Eamonn Walker, Christopher Eccleston e Keeley Hawes.
user posted image




user posted image


Adattamenti
A partire dagli anni Cinquanta, ci sono stati diversi adattamenti di Re Lear. In particolare:
▪ Il romanzo A Thousand Acres di Jane Smiley, ambientato in una fattoria dello Iowa, tenta di spiegare le ragioni dell'odio delle due sorelle maggiori nei confronti del padre.
▪ L'opera teatrale Lear di Edward Bond
▪ Il melodramma in quattro atti di Giuseppe Verdi (incompiuto, 1850) su libretto di Antonio Somma (iniziato da Salvadore Cammarano)
▪ e quello di Antonio Cagnoni su libretto di Antonio Ghislanzoni rappresentato postumo nel 2009 a Marina Franca.

Curiosità
▪ Alla fine della canzone dei Beatles I Am the Walrus è possibile udire un pezzo della riduzione radiofonica dell'opera trasmessa dalla BBC. La frase di Lear "Seppellite il mio corpo" (Atto IV scena VI) venne interpretata dai fans come prova del fatto che Paul McCartney fosse morto.
▪ Bedlam è una parola inglese usata da Shakespeare nella tragedia Re Lear. Tale parola è una alterazione di Bethlehem cioè Betlemme che era il nome del manicomio di Londra ai tempi di Shakespeare. Il personaggio di Edgar assumendo il nome di Tom o' Bedlam esplicita quindi il suo stato di mendicante pazzo.
▪ L'opera di Re Lear,in seguito, fu modificata e introdotta anche nel gioco di ruolo: Final Fantasy IX.

Film
▪ 1915 - La scelta di Maggie di Harold Brighouse, una versione comica dell'opera, ambientata a Manchester intorno al 1880.
▪ 1935 - The Jewish King Lear - Der Yidishe Kenig Lir - Regia di H. Thomashefsky - Interpreti: Maurice Krohner (Lear), Jeannette Paskewitsch. - USA, 1935
▪ 1953 - King Lear diretto da Andrew McCullough con Orson Welles nella parte di Lear.
▪ 1954 - Hobson il tiranno, diretto da David Lean, un riadattamento da La scelta di Maggie di Harold Brighouse.
▪ 1954 - La lancia che uccide (Broken Lance). Tratto da Re Lear - Regia di E. Dmytryk - Interpreti: Spencer Tracy (Matt Devereaux), Robert Wagner (Joe Devereaux), Jean Peters (Barbara), Richard Widmark (Ben Devereaux). - USA, 1954
▪ 1964 - Re Lear (Karol' Lir) - regia e sceneggiatura Grigorij M. Kozintsev, musica Dmitrij Dmitrievic Šostakovic; - interpreti Innokentij Smoktunovskij, Anastaja Vertinskaja - URSS, 1964; durata: 150';
▪ 1969 - King Lear diretto da Grigori Kozintsev, con Jüri Järvet nella parte di Lear, e musiche di Dmitrij Šostakovič. È considerato da alcuni critici uno dei migliori riadattamenti della tragedia.
▪ 1970 - Re Lear (King Lear)regia e sceneggiatura Peter Brook; - interpreti Paul Scofield (Re Lear), Annalise Gabold (Cordelia), Irene Worth (Goneril), Susan Engel (Regan), Alan Webb (il conte di Gloucester) - GB/Danimarca, 1970; durata: 137';
▪ 1971 - Re Lear, diretto da Peter Brook con Paul Scofield nella parte di Lear, Alan Webb nella parte del Duca di Gloucester, Irene Worth nella parte di Goneril, Susan Engel nella parte di Regan, Anne-Lise Gabold nella parte di Cordelia, Jack MacGowran nella parte del Buffone. Il film è fedelissimo al testo, di cui riprende integralmente i medesimi dialoghi e le battute dei personaggi.
▪ 1974 - King Lear, film per la televisione diretto da Edwin Sherin.
▪ 1982 - King Lear, film per la televisione diretto da Jonathan Miller con Michael Hordern nella parte di Lear, molto fedele al testo.
▪ 1984 - Re Lear, diretto da Michael Elliott con Laurence Olivier nella parte di Lear. Il film inizia e termina a Stonehenge. Tra gli interpreti, si ricordano Diana Rigg nella parte di Regan, John Hurt nella parte del Buffone e Robert Lindsay nella parte di Edmund.
▪ 1987 - Re Lear diretto da Jean-Luc Godard, versione dell'opera ambientata in un mondo post-apocalittico, con Burgess Meredith nella parte del gangster Don Learo e Molly Ringwald nella parte di Cordelia.
▪ 1997 - Segreti, diretto da Jocelyn Moorhouse, con Jason Robards, Jennifer Jason Leigh, Jessica Lange, Michelle Pfeiffer, and Colin Firth. Adattamento dal romanzo di Jane Smiley A Thousand Acres.
▪ 1997 - King Lear, film per la televisione diretto da Richard Eyre, con Sir Ian Holm.
▪ 1999 - King Lear, film diretto da Brian Blessed con lo stesso Brian Blessed nella parte di re Lear.
▪ 2001 - My Kingdom con Richard Harris e Lynn Redgrave. Una versione moderna ambientata nei quartieri malfamati.
▪ 2002 - King of Texas, un adattamento televisivo ambientato in Texas e diretto da Uli Edel, con Patrick Stewart nella parte di John Lear.
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:21 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:04 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Letteratura

Drammi
▪ Carmelo Bene, Romeo e Giulietta (Storia di William Shakespeare) secondo Carmelo Bene (Prato, Teatro Metastasio, 17 dicembre 1976).
▪ Ann-Marie McDonald, Buonanotte desdemona (buongiorno giulietta) (Reading Theatre, 2005 - ISBN 8887486220

Narrativa
▪ Massimo Bruni Romeo y Julieta. Romanzo d'amore a ritmo di salsam Sperling & Kupfer 1999 - ISBN 9788820028824
▪ Carmen Gueye, Black Romeo, 2005, edizioni Traccediverse - ISBN 8889000937
▪ Romeo e Giulietta a Baghdad. Quando l'amore sfida la guerra. Ehda'a Blackwell ritrae lo "scontro di civiltà" contemporaneo con gli occhi di una dottoressa irachena innamorata di un militare americano. (Mondadori 2006 - ISBN 8804550708

Libri per ragazzi
▪ Brunacci F., De Graaf L., Romeo e Giulietta, (Salani 2000 ISBN 8877823488)
▪ Romeo ama Giulietta, di Wolfram Hanel, ambienta la storia in un mondo di cani e gatti. Traduzione di Luciana Gandolfi-Rihl, illustrazioni di Christa Unzner, Nord-Sud 1998 - ISBN 8882030881
▪ Steve Barlow e Steve Skidmore, Se io sono Giulietta e tu Romeo che cosa aspetti a baciarmi? Mondadori 2000 - ISBN 8804475730)
▪ Nicola Cinquetti e Octavia Monaco, Giulietta e Romeo, Arka 2002 - ISBN 8880721267
▪ Roberto Piumini, Giulietta e Romeo, Guanda 2002 - ISBN 8879263870
▪ Maurizio Giannini, Nickname romeo. nickname giulietta ISBN 8887292817
▪ Romeo Amedeo, Rubino Maurizia Il manoscritto nel pollaio. La molto lacrimevole storia di Giulietta e Romeo, Esseffedizioni 2005 - ISBN 8878550388

Fumetto
▪ Gianni de Luca e Raoul Traverso realizzarono una famosa striscia, molto innovativa anche dal punto di vista delle scelte grafiche (nello stesso quadro la ripetizione delle figure dei personaggi poteva dare immediatamente la percezione dei movimenti scenici)[6]. Edito per la prima volta nel 1975, fu l' ultima e la più riuscita parte di una trilogia di riduzioni da Shakespeare composta anche da La Tempesta e dall'Amleto.
▪ Giulia Boari ha realizzato Giulietta e loreo. l'arme, l'amor, dentiere e color edito dalla Luciana Tufani Editrice
▪ In un episodio del manga Ranma ½ di Rumiko Takahashi, la vicenda di Romeo e Giulietta viene reinterpretata nei toni di commedia degli equivoci: i protagonisti recitano la tragedia durante il festival scolastico del loro istituto, ma tutto va storto nei tipici canoni di questo fumetto.

Danza
Sono stati creati molti adattamenti danzati della tragedia, il primo dei quali nel XVIII secolo.

Opera
Tra i numerosi adattamenti operistici ricordiamo Roméo et Juliette di Charles Gounod (1867) su libretto di Jules Barbier e Michel Carré, Giulietta e Romeo (1922) di Riccardo Zandonai su libretto di Arturo Rossato-
La storia di Romeo e Giulietta ha inoltre ispirato I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini (1830). Sennonché il librettista Felice Romani si basò su una fonte italiana: la Novella IX di Matteo Bandello, antecedente al testo shakespeariano. Lo stesso poeta aveva fornito il libretto al Romeo e Giulietta di Nicola Vaccaj che debuttò a Milano al Teatro alla Canobbiana il 31 ottobre 1825, precedendo la versione di Bellini, ed è considerata l'opera più importante di Vaccaj.

Musical
Il musical West Side Story, diventato anche un film, è basato su Romeo e Giulietta ma la storia è ambientata a metà del XX secolo a New York City e le famiglie rivali sono rappresentate da due bande giovanili di diversa etnia.
Roméo et Juliette, de la Haine à l'Amour, un musical di Gérard Presgurvic, debuttò il 19 gennaio 2001 al Palazzo dei Congressi di Parigi, in Francia. Ha già attirato (2005) sei milioni di persone.

Versioni cinematografiche
Esistono oltre quaranta versioni cinematografiche della storia di Romeo e Giulietta, di cui la prima nel 1900.
▪ 1936 - Giulietta e Romeo (Romeo and Juliet), diretto da George Cukor. Con Norma Shearer (Giulietta), Leslie Howard (Romeo), John Barrymore (Mercuzio), e Andy Devine (Pietro, il servo dei Capuleti). USA, b/n, 130'
Il film, prodotto da Irving Thalberg, fu criticato perché sia Howard che la Shearer erano troppo anziani per le loro parti.
Nomination agli Oscar come miglior Film - miglior attore non protagonista (Basil Rathbone) nel ruolo di Tebaldo) - migliore attrice (Norma Shearer) - migliore scenografia (Cedric Gibbons, Fredric Hope e Edwin B. Willis)
▪ 1959 - Giulietta, Romeo e le tenebre (Romeo, Juliet a tma) regia e sceneggiatura di Jirí Weiss. Con Dana Smutná e Ivan Mistík. Cecoslovacchia, b/n, 94'
Tratto dall'omonimo romanzo di Jan Otcenásek, è ambientato nella Praga occupata dai nazisti, con una Giulietta ebrea costretta a nascondersi in una soffitta.
▪ 1978 - Romeo and Juliet, diretto da Alvin Rakoff
per le serie della BBC Television Shakespeare. Questa produzione è di solito snobbata a causa degli attori senza esperienza e dei bassi valori di produzione, anche se il Tibaldo di Alan Rickman è guardabile.
▪ 1983 - Romeo and Juliet, diretto da William Woodman, con Alex Hyde-White, Blanche Baker, Esther Rolle, Dan Hamilton e Frederic Hehne.
Questo film ha un eccellente bagaglio di costumi e naturalismo, più di quanto si usasse al tempo di Shakespeare.

Riferimenti nella musica leggera
▪ Romeo and Juliet, Il gruppo The Indigo Girls ha realizzato una cover di questa canzone nell'album Rites of Passage. Nel 2007 anche il gruppo dei The Killers ha inciso una cover di questo brano contenuta nel loro album-raccolta Sawdust
▪ Nel 1983 Robin Gibb incise il brano Juliet, che fu anche sigla del Festivalbar di quell'anno.
▪ La canzone Exit Music (For a Film) dei Radiohead, contenuta nell'album OK Computer fu scritta nel 1996 per la versione cinematografica di Luhrmann (vedi sopra) ed è un incitamento di un amante all'amata a fuggire dall'oppressione delle rispettive famiglie attraverso il suicidio.
▪ Nel 1999 gli His Infernal Majesty noti semplicemente come H.I.M. hanno composto la canzone "Join me (in death)" tratta dall'album Razorblade Romance in cui due innamorati vogliono fuggire dalla realtà che li affligge, con il suicidio; prendendo spunto appunto dalla vicenda di Romeo e Giulietta.
▪ Un remake musicale del 2005 del film degli anni trenta Reefer Madness conteneva una canzone dal titolo Romeo e Giulietta, nella quale due giovani amanti si comparano a Romeo e Giulietta, avendo letto solo la prima parte della commedia e avendo erroneamente supposto che alla fine vi sia un lieto fine.
user posted image




user posted image


Adattamenti Letterari
▪ Titus Andronicus. Komödie nach Shakespeare dello scrittore Svizzero Friedrich Dürrenmatt
▪ Die Schändung dello scrittore Tedesco Botho Strauss

Adattamenti Cinematografici
▪ Titus Andronicus (1985), un film per la televisione diretto da Jane Howell per la serie BBC Shakespeare. Gli attori Trevor Peacock e Eileen Atkins interpretano Titus e Tamora.

Citazioni nella Cultura Pop
▪ South Park - Scott Tenorman Must Die (TV) (2001), Trey Parker e Matt Stone si ispirano a Shakespeare per la storia della vendetta di Cartman contro il personaggio del titolo. D'altra parte, Shakespeare stesso aveva tratto alcuni elementi della narrazione dalla tragedia di Seneca Tieste.
▪ Neon Genesis Evangelion - Una delle navi militari nell'ottavo episodio della serie è chiamata "Titus Andronicus".
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:22 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:04 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


L'opera è divisa in due parti. La prima parte è centrata intorno alla Contessa di Salisbury (la moglie del Conte di Salisbury), la quale, assalita dagli Scozzesi, è salvata da re Edoardo III per poi essere importunata da lui. In un tentativo di respingere le proposte di Edoardo, la Contessa promette di uccidere il proprio marito se Edoardo ucciderà la propria moglie, ma quando il re mostra di accettare questa immorale proposta, lo minaccia di uccidersi se non recederà dal proprio intento: Edoardo, vergognandosi, ammette il proprio torto e si calma.
La seconda parte del dramma, in cui molte scene ricordano l'Enrico V, Edoardo raggiunge il proprio esercito in Francia, dove sta combattendo una guerra per ottenere il trono francese. Le scene si alternano tra il campo francese e quello inglese, dove la disperazione degli Inglesi fa da contraltare all'arroganza dei Francesi; l'attenzione è concentrata sul giovane Edoardo, il Principe Nero, che medita sulla moralità della guerra prima di ottenere una vittoria contro tutte le difficoltà.
user posted image




user posted image

parte I

Il dramma si apre nel 1402, terzo anno di regno di Enrico IV. L’Inghilterra è impegnata militarmente su due fronti: coi ribelli gallesi ad ovest, con gli scozzesi a nord. Contro questi ultimi sta combattendo, alla testa delle forze regie, Enrico Percy, il giovane figlio del duca di Northumberland, soprannominato “Sperone ardente” (“Hotspur”) per la sua irruenza negli assalti a cavallo. Un messaggero annuncia la sua vittoria sugli scozzesi (ottobre 1402) con la cattura di molti importanti prigionieri. Per contro, sul fronte gallese le truppe regie hanno subito una severa disfatta; (l’episodio è avvenuto qualche mese prima, ma Shakespeare lo fa apparire come contremporaneo al primo perché ciò gli serve per introdurre nel dramma - e giustificarlo - il rinvio di una spedizione in Terrasanta che Enrico avrebbe voluto fare in espiazione delle colpe di cui si sente responsabile per aver usurpato il regno a Riccardo II dopo averne provocato la morte in prigione.
Con la vittoria sui ribelli gallesi, “Sperone ardente” ha catturato prigioneri diversi nobili. Il re li reclama per sé, ma “Sperone ardente” rifiuta di darglieli. Questo sarà motivo di rottura tra re Enrico e i Percy, padre e figlio, i quali, per ripicca, alleati ad altri nobili, passeranno a combattere il re a fianco degli scozzesi. I due eserciti si scontreranno a Shrewsbury, dove “Sperone ardente” sarà ucciso in duello dal giovane principe di Galles; e con questo episodio, che annuncia il ravvedimento del giovane Enrico e il riscatto dei suoi dubbi trascorsi si chiude questa prima parte dell’Enrico IV.

parte II

Il giovane principe, sembra tornato alla sua vita scapigliata e alla solita mala compagnia di gente trista; e sarà questo nuovo motivo di amarezza per suo padre, già premuto e angustiato da una nuova rivolta di nobili, capeggiata dal padre del caduto “Sperone ardente”, il vecchio conte di Northumberland, l’Arcivescovo di York, e i Lords Hastings e Mowbray.
Il rapporto padre-figlio, su cui ruota la vicenda “personale” del dramma, ha la sua scena-madre nel momento in cui il giovane Enrico al capezzale del re, uomo ormai malato, esacerbato dal rimorso, lo crede morto, gli sottrae la corona e se la porta via per provarsela sul capo; ma il re si sveglia e dopo aver a lungo rimproverato il figlio, ne accetta le sincere dichiarazioni di amore e di lealtà filiale, e, come parlando al suo successore, gli dà una serie di consigli; gli ricorda le vie traverse per le quali egli stesso ha ottenuto la corona e gli suggerisce la politica da seguire per regnare: e cioè portare la guerra all’esterno, per proteggersi dall’insorgere di guerre civili all’interno. È l’annuncio delle vittoriose campagne di Francia del futuro Enrico V.
user posted image




user posted image


Il coro introduce la storia che sta per rappresentarsi sul palcoscenico, scusandosi con gli spettatori per l'impossibilità di rendere veritiera la rappresentazione causa gli scarsi mezzi di cui possiede il teatro: il coro prega così gli astanti di mettere in moto la propria immaginazione, al fine di ricostruire con la mente ciò che non è possibile portare in scena. Ogni atto è preceduto da un prologo del coro, interpretato però da un solo attore.
La scena si apre con il colloquio tra l'arcivescovo di Canterbury ed il vescovo di Ely, preoccupati che l'approvazione di un disegno di legge potesse togliere alla Chiesa parte dei sussidi e delle agevolazioni su cui vive agiatamente. Suggeriscono così al re Enrico V di dichiarare guerra alla Francia, rivendicandone i diritti sul trono che gli spettano poiché la successione francese è avvenuta contravvenendo la legge salica, ossia per via femminile.
Enrico V, che in passato era un giovane dedito al gioco e ai bagordi, è nel frattempo divenuto un re saggio e amato. Sentito il consiglio dei due ecclesiastici decide di dichiarare guerra al re di Francia Carlo VI, al quale ha già inviato varie missive nelle quali rivendicava i suoi diritti di successione al trono per via di lontane parentele. La risposta alle missive arriva a nome del Delfino che, beffandosi delle rivendicazioni inglesi, invia per regalo palle da tennis ad Enrico. Quest'ultimo, adirato, decide di approntare l'esercito per la battaglia.
In una strada di Londra avviene un colloquio tra i vecchi compagni di bagordi del re: Pistola, sposo dell'ostessa Quickly, Nym, ex fidanzato di Quickly e Bardolfo. I tre compari, scansafatiche e tardoni, vengono richiamati dal paggio di Falstaff, vecchio compagno di sbronze, ormai sul letto di morte: Falstaff è stato, infatti, rinnegato dal re come compagno perché l'acquisizione del diritto regale lo ha privato della possibilità di legarsi alle vecchie compagnie. Il dolore ha colpito il vecchio, portandolo alla morte. Mentre i quattro si disperano per la dipartita, sovviene l'ordine di partenza per la guerra in Francia. Gli uomini lasciano quindi l'ostessa e si dirigono con le truppe.
Poco prima della partenza, Enrico V scopre un tranello ordito contro la sua persona: il conte di Cambridge, Lord Scroop di Masham e Sir Thomas Grey, vecchi amici d'infanzia di Enrico e vendutisi alla corona francese, vengono scoperti ed arrestati dal monarca che li fa giustiziare dopo averli ripudiati.
In Francia, intanto, giunge come araldo inglese il duca di Exeter, zio di Enrico V, che avverte Carlo VI dell'indignazione del monarca inglese per l'onta ricevuta in seguito al regalo goliardico del Delfino, al quale dichiara la sua disistima. Un ultimo avvertimento dell'araldo è sul destino di Francia: il re è chiamato ad abdicare in favore di Enrico, pena una guerra sanguinosa. Carlo VI si riserva una notte per pensare alla risposta.
L'armata inglese parte da Southampton diretta verso le coste francesi. L'armata di Enrico si spinge fino ad Harfleur e la conquista. Aspri diverbi avvengono tra gli ufficiali francesi, i capitani Gower, Fluellen, Macmorris e Jamy, che discutono sulla conduzione dell'assedio ad Harfleur.
Alla corte di Rouen, intanto, la cugina di Enrico, Caterina, prende lezioni di inglese dalla sua dama di compagnia, incappando in numerosi errori di pronuncia dai risvolti farseschi. Il re di Francia, preoccupato per la caduta di Harfleur, si prepara per la controffensiva che sarà guidata dal Delfino suo figlio, dal Connestabile e dai duchi di Orléans e di Borbone. La controffensiva viene annunciata ad Enrico dall'araldo Montjoy.
I francesi, in numero nettamente superiore alle forze offensive inglesi, già pensano alla vittoria sicura sulle truppe di Enrico.
I due accampamenti si fronteggiano nei pressi di Agincourt. È notte fonda e, mentre nell'accampamento francese la frenesia cresce di ora in ora, il malumore tra gli inglesi, stanchi ed in inferiorità numerica rispetto ai freschi avversari, è sempre più palpabile.
Enrico, desideroso di riflettere, si aggira nell'accampamento in incognito: ha così occasione di parlare, non riconosciuto, con Pistola, suo vecchio amico, e con altri uomini dell'esercito. Questi ultimi manifestano la loro preoccupazione per le loro sorti, maledicendo il re che li manda a morire senza la possibilità di redimersi prima l'animo. Enrico, conscio della situazione, replica che il dovere di un suddito è quello di servire il suo re, il quale non è però responsabile dell'anima del suddito stesso: il peso di queste confessioni permette ad Enrico una riflessione, nella quale sottolinea, nel corso di un lungo monologo, come la posizione di un monarca sia infausta in determinate circostanze. Nonostante il titolo che lo riveste ed il peso delle decisioni che lo aggrava, Enrico si scopre infatti uomo tra gli uomini, bisognoso di aiuto e coraggio. Leva così una preghiera al cielo, affinché Dio lo assista in battaglia.
Un ultimo avvertimento dell'araldo Montjoy prega Enrico di desistere dalla battaglia, ma il re non si piega e manda a rispondere che combatterà per rivendicare ciò che gli spetta.
Nel frattempo Le Fer, soldato francese, si infiltra tra le file nemiche e viene scoperto da Pistola che, sotto pagamento di duecento scudi, lo lascia libero.
Nella scena III c'è il monologo più celebre dell'opera, quando Enrico risponde al cugino Westmoreland, che si diceva perplesso per la disparità delle forze in campo, che non desiderava neanche un uomo in più, per non dividere la gloria di quei felici pochi che potranno dire di aver combattuto il giorno di San Crispino.
Segue una furibonda lotta tra gli eserciti, che vede a poco a poco l'esercito francese orrendamente decimato da quello inglese: i francesi, nonostante la netta superiorità numerica e la strenua resistenza, soccombono e si dichiarano sconfitti per mezzo di un messaggio dell'araldo, non prima però di aver infranto le regole di guerra uccidendo tutti i giovani ragazzi inglesi a guardia dei carri.
L'araldo consegna ad Enrico la conta delle perdite: 10000 francesi, tra i quali 126 principi ed 8400 cavalieri; tra gli inglesi Edoardo duca di York, il conte di Suffolk, Sir Richard Keighley, il nobiluomo gallese Davy Gam e soli 25 soldati.
Di fronte a questo prodigioso esito, Edoardo comanda di onorare e seppellire i caduti dopo aver intonato il "Te Deum" ed il "Non Nobis" ed ordina che sia messo a morte chi si vanti della vittoria senza aver riconosciuto che Dio ha combattuto con gli inglesi e che solo suo è il merito del successo.
Pistola, al quale giunge la notizia della morte della moglie Quickly, si dispera in mezzo ai vittoriosi compagni.
Al palazzo reale di Francia Carlo VI accoglie Enrico V, il quale avanza le proprie rivendicazioni sulla corona e la Francia intera. Il duca di Borgogna sottolinea con enfasi quanto la Francia sia caduta in basso da molti anni e di come carestie e declino abbiano condotto la madrepatria in rovina: augura poi una ritrovata pace tra le due nazioni, ed Enrico vincola la pace alla firma del trattato che sancisca il lascito della corona francese a quella inglese.
Mentre Carlo VI si ritira per studiare le proposte, Enrico ha la possibilità di intrattenersi con la cugina Caterina, alla quale dichiara il suo amore. La mancata conoscenza delle reciproche lingue costringe i due a divertenti dichiarazioni piene di incomprensioni linguistiche.
Alla fine Caterina si dichiara favorevole al matrimonio a patto che questo venga benedetto dal padre. Così è, ed il dramma si conclude con la dichiarazione di matrimonio tra Enrico e Caterina ed il coro che recita l'epilogo.
user posted image




user posted image

parte I

Nella prima parte assistiamo alle celebrazioni per la morte prematura di Enrico V (padre di Enrico VI), grande re e condottiero, che con la battaglia di Azincourt (1415) aveva piegato a sé la Francia e poi riconquistato alla corona inglese tutta la Normandia. L'evento inatteso inaugura per l’Inghilterra un periodo di incertezza e di torbidi politici.
« Ora che Enrico è morto, o generazioni future, attendetevi anni di dolore: i bambini suggeranno agli umidi occhi materni, quest’isola diverrà nutrice di amaro pianto, e non resteranno che donne a piangere i morti »
(Atto I, Scena 1)
Ma la ribellione e la riscossa delle forze francesi, (“Tristi notizie vi porto dalla Francia, di perdite, di stragi e di sconfitte; la Guienna, la Sciampagna, Reims, Orléans, Parigi, Guysors, Poitiers, sono tutte perdute”, Atto I, Scena 1) alla cui guida vediamo una figura di Giovanna d'Arco stranamente non valorizzata da Shakespeare (che peraltro scriveva per un uditorio inglese, certamente non bendisposto verso la pulzella d'Orléans), sono solo la conseguenza esteriore, non la causa del problema; questa infatti va individuata in un fattore interiore, cioè nelle discordie, nell’odio, nelle rivalità meschine che crescono come una tumore negli animi della nobiltà inglese e da qui si trasmettono nel popolo.
Storicamente, questi torbidi sono rappresentati dalla cosiddetta Guerra delle due rose, e appunto nella scena 4 del secondo atto viene descritta plasticamente l’origine di tale rivalità tra le opposte fazioni degli York e dei Lancaster, in una contesa che si protrarrà sanguinosamente per oltre trent’anni:
« E qui faccio una profezia: questa contesa fra rosa bianca e rosa rossa, divenuta oggi fazione nel giardino del Tempio, manderà mille anime nelle tenebre della morte.
[...]
Sì, marciamo pure in Inghilterra o in Francia, senza capire quello che probabilmente seguirà. Questa discordia nata da poco fra i pari cova sotto le ceneri fallaci di un amore simulato, e da ultimo eromperà in fiamma: come le membra infette imputridiscono a poco a poco finché ossa e carne e muscoli cadono in disfacimento, tali saranno i frutti di questa vile discordia nata dalla rivalità. Ed ora temo quella fatale profezia che al tempo di Enrico V correva persino sulle bocche dei lattanti: che Enrico di Montmouth avrebbe conquistato tutto e Enrico di Windsor tutto avrebbe perduto »
(Atto II, scena 4 e Atto III, scena 1)
Sullo sfondo di questa crisi drammatica, Enrico VI è il re, ma la sua figura è quella di chi il potere regale lo subisce invece che esercitarlo. Già la sua ascesa al trono d’Inghilterra all’età di appena nove mesi aveva qualcosa di innaturale; la sua incoronazione a re di Francia (procuratagli da un’accorta politica dinastica predisposta da suo padre Enrico V, che aveva sposato Caterina di Valois figlia di Carlo VI di Francia, Delfino e poi re di Francia) era avvenuta quando aveva 9 anni (nel 1430 a Parigi) e il regno di Enrico VI fu necessariamente un lungo periodo di reggenza, di governo per interposta persona (quella dei Lord Protettori); e Shakespeare fa commentare ad uno dei suoi personaggi: “ grave quando lo scettro è in mano di un fanciullo”.
Enrico VI è giovane e non ama la guerra; la sua indole meditativa ed introversa, come egli stesso ammette lo rende inadatto al suo ruolo, dati i tempi; la sua figura tragica è quella di chi vive credendo nella buona fede di quelli che lo circondano, sicuro che tutti siano come lui e quindi vogliano indefettibilmente il bene e rifiutino sempre e comunque il male. Ma il mondo non funziona così. Persino la sua intimità, la sua vita sentimentale è pregiudicata dall’inganno, quando il conte Suffolk gli propone in matrimonio la bella Margherita, di cui però egli stesso è invaghito e di cui si propone di fare la sua amante nonché la leva del suo potere, una volta condottala alla corte d’Inghilterra dalla nativa Francia

parte II

La parte prima si era aperta con il cordoglio per un funerale; la parte seconda si apre invece con la gioia per un matrimonio annunciato, quello di Enrico VI con Margherita d'Angiò. Ma questa felicità non è affatto condivisa da molti membri autorevoli della corte, per i quali “questo matrimonio è fatale”, essendo parte di un accordo di tregua in cui il re, “ben felice di barattare due ducati con la bella figlia di un duca”, accordava condizioni molto favorevoli alla Francia di Carlo VI.
L’intrigo e la ribellione covano sotto la cenere attorno al re e assediano la sua lieve felicità; persino le donne sono contagiate da questo fascino mortale del potere, e se in questo sembrano "presuntuose e perverse", tuttavia esse testimoniano una diversa autocoscienza.
Nella seconda scena del secondo atto, durante una passeggiata serale nel giardino della casa di York, accade un fatto centrale per l'intera vicenda narrata nell’Enrico VI: York esce allo scoperto con i suoi buoni amici Salisbury e Warwick, del grande e potente clan dei Nevil, e chiedendo loro apertamente “che cosa pensino del suo indiscutibile diritto alla corona d’Inghilterra” ne ottiene il prezioso appoggio, ancorché segreto. Sulla base di questo patto, la corda dell’intrigo si stringe sempre più attorno a Gloucester, il fedele protettore del re, cui vengono estesi i sospetti che si nutrono sul conto di sua moglie Eleonora e pertanto gli viene revocato il ruolo di Protettore; nonostante dubiti della veridicità delle accuse (“Il duca è virtuoso, mite e di troppo buoni costumi per sognare il male o per adoperarsi per la mia rovina”, e “è mia viva speranza che riusciate a giustificarvi pienamente di ogni sospetto: la coscienza mi dice che siete innocente”), Enrico non ha la forza di opporsi alle accuse che vengono rivolte al suo ex protettore, con lo scopo di farlo cadere e di eliminare un ostacolo ai piani di coloro che agiscono e si comportano da congiurati, anche se – e non è paradossale in Shakespeare questa ulteriore complessità della trama - da un punto di vista giuridico sono nel giusto e rivendicano il loro buon diritto. Ma con i mezzi dei congiurati.
Del resto, lo stesso Gloucester avverte che “questi sono tempi pericolosi: la virtù è soffocata dalla vile ambizione e la carità cacciata di qui dal rancore; l’istigazione al male domina e la giustizia è sparita” e, prima di essere arrestato, mette in guardia Enrico sulle trame che si stanno compiendo alle sue spalle.
In questo frangente decisivo, York incoraggia se stesso all’impresa, e la fortuna aiuta gli audaci: una sommossa in Irlanda consente a York, incaricato di sedarla, di radunare sotto il suo comando, senza destare sospetti, un grande esercito. La morte di Gloucester, assassinato durante la sua prigionia e prima del processo, consente ai veri alleati di York, cioè Salisbury e Warwick, di accusare davanti al re e al popolo Suffolk, Wichester e la stessa regina Margherita. Complice una sommossa, Suffolk viene così esiliato e deve dire addio all’Inghilterra e a Margherita, sua amante. E, come spesso avviene in Shakespeare, proprio in questo frangente al perfido Suffolk vengono inspirate parole d’addio a Margherita di una struggente bellezza:
« Così il povero Suffolk è dieci volte bandito, una volta dal re e nove da te medesima. Non è questa terra che mi importi, quando tu non ci sia; il deserto sarebbe anche troppo popolato se Suffolk avesse la tua celestiale compagnia, perché dove sei tu, colà è il mondo con tutti i piaceri che può dare; e dove non sei tu, non è che desolazione. Non posso più parlare, vivi e godi: io stesso avrò gioia soltanto dal sapere che tu vivi »
(Enrico VI parte II, Atto terzo, scena II)
Intanto anche il cardinale di Winchester muore “bestemmiando Dio e maledicendo gli uomini” in un delirio di sensi di colpa e di disperazione; e muore Suffolk, ucciso da pirati che hanno intercettato la sua barca mentre egli, insieme ad altri gentiluomini, attraversava lo stretto per raggiungere il suo esilio in Francia.
Il piano di York prosegue senza intoppi; tutte le sue mosse riescono; i suoi nemici si eliminano tra di loro senza che egli debba scoprirsi o destare sospetti. Manca ancora una mossa per preparare il terreno propizio alla sua azione: come egli stesso ammette "Susciterò in Inghilterra una tenebrosa tempesta che manderà migliaia di anime in paradiso o le precipiterà all’inferno; e questo tremendo turbine non cesserà di infuriare finché l’aureo serto sul mio capo, come i raggi luminosi dello splendido sole, non calmi la furia di questo pazzo uragano". Lo strumento di questi disordini sarà Jack Cade, una losca figura di “demonio… e furfante”, un abile sobillatore senza scrupoli, che ama presentarsi come giustiziere del popolo e rivoluzionario che “vuol dare nuova veste allo stato, o rivoltarla e farvi nuovo pelo… animato dallo spirito di buttar giù re e principi...e giura di fare una riforma generale: in Inghilterra le pagnotte da sette soldi e mezzo saranno vendute per un soldo; la capacità del boccale sarà triplicata...tutto il regno sarà di tutti...e quando sarò re non ci sarà più denaro, tutti mangeranno e berranno a mie spese e vi vestirò tutti con la stessa livrea perché andiate d’accordo come buoni fratelli e mi riveriate come vostro signore”.
Il motto di questo brigante del Kent è: “Il nostro ordine è il massimo disordine!”. Alla testa del suo esercito costituito da "una moltitudine cenciosa di servi e contadini rozzi e spietati", Cade avanza verso Londra, se ne impadronisce, costringe il re alla fuga e assapora l’ebbrezza del potere:
« La mia bocca sarà il parlamento d’Inghilterra…e non si sposerà ragazza che non mi dia il tributo della sua verginità, prima che l’abbiano gli altri; gli uomini saranno miei vassalli diretti; inoltre ordiniamo e comandiamo che le loro mogli siano tanto libere quanto il cuore sa desiderare o lingua sa dire. »
(Atto IV, scena 7)
Ma ben presto viene abbandonato da quella stessa folla che lo aveva poco prima acclamato e reso padrone di Londra. “Ci fu mai piuma che si movesse al vento come questa moltitudine?”. Con questo amaro commento, Cade fugge e poco dopo viene ucciso. In questo frangente, il duca di York torna in Inghilterra alla testa dell’esercito che gli era stato messo a disposizione per sedare la rivolta irlandese. Nella sua mente un solo pensiero: “Dall’Irlanda viene York in armi per rivendicare il suo diritto e togliere la corona dal capo del debole Enrico…Ah, santa maestà! Chi non vorrebbe comprarti a caro prezzo? Obbediscano coloro che non sanno comandare”. Ma egli pensa di dover ancora dissimulare le sue intenzioni “finché Enrico non sia più debole ed io più forte”.
Tuttavia gli eventi precipitano e finalmente i giochi finora nascosti si rivelano apertamente:
« Allora, York, schiudi i tuoi pensieri a lungo celati e lascia che la tua lingua vada di pari col tuo cuore. Falso re! Ti ho chiamato re? No, tu non sei re, né atto a governare e a reggere moltitudini, tu che non osi né sai importi a un traditore. Alla tua testa non si addice una corona; la tua mano è fatta per stringere un bordone di pellegrino e non per onorare lo scettro temuto del principe. Codesta corona d’oro deve cingere la mia fronte, che spianandosi o accigliandosi può, come la lancia di Achille, uccidere o sanare. Ecco qua una mano adatta a tenere alto uno scettro e con quello sancire leggi sovrane. Cedimi il tuo posto, per il Cielo! »
(Atto V, scena 1)
Segue uno scontro cruento tra i partigiani di York, cioè innanzitutto i suoi figli Edoardo e Riccardo[18], e quindi Salisbury e Warwick, contro i partigiani di Enrico, ovvero Somerset e i due Clifford, padre e figlio. Nella sera di quella giornata, la vittoria arride agli York; il re e i resti dei suoi sostenitori si sono ritirati a Londra per salvare il salvabile e tentare una controffensiva. Il duca di York sa che deve incalzarli e non dare loro tregua.

parte III

Lo scontro militare tra gli York e i Lancaster sembra far pendere definitivamente il piatto della bilancia dalla parte di York, ma in realtà lo scontro non è ancora concluso. Enrico VI è ancora libero a Londra e può far leva su potenti appoggi politici in Parlamento e nel paese. Gli York occupano nella notte il Parlamento e lì attendono i loro nemici. Il sole sta sorgendo su una giornata decisiva e tutti sono consapevoli della gravità dell’ora: "Questo sarà chiamato il Parlamento sanguinoso se Riccardo Plantageneto, duca di York, non sarà fatto re e non verrà deposto il pauroso Enrico la cui viltà ci ha fatti passare in proverbio presso i nemici".
Dopo una convulsa trattativa piena di minacce reciproche, Enrico cede all’ultimatum di York, strappando tuttavia una condizione: egli stesso potrà continuare a regnare vita natural durante, e solo dopo la sua morte, il duca di York potrà far valere i suoi legittimi diritti dinastici e diventare re. Ma non c'è onore in questo accordo ed Enrico è abbandonato con disprezzo anche dai suoi partigiani più irriducibili, dalla moglie e dal figlio Riccardo, che si vede preclusa la successione al trono.
Del resto, anche nella fazione di York c’è chi non è soddisfatto di questo accordo ed Edoardo, figlio maggiore di York, incita a riprendere immediatamente le armi: "Se date alla casa di Lancaster agio di respirare, alla fine vi oltrepasserà nella corsa"; e se il duca di York teme di violare un accordo su cui ha giurato, è ancora Edoardo a vincere i suoi scrupoli: "Ma per un regno si può rompere qualsiasi giuramento: per conto mio verrei meno a mille giuramenti pur di regnare un anno".
La guerra dunque è decisa: la pace appena sancita solennemente in Parlamento si rivela una fragile e breve tregua. Ma la volubile fortuna adesso gira le spalle a York e le forze raccolte dalla regina Margherita e dai suoi sostenitori prevalgono in battaglia; lo stesso duca di York è fatto prigioniero ed ucciso. "Vostro padre fu vinto da molti nemici, ma ucciso soltanto dal braccio irato del crudele Clifford e della regina. Questa per dispregio prima incoronò il grazioso duca, gli rise in faccia e quando piangeva pel dolore gli diede, perché si asciugasse le guance, una pezzuola intinta nel sangue innocente del piccolo Rutland" [figlio minore e beniamino di York] "già ucciso dal crudele Clifford. Dopo molti scherni e turpi beffe gli tagliarono la testa e la posero sulla porta della città di York e colà è ancora, il più triste spettacolo che abbia mai visto". E il codice atavico della vendetta si attiva immediatamente.
Dice Riccardo: "Piangere è diminuire la profondità del dolore: piangano dunque i fanciulli; per me, colpi e vendetta!". Ma certo occorre ponderare bene le proprie mosse: “Ma in questo difficile momento, che cosa si deve fare?” (ivi). Si decide nuovamente per lo scontro frontale, senza lasciarsi aperte vie di fuga. Tutti sono consapevoli che l’odio ha ormai creato una matassa inestricabile; né il dialogo né il diritto possono sciogliere il nodo gordiano della successione al trono d’Inghilterra.
Intanto, l’ennesima battaglia viene rappresentata a tinte fosche sulla scena. Enrico VI ne attende fatalisticamente l’esito: "Questa battaglia è come la guerra del mattino quando le nubi morenti contendono con la luce che cresce, e il pastore soffiandosi sulle dita intirizzite non sa se sia giorno o notte. Ora la vittoria inclina da questa parte, come un mare possente forzato dalla marea a combattere col vento; ora inclina dall’altra parte, come quello stesso mare che la furia del vento forzi a ritirarsi; talora la vince il vento e talora la marea; ora l’uno è più forte ora l’altra fortissima: lottano entrambi per la vittoria corpo a corpo, e nessuno è vincitore o vinto: così ugualmente bilanciata è questa terribile battaglia. Mi siederò qui su questa tana di talpa: conceda Dio la vittoria a chi vuole! (…) O volesse Dio farmi morire! Poiché, che vi è in questo mondo se non dolori e guai? O Dio! Che vita felice se fossi un semplice campagnuolo!". La battaglia è sempre più cruenta e il suo orrore cresce inesorabilmente secondo una logica perversa che travalica le stesse intenzioni degli uomini. Da opposti schieramenti, si avanzano sulla scena padri che si rendono conto di aver ucciso il figlio, e figli che si avvedono di aver ucciso il padre.
Finalmente, il pendolo della fortuna si sposta nuovamente dalla parte di York. Edoardo torna a Londra a prendersi il titolo di re per cui si è tanto combattuto versando fiumi di sangue ma la sua indole buontempona e godereccia lo induce ad usare il suo potere non per occuparsi primariamente degli affari di stato e degli interessi politici del suo regno bensì per cercare di costringere un’avvenente vedova, Lady Grey, a diventare la sua amante. Ma Lady Grey resiste alla impacciate avances del re (definito da lei "il più goffo corteggiatore della Cristianità") e questi finisce, contro ogni logica politica e dinastica, col chiederle addirittura di sposarlo. Suo fratello Riccardo assiste a questa miserevole tresca e la collera di Caino, origine di tutto, torna novamente protagonista della scena. Riccardo confessa le sue intenzioni più segrete, le sue mire a spodestare il fratello e tutti quelli che lo precedono nella linea di successione al trono. Un sogno a occhi aperti, difficile da realizzare, anzi quasi impossibile. Però, supponendo "che non vi sia possibilità di regno per Riccardo: quale altro piacere può fornirmi il mondo? Troverò forse il mio paradiso in grembo a una donna, coprirò il mio corpo di gai ornamenti, e affascinerò il bel sesso con le parole e con gli sguardi? O miserabile pensiero e più difficile a mettere in atto che ottenere venti corone d’oro! Già! L’amore mi abbandonò fin da quando ero in seno a mia madre e perché non m’impacciassi con le sue tenere leggi corruppe con qualche dono la fragile natura e la indusse ad atrofizzarmi il braccio come un ramo secco, a crearmi un’odiosa prominenza sul dorso dove la deformità siede a scherno del mio corpo, a dar forma disuguale alle mie gambe, a far di me un ammasso caotico, un orsacchiotto mal leccato che non ha alcuna delle sembianze materne. Come potrei essere fra quelli che piacciono alle donne? Mostruoso errore nutrire un tal pensiero! Dunque, giacché questa terra non mi offre alcuna gioia se non nel comandare, nel tenere a freno e nell’usar prepotenze a coloro che son fatti meglio di me, sarà mio paradiso sognare il trono e per tutta la mia vita considerare il mondo come un inferno, finché il mio capo, portato dal tronco deforme, non sia circondato da una splendente corona".
In questa situazione ancora fluida e non assestata, una leggerezza di re Edoardo fa di nuovo precipitare la situazione. Infatti, mentre Warwick si trova in Francia per chiedere al re Luigi il consenso al matrimonio fra Edoardo stesso e madama Bona, la sorella del re, giunge notizia che intanto proprio Edoardo, sconfessando di fatto l’operato del suo plenipotenziario e il suo disegno politico di alleanza con la Francia, ha sposato Lady Grey, "spinto alle nozze dall’appetito e non dall’onore né dal desiderio di rafforzare e garantire il nostro paese". Questa azione di Edoardo offende profondamente Warwick e ne determina il passaggio al campo dei sostenitori dello spodestato Enrico. Ma anche nell’entourage di Edoardo c’è malcontento e preoccupazione per questa sua scelta non meditata.
Ben presto si giunge allo scontro armato ed Edoardo cade prigioniero di Warwick, che gli notifica la sua deposizione e l’imminente ritorno al trono di Enrico. La ruota della fortuna, come la gigantesca pala di un mulino, si rimette in moto cigolando. Le scene si susseguono velocemente, fino a giungere al grande finale dell’atto V, con lo scontro campale tra le opposte fazioni che culmina col trionfo di Edoardo di York e il conseguente assassinio di di Enrico VI e di suo figlio Edoardo. Ma ora che tutto è finito, proprio ora la maledizione di Caino si mostra di nuovo furtivamente all’opera, increspando minacciosamente la superficie liscia della storia. Ed è ancora Riccardo di Gloucester che incarna questa sete sanguinaria, Riccardo che confessa: "non ho né pietà né amore né paura… giacché il cielo ha foggiato così il mio corpo, l’inferno mi storpiò la mente in proporzione. Non ho fratelli, non somiglio a nessun fratello; e questa parola amore che i barbogi chiamano divina, stia con gli uomini che si somigliano l’un l’altro, non con me; io sono soltanto me stesso. Re Enrico e il principe suo figlio sono morti; Clarence ora tocca a te e poi agli altri" [che mi precedete nella linea di successione al trono] "perché continuerò a ritenermi infimo finché non sia salito più alto di tutti".
Così, Shakespeare conclude l’Enrico VI quasi preannunciando e gettando il seme del successivo dramma storico, il Riccardo III.
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:23 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:04 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image



user posted image


È l'ultimo lavoro teatrale di Shakespeare. L'azione è ambientata a Londra, Westminster e Kimbolton. Narra le vicende storiche del ripudio della regina Caterina d'Aragona da parte di Enrico VIII; l'allontanamento di Caterina dalla corte (in parte per gli intrighi del cardinale-ministro Thomas Wolsey, che si vendica di lei per non aver ottenuto l'arcivescovado di Toledo, non essendo Caterina intervenuta in suo favore presso l'imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V, già Carlo I di Spagna); l'incoronazione di Anna Bolena a regina d'Inghilterra. Dopo numerosi avvenimenti tragici, la nascita della figlia Elisabetta e il suo battesimo concludono l'opera con un'atmosfera di serenità e di speranza. Accanto alla vicenda principale, sono rappresentati i drammi del duca di Buckingham (condannato a morte per gli intrighi del cardinale Wolsey) e del cardinale Wolsey (privato di tutti gli incarichi e di tutti i beni, e sostituito da Tommaso Moro nella carica di ministro, per aver scritto al papa di bloccare l'istanza di divorzio di Enrico VIII). L'autore mostra una particolare attenzione al dramma degli sconfitti della storia (duca di Buckingham, Caterina, Wolsey) ed è magnanimo nel far risaltare i loro meriti. Del resto, Shakespeare conosce gli alti e bassi della storia: quando scriveva, Tommaso Moro era stato giustiziato (1535) per avere rifiutato la ratifica del divorzio del re e la ribellione all'autorità del papa. Anche Wolsey si riscatta nella caduta, riconoscendo umilmente la "vana pompa e gloria di questo mondo", avendo ritrovato "una pace interiore che supera tutte le dignità della terra".
user posted image




user posted image


Singolarmente teso e asciutto nella compatta brevità della struttura, nella scelta di un linguaggio quotidiano di grande immediatezza, il dramma sembra proiettare sullintera vicenda le tortuose incertezze della figura del re, in unatmosfera inquieta di incompletezza, di intenzioni contraddette, di azioni che non sanno mai divenire pienamente tali, di una realtà che inesorabilmente muta se stessa, a cui non sfugge a tratti lo stesso Bastardo di Faulconbridge, antesignano dellimmagine delleroe trionfante, Enrico V, sorta di metafora della virtus della nazione inglese. Unopera che, forse più delle altre storie inglesi, esprime il dramma collettivo della storia in termini di tragedie individuali dei personaggi.
user posted image




user posted image


La trama si apre con un evento già compiuto che si presuppone come antefatto (cosa che ha lasciato molte preplessità nella critica) cioè la misteriosa morte di Thomas Woodstock duca di Gloucester, dietro la quale, secondo alcune illazioni malcelate, ci sarebbe la mano del re Riccardo II. Questo episodio è propedeutico al contrasto tra Bolingbroke e Mowbray, due Pari del regno che si imputano a vicenda la morte di Gloucester. Ne sorge una contesa che si realizza in una giostra il cui giudice e garante è proprio Riccardo. La contesa viene interrotta dal re, il quale decreta l'esilio a vita per Mowbray e un esilio di 10 anni (poi ridotti a 6) per Bolingbroke. Le scene successive mostrano in che modo Bolingbroke, assetato di rivalsa, sfruttando come scusa la confisca non prevista dei suoi beni, ritorna in patria dalla Francia (luogo dell'esilio), pianificando una sommossa con l'appoggio del popolo per rovesciare il trono di Riccardo. Questi, tradito da molti suoi nobili fidati, inizia a vivere il suo cammino tragico e sofferto che lo porterà, non prima di avegli dato più volte la vana illusione di riuscire a conservare il potere, ad abdicare in favore di Bolingborke, a dover leggere le sue accuse pubblicamente dinnanzi alla Camera dei Comuni,(costrizione da cui fu poi sgravato per grazia dello stesso Bolingbroke), all'arresto con conseguente carcerazione nella Torre di Londra e, infine, alla morte anch'essa avvenuta in circostanze misteriose.
user posted image




user posted image


Il dramma ha inizio con Riccardo che elogia il fratello, re Edoardo IV d'Inghilterra, il maggiore dei figli di Riccardo, Duca di York.
« Ormai l’inverno del nostro travaglio
s’è fatto estate sfolgorante ai raggi di questo sole di York »
Da notare come nella traduzione italiana si perda l'assonanza fra il termine sole (sun) e figlio (son). Il monologo rivela l'invidia e l'ambizione di Riccardo, in quanto suo fratello Edoardo regna sul paese con successo. Riccardo è un orrendo gobbo, che descrive sé stesso come
« plasmato da rozzi stampi" e "deforme, monco", privo della minima attrattiva per "far lo sdilinquito bellimbusto davanti all’ancheggiar d’una ninfa". »
Egli risponde all'angoscia della sua condizione affermando la sua volontà:
« Ho deciso di fare il delinquente
E odiare gli oziosi passatempi di questa nostra età. »
Senza molte pretese di accuratezza cronologica (che egli professa di disprezzare), Riccardo cospira affinché suo fratello Giorgio, che lo precede come erede al trono, sia condotto nella Torre di Londra come sospettato di assassinio; Riccardo, per riuscire nel suo intento, corrompe un indovino per confondere il re sospettoso.
Successivamente Riccardo entra nelle grazie di Lady Anna, la vedova di un Lancaster, Edoardo di Westminster, il principe di Galles. Riccardo si confida con il pubblico:
« Prenderò per moglie la figlia più giovane di Warwick.
Sì, le ho ucciso marito e padre, ma che importa? »
Nonostante il pregiudizio di lei nei confronti di Riccardo, Anna è vinta dal suo corteggiamento e accetta di sposarlo. Riccardo, in collaborazione con il suo amico Buckingham, Enrico Stafford, secondo duca di Buckingham, trama per la successione al trono, e si presenta agli altri signori come un uomo devoto e modesto, senza alcuna pretesa di grandezza. Riesce così a convincerli a sceglierlo come re alla morte di Edoardo IV - la morte del quale, ironicamente, non vede Riccardo coinvolto in alcun modo - eventualmente non dando peso alle rivendicazioni del giovane nipote innocente, il principe nella torre.
Riccardo si assicura attivamente il possesso della corona. Egli assassina chiunque si frapponga ad esso nella scalata al potere, inclusi il giovane principe, Lord Hastings, il suo precedente alleato Buckingham, e addirittura sua moglie. Questi crimini non passano inosservati, e quando Riccardo perde ogni tipo di appoggio, egli si trova ad affrontare il conte di Richmond, Enrico VII d'Inghilterra nella battaglia di Bosworth Field. Prima della battaglia, Riccardo riceve la visita dei fantasmi delle persone che ha ucciso, i quali gli dicono
« Dispera e muori! »
Si sveglia implorando Gesù di aiutarlo, e lentamente comprende di essere rimasto solo nel mondo che egli stesso odia. Nonostante il combattimento inizialmente sembri procedere per il verso giusto, Riccardo si ritrova presto solo in mezzo al campo di battaglia, e urla sconsolato il verso sovente citato "Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!". Riccardo viene quindi sconfitto in seguito ad un combattimento corpo a corpo con Richmond, che lo trafigge con la spada.
In termini drammatici, forse la caratteristica più importante (e, opinabilmente, la più divertente) è l'improvviso cambiamento del personaggio di Riccardo. Per la prima metà della commedia, lo vediamo come una sorta di anti eroe, che provoca violenza e si compiace per questo:
« Io mi sono ingannato fino ad oggi sopra la mia figura;
S'ella mi trova, al contrario di me,
Un uomo di straordinario fascino.

M'accollerò, costi quel che costi, la spesa d'uno specchio; »

Quasi immediatamente dopo l'incoronazione, comunque, la sua personalità e le sue azioni prendono una piega oscura. Egli tradisce il fedele Buckingham ("Non sono in vena oggi!"), e cade vittima dell'insicurezza ("Sono così corroso dal sangue, che peccato richiamerà peccato"); ora egli vede ombre dove non ve ne sono e il suo destino che verrà. ("Dispera e muori!").
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:25 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:05 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


▪ Enrico V (The Chronicle History of King Henry the Fift with His Battell Fought at Agincourt in France) regia Laurence Olivier GB, 1944, col.; durata: 137', Premio Oscar 1946: Oscar speciale
user posted image




user posted image


▪ L'esecuzione di Sir Laurence Olivier - inimitabile - è stata satirizzata da molti comici, tra cui Peter Cook e Peter Sellers (che aspirava ad interpretare il ruolo correttamente). La versione di Sellers di A Hard Day's Night fu messa in scena nello stile di Olivier come Riccardo III. La prima serie della commedia televisiva della BBC Blackadder è parodia in parte del film di Olivier, visualmente (come nel motif della corona), della performance di Peter Cook nella quale Riccardo è un giullare ed un monarca benevolo, ma nonostante ciò reduce dell'interpretazione di Olivier, che deforma i testi di Shakespeare ("Ormai l’estate della nostra contentezza s’è trasformata in duro inverno per causa di queste nuvole Tudor....").
user posted image



user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:25 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:05 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image

user posted image


Sir John Falstaff, a corto di denaro, decide di corteggiare due ricche donne sposate, la signora Ford e la signora Page, inviando loro due identiche lettere d'amore. Lo scopo dell'uomo non è, ovviamente, arrivare al cuore delle due benestanti di Windsor ma piuttosto alle loro borse. Sulla signora Ford pesa il grave fardello della gelosia del marito, impaurito dal poter essere tradito dalla consorte. La signora Page ha invece una figlia, Anna, che intende maritare e le cui vicende costituiscono l'intreccio secondario dell'intera opera.
L'intervento di Monna Fapresto (Madama Quickly) come intermediaria tra Falstaff e le due donne, permette a queste ultime di smascherare il finto spasimante e organizzare una lezione a suo danno.
user posted image



user posted image


Nel prologo dell'opera, Sly, un popolano, viene trovato addormentato dopo una sbornia da un Signore e dalla sua corte. Al suo risveglio, costoro gli fanno credere di essere lui stesso un aristocratico e loro i suoi servi. Quale parte degli intrattenimenti a lui dedicati, per Sly viene rappresentata una commedia da parte di un gruppo di attori girovaghi.
In questa commedia, Lucenzio - giovane pisano - e Tranio - suo servo - discutono su quanto sia bella e dolce la figlia del mercante Battista Minola, Bianca, e di quanto sia invece rude, sgarbata e volgare sua sorella maggiore, Caterina (la bisbetica del titolo). Mentre Bianca è contesa tra i molti pretendenti che le fanno corte, la sorella Caterina non vanta nessun pretendente. In seguito, Battista Minola decide quindi di allontanare la figlia Bianca dalla società, fintanto che Caterina non si sarà sposata. Tuttavia Lucenzio, perdutamente innamorato di Bianca, cerca di escogitare qualche sotterfugio per poter avvicinare la sua amata. Pertanto si scambia d'abiti con Tranio, il suo servo, così da poter diventare tutore in letteratura di Bianca. Frattanto invece Gremio ed Ortensio, altri due pretendenti padovani, uniscono le loro forze per trovare un marito a Caterina. Quando giunge a Padova Petruccio, caro amico di Ortensio, in seguito alla morte del padre, in cerca di moglie, essi gli parlano riguardo Caterina, del suo brutto carattere, ma anche della sua ricca dote. D'altronde, poi, Caterina non era nemmeno così brutta come voleva invece lei figurare. Tuttavia Petruccio non esita un attimo, e decide immediatamente di volerla sposare, facendosi introdurre nella villa di Battista, tramite Ortensio. Benché apparentemente Caterina risulti sdegnata da questa sua volontà di sposarla, i due decidono di concordare la data del matrimonio. Quel giorno, però Petruccio arriva alla cerimonia vestito squallidamente, e in ritardo. Peraltro al conseguente banchetto se ne va, con grande rammarico di Caterina. Giunti a Verona, città di Petruccio, Caterina è costretta a condurre una vita molto modesta, piena di privazioni ed umiliazioni che poco a poco affievoliscono il suo carattere ostinato, che diviene sempre più accondiscendente. Frattanto Lucenzio centra il suo obiettivo, mentre Ortensio sposa una ricca vedova.
L'opera si conclude con uno smascheramento generale. Riunitisi Ortensio, Petruccio e Lucenzio, decidono di sottoporre le mogli ad una prova d'obbedienza. Chiamandole, si presenta solo Caterina, alla quale verrà poi detto di recarsi da Bianca e dalla vedova così da rammentare i doveri coniugali.
user posted image



user posted image


Il dramma presenta una curiosa fusione fra un episodio di storia britannica all’epoca romana, narrato nelle cronache di Holinshed, e la novella nona della seconda giornata del Decameron: la vicenda storica ( il rifiuto del re britannico Cimbellino di pagare un tributo ai Romani, la successiva guerra, e l’accordo finale raggiunto dai popoli romano e britannico) rimane sommersa nelle vicende personali del gentiluomo Posthumus, che ha scommesso con l’amico Iachimo che sua moglie Imogen, figlia del re Cimbellino, è incorruttibile. Iachimo, con uno stratagemma, fa credere a Posthumus di aver goduto dei favori della moglie (rimasta in Britannia mentre egli si era recato a Roma). Posthumus ordina al fedele servo Pisanio di uccidere la moglie, ma questi non ne ha il coraggio. sopraggiunge il malvagio Cloten, figlio del primo letto della matrigna di Imogen, con l’intenzione di violentare quest’ultima, ma viene intercettato e decapitato da 2 giovani, figlioli di Cimbellino, rapiti dalla culla molti anni prima, i quali vivono fra i monti con il loro rapitore, che essi credono loro padre. Imogen, trovando il corpo decapitato di Cloten, che si era rivestito dei panni di Posthumus, crede che egli sia suo marito. Poi, in abito maschile, raggiunge l’esercito romano che sbarca nel Galles e diviene paggio del comandante. Con i Romani è sbarcato anche Posthumus, che crede Imogen morta. Dopo complicate vicende, la situazione si chiarisce: Cimbellino ritrova tutti i suoi figli, Posthumus e Imogen si ricongiungono, Iachimo si pente, e si celebra con sacrificio agli dei la nuova alleanza romano-britannica.
user posted image



user posted image


La commedia si svolge in un ducato francese, ma la maggior parte dell'azione si svolge in un luogo chiamato la Foresta di Arden.
Federigo ha usurpato il ducato ed esiliato suo fratello maggiore, il Duca legittimo. Alla figlia del duca, Rosalinda, è stato permesso di rimanere a corte perché ella è la migliore amica e cugina dell'unica figlia di Federigo, Celia. Orlando, un giovane gentiluomo del regno che si è innamorato di Rosalinda, è costretto a scappare da casa sua a causa delle persecuzioni di suo fratello maggiore, Oliviero. Federigo si arrabbia con Rosalinda e la bandisce dalla corte. Celia e Rosalinda decidono di scappare insieme, accompagnate dal giullare Pietraccia. Durante la fuga Rosalinda si traveste da uomo, dandosi il nome di Ganimede ("Il paggio di Giove"), mentre Celia si fa chiamare Aliena (la parola latina per "straniera").
I tre arrivano nella idilliaca Foresta di Arden, dove ora vive il Duca esiliato, circondato da alcuni suoi sostenitori, tra i quali c'è il melanconico Jaques, innamorato di Aldrina. "Ganimede" ed "Aliena" non incontrano immediatamente il duca ed i suoi compagni, poiché prima incappano in Corino, un affittuario impoverito, e si offrono di comprare la capanna cadente del suo padrone.
Frattanto, Orlando ed il suo servo Adamo (un ruolo che potrebbe essere stato interpretato da Shakespeare stesso), trovano il Duca ed i suoi uomini e presto decidono di vivere con loro, affiggendo agli alberi semplici poesie d'amore indirizzate a Rosalinda. Quest'ultima, che ricambia l'amore di Orlando, lo incontra travestita da Ganimede e finge di consigliarlo per curarlo dal mal d'amore. Ganimede dice che prenderà il posto di Rosalinda in modo che lui e Orlando possano recitare la loro relazione.
Nello stesso momento, Febe, una pastorella della quale è innamorato Silvio, si è innamorata di Ganimede (alias Rosalinda), anche se "Ganimede" le dimostra continuamente di non essere interessato a lei. Inoltre, il cinico Pietraccia si è proposto alla poco arguta Aldrina e cerca di sposarla prima che i suoi piani siano rovinati da Jaques.
Infine, Silvio, Febe, Ganimede ed Orlando si ritrovano a litigare su chi sposerà chi. Ganimede dice di poter risolvere il problema, facendo promettere ad Orlando di sposare Rosalinda e a Febe di sposare Silvio se non potrà sposare Ganimede. Il giorno dopo, Ganimede rivela la sua vera identità. Febe, dopo aver scoperto che l'oggetto del suo amore non è ciò che pensava, si lega a Silvio.
Orlando vede Oliviero nella foresta e lo salva da una leonessa, atto che fa pentire Oliviero per aver trattato male Orlando. Oliviero incontra Aliena (che è, in realtà, Celia) innamorandosi di lei, e i due decidono di sposarsi. Orlando e Rosalinda, Oliviero e Celia, Silvio e Febe, e Pietraccia e Aldrina si sposano tutti insieme nella scena finale, e subito dopo scoprono che anche Federigo si è pentito delle sue colpe, decidendo di ridare il trono al fratello ed adottare uno stile di vita religioso. Jaques, sempre melanconico, decide di seguire l'esempio di Federigo e di dedicare la sua vita alla religione.
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:26 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:05 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


La commedia si svolge sullo sfondo della feroce rivalità tra le due città di Siracusa ed Efeso. Si apre con l'arresto di Egeone, mercante di Siracusa. Egeone, a cospetto di Solino, il duca di Efeso, gli racconta la storia del suo naufragio di molti anni prima, in cui furono dispersi la moglie Emilia, il figlio Antifolo, e il servo Dromio. Sia il figlio che il servo hanno un identico fratello gemello, che porta lo stesso nome, e che si è salvato dal naufragio. Nell'anno del loro diciottesimo compleanno, Egeone diede loro il permesso di partire per Efeso, alla ricerca dei gemelli perduti. Ma dei secondi Antifolo e Dromio non si sa più nulla. Cinque anni dopo, Egeone è partito alla volta di Efeso alla loro ricerca, ed ecco spiegato il motivo del viaggio.
Solino si commuove al racconto del vecchio Egeone e rimanda la sentenza di morte fino a sera, termine entro il quale Egeone dovrà trovare la somma di denaro per riscattare la propria vita. In realtà due dei gemelli dispersi vivono ora ad Efeso, mentre gli altri due giungono ora nella città. La commedia degli errori vera e propria comincia nel momento in cui Adriana, moglie di Antifolo di Efeso e i conoscenti di questo e di Dromio di Efeso confondono le loro identità con i gemelli siracusani. Adriana, aiutata dalla sorella Luciana, decide di far legare i primi sospettando che siano usciti di senno.
Com'è ovvio, la presenza dei doppi a Efeso farà credere che si siano slegati, innescando il loro inseguimento, finché anche gli altri due riusciranno a liberarsi e fuggire. La commedia si risolve nel luogo dove Egeone è condotto al patibolo, dove i fratelli si incontrano e chiariscono le proprie vicende. Anche Emilia, la moglie perduta di Egeone, si scopre viva e vegeta. Infine, la condanna di Egeone è condonata e la famiglia si può finalmente riunire. Chiude in bellezza la commedia l'annuncio del matrimonio tra Antifolo di Siracusa e Luciana.
user posted image



user posted image


La commedia si svolge in Illiria, antica regione dei Balcani occidentali, intesa da Shakespeare come una ambientazione esotica, di pura fantasia. Le prime tre scene introducono ai luoghi e ai personaggi principali dell'opera, con l'eccezione di Olivia, che compare solo nella quinta scena.
Il primo atto si apre alla corte del Duca Orsino, nobile gentiluomo d'Illiria, che lamenta il suo amore non corrisposto per la bella Olivia, gentildonna che ha deciso di non concedersi a nessun uomo per sette anni al fine di onorare il lutto per il fratello morto. Inutilmente Orsino manda messaggeri al palazzo della donna: essi non vengono neppure ricevuti. Contemporaneamente, sulla costa, la protagonista femminile Viola ha fatto naufragio, e crede che suo fratello gemello Sebastian sia morto. Interrogando il capitano del bastimento naufragato, viene informata del luogo dove si trova e delle vicende di Orsino e Olivia. Viola decide allora di travestirsi da eunuco e di prendere servizio da Orsino con il nome di Cesario. In casa di Olivia, nel frattempo, il chiassoso zio della ragazza, Sir Toby Belch, intrattenendosi con la cameriera Maria, tesse le lodi del suo compare di bevute Sir Andrew Aguecheek, pretendente alla mano della giovane. Maria lo descrive invece come un perfetto beota e ubriacone, e quando Sir Andrew entra in scena non disattende le aspettative, dimostrandosi tardo e di spirito poco pronto.
La quarta scena del primo atto inaugura la prima sequenza della commedia (da I, iv a II, iii), della durata di un giorno, dal mattino a notte inoltrata. Nel palazzo del duca, Orsino incarica Cesario (Viola) di recarsi da Olivia per l'ennesimo messaggio d'amore. A parte, Viola lamenta quanto ingrato sia il compito affidatole, facendoci intendere l'amore che nutre per Orsino. La scena si sposta a casa di Olivia, dove Maria sgrida il giullare Feste per essersi assentato a lungo da palazzo. Sopraggiunti Malvolio e la contessa, entrambi interrogano il matto. Questi offre una esibizione verbale condita da nonsense e ragionamenti non privi di sferzante saggezza, dimostrando infine di non essere lui la testa matta bensì la stessa Olivia. All'arrivo di Viola, Maria avverte la padrona della presenza di un giovane, frattanto intrattenuto da Sir Toby. Olivia è decisa a non ricevere alcun messo, e incarica Malvolio di scacciarlo. Tuttavia, dopo le ferme insistenze di Viola, Olivia, munitasi di velo per celarsi il volto, lo riceve. Nei panni di Cesario, la giovane si dimostra così suadente e di nobile portamento da far innamorare la contessa, pur non avendone intenzione alcuna. Quando Viola esce, Olivia mette in pratica uno stratagemma per poter rivedere colui che crede essere un giovane uomo, palesando in qualche modo i suoi sentimenti: affida a Malvolio un suo anello che sostiene di avere avuto in pegno da Cesario per conto di Orsino, e gli ordina di 'restituirlo' al paggio.
Il secondo atto si apre sulla riva del mare dove fanno il loro ingresso in scena Sebastian, il gemello di Viola, fino a quel momento fattosi chiamare Roderigo, e il capitano Antonio, il quale mostra di nutrire per lui un profondo attaccamento. Sebastian, crucciato dalla presunta morte della sorella che crede annegata è deciso a recarsi alla corte di Orsino. Antonio, nonostante i nemici che l'uomo sostiene di avere lì, promette di raggiungerlo in seguito. Malvolio frattanto ha raggiunto Cesario in strada e gli ha consegnato in malo modo l'anello. Viola, dopo lo stupore iniziale, intuisce trattarsi di un dono, e comprende le reali intenzioni di Olivia. Cantando la vulnerabilità del cuore femminile, torna verso la corte del duca.
Alla corte di Olivia, seguono altri intrighi: Malvolio è protagonista delle trame burlesche di Maria, di Sir Toby e di Sir Andrew alla presenza del buffone Feste: dopo l'ennesima presa di posizione del maggiordomo che redarguisce Sir Toby del suo comportamento dissoluto, viene architettato alle sue spalle un piano per farlo sfigurare agli occhi di Olivia.[2] Maria, che è capace di imitare la calligrafia della padrona, stilerà una missiva contenente allusioni amorose all'uomo per trarlo in inganno e renderlo protagonista di una clamorosa beffa.
La seconda giornata (da II, iv a IV, i) dura dalla mattina al tramonto ed è la parte più estesa della commedia. Nel suo palazzo, Orsino, non ancora arresosi ai rifiuti di Olivia, dialoga sulla natura dell'amore con Cesario, il servo Curio e Feste, il quale intona canzoni d'amore su richiesta del duca. Viola viene nuovamente incaricata di recarsi da Olivia per conto dell'uomo e a nulla valgono i tentativi della giovane di dissuaderlo. Per allusioni, tenta di esprimere i suoi sentimenti per il duca, fingendo siano diretti a una donna in tutto simile a Orsino, provocando solo l'ignaro commento di quest'ultimo, che lo invita a dirigere le sue attenzioni a una donna giovane, e non ad una matura.
Nel mentre sir Toby, sir Andrew e Fabian attendono da Maria notizie sullo svolgimento della beffa: la donna, concitata dall'aver appena stilato la falsa lettera diretta a Malvolio, informa di averla lasciata in bella vista nel viale che l'uomo a breve percorrerà. Nascostasi la cricca, Malvolio trova la lettera che, con allusioni indirette[3], gli fa credere di essere oggetto delle mire amorose di Olivia. Seguendo le indicazione riportate sulla missiva, Malvolio corre a indossare calze gialle e giarrettiere incrociate che crede amate dalla donna, ignorando invece che, in realtà, ad ella sono invise.
Il terzo atto vede il ritorno di Cesario alla corte della giovane Olivia, dove incontra Feste, il buffone, che lo annuncia alla contessa. Rimasta sola con Olivia, Viola ne subisce il corteggiamento. Toby, Andrew e Fabian, assistono e commentano la scena: Andrew, pretendente di Olivia, è particolarmente furibondo per le attenzioni che la donna riserva al giovane paggio e viene spinto dai due a sfidarlo a duello. L'azione però è interrotta da Maria che annuncia la vestizione di Malvolio secondo quanto scritto nella falsa missiva.
Sulla strada intrapresa da Sebastian per arrivare da Orsino, il giovane si separa da Antonio il quale, nonostante riveli aver combattuto contro il duca in una precedente battaglia navale sottraendogli del denaro e corra dunque il rischio di essere fatto prigioniero o addirittura giustiziato, non vuole abbandonare Sebastian, per l'affetto che lo lega al giovane. Mentre Sebastian visiterà la città dove sono giunti, Antonio lo aspetterà in una locanda. In via precauzionale, Antonio consegna a Sebastian la borsa dei denari, nella quale sono contenuti i soldi sottratti in passato ad Orsino.
La beffa a Malvolio intanto arriva a compimento: Maria e Olivia sono nel giardino quando giunge, convocato da quest'ultima, il maggiordomo in calze gialle e giarrettiere incrociate, convinto di soddisfare le richieste dell'amata contessa. Al trasecolare di Olivia, Malvolio allude alla finta lettera, citandone dei passi che la donna, ovviamente, non comprende, dubitando del fatto che Malvolio sia uscito di senno. Prega Sir Toby di badare a Malvolio, e resta sola con Cesario. Fabian, Maria e Toby trattano Malvolio come un folle e architettano di chiuderlo, legato, in una stanza. Sir Andrew ha frattanto terminato una lettera di sfida diretta a Cesario, piena di errori e dabbenaggini. Sir Toby, che medita un altro inganno ai danni del compare, lo consiglia di sfidarlo seduta stante. Mentre Andrew si apposta, Toby decide di non consegnare la missiva, ma di riportare a voce a Cesario la sfida a duello.
Olivia prosegue nella sua corte spassionata a Cesario, mentre Viola tenta di frapporre l'amore di Orsino per la donna. La conversazione è interrotta da Sir Toby e Fabian che irrompono annunciando la sfida imminente. Viola, stupita e preoccupata poiché non sa tirar di scherma, tenta di scampare allo scontro. Sir Toby e Fabian rincarano la dose: essendo i due contendenti divisi, fanno credere ad ognuno dei due che l'avversario vanta una capacità di combattimento senza pari, aumentando le ansie sia di Andrew che di Viola. Il duello fa per iniziare quando entra Antonio che prende subito le difese di Viola, scambiandola per Sebastian. L'entrata gli è però fatale dal momento che le guardie di Orsino, riconosciutolo su denuncia di Malvolio, lo arrestano: Antonio chiede a Viola di restituirgli la borsa del denaro affidata in realtà a Sebastian ma la giovane, non sospettando lo scambio di persona, nega di possederla scatenando la delusione, lo sbigottimento e l'ira di Antonio. Antonio si è rivolto a Viola chiamandola «Sebastian», convincendo Viola non della salvezza del fratello ma solo del fatto che, in abiti maschili, la somiglianza al fratello perduto è notevole. Distrutta dai ricordi abbandona il duello, instillando nella mente di Sir Toby, Andrew e Fabian che 'Cesario' sia un ribaldo che abbandona gli amici nel momento del bisogno e che non sia in grado di battersi.
Una scena dell'ultimo atto della commedia: Olivia, incredula sul comportamento di Cesario, interroga il prete per fargli testimoniare sul matrimonio avvenuto con l'uomo.
All'inizio del quarto atto Feste è alla ricerca di Cesario, su ordine di Olivia. Il buffone incontra invece Sebastian. Sopraggiunto Sir Andrew, Sebastian è costretto ad affrontarlo in duello sconfiggendolo in una sola mossa. Al duello accorrono gli astanti tra cui Olivia che, vedendo Sebastian e scambiandolo per Cesario, lo invita a seguirlo a palazzo. Qui Maria incita Feste a infierire sul beffato Malvolio, recandosi da lui nelle vesti di Monsignor Topas, esorcista gallese, per convincerlo della sua pazzia. Non riconoscendolo, Malvolio affida al buffone una lettera da consegnare alla padrona con la quale protesta per la sua situazione. Olivia frattanto ha chiesto a Sebastian di sposarlo. Lui, incredulo di fronte a ciò che considera una sorta di sogno, acconsente.
L'ultima sequenza (da IV, ii a V, i), dalla notte del giorno precedente fino al mattino seguente, inizia con Malvolio rinchiuso come pazzo e prosegue con il matrimonio notturno tra Sebastian e Olivia.
Il quinto atto si apre con l'ingresso di Viola ed Orsino col seguito al palazzo di Olivia. Qui Viola riconosce Antonio come salvatore del duello tra lei e Sir Andrew: al contempo Orsino lo indica come passato nemico. Inutilmente Antonio narra di come ha salvato l'uomo dal naufragio offrendogli la propria borsa di denaro: Viola nega l'accaduto, essendo Sebastian e non lei il reale amico del capitano. L'ingresso di Olivia interrompe il discorso di Antonio, introducendo una particolare conversazione a tre: mentre Orsino tenta inutilmente di dichiararsi a Olivia, questa chiede spiegazioni delle disattese promesse matrimoniali a Cesario, costretta a tacere per non disattendere le volontà del suo padrone, che vede in Viola un intermediario al suo servizio. Il discorso sembra chiarirsi ad Orsino, che vede in Cesario un nemico da affrontare per ottenere il cuore di Olivia: Viola, dal canto suo, cieca d'amore, è pronta a morire per mano dell'uomo amato, facendo intendere ad Olivia di non gradire la sua corte.
L'ingresso del prete in scena porta a conoscenza Orsino del matrimonio tra Olivia e Sebastian, scambiato per Cesario. Nel momento di maggiore confusione entra in scena anche Sir Andrew con la testa fasciata, pronto a giurare di esser stato offeso nel corso di un duello da Cesario, il quale difende invece la sua innocenza. Il colpo di scena è l'ingresso di Sebastian, che si reca da Olivia per scusarsi delle ferite provocate ad Andrew e vede Viola. Riconoscendosi, i gemelli comprendono che le morti erano presunte e gioiscono dell'avvenimento, narrandosi le vicissitudini che li hanno condotti a tali circostanze. Orsino chiede a Viola di vederla in veste da donna, e lei rivela di aver lasciato le vesti a casa di Antonio, ora in galera su denuncia di Malvolio. Orsino vuole ch'egli ritiri la querela quando giunge Feste con la lettera indirizzata ad Olivia scritta da Malvolio: grazie allo sfogo scritto gli astanti capiscono che l'uomo non è uscito fuori di senno e ne ordinano la scarcerazione.
All'arrivo di Malvolio egli chiede spiegazioni sulla lettera d'amore ricevuta dalla padrona, la quale riconosce in essa la falsificazione della propria calligrafia, capendo che si tratta di un inganno architettato ai danni del maggiordomo da parte di Maria e degli altri. Fabian confessa di essere uno degli autori della beffa. Sir Toby, frattanto, entusiasta delle capacità di Maria, vi è convolato a nozze.
Orsino chiede a Viola di essere sua sposa, ed Olivia le promette di essere una sorella sincera e devota: al lieto fine delle due coppie fa da contrasto l'ira di Malvolio, che scopre d'esser stato raggirato e promette vendetta.
user posted image



user posted image


I due gentiluomini del titolo sono Valentino e Proteo. Valentino lascia Verona per recarsi a Milano, il contesto spesso non è chiaro), dove scopre ben presto di essersi innamorato di Silvia, una dama aristocratica che non è per nulla contraria ai suoi favori. Proteo più tardi visita Valentino, lasciando la sua fidanzata, Giulia, a Verona, e anche lui si innamora di Silvia.
Il classico triangolo amoroso si complica quando Giulia, travestita da uomo, giunge inaspettatamente. La commedia si conclude con un teso confronto in una foresta, dove Proteo cerca di rapire Silvia. Valentino la salva, ma poi la 'concede' a Proteo in nome della loro amicizia. Proteo rifiuta e torna da Giulia, da cui il lieto fine, almeno in apparenza.
Nella trama comica secondaria, anche il servo refolo trova l'amore, in una ragazza di umili origini della quale, come espone in un comico panegirico, "i difetti superano di numero i capelli".
La città in cui Silvia attende il suo Valentino, non è Padova, bensì Milano, una città che Shakespeare immagina bagnata dalle acque marine, come già del resto alluso ne La tempesta.
user posted image



user posted image


Siamo in un'immaginaria Grecia antica. Due cugini, belle e nobili figure e molto legati tra loro, Arcite e Palamone, sono chiusi insieme in un carcere ad Atene, prigionieri di guerra. Dalla finestra vedono una ragazza e se ne innamorano perdutamente, diventando rivali. La ragazza è Emilia, cognata del duca d'Atene, Teseo, che ha sposato l'amazzone Ippolita, sorella appunto d'Emilia. I due cugini (i due "congiunti" del titolo) prendono a litigare ferocemente fra loro, divisi nel diritto d'amare Emilia, che l'uno vuol togliere all'altro. Amare in senso platonico, come sogno punto e basta, perché, tanto, son rinchiusi per sempre in carcere e mai potrebbero averla. Ma avviene qualcosa di inaspettato. Arcite viene improvvisamente liberato. Teseo gli dà la libertà, ma lo bandisce da Atene, pena la morte, rispedendolo nella sua nativa Tebe. A questo punto Palamone invidia Arcite, perché lui è libero e qualcosa potrebbe tentare per avere Emilia. E Arcite – che è libero, ma è bandito da Atene – invidia invece Palamone, perché lui è in carcere sì, ma dalla finestra può ancora godersi la sua bella Emilia.
Come si sviluppa la vicenda? Arcite non resiste lontano da Emilia, torna ad Atene sotto mentite spoglie e riesce a entrare alla corte di Teseo come scudiero e a starsene così molto vicino alla bella Emilia. Palamone marcisce in carcere, ma un bel giorno riesce a fuggire e si rifugia in un bosco fuori città. I due casualmente lì si incontrano. È subito baruffa, per invidia, gelosia, rivalità. Mentre duellano sopraggiunge Teseo. Vengono riconosciuti e condannati a morte, colpevoli, l'uno, Arcite, di trovarsi ad Atene nonostante il bando, l'altro, Palamone, della fuga dal carcere. Ma intervengono le due sorelle, Ippolita ed Emilia, moglie e cognata di Teseo, a chiedere pietà per loro. La vera colpa dei due è d'amare disperatamente Emilia: l'amore merita dunque pietà, non condanna. Teseo se ne convince e poiché entrambi vogliono la stessa donna -Emilia- ad entrambi per nobiltà d'animo e nobiltà d'origine la meriterebbero, non rimane che "giocarsela". È Teseo a stabilire le regole del gioco: un torneo in armi, l'uno contro l'altro, ciascuno con dei compagni. Il vincitore avrà Emilia in sposa.
Ciascuno dei due contendenti chiede aiuto alla divinità in cui più crede: Arcite si rivolge a Marte, dio della guerra, Palamone si rivolge a Venere, dea dell'amore e Emilia infine si rivolge a Diana chiedendo imparzialmente che fra i due vinca chi ha più meriti.
Ecco che al giorno prefissato ha luogo lo scontro. I duellanti sono assolutamente pari, in forza e in valentia, ma Arcite vince.
E qui c'è un colpo di scena: durante il trionfo d'Arcite, il suo cavallo s'impenna, stramazza e fa cadere sotto al suo peso il cavaliere, ferendolo a morte.
Arcite dunque muore, prima d'aver avuto l'agognato premio, l'amore di Emilia. Morendo chiama a sé Palamone, si riconcilia, e affida al cugino, amico e rivale, l'amore d'Emilia. L'avrà lui in moglie.
user posted image



user posted image


Venezia, XVI secolo. Bassanio, giovane gentiluomo veneziano, vorrebbe la mano di Porzia, ricca ereditiera di Belmonte. Per corteggiare degnamente Porzia, chiede al suo carissimo amico Antonio 3.000 ducati in prestito. Antonio, pur essendo affezionatissimo a Bassanio, non può prestargli il denaro poiché le sue sostanze sono interamente investite nei suoi traffici marittimi, tuttavia garantirà per lui presso Shylock, ricco usuraio ebreo. Shylock è disprezzato dai cristiani e a sua volta non li sopporta, soprattutto Antonio, che presta denaro gratuitamente facendo abbassare il tasso dell'interesse nella città e che lo umilia coi suoi insulti.
Nonostante ciò, Shylock accorda il prestito a Bassanio con Antonio come garante. L'ebreo però in caso di mancato pagamento vuole una libbra della carne di Antonio. Bassanio cerca di far desistere il mercante di Venezia dal fargli da garante, ma egli è sicuro di poter saldare il debito, dato che tre navi sono in viaggio per riportare a Venezia ricchezze tre volte più grandi. Il tempo concesso per il saldo del prestito è di tre mesi, mentre le navi arriveranno tra due. Bassanio si reca a Belmonte; i pretendenti di Porzia però, secondo la volontà del suo defunto padre, per ottenere la sua mano devono scegliere quello giusto tra tre scrigni contrassegnati da un indovinello. Bassanio ci riesce e sposa Porzia. L'amico di Bassanio, Graziano, invece sposa la serva di Porzia, Nerissa.
Intanto la sfortuna si accanisce su Shylock: sua figlia Jessica infatti fugge di casa sposando un cristiano di nome Lorenzo, amico di Antonio e Bassanio. La ragazza è fuggita portando con sé 2000 ducati e soprattutto lo scrigno contenente l’anello donato a Shylock dalla defunta moglie. L'unica consolazione di Shylock deriva dalla pari sfortuna di Antonio: infatti le sue tre navi sono disperse in mare e capisce che non potrà saldare il debito. Nel frattempo Porzia e Nerissa donano ai rispettivi mariti un anello, segno del loro amore, facendo promettere loro di non separarsene mai, finché l'amore li legherà alle loro consorti.
Shylock porta Antonio di fronte al Doge e alla corte e chiede di far valere i suoi diritti. Nonostante la crudeltà della proposta, il Doge non può rifiutare di applicare la legge perché il caso creerebbe un precedente dannoso per lo stato. Bassanio e Graziano partono immediatamente in aiuto di Antonio. Porzia, all'insaputa di tutti, si traveste da avvocato per salvare Antonio. Nerissa la segue vestendosi da scrivano.
Una volta giunta in tribunale, Porzia, sotto le spoglie dell'avvocato Baldassarre, invita Shylock ad accettare 6000 ducati offertigli da Bassanio per estinguere il debito dell'amico ed essere misericordioso. L'odio dell'usuraio per i cristiani, fomentato dall'abbandono della figlia, non lo fa desistere. Shylock, anzi, chiede a gran voce che gli sia pagato il debito con la libbra di carne di Antonio, come da accordo. Baldassarre finge di essere d’accordo con lui su tale diritto, citando l’Editto degli Stranieri, ma gli comunica che, dato che il contratto parla solo di carne, se avesse versato anche una sola goccia di sangue cristiano i suoi beni sarebbero stati divisi tra Antonio e lo stato, e condannato a morte. Antonio propone anziché la morte, la conversione di Shylock al cristianesimo, pena assai più grave per l'usuraio. In queste condizioni Shylock, sconfitto, rinuncia ai suoi propositi per non perdere ciò che gli rimane: la sua casa, i suoi denari e la sua religione. Bassanio, complimentandosi con Baldassarre per aver salvato il suo amico e gli chiede un modo per ringraziarlo. L'avvocato gli chiede solo il suo anello ma Bassanio esita, sapendone il valore affettivo, ma spinto dall'onore e dalla gratitudine finisce per cederlo. Lo stesso è obbligato a fare Graziano per lo scrivano.
Quando tutti i cristiani giungono a Belmonte, Porzia e Nerissa chiedono ai mariti gli anelli, ma entrambi spiegano l'accaduto. Quindi le due donne fanno credere di aver trascorso una notte con i nuovi possessori dell’anello per riaverli, prima di rivelar loro che l’avvocato e il suo assistente erano in realtà esse stesse. Antonio fa di nuovo da garante per Bassanio che giura di non separarsi mai più dall’anello. Le proprietà di Shylock, alla sua morte, saranno donate a Jessica. Nel frattempo si viene a sapere che le tre navi di Antonio sono tornate sane e salve in porto.
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:27 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:05 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Vincenzo, Duca di Vienna, dice che intende lasciare la città per svolgere una missione diplomatica e incarica Angelo, reputato da tutti un uomo austero e casto, di governare in sua vece.
Claudio, un giovane gentiluomo, è fidanzato con Giulietta; prima di sposarla però la mette incinta, e deve comparire davanti ad Angelo, il quale lo condanna a morte, benché Claudio si dichiari pronto a sposare Giulietta.
L'amico di Claudio, Lucio, fa visita alla sorella di Claudio, Isabella, una suora novizia, e le chiede di intercedere presso Angelo da parte di Claudio.
Isabella ottiene di essere ricevuta da Angelo, e gli chiede la grazia per il fratello.
Angelo accetta, ma ad una condizione: egli libererà Claudio se Isabella accetterà di avere un rapporto sessuale con lui.
Isabella rifiuta, e decide di andare a visitare Claudio in prigione, consigliandogli di prepararsi alla morte.
Il duca però non ha affatto lasciato la città: travestito da frate, e facendosi chiamare Fra Ludovico, è in grado di vedere come vanno le cose, e soprattutto di rendersi conto del modo di governare di Angelo. Il duca (che Isabella crede un vero frate) diventa confidente di Isabella e le propone due sotterfugi per mandare in fumo i progetti di Angelo.
Angelo avrebbe dovuto sposare Mariana, ma si è rifiutato di farlo una volta saputo che la dote della ragazza era stata persa in un naufragio.
Isabella perciò dovrà dire ad Angelo che acconsente, ma alla condizione che l'incontro si svolga nel buio più totale.
Isabella esegue quanto suggerito; ma al suo posto manda invece Mariana, che ha un rapporto sessuale con Angelo, mentre Angelo rimane convinto di averlo avuto con Isabella.
Angelo ritira la parola data, e manda un messaggio alla prigione dicendo che vuole che Claudio venga decapitato.
Il duca dapprima cerca di far giustiziare un altro prigioniero, ma senza risultato; infine Angelo viene accontentato: ma la testa che viene portata ad Angelo non è quella di Claudio, bensì quella di un pirata, morto quel giorno stesso di febbre maligna.
L'opera si conclude con il "ritorno" del duca a Vienna, dove si fa riconoscere nel corso del processo sollevato per le accuse che Isabella e Mariana hanno porto contro Angelo, e condanna Angelo a morte.
Mariana però chiede al duca di avere pietà, e il duca decide di graziare Angelo, a condizione però che sposi Mariana.
Il duca quindi propone ad Isabella di sposarlo, ma lei non risponde. Al silenzio di Isabella vengono date diverse interpretazioni; la più comune è che si tratti di un assenso.
Un intreccio secondario riguarda Lucio, un amico di Claudio, che solitamente diffama il duca parlando con il frate, e nell'ultimo atto diffama invece il frate parlando con il duca, ciò porta alla costernazione di Vincentio, e mette Lucio nei guai quando si scopre che il duca e il frate sono la stessa persona. La sua punizione, come per Angelo, è l'obbligo di contrarre matrimonio, nel suo caso con la prostituta Kate Keepdown.
user posted image



user posted image


Ad aprire la commedia è l'arrivo del principe Pedro d'Aragona a Messina, di ritorno da non ben identificate imprese d'armi. A casa del suo vecchio amico Leonato la notizia è annunciata da un messaggero, dando l'occasione a Beatrice, nipote di Leonato, di chiedere in modo sarcastico notizie di Benedetto di Padova, al seguito del principe. Leonato ci informa che costui e la nipote sono impegnati da anni in una schermaglia fatta di battibecchi e prese in giro.
Il principe giunge a casa di Leonato, accompagnato da Benedetto, dal giovane conte fiorentino Claudio e dal fratello dell'aragonese, Don Juan, in passato rinnegato dal principe, che viene comunque ricevuto benevolmente dal padrone di casa. Uno dei favoriti di Don Pedro, il giovane Claudio, si innamora della figlia di Leonato, Ero, cugina di Beatrice e donna virtuosa.
Nel contempo si assiste alla prima delle argute schermaglie tra Beatrice e Benedetto, entrambi sprezzanti le gioie dell'amore.
Rimasti soli, Claudio chiede un parere sulla bella Ero a Benedetto che si pronuncia in maniera caustica e priva di possibili fraintendimenti:
(EN)
« Why, i' faith, methinks she's too low for a high praise, too brown for a fair praise, and too little for a great praise; only this commendation I can afford her, that were she other than she is, she were unhandsome, and being no other but as she is, I do not like her. »
(IT)
« Allora, per la verità, mi sembra troppo bassa per un'alta lode, troppo scura per una chiara lode, e troppo piccola per una grande lode. Solo questo posso riconoscerle di buono, che se fosse diversa da com'è, non sarebbe bella, e che, essendo com'è, non mi piace »
(Benedetto, Atto I scena I. Traduzione di Maura Del Serra)
Claudio si confida con Don Pedro che giura che lo aiuterà nel conquistare Ero. Borraccio, braccio destro del perfido Don Juan, spia la conversazione e riferisce tutto al suo signore, il quale ordisce con lui e l'altro sgherro Corrado un modo per mandare all'aria l'unione tra i due.
Il secondo atto si apre con una serie di equivoci e inganni, sia in buona fede non voluti che tramati in modo oscuro e malvagio.
Organizzato alla corte un ballo in maschera, i partecipanti giocano, mascherati, gli uni con gli altri: Beatrice confessa il suo dissapore nei confronti di Benedetto ad un ignoto avventore mascherato, che non è altri che lo stesso Benedetto, costretto a essere di nuovo il bersaglio delle sue frecciate avvelenate.
Don Juan finge di scambiare Claudio per Benedetto e gli instilla il sospetto che Ero non sia la virtuosa ragazza che egli crede: Don Pedro starebbe infatti corteggiandola, con la scusa di mettere in buona luce il giovane Claudio agli occhi di lei. Claudio, ingenuamente, cade nel primo dei tranelli orchestrati a suo danno.
Chiarito l'equivoco, Leonato approva il matrimonio, che sembra definito e destinato a celebrarsi a distanza di pochi giorni. Da uno scambio di battute tra i partecipanti si capisce che il malanimo fra Beatrice e Benedetto è forse frutto di una precedente passione, finita male tra i due, risalente a tre anni prima.
Nel frattempo Don Juan mette a punto il suo piano: farà assistere Claudio e Don Pedro ad un incontro amoroso tra Borraccio e Margherita, dama di compagnia di Ero[6]. L'oscurità della notte e alcuni stratagemmi faranno sì che i due scambino la dama per la promessa sposa, rovinandone la reputazione.
Intanto un farsesco complotto, ordito dal principe Pedro, mira a far cadere Benedetto e Beatrice l'uno nelle braccia dell'altra. Don Pedro, Leonato e Claudio, fingendo di non accorgersi della presenza dell'amico padovano, millantano una struggente passione della donna nei confronti di un tale sprezzante uomo qual è Benedetto. Costui, colpito dalla rivelazione e dalla considerazione che gli altri hanno di lui, decide di mettere da parte la diffidenza che prova per il sesso femminile ricambiando l'amore di Beatrice.
Così canta Baldassarre, in una canzone poi divenuta celebre:
(EN)
« Sigh no more, ladies, sigh nor more;
Men were deceivers ever;
One foot in sea and one on shore,
To one thing constant never;
Then sigh not so,
But let them go,
And be you blithe and bonny;
Converting all your sounds of woe
Into hey nonny, nonny. »
(IT)
« Dame gentili non più sospiri;
tutti gli amanti sono incostanti;
un piede in terra un altro in mare,
non sospirate, fateli andare.
E in ogni guisa fra giochi e risa
mutate l’intimo vostro rovello
in un ironico bel ritornello.
Trallerallera, trallalallà. »
(Estratto della canzone di Badassarre, Atto II, scena III. Traduzione di Goffredo Raponi )
Il terzo atto conclude la serie di inganni, preparandone i risultati più inattesi.
Anche Ero e le sue dame, Margherita ed Orsola, tendono un tranello simile a Beatrice: fingendo di ignorare la sua presenza nel giardino dove passeggiano, le fanno credere che la stizza di Benedetto sia dovuta all'impossibilità di vedere il suo amore ricambiato. Beatrice cede alle lusinghe dell'amore e giura di addomesticare il suo cuore selvaggio a lui.
Don Juan, da parte sua, con la complicità dei suoi sgherri, riesce a screditare Ero agli occhi di Claudio, inscenando il finto incontro amoroso tra Borraccio ed Ero, impersonata inconsapevolmente da Margherita. Borraccio e Corrado, compiuta la malefatta, si aggirano ubriachi per le strade di Messina, raccontandosi ciò che avevano appena compiuto. Una sgangherata pattuglia di guardie, capitanata dal bislacco Carruba, cui fa da spalla il non meno scemo Sorba, cattura i servi di Don Juan e fa un resoconto, per bocca dei due, a Leonato riguardo l'arresto di due strani individui. Leonato, impegnato con i preparativi per il matrimonio della figlia, ne ordina l'interrogatorio.
Nel quarto atto la vicenda si tinge di toni tragici.
Tutti i personaggi sono riuniti in chiesa per celebrare il matrimonio tra Ero e Claudio. Nel momento in cui frate Francesco formula la domanda di matrimonio, Claudio ripudia pubblicamente Ero, accusandola di lussuria. Il colpo è forte ed Ero, incapace di difendersi, vista la credibile testimonianza di Don Pedro, presente al suo incontro amoroso con Borraccio, sviene e viene creduta morta. Inutilmente Beatrice tenta di difenderla: la donna rimane inascoltata, intenta a piangere le sventure dell'amata cugina da tutti creduta ormai morta.
Rimasti soli in scena i componenti della corte di Messina, Leonato maledice la figlia per la sua dissolutezza, ma frate Francesco difende la ragazza ed organizza uno stratagemma per dimostrarne l'innocenza. Claudio, infatti, credendo morta Ero per la sua crudele accusa, sempre più roso dai rimorsi arriverà al punto di perdonarle l'accaduto.
I familiari di Ero si ritirano e Beatrice rimane a lamentarsi della sorte della cugina con Benedetto. In un momento di slancio, i due si confessano il reciproco amore ma Benedetto, secondo il volere di Beatrice, che sa che in realtà Ero è ancora viva, per dimostrarlo dovrà uccidere Claudio.
Avviene intanto contemporaneamente l'interrogatorio del bislacco Carruba, che riesce ad ottenere le confessioni di Corrado e Borraccio sull'inganno perpetrato ai danni di Ero.
Il quinto e ultimo atto costituisce la risoluzione del dramma e offre la soluzione ai molteplici 'errori' in cui sono incorsi i protagonisti.
Leonato e suo fratello Antonio fermano Don Pedro e Claudio sulla via della partenza da Messina per mettere in atto il loro piano: volano le accuse nei confronti del giovane fiorentino, a cui si somma la sfida a duello da parte di Benedetto per uccidere Claudio e guadagnarsi l'amore di Beatrice.
Soggiungono Carruba e Sorba, con Corrado e Borraccio al seguito che svelano l'arcano: costretto alla confessione, Borraccio rivela di non aver mai tentato le virtù di Ero e che la donna con cui era stato visto era Margherita, dama di compagnia della creduta defunta donna.
Il pentimento sembra già possedere Claudio che, in segno di rispetto, si reca con il principe Don Pedro in visita al sepolcro di lei, sul quale recita un epitaffio. Un giuramento fatto a Leonato servirà a ripagare lo stesso della perdita della figlia: Claudio si impegna a sposare la fantomatica figlia di Antonio, che viene descritta come la copia di Ero.
Il momento del matrimonio arriva con la sposa che arriva mascherata come le sue dame. Lo svelamento avviene e Claudio può riabbracciare Ero, creduta morta, con la quale può coronare il suo sogno d'amore. Un messaggero giunge per informare che Don Juan, fuggito da Messina al peggiorare della situazione, è stato riacciuffato e imprigionato.
Beatrice e Benedetto, quando tutti sono pronti per le nozze, ingaggiano l'ultimo duello di parole che si conclude con il loro fidanzamento ed il certo, prossimo, convolo al talamo nuziale.
La commedia si chiude con le danze ed i festeggiamenti del tanto atteso matrimonio tra Claudio ed Ero.
user posted image



user posted image
Pene d'amor perdute


Ferdinando, re di Navarra, decide di dedicare tre anni di vita all'erudizione, stilando un patto con tre uomini di corte - Berowne, Longaville e Dumaine - nel quale sottoscrivono la condizione di porsi in una condizione ascetica e rigorosa per tutta la durata scelta da Ferdinando. La decisione, che implica l'astensione dalle donne e addirittura la loro vicinanza alla corte di Navarra a non meno di un miglio, lascia perplesso Berowne che, tuttavia, accetta di stilare l'accordo. Tra i pochi divertimenti concessi a corte, vi sarà il cantastorie Don Adriano de Armado accompagnato dal paggio Tignola. Nel momento della sottoscrizione Berowne lascia intendere che il patto non potrà essere rispettato a causa dell'imminente visita della Principessa di Francia con tre dame al seguito: la donna è diretta da Ferdinando in vece del padre morente per discutere del possesso dell'Aquitania contesa nella guerra dei cent'anni.
Entrano in scena Tonto, un ufficiale, e Zucca, un campagnolo, che aprono una parentesi comica. Tonto ha ricevuto una missiva di Armado nella quale si confessa, in toni maccheronicamente pomposi e altisonanti ma del tutto fuori luogo, di aver visto Zucca in compagnia di Giacometta, una ragazzotta di campagna, e si chiede una punizione per tali atti di manifestata scelleratezza. La restrizione imposta da Ferdinando abbraccia difatti tutta la corte, e Zucca viene così costretto a pane e acqua per una settimana, non senza aver inutilmente e comicamente tentato di difendersi.
La lettera di Armado nasconde in realtà l'amore che l'uomo ha provato a prima vista per Giacometta ma che non può enunciare a causa dell'editto reale di astensione per tre anni. Armado si confida con Tignola, il quale gli mostra degli esempi storici di uomini innamorati continuando la vena comica della scena precedente. Entra Tonto che lascia Zucca alla custodia di Armado, ma mentre questi lo va per rinchiudere passa Giacometta alla quale fa intendere il suo amore.
Il secondo atto si apre con l'arrivo in Navarra della Principessa assieme alle tre dame Maria, Rosalina e Caterina, in compagnia di due nobili e di Boyet. L'uomo viene mandato in ambascia al re per chiedere accoglienza e, nel mentre, le dame confessano alla principessa di conoscere gli uomini della corte. Maria ha incontrato Longaville durante una festa, rimanendo particolarmente colpita dalla sua arguzia e lingua tagliente. Caterina sa invece di Dumaine e Rosalina di Berowne, del quale ammira lo spirito e la capacità di rendersi interessante nella conversazione.
Il ritorno di Boyet è accompagnato dal re con i tre uomini di corte e, mentre il benvenuto alla principessa è regale, l'accoglienza lo è meno in quanto il re, citando il suo giuramento, la prega di accamparsi sotto la corte evitando di entrarvi, meritandosi lo sdegno e lo stupore di lei. La donna consegna una missiva al re nella quale si parla di un rimborso di centomila corone per le spese sostenute da Navarra per la guerra: tale somma servirebbe di riscatto per l'Aquitania, che Ferdinando tiene come garanzia di pagamento. Ferdinando nega di aver ricevuto il rimborso, al seguito del quale sarebbe anche disposto a rinunciare ai diritti sulla regione, ma non è possibile verificare le quietanze di pagamento poiché i plichi che le contengono sono destinati ad arrivare a corte solo il giorno seguente. Non rimane alle donne che accamparsi in attesa dei documenti, non prima che Berowne abbia confessato il suo amore a Rosalina e che Longaville e Dumaine non abbiano chiesto a Boyet i nomi di Maria e Caterina. Boyet confida alla principessa di aver notato negli uomini tutti, re compresi, i languori dell'amore, ma sia lei che le dame non sembrano prestargli ascolto.
Il terzo atto riporta in scena Armado che, sospirante d'amore, chiede al paggio Tignola di liberare Zucca per usarlo come corriere d'amore nei confronti di Giacometta, per la quale ha perso la testa. Gli consegna una missiva nel mentre di una serie di battute e lazzi guidati da Tignola che prende apertamente in giro Armado, troppo scemo per capire di essere oggetto delle continue burle del più furbo paggio.
Avuta l'epistola, Zucca si imbatte in Berowne che gli chiede un favore simile: consegnare a Rosalina una lettera d'amore. Berowne tenta di dissuadere se stesso dall'amore che prova: Rosalina ha anche dei difetti, in fondo...ma il suo sentimento è troppo forte e non riesce a farsene una ragione concreta. Avvilito e perso d'amore, esce di scena.
Il quarto atto vede le donne occupate in una battuta di caccia in compagnia di Boyet e dei nobili francesi. Arriva Zucca, il quale consegna per errore alla principessa la lettera di Armado per Giacometta, alla cui lettura si scatena l'ilarità della compagnia, divertita dagli strafalcioni altisonanti del povero Armado. Nel mentre Sir Nathaniel e Oloferne si accompagnano a Tonto in una battuta di caccia al cervo, impegnandosi in discorsi che il maestro Oloferne condisce di citazioni e parole in lingua latina. Arriva Giacometta con la lettera ricevuta da Armado per mano di Zucca e prega Sir Nathaniel di leggerla a causa del suo analfabetismo. La lettera che Nathaniel legge è in realtà quella inviata da Berowne a Rosalina nella quale l'uomo dichiara il suo amore, e il curato, letta l'intestazione, prega Giacometta di portarla al re.
A corte Berowne si rode il fegato per quanto ha fatto scrivendo una lettera quando, nascosto, scopre che persino il re e gli altri compari hanno scritto lettere d'amore da inviare alle loro amate. Scopertisi e rivelatisi a vicenda, i tre ammettono i loro sentimenti mentre Berowne, che non ha lettere in mano, dà loro dei traditori. A ribaltare la sua posizione ci pensa Giacometta che, arrivata con Zucca a corte, consegna la lettera di Berowne al re, rivelandogli la verità: sono tutti e quattro innamorati. Congedati Giacometta e Zucca i quattro parlano della loro condizione fino a un monologo di Berowne che convince tutti a lasciarsi andare alle gioie dell'amore, rompendo il patto del re.
E così, sarà: Armado viene incaricato da Ferdinando di preparare un intrattenimento per le donne al fine di divertirle e l'uomo, coinvolti Zucca, Tignola, Sir Nathaniel e Oloferne, decide di preparare una rappresentazione teatrale. I quattro nobiluomini decidono di mascherarsi da russi e di conquistare le giovani fanciulle, mentre spediscono loro, per dono, accalorate lettere d'amore e un dono ciascuna. Boyet, nascosto nel bosco, ascolta l'intento dei quattro di travestirsi per passare una serata d'amore con le donne che, alla confessione di Boyet, decidono di ribaltare le sorti della burla: saranno anche loro ad essere mascherate, e ognuna indosserà il regalo di un'altra al fine di rendere ridicola la corte di ognuno degli innamorati.
Inizia la festa, con il re e i baroni vestiti da moscoviti intenti a corteggiare la dama sbagliata, sviati dallo scambio dei doni che le donne hanno compiuto. Introdotti da un prologo di Tignola, con lingua salace le ragazze sviano la corte degli uomini e li costringono ad andarsene con la coda tra le gambe. La beffa è fatta e le donne hanno volto a loro favore il raggiro degli uomini. Boyet consiglia alle donne, ora, di attendere il ritorno degli uomini e di svelare loro che la beffa ai loro danni era stata scoperta e ritorta a loro sfavore. I quattro nobiluomini, difatti, tornano chiedendo udienza alle donne, che li accolgono smettendo le maschere e con ognuna i doni rispettivamente ricevuti. Gli uomini le invitano a corte ma la principessa rifiuta, ponendo come scusa il non voler risultare la causa della rottura di un giuramento. Nel corso della conversazione le ragazze confessano di aver capito l'inganno del travestimento da moscoviti e si burlano apertamente degli uomini, che tentano di spiegare il loro comportamento e di dichiarare il loro amore.
Nel mezzo della discussione si apre la parentesi comica con l'ingresso di Zucca che annuncia la tanto attesa recita. Sir Nathaniel, Oloferne, Tignola e Tonto, coadiuvati da Zucca, mettono su una rappresentazione di personaggi eroici, nove prodi della storia, che si rivela sconclusionata e sgangherata, provocando i commenti ilari di tutti gli astanti. Il momento di gioia è interrotto dall'ingresso del messo Marcade, che consegna alla principessa un urgente messaggio: il re, suo padre, è morto. La principessa chiede congedo al re Ferdinando e dà ordine di prepararsi per la partenza, ma le suppliche degli uomini le fanno capire che la corte che veniva fatta a lei e alle compagne era sincera e non un passatempo. Gli uomini riescono finalmente a dichiarare pienamente il loro sentimento d'amore, che le donne avevano preso alla leggera, considerando le smanie degli spasimanti come meri modi di rimpinzare il tempo votato all'ascetismo e all'erudizione. Rapite dal sincero amore degli uomini, le donne chiedono di pazientare un anno per piangere il lutto del re, dopodiché attenderanno ancora la dichiarazione ognuna del proprio spasimante: se questa verrà, sarà ricambiata da ognuna con la promessa d'amore eterno.
La commedia si chiude con l'ingresso dell'improvvisata e sgangherata troupe di improvvisati attori che cantano canzoni sull'inverno e sulla primavera.
user posted image



user posted image
Pericle, principe di Tiro


La commedia si apre alla corte di Antioco in Siria con l’annuncio del re di voler concedere la mano della bella figlia a chi sappia risolvere un enigma. Ma chi fallirà andrà incontro alla morte.
Pericle, il giovane principe di Tiro, viene a conoscenza dell’enigma e ne indovina subito il significato: Antioco intrattiene una relazione incestuosa con la figlia. Se rivelerà la verità sarà ucciso, ma anche se darà la risposta sbagliata incorrerà nel medesimo destino.
Pericle mostra di sapere la risposta ma chiede tempo per riflettere. Antioco gli concede quaranta giorni, poi manda un sicario ad ucciderlo.
Ma Pericle ha lasciato Antiochia per tornare nella sua Tiro. Qui il fedele amico e consigliere Elicano gli consiglia di allontanarsi dalla città, sospettando che Antioco lo stia facendo cercare per ucciderlo.
Pericle nomina reggente Elicano e si dirige per mare verso la città di Tarso, vessata dalla carestia. Con grande generosità dona al governatore Cleone e a sua moglie Dionisa scorte di grano della sua nave per venire in soccorso alla popolazione. La carestia finisce e Pericle si rimette in viaggio dopo essere stato profusamente ringraziato da Cleone e Dionisa.
Una tempesta distrugge l’imbarcazione di Pericle che viene trascinato dalla corrente sulla costa vicino alla città di Pentapoli.
Qui viene soccorso da un gruppo di pescatori che gli comunicano che il re di Pentapoli, Simonide, ha organizzato per l’indomani un torneo per dare la figlia Taisa in moglie al vincitore.
Proprio allora uno dei pescatori ritrova sulla spiaggia l’armatura di Pericle che decide di partecipare al torneo.
Nonostante l’equipaggiamento di Pericle sia arrugginito e malconcio, a lui va la vittoria e la mano di Taisa che si mostra molto affascinata dal principe. Simonide inizialmente pare perplesso ma presto comincia ad apprezzare Pericle e acconsente alle nozze.
Nel frattempo a Tiro giunge voce che Antioco e sua figlia sono morti fulminati da una “fiamma mandata dal cielo” mentre viaggiavano in carrozza. Preoccupati dalla lunga assenza del loro sovrano, i signori propongono di assegnare la corona a Elicano ma questi, da leale amico di Pericle quale è, rifiuta.
Accetta l’ipotesi di diventare re solo nell’eventualità che le ricerche di Pericle da parte dei nobili di Tiro si rivelino del tutto vane.
A Pentapoli Pericle riceve una lettera mandata dai signori di Tiro e decidere di rientrare portando con sé anche Taisa, incinta.
Nuovamente una tempesta lo sorprende durante la navigazione e Taisa muore dando alla luce la figlia Marina.
I marinai suggeriscono di consegnare alle onde il corpo di Taisa per placare la tempesta.
Pericle accetta a malincuore poi decide di fare sosta a Tarso perché, tra i flutti agitati, teme per la vita della piccola Marina.
La buona sorte fa arrivare la cassa con il corpo di Taisa su una spiaggia vicina alla dimora di Cerimone, un mago che la riporta in vita.
Pensando che Pericle sia morto nella tempesta, Taisa diventa vestale al tempio di Diana.
Pericle fa rotta verso Tiro dopo aver affidato Marina alle cure di Cleone e Dionisa.
Marina, crescendo, supera in bellezza la figlia di Cleone e Dionisa che medita così di ucciderla. Il suo piano però fallisce perché la giovane viene rapita dai pirati e condotta in un bordello a Mitilene. Marina qui riesce a custodire la sua verginità convincendo gli uomini a perseguire la virtù e successivamente riesce ad affrancarsi dal giogo vizioso diventando nota per la sua abilità nelle arti e nella musica. Nel frattempo Pericle torna a Tarso in cerca della figlia ma il governatore e la moglie gli dicono, mentendo, che lei è morta. Disperato, il principe comincia a navigare senza meta per i mari.
Pericle giunge casualmente a Mitilene e qui il governatore Lisimaco, nel tentativo di rincuorarlo, gli presenta Marina. Raccontandosi le rispettive vicissitudini i due comprendono così di essere padre e figlia. Subito dopo Diana appare in sogno a Pericle e lo invita a visitare il tempio di Diana dove trova l’amata Taisa. Cleone e Dionisa vengono giustiziati dal popolo che ha scoperto il loro crimine. Lisimaco sposa Marina.
user posted image



user posted image
Il racconto d'inverno


Polissene e Leonte sono, rispettivamente, i re di Boemia e di Sicilia, grandi amici di infanzia. Polissene va a rendere omaggio a Leonte in Sicilia, e vi permane nove mesi, al termine dei quali si accinge a salutare l'amico per tornare nel suo regno. Leonte, dispiaciuto per la partenza, supplica l'amico di restare, e prega anche la propria moglie, Ermione, di dissuaderlo dall'andar via. Inizialmente inamovibile, Polissene cede alle lusinghe di Ermione e decide di prolungare il soggiorno: Leonte, però, sembra turbato dall'eccessiva confidenza tra i due. Poiché Ermione è in avanzato stato di gravidanza, in Leonte si insinua il sospetto che la paternità non sia sua ma dell'amico Polissene. Roso dalla gelosia, incarica Camillo, barone di Sicilia, di avvelenare l'amico: quest'ultimo, sebbene non voglia contraddire il suo re, si trova in conflitto poiché non intende macchiarsi dell'omicidio. Polissene, avvertito da Camillo, decide di fuggire e porta con sé il cortigiano per risparmiarlo dalla punizione di Leonte. La fuga, però, conferma i sospetti di Leonte, che allontana Mamilio, il suo piccolo figlio, da Ermione, e la offende verbalmente, facendola condurre poi in prigione nonostante il suo stato: la condizione le procurerà un parto prematuro, così che Ermione darà alla luce una bimba che chiamerà Perdita. Per sincerarsi dei suoi sospetti, Leonte decide di interrogare l'Oracolo di Delfi, e manda presso di lei Cleomene e Dione, due cortigiani, per raccoglierne il responso.
Nel frattempo Paolina, moglie del barone di Sicilia Antigono, preleva la piccola dalla prigione in cui è nata ed affronta Leonte, dichiarandosi pronta a giurare sulla nobiltà di Ermione. Leonte la caccia in malo modo, ma non trova il coraggio di far uccidere la piccola: la affida così ad Antigono, chiedendogli di sbarazzarsene. Intanto Ermione viene processata, ma il responso dell'oracolo, che avrebbe dovuto decretarne la colpevolezza, depone invece a favore della regina, che viene dichiarata casta e vittima di un marito geloso. Leonte è incredulo, quando giunge la notizia che Mamilio, privato dell'affetto della madre e sapendola accusata dal padre, muore di crepacuore. Alla notizia, Ermione ha un malessere: portata fuori dal tribunale, ne annuncerà la morte Paolina, condendo il suo discorso contro il re con parole severe. A Leonte non rimane altro che scontare il rimorso della morte della moglie e dei figli a causa dei suoi infondati sospetti.
Antigono intanto, giunto alle sponde della Boemia, abbandona la piccola Perdita che viene trovata e raccolta da un contadino ed un pastore, che la accudiscono facendole da padri ma che non ne conoscono la reale identità sebbene capiscano, dai tesori che la piccola ha con sé, che sia di nobili origini. Antigono viene nel frattempo sbranato da un orso e la nave che lo ha condotto in Boemia affonda: in tal modo, nessuno in Sicilia sa che Perdita è stata risparmiata da morte certa dai due uomini. Passano quindici anni e Perdita, divenuta una fanciulla bellissima, si innamora di Florizel, figlio di Polissene ignaro che la giovine fosse figlia di un re. D'altro canto Florizel, per non svelare la sua identità, si spaccia agli occhi dei pastori come un loro simile, assumendo il nome di Doricle.
Polissene e Camillo, desiderosi di capire le strane frequentazioni di Florizel, si mascherano da contadini e, sotto mentite spoglie, si presentano ad una festa campestre desiderosi di spiare il principe. La festa è ricca di danze e di personaggi particolari come il vagabondo Autolico, truffatore e ladro di professione. Polissene, capite le intenzioni del figlio di sposare Perdita, svela la propria identità ed intima a Florizel di lasciar perdere la ragazza, minacciando quest'ultima di non vedere più suo figlio. Camillo consiglia al giovane di tentare una via di fuga: presentarsi a Leonte con Perdita fingendo di essere tornati da lui per cancellare i ricordi dell'accusa di adulterio che Polissene si vide infliggere quindici anni prima; in tal modo Camillo avrebbe potuto anche tornare nel paese natìo, spingendo Polissene a rincorrere il figlio.
Giungono in Sicilia, alla corte di Leonte, prima Florizel e Perdita, spacciata per principessa della Libia; dopo poco arrivano Polissene e Camillo in città, ed anche Autolico con i pastori che trovarono anni prima la piccola Perdita sulla spiaggia boema, desiderosi di dire la verità sulla ragazza, nella quale avevano riconosciuto una discendenza nobile. Si scopre la verità ed i re, con i rispettivi figli, si trovano tutti in casa di Paolina per festeggiare. I due pastori nel frattempo, aiutati da Autolico nel portare la verità a galla, gli strappano la promessa di condurre una vita migliore e senza sotterfugi di dubbia moralità.
Nella casa di Paolina è custodita una statua dalle sembianze di Ermione: Leonte si strugge dal dolore guardando come essa sia perfettamente somigliante alla moglie. Paolina allora svela che la statua è in realtà Ermione stessa, trasformata in statua per magia per non permetterle di morire di dolore: rompe così l'incantesimo, riconducendo la regina a nuova vita. La tragicommedia si conclude con il preannunciato matrimonio tra Florizel e Perdita e tra Camillo e Paolina.
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:27 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:05 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image
Sogno di una notte di mezza estate


La commedia presenta tre storie intrecciate, collegate tra loro dalla celebrazione del matrimonio tra Teseo, duca di Atene, e Ippolita, regina delle Amazzoni.
Due giovani ateniesi, Lisandro e Demetrio, sono entrambi innamorati della stessa donna, Ermia; quest'ultima ama Lisandro, mentre la sua amica Elena è innamorata di Demetrio. Ma il padre di Ermia Egeo impone alla figlia di sposare Demetrio. Allora lei fugge con Lisandro nei boschi, seguiti da Elena e Demetrio, ma si perdono nel buio e nelle loro schermaglie amorose.
Nel frattempo, Oberon, re degli elfi, e la moglie Titania regina delle fate giungono nel medesimo bosco per partecipare alle nozze imminenti. Oberon vuole usare il servo indiano per farne suo paggio, ma Titania non vuole ed egli cerca di punirla per la sua disobbedienza facendole spremere sugli occhi il succo del fiore vermiglio di Cupido, che fa innamorare della prima persona che si incontra al risveglio.
Nello stesso tempo, una combriccola di artigiani che, per festeggiare il matrimonio, vuole mettere in scena una rappresentazione popolare sul tema di Piramo e Tisbe, si riunisce nella foresta per le prove dello spettacolo. Fra di loro spicca Nick Bottom, il Tessitore, uno dei più apprezzati personaggi comici di Shakespeare.
Oberon ingaggia il furbo Puck, chiamato anche Hobgoblin, o Robin Goodfellow, affinché lo aiuti a riconquistare l'amore di Titania. Inoltre, dopo aver visto Demetrio ed Elena sperduti nel bosco, ordina a Puck di spremere il succo magico sugli occhi di Demetrio per farlo innamorare di Elena, ma per errore Puck spreme il succo sugli occhi di Lisandro che al risveglio vede Elena e se ne innamora perdutamente, con grande disappunto di Ermia.
Ma Puck ha anche il tempo di giocare uno scherzo a Bottom, che scopre che la sua testa è stata trasformata in quella di un asino. Sarà proprio Bottom la prima persona di cui si innamorerà Titania, al suo risveglio, a causa dell'effetto della viola del pensiero.
A questo punto Titania incontra Oberon, che, realizzata la sua vendetta, accetta di scioglierla dall'incantesimo. Puck quindi risistema le cose, compresa la testa del povero Bottom.
Oberon, inoltre, accortosi dell'errore di Puck, mette del succo sugli occhi di Demetrio. Così ora sia Lisandro che Demetrio corrono dietro Elena accapigliandosi tra loro. Alla fine Oberon ordina a Puck di risistemare tutto tra gli innamorati. Puck, allora, fa scendere una nebbia fatata sul bosco tale che i quattro ragazzi si addormentano. Quindi utilizza la rosa del pensiero per far sì che Lisandro ami di nuovo Ermia. Così ora tutto è a posto: Oberon e Titania sono riconciliati, e i quattro giovani sono due coppie.
Questi vengono trovati addormentati al limitare del bosco il giorno dopo da Teseo, il quale si affretta a preparare le nozze. La notizia degli imminenti tre matrimoni manda in agitazione il villaggio, compresi i lavoratori ateniesi che stavano provando la commedia nel bosco, i quali però sono senza il personaggio principale della loro commedia: Piramo, che doveva essere interpretato da Bottom che loro avevano abbandonato nel bosco con la testa d'asino: il morale è a terra. Fortunatamente il protagonista entra in scena proprio in questo momento di sconforto di ritorno dal bosco, ed incita i compagni a prepararsi per lo spettacolo.
Al palazzo, Teseo, nonostante gli avvertimenti del cerimoniere, sceglie proprio il loro spettacolo (Piramo e Tisbe), in quanto sostiene che un qualcosa offerto con una così buona volontà non possa essere rifiutato.
A questo punto parte lo spettacolo nello spettacolo: gli artigiani mettono in scena una goffa versione della tragedia, rendendo la cosa comica ("sento il volto della mia Tisbe..." "vedo il suono della tua voce.."), nella quale è compreso anche un personaggio nel ruolo del leone, uno nel chiaro di luna ed un altro nella parte di un muro (!). Mitica la perfomance dell'artigiano Francis Flute, che interpreta (in maniera del tutto singolare) il ruolo della dama Tisbe.
L'opera si conclude con Puck che entra in scena e dice che se lo spettacolo non è piaciuto al pubblico, questo può far finta di aver dormito, e può quindi considerare lo spettacolo come un prodotto dei sogni, e che se lo lasceranno fare, Puck farà ammenda dei danni.
user posted image



user posted image
La tempesta


Il racconto della commedia inizia quando gran parte degli eventi sono già accaduti. Il mago Prospero, legittimo Duca di Milano, e sua figlia Miranda sono stati esiliati per circa dodici anni in un'isola (forse dell'Adriatico o in Francia, altri ipotizzano le isole Bermude), dopo che il geloso fratello di Prospero, Antonio, aiutato dal re di Napoli, lo aveva deposto e fatto allontanare con la figlia di tre anni. In possesso di arti magiche dovute alla sua grande conoscenza e alla sua prodigiosa biblioteca, Prospero è servito controvoglia da uno spirito, Ariel, che egli ha liberato dall'albero dentro il quale era intrappolato. Ariel vi era stato imprigionato dalla strega africana Sicorace, esiliata nell'isola anni prima e morta prima dell'arrivo di Prospero. Il figlio della strega, Calibano, un mostro deforme, è l'unico abitante mortale dell'isola all'arrivo di Prospero. Provocato dalla avvenenza di Miranda, le propone di unirsi con lui per creare una nuova razza che popoli l'isola.
A questo punto inizia la commedia. Prospero, avendo previsto che il fratello Antonio sarebbe passato nei pressi dell'isola con una nave (di ritorno dalle nozze della figlia di Alonso, Clarabella, con un re cartaginese), scatena una tempesta che causa il naufragio della nave.
Sulla nave c'è anche il re Alonso, amico di Antonio e compagno nella cospirazione, e il figlio di Alonso, Ferdinando. Prospero, con i suoi incantesimi, riesce a separare tutti i superstiti del naufragio cosicché Alonso e Ferdinando credono ognuno che l’altro sia morto.
La narrazione è tutta incentrata sulla figura di Prospero, il quale, con la sua arte, tesse delle trame in cui costringe gli altri personaggi a muoversi. La commedia ha quindi una struttura divergente e, poi, convergente, in quanto i percorsi dei vari naufraghi si ricongiungono alla grotta di Prospero. Calibano incappa in Stefano e Trinculo, due ubriaconi della ciurma, che crede esseri divini discesi dalla luna, e cercano di mettere insieme una ribellione contro Prospero, che però fallisce. Nel frattempo, nasce una relazione romantica tra Ferdinando e Miranda. I due si innamorano immediatamente. Infatti il loro matrimonio sarà la causa della riconciliazione di Prospero con suo fratello Antonio. Infine Prospero rinuncia alla magia con un famoso monologo nel quale molti studiosi hanno visto un riferimento a Shakespeare che con quest'opera abbandona il teatro e ha l'occasione di riconciliarsi con sè stesso e la società.
user posted image



user posted image
Timone d'Atene


Timone organizza un grande banchetto, a cui partecipano quasi tutti i personaggi. Distribuisce il proprio denaro senza parsimonia e tutti cercano di compiacerlo per averne di più, tranne Apemanto, un filosofo il cui cinismo non piace a Timone. Gradisce molto gli omaggi del poeta e del pittore e accetta in dono un gioiello dal gioielliere, anche se prima che l'atto si concluda l'ha già dato ad uno dei suoi amici. Un vecchio ateniese si lamenta perché Lucilio, uno dei servi di Timone, fa la corte a sua figlia, ma Timone lo calma compensandolo con tre talenti, pensando che la felicità del servo valga il prezzo. Quando si presenta in prima persona al banchetto, gli viene detto che Ventidio, un suo amico, è finito in prigione per debiti. Egli invia allora del denaro per pagare il debito di Ventidio, che presto si aggrega alla festa. Timone fa un discorso sul valore dell'amicizia e quindi tutti assistono ad un masque, per poi darsi alle danze. Quando la festa sta per finire, Timone sta ancora distribuendo tra gli amici i suoi cavalli (in vista della battuta di caccia del giorno dopo) ed altri suoi beni.
Flavio è turbato per il fatto che Timone ha sperperato tutti i suoi beni esagerando con la sua munificenza, patrocinando scrittori ed artisti parassiti e risollevando dubbi amici dai loro guai finanziari. Timone, tornando dalla caccia, è invece arrabbiato per il fatto che non gli sia stato fatto osservare prima e rimprovera Flavio, che gli dice che in passato aveva tentato varie volte di farlo senza successo ed ora è finita: tutti i suoi terreni sono stati venduti. Ad aiutare Timone è proprio il suo opposto, il cinico filosofo Apemanto, che spaventa i falsi amici di Timone con le sue caustiche battute. Insieme ad un buffone attacca i creditori di Timone quando si presentano per chiedere di essere saldati immediatamente. Timone manda i propri servi a chiedere aiuto agli amici che considera a lui più vicini.
Ad uno ad uno i servi di Timone vengono scacciati dai suoi falsi amici, e due di essi si abbandonano a due lunghi monologhi per esprimere la propria rabbia verso di loro. In un altro luogo uno dei più giovani ufficiali di Alcibiade sfoga la propria rabbia in maniera ancor più esagerata, uccidendo un uomo. Alcibiade chiede clemenza al Senato, sostenendo che un crimine passionale non dovrebbe essere giudicato con la stessa severità richiesta da un omicidio premeditato. I senatori non sono d'accordo e, quando Alcibiade insiste troppo, lo condannano all'esilio perpetuo. L'atto si conclude con Timone che discute con i servi la vendetta che preparerà in occasione del successivo banchetto.
Timone dà una festa più modesta, organizzata soltanto per coloro che l'hanno tradito. Vengono portati vassoi ed anfore, ma gli amici non vi trovano cibi e leccornie, ma solo sassi ed acqua bollente. Timone li scaglia contro di loro e fugge via. Il leale Flavio giura di ritrovarlo.
Maledicendo le mura della città Timone si rifugia in una zona selvaggia e va a vivere in una grotta, cibandosi di radici. Qui scopre un tesoro sepolto. La notizia si sparge e il poeta con il pittore, Apemanto, e tre banditi riescono a trovare Timone prima di Flavio. Egli offre la maggior parte di quest'oro ad Alcibiade per finanziargli l'assedio della città. Ad accompagnare Alcibiade ci sono due prostitute, Frinia e Timandra, che scambiano pungenti battute con l'amareggiato Timone riguardo le malattie veneree. Quando entra in scena Apemanto ed accusa Timone di imitare la sua indole pessimista, gli spettatori sono costretti ad assistere allo strano spettacolo di un reciproco scambio di invettive tra i due misantropi.
Arriva Flavio. Anche lui vuole la sua parte di denaro, ma vuole anche che Timone torni indietro e riprenda il suo posto nella società. Timone si rende conto di avere in Flavio un vero amico, ma si duole del fatto che quell'uomo sia un semplice servo. Dice agli inviati di Atene, che speravano che Timone potesse ridurre Alcibiade a più miti consigli, di andarsi ad impiccare e muore. Alcibiade, marciando verso Atene, posa a terra il proprio guanto e conclude la tragedia leggendo l'amaro epitaffio che Timone si era preparato:
(EN)
« Here lie I, Timon, who alive, all living men did hate,
Pass by, and curse thy fill, but pass and stay not here thy gait. »
(IT)
« Timone, qui giaccio; in vita tutti gli uomini odiai;
passa ed impreca pure, ma non sostare qui mai »
(William Shakespeare, Timone d'Atene )

Oppure in alternativa:
(EN)
« Here lies a wretched corpse of wretched soul bereft:
Seek not my name: a plague consume you wicked caitiffs left! »
(IT)
« Qui giace il misero corpo della grama anima sua ormai privato:
non cercate il mio nome: codardi malvagi, che una pestilenza vi abbia consumato! »
(William Shakespeare, Timone d'Atene )

Anche se il manoscritto originale di Shakespeare li riporta entrambi, data la loro natura contraddittoria, non è possibile che il poeta intendesse includerli entrambi e si pensa che, nel dubbio, abbia alla fine dimenticato di cancellarne uno. Il primo è una citazione di Callimaco.
user posted image



user posted image
Tutto è bene quel che finisce bene


Elena, figlia del famoso medico Gerardo di Narbona, grazie a una pozione lasciatale dal padre, guarisce il re di Francia gravemente ammalato. Il re, per premiarla del beneficio ricevuto, la dà in moglie a Bertram, conte di Rossiglione, da lei amato, ma che non ricambia il suo amore, pur dovendo obbedire agli ordini del re.
Istigato dal ribaldo Parolles, Bertram parte per la guerra, avvertendo Elena che potrà considerarsi sua moglie solo se riuscirà a impadronirsi di un anello che lui non sfila mai dal dito e se potrà dire di aspettare un figlio da lui.
Così, Elena si traveste e lo segue a Firenze. Là però scopre che Bertram si è invaghito della locandiera Diana che però lo respinge.
Elena allora, dopo aver convinto Diana ad accettare un appuntamento con Bertram, si sostituisce a lei, riuscendo così a scambiare un anello regalatole dal padre con quello di Bertram e ad avere un rapporto con il suo amato. Padrona dell'anello e incinta, quindi, riesce nel suo scopo di diventare la compagna di Bertram e di conquistarne l'amore.
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:27 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:06 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image

user posted image


Musica

1893: Coda davanti la porta d'ingresso al loggione del Teatro alla Scala di Milano, la sera della prima assoluta del Falstaff di Giuseppe Verdi.
Diverse libretti operistici sono stati ispirati dalla commedia: essi, però, hanno ripreso per la maggior parte il titolo dal personaggio Falstaff. Tra questi vi sono il Falstaff di Antonio Salieri, dramma giocoso del 1799 su libretto di Carlo Prospero Defranceschi che fu rappresentato per la prima volta al Teatro di Porta Carinzia di Vienna il 3 gennaio 1799. Il componimento è ricordato anche col nome di Falstaff, ossia le tre burle.
Il 9 marzo 1849 trovò rappresentazione a Berlino un Singspiel di Otto Nicolai su libretto di Hermann Salomon Mosenthal, Die lustigen Weiber von Windsor.
Adolphe Adam compose un'opera comica in un atto unico titolata anch'essa Falstaff, su libretto di Adolphe de Leuven e Jules Henri Vernoy de Saint-Georges, rappresentata il 18 gennaio 1856 al Théâtre Lyrique di Parigi.
Successivo è il Falstaff di Giuseppe Verdi, opera su libretto di Arrigo Boito, che deve parte della trama anche all'Enrico IV, parte 1 di Shakespeare, dove il personaggio è menzionato. La prima ebbe luogo il 9 febbraio 1893 al Teatro alla Scala di Milano.
Edward Elgar compose uno studio sinfonico nel 1913 dal titolo Falstaff. Sempre ispirato alla commedia shakespeariana è il Sir John in Love del britannico Ralph Vaughan Williams, che dell'opera fu compositore e librettista: la prima avvenne al Royal College of Music di Londra il 21 marzo 1929, ma in seguito ripresa poco sui palcoscenici internazionali.

Film

• Le allegre comari di Windsor (Die Lustigen Weiber) Regia di C. Hoffman Germania, 1935
user posted image



user posted image


Versioni cinematografiche

• La bisbetica domata Regia di Azeglio Pineschi e Lamberto Pineschi Italia (1908)

• La bisbetica domata (The Taming of the Shrew) Regia di D. W. Griffith USA, 1908

• La bisbetica domata Regia di Arrigo Frusta Italia (1913)

• La bisbetica domata (The Taming of the Shrew) Regia di Sam Taylor USA, 1929

• La bisbetica domata Regia di Ferdinando Maria Poggioli Italia, 1942

• La bisbetica domata (The Taming of the Shrew) Regia di George Schaefer USA, 1956

• Kiss Me Kate dal musical omonimo ispirato a (The Taming of the Shrew) Regia di George Sidney USA, 1963
user posted image



user posted image


Film

Cimbelino Regia di P. Ticker USA, 1981
user posted image



user posted image


Adattamenti cinematografici

• As You Like It Trad. Lett: (Come vi piace) Regia Kenean Buel USA, 1908 Prima versione della commedia per lo schermo

• As You Like It Trad. Lett: (Come vi piace) Regia James Stuart Blackton, Charles Kent e James Young USA, 1912

• Come vi piace (As You Like It) Regia Paul Czinner GB, 1936

• Come vi piace (As You Like It) Regia di Michael Elliott (film Tv) GB, 1963

• Come vi piace (As You Like It) Regia di Christine Edzard GB, 1992
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:28 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:06 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Trasposizioni cinematografiche

• La dodicesima notte, regia di Eugene Mullin e Charles Kent. Film muto USA, 1910

• La dodicesima notte (Dvenadtsataya Noch), regia di J. Fried. URSS, 1956

• Che notte, ragazzi! (1966)

• Eros Perversion, regia e adattamento di Ron Wertheim, Musical erotico ispirato alla commedia. Italia, 1979.

• La dodicesima notte, regia di Trevor Nunn. Gran Bretagna e Irlanda,1996


Opera
Nel 1820 fu fatta una versione operistica da Frederic Reynolds, con la musica composta da Henry Bishop e rappresentata per la prima volta al Covent Garden[46]
user posted image




user posted image


Film

• The Merchant of Venice Regia di Phillips Smalley e Lois Weber USA, 1914

• Il mercante di Venezia (Der Kaufmann von Venedig) Regia di P. P. Felner Germania, 1923
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:28 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:06 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image


Film

Dente per dente Regia di Marco Elter Italia, 1913
user posted image



user posted image


Trasposizioni cinematografiche

• Molto rumore per nulla, film statunitense del 1913 diretto da Phillips Smalley con la celebre Pearl White e Chester Barnett;

• Molto rumore per nulla, film britannico per la televisione del 1937 diretto da George More O'Ferrall con Margaretta Scott e Henry Oscar;

• Molto rumore per nulla, film statunitense del 1940 diretto da Connie Rasinski

• Molto rumore per nulla, film britannico per la televisione del 1967 diretto da Alan Cooke con Frank Finlay, Maggie Smith, Derek Jacobi, Ronald Pickup, Michael Gambon, Robert Stephens e Christopher Timothy. Nel cast tecnico figurava anche Franco Zeffirelli, che ne aveva diretto la regia teatrale.

• Molto rumore per nulla (Mnogo shuma iz nichego), film russo del 1973 diretto da Samson Samsonov

• Molto rumore per nulla, film britannico per la televisione del 1973 diretto da Nick Havinga con Barnard Hughes e Sam Waterston

• Molto rumore per nulla, film di produzione anglo-statunitense per la televisione del 1978 diretto da Donald McWhinnie con Nigel Davenport

• Molto rumore per nulla, film britannico per la televisione del 1984 diretto da Stuart Burge e prodotto per la BBC

• Molto rumore per nulla, film canadese per la televisione del 1987 diretto da Peter Moss

• Molto rumore per nulla, film britannico per la televisione del 2005 diretto da Brian Percival e prodotto per la BBC. Nel cast artistico figuravano Sarah Parish, Damian Lewis e Billie Piper.


Opera

Hector Berlioz si ispirò alla commedia per la sua opera comica Béatrice et Bénédict, rappresentata per la prima volta nel 1890.


Musica leggera

Un album musicale della power metal band tedesca Gamma Ray si intitola Sigh No More, tributo alla celebre canzone cantata da Baldassarre.
user posted image



user posted image
Pene d'amor perdute


Film

Pene d'amor perdute (Love's Labour's Lost) regia Kenneth Branagh; GB/USA, 1999, col.; durata: 95'
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:28 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:06 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image
Sogno di una notte di mezza estate


Musica

• nel 1692 ci fu un adattamento musicale da parte di Henry Purcell con il titolo di The Fairy Queen


Film

• 1909 - Sogno di una notte di mezza estate (A Midsummer Night's Dream) Regia di J. S. Blackton, C. Kent USA

• 1935 - Sogno di una notte di mezza estate Diretto da Max Reinhardt e William Dieterle, prodotto da Henry Blanke e adattato da Charles Kenyon e Mary C. McCall Jr.
Alcune delle musiche erano di Mendelssohn, ma riarrangiate da Korngold. La coreografia delle fate era di Bronislava Nijinska.
Il film vinse due Academy Awards:
Miglior Cinematografia - Hal Mohr
Miglior montaggio - Ralph Dawson
Fu candidato quale:
Miglior film - Henry Blanke, produttore
Miglior aiuto-regista - Sherry Shourds
In particolare, Hal Mohr non ricevette alcuna candidatura; vinse l'Oscar grazie ad un vasto voto di sostegno. L'anno seguente Academy of Motion Picture Arts and Sciences dichiarò che non avrebbe accettato candidature ai premi per iscritto. Il film si distinse per la particolare sceneggiatura.

• 1958 - Sogno di una notte di mezza estate (A Midsummer Night's Dream) Regia di R. Cartier. GB

• 1964 Sogno di una notte di mezza estate (A Midsummer Night's Dream) Regia di J. Kemp-Welch. GB

• 1968 - Sogno di una notte di mezza estate Diretto da Peter Hall.
Questo film si basa sulla famosa produzione di Hall della Royal Shakespeare Company, che a quel tempo era considerata d'avanguardia, ma oggi appare molto datata, con minigonne e le sfumature psichedeliche degli anni sessanta. Titania e le fate indossavano body.

• 1982 - Sogno di una notte di mezza estate (A Midsummer Night's Dream) Regia di J. Lapine, E. Ardolino. USA

• 1982 - Una commedia sexy in una notte di mezza estate (A Midsummer Night's Sex Comedy)
Regia di Woody Allen USA

• 1984 - Sogno di una notte di estate (Sueño de una noche de verano) Regia di C. Corondano. GB-Spagna

• 1996 - Sogno di una notte di mezza estate Diretto da Adrian Noble.
Questo film si basa sulla popolare realizzazione di Noble Royal Shakespeare Company. Il progetto artistico è eccentrico, e rappresenta una foresta di lampadine galleggianti e la dimora di Titania è un enorme ombrello.

• 1999 - Sogno di una notte di mezza estate Scritto e diretto da Michael Hoffman.
Questo adattamento trasferisce il luogo in cui si svolge la commedia in Toscana alla fine del XIX secolo.


Altri adattamenti

• Il numero 36 della serie di fumetti italiana Dylan Dog si intitolava Incubo di una notte di mezza estate, palesemente ispirato all'opera di Shakespeare.

• Una delle storie a fumetti di Corto Maltese, ideato e disegnato da Hugo Pratt, s'intitola "Sogno di un mattino di mezzo inverno" ed è chiaramente ispirata al "Sogno" di Shakespeare. Infatti, anche se ambientata durante la prima guerra mondiale, vi appaiono i personaggi di Oberon, Titania e Puck risvegliati assieme al mago Merlino e alla Fata Morgana per difendere il suolo Britannico dall'invasione Tedesca e quindi dai miti Sassoni (tra i quali Valkirie e Troll).
• Una overture ed intermezzi musicali furono composti da Mendelssohn nel 1826 ed usati in molte versioni teatrali durante il XIX secolo.

• Fa adattata ad opera musicale con musiche di Benjamin Britten e libretto di Britten e Peter Pears, rappresentata per la prima volta a Aldeburgh il primo giugno, 1960, per la regia di John Copley.

• Divenne un comic book (giornalino a fumetti nel formato classico americano) per opera di Neil Gaiman per la serie The Sandman. La versione vinse diversi premi e si distinse per essere l'unica opera a fumetti che ottenne un World Fantasy Award.

• Il recente libro "Magic Street" di Orson Scott Card si rifà all'opera, vista come una continuazione della commedia, ritenendo che la trama, in realtà, prese spunto da vere interazioni con i personaggi delle fiabe.

• La serie animata Gargoyles recupera alcuni elementi della commedia di Shakespeare. Oberon appare come sovrano della "terza razza" dopo aver deposto sua madre, La Regina Mab.
Essa comprende tutte le creature magiche (comprese quelle delle mitologie di tutto il mondo). La razza comprende anche Titania, Puck e le strane sorelle (le tre streghe di Macbeth) e popola l'isola di Avalon.
user posted image



user posted image
La tempesta


Adattamenti teatrali

• The Tempest or, The Enchanted Island, di John Dryden e William Davenant, 1670.

• The Mock Tempest or the Enchanted Castle, di Thomas Duffet, 1675.

• The Tempest; An Opera, di David Garrick, 1756.

• The Shipwreck, anonimo, 1780.

• The Virgin Queen, di Francis Godolphin Waldron, 1797.

• The Enchanted Isle, di William and Robert Brough, 1848.

• Caliban, di Ernest Renan, 1877.

• L’Eau de Jouvence, di Ernest Renan, 1879.

• Une Tempête, Aimé Césaire, 1969.

• This Island’s Mine, Philip Osment, 1988


Filmografia

• L'età del consenso (Age of Consent) Regia di M. Powell Australia, 1969

• La tempesta (The Tempest) regia e sceneggiatura Derek Jarman; Regno Unito, 1979, col., durata: 85'

• "In America" (2002) regia Jim Sheridan

• Il film Serenity di Joss Whedon riprese molti dei temi, e qualche nome, sia da Il pianeta proibito che da La tempesta: in special modo, l'esplorazione dell'ambito giusto per il controllo delle altre persone.

• Fu ispirato da quest'opera anche un episodio di Star Trek del 1968 intitolato Requiem per Matusalemme (Requiem for Methuselah).

• Un impertinente adattamento musicale del 1990, intitolato Il ritorno al pianeta proibito, mescolò con successo la trama del film con altri personaggi e dialoghi di Shakespeare.

• Il film Tempest del 1982, diretto da Paul Mazursky, è una commedia liberamente ispirata a quest'opera
user posted image



user posted image
Tutto è bene quel che finisce bene


Film

• Tutto è bene quel che finisce bene (All's Well That Ends Well) Regia di C. Watham (r.t. John Barton) GB, 1968

• Tutto è bene quel che finisce bene (All's Well That Ends Well) Regia di W. Leach USA, 1978
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:29 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:06 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



user posted image


user posted image
La fenice e la tortora


La fenice e la tortora sono entrambi simboli allegorici dell'amore. Nel poema si narra della loro morte, e di come siano una cosa sola: «Two distincts, division none».
user posted image



user posted image
Lo stupro di Lucrezia


L'opera è incentrata sulla figura di Lucrezia, famosa per aver causato la cacciata dei Tarquini da Roma.
user posted image



user posted image
Venere e Adone


Il tema, che proviene dal decimo libro delle Metamorfosi di Ovidio, è sviluppato da Shakespeare in maniera originale, introducendo ad esempio il rifiuto delle profferte amorose di Venere da parte di Adone.
Il poema è centrato sui due personaggi, e si svolge in uno stesso luogo, nel tempo che intercorre tra l'alba e il tramonto dello stesso giorno.
user posted image


user posted image


Messaggio modificato da iPelle il Jun 4 2015, 07:29 AM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:07 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



liv.gif

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:07 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



liv.gif

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 4 2015, 07:08 AM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



liv.gif

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
belgarath
Inviato il: Jun 6 2015, 12:37 AM
Cita questo messaggio


\"releaser\"
\"500rel\"
\"visual\"
\"staffgrafica\"
\"biblioso\"

Group Icon

Gruppo: Funzionari
Messaggi: 4166
Utente Nr.: 584444
Iscritto il: 2-May 11



Release dismesse da tagliare link:

[*]Patrick Doyle - Love's Labour's Lost OST (2001) [Mp3 128 Kbps] Soundtrack - Progetto Colonne Sonore [CURA] Shakespeare Releaser: kaimanov, Ultimo seed: 2015-03-04

birra.gif

Disponibilità della release fino ai primi 20 completati

Eßt Scheiße, zehn Milliarden Fliegen können nicht irren



Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 7 2015, 05:30 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



QUOTE (belgarath @ Jun 6 2015, 12:37 AM)
Release dismesse da tagliare link:

[*]Patrick Doyle - Love's Labour's Lost OST (2001) [Mp3 128 Kbps] Soundtrack - Progetto Colonne Sonore [CURA] Shakespeare Releaser: kaimanov, Ultimo seed: 2015-03-04

birra.gif

grazie belgh, ma il ilnk alla release di kaimanov nel ciclo non c'è... forse doveva ancora essere inserito ??

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
NAHOM
Inviato il: Jun 22 2015, 12:49 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



inseriti Riccardo III - Un uomo un re (Al Pacino,1996) HDH, [720p H265 - Ita Eng Ac3 - MultiSub]HDTV

http://forum.tntvillage.scambioetico.org/?showtopic=457786

e Trono di Sangue (Kurosawa,1957) HDH, [BDmux 1080p - H265 - Ita Jap Ac3 - Sub Eng]

http://forum.tntvillage.scambioetico.org/?showtopic=458087

ciclo aggiornato

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
iPelle
Inviato il: Oct 6 2015, 01:41 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 4929
Utente Nr.: 731925
Iscritto il: 10-May 12





6000 Post ! - 650 Releases !! - 5.7 Post Per Giorno !!! - 0.21% di Tutti i Messaggi del Forum !!!!
Messaggio PrivatoIndirizzo EmailSito Web dell
Top
NAHOM
Inviato il: Oct 7 2015, 09:13 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: TNT Ripping
Messaggi: 2670
Utente Nr.: 988215
Iscritto il: 21-July 13



QUOTE (iPelle @ Oct 6 2015, 01:41 PM)
Segnalo da rimuovere:

grazie iPelle, aggiornato

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni DiscussionePagine: (2) [1] 2  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents