Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Questo sito e' uno dei siti italiani piu' frequentato da italiani all'estero contiamo su di te per continuare ad esserlo.

Puoi donare anche utilizzando PostePay, Per versare la tua donazione chiedi il numero di carta

Sostieni movimentopirati.org

 

  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

> Aerei italiani nella seconda guerra mondiale, [PDF-ITA]Immagini[CURA] Ciclo II guerra mondiale
loris
  Inviato il: Aug 31 2007, 10:00 AM
Cita questo messaggio


\"1000rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 14213
Utente Nr.: 43948
Iscritto il: 4-February 06




user posted image

user posted image


Aerei italiani nella seconda guerra mondiale



user posted image

:::->Copertina <-:::
user posted image

:::->Dettagli<-:::

AEREI ITALIANI NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Tra mito e realtà

di Alessandro Farris

Con questo articolo mi prefiggo di chiarire quanto è ancora divulgato in ambito di racconto orale o di sentito dire senza essere stato visto. Questo articolo si occuperà degli aeroplani italiani che affrontarono il secondo conflitto mondiale.
E’ opinione diffusa che gli aerei italiani del secondo conflitto mondiale siano stati inferiori ai loro avversari solo sul piano costruttivo,e su questo si fa riferimento ai biplani,in quanto ritenuti i soli aerei prodotti dalle industrie italiane.
La realtà smentisce questa fantasiosa idea.
Negli anni ’30 l’industria aeronautica italiana attraversa un momento di splendore.Aerei italiani sono quelli più veloci (vedere record di velocità per idrovolanti stabilito nel 1934 da Francesco Agello), quelli che compiono raid a grande distanza (Roma – Addis Abeba e ritorno), ma in questo clima di entusiamo avvengono interventi esterni che si riveleranno dannosi.
Dopo la conquista dell’Etiopia, pur avvenuta con relativa facilità proprio grazie all’Aeronautica, una direttiva ministeriale porta ad un punto di svolta.
I motori degli aerei italiani di quegli anni sono in linea, ovvero come oggi si vedono nei piccoli aerei da turismo.Proprio grazie ai motori in linea che verranno compiuti record di velocità come quello sopra citato.
La direttiva ministeriale del 1935 porta alla decisione di costruire, invece, motori radiali.
La notizia sconvolge l’ambiente motoristico italiano.Non se ne comprende la ragione, ma da Roma chiariscono subito : un motore radiale è meno vulnerabile alle pallottole nemiche.
L’industria italiana aveva abbandonato questo tipo di motore dopo la prima guerra mondiale in quanto, con i mezzi a propria disposizione, non era riuscita a costruire motori di grande potenza e così si era messa a costruire motori in linea.L’aereo di Agello ne ha addirittura due di motori, collegati da un albero motore, per una potenza di 3000 cavalli complessivamente.
Dopo questa direttiva le industrie italiane devono partire da zero.
Non avendo materiali di questo tipo nei depositi, decidono per l’acquisto di motori radiali dall’estero per poi in seguito costruirli su licenza.
L’aereo italiano da caccia fino a quel momento è il CR32.Un caccia con motore in linea da 600 cavalli.Biplano, ma armato con 4 mitragliatrici ; 2 da 12,7 mm e 2 da 7,7 mm.
Questo armamento è il migliore di cui può disporre un caccia in quel periodo.( Il monoplano ME 109 B è armato con 3 mitragliatrici leggere)
Grazie alle importazioni dall’estero e ai motori costruiti su licenza nasce il CR42.Sempre biplano, ma con un motore da 840 cavalli.Se il motore risulta potenziato, l’armamento invece risulta diminuito.Infatti il nuovo caccia è armato con solo 2 mitragliatrici da 12,7 mm.
Si corre ai ripari.
Nascono due aerei monoplani e con carrello retrattile.Sono il G.50 e il MC.200.
Questi aerei hanno lo stesso motore del caccia CR42, e purtroppo anche la stessa velocità.Questa non è una nota lieta in quanto si sperava che, passando dalla formula biplana a quella monoplana, gli aerei costruiti potessero guadagnare in velocità.
Questo non avviene e i due nuovi nati sono anche afflitti da problemi che il CR42 non presenta ; quali la pesantezza strutturale e la minore affidabilità del motore.
L’entrata in guerra coglie l’Aeronautica italiana in preda alla ripresa dopo la guerra di Spagna, nella quale aveva colto molti successi, però dovuti sia all’imperizia dei piloti avversari che alla vetustà delle macchine di volo.
I circa 600 caccia italiani sono principalmente di 3 tipi : CR42, G.50 e MC.200.
Hanno in comune il motore e l’armamento, ma il fatto di essere già 3 come tipi, quando ne sarebbe bastato uno solo, complica la fragile linea logistica italiana.
La guerra contro la Francia segna l’ingresso in combattimento dei CR42.I quali hanno vita facile finquando colpiscono bersagli a terra, ma l’incontro con la caccia francese ridimensiona la realtà.
I caccia francesi sono i DE520, caccia monoplani armati di 4 mitragliatrici e 1 cannoncino.I caccia italiani, pur in superiorità numerica, rimediano solo meschine figure.La breve durata della guerra esclude guai peggiori e le condizioni dell’armistizio fanno avere all’Italia parte di questi caccia.
Ma in Italia, non s’impara la lezione e i caccia francesi, invece di essere un chiarimento di tecnica costruttiva, verranno affiancati ai caccia italiani quali supporto.
Il tardo 1940 fa debuttare l’Aeronautica italiana in altri due teatri operativi : la battaglia d’Inghilterra e l’invasione d’Egitto.
La missione contro l’Inghilterra fu decisa da Mussolini per motivi di prestigio, in quanto riteneva che se la Luftwaffe bombardava l’Inghilterra, l’Italia non poteva restare in disparte.
Viene allestito un corpo di spedizione.Caccia come il CR42 e il G50 si preparano ad affrontare i più insidiosi e non solo caccia inglesi, quali lo Spitfire e l’ Hurricane.
Gli esiti del mese di combattimenti aerei, nei quali gli aerei italiani affrontano anche il clima ostile, sono negativi e gli inglesi arrivano a catturare piloti italiani atterrati in Inghilterra per termine del combustibile.
Questa campagna militare si conclude e ne inizia una nuova : l’Egitto.
Anche qui il clima comanda e gli aerei italiani devono vedersela in condizioni difficili senza averne l’equipaggiamento idoneo.
Risulteranno aerei perduti più per il clima che per le azioni nemiche.
La campagna di Egitto termina a Sidi el Barrani e da lì non si muoverà fino alla controffensiva britannica.
Un’ altra campagna militare si inserisce a complicare questo fosco quadro. La campagna di Grecia, una campagna senza gloria e con soli lutti e dolore.
L’anno si conclude con la flotta italiana decimata a Taranto da attacco aereo inglese e con crisi in Grecia.
L’industria che aveva costruito il MC.200 interviene di propria iniziativa e così acquista alcuni motori tedeschi, che al contrario di quelli italiani sono in linea, e con quelli rimotorizza gli MC.200.Nasce così il MC.202. Pulito, filante, veloce, ma con il vecchio difetto degli aerei italiani del tempo : l’armamento.Anch’esso manterrà le 2 mitragliatrici da 12,7 mm.Questo in nome della manovrabilità, ma che lo renderà inferiore ai caccia inglesi che volano in quel periodo.
Il nuovo caccia non verrà impiegato immediatamente al fronte.Verrà munito di filtri antisabbia per il deserto e quest’operazione lo farà entrare in azione dopo l’arrivo in Africa di Erwin Rommel, il quale era intervenuto su ordine del Comando Supremo tedesco preoccupato della disfatta italiana.
Il nuovo caccia, una volta attato per combattere in Africa, dato alle mani di piloti esperti si dimostra valido e così gli aerei italiani possono trionfare sui caccia avversari.
Un ostacolo di natura non tecnica si contrappone agli aerei italiani.Questo è la produttività delle industrie italiane.Le industrie italiane non riescono a produrre più di 40 MC.202 al mese, mentre i vari fronti ne reclamano molti di più e in più i motori italiani costruiti su licenza, dato che i tedeschi non potevano dare motori a getto continuo agli italiani, si dimostrano inferiori e con problemi tipici dei motori italiani, quali l’affidabilità e l’autonomia.
Tuttavia non si trova soluzione e i prototipi che nascono in quel periodo non portano altro che sottrazione di tempo e risorse, i quali erano carenti per le industrie italiane.
Si ricorre ai caccia francesi di preda bellica, ma i risultati sono negativi.L’assenza di parti di ricambio e il miglioramento tecnologico dei caccia britannici rendono tali aerei superati.
L’entrata in guerra degli Stati Uniti d’America porta nuovi mezzi agli inglesi, anche se al momento non decisivi sui cieli del Mediterraneo.
Gli aerei italiani devono coprire il cielo delle truppe impegnate nel deserto e il cielo dei convogli navali che riforniscono le truppe combattenti in Africa, ma come detto la scarsa produttività delle industrie non permette facilità nei due compiti gravosi di cui di deve occupare l’Aeronautica.
Per vedere un caccia italiano armato di cannoncino si deve arrivare al 1943.Ma è tardi.Troppo tardi.
Migliorano sia il G.50 e diviene G.55 (armato con 2 cannoncini e 2 mitragliatrici) sia il MC.202 che diviene il MC.205 (armato con 4 cannoncini).
Questo progresso avviene grazie, nuovamente, all’acquisto di motori tedeschi, i quali rendono gli aerei italiani in condizioni migliori contro i caccia anglo-americani.
Si giungerà, all’armistizio, senza che i nuovi caccia siano stati distribuiti in numero sufficiente ai reparti.
Scarsa produttività delle industrie, direttive governative errate, gap tecnologico rendono gli aerei italiani inferiori ai rivali stranieri.Non si deve ritenere che, l’industria italiana non sapesse costruire, ma di fronte ad un sistema governativo che voleva tutto senza tener conto di come poteva ottenerlo, anche un’industria diversamente operativa sarebbe stata in difficoltà, così come la fu l’industria tedesca.Questa è un’altra storia e non è tema di questo articolo.


Autore: Edizioni Bizzarri Roma
Titolo: Aerei italiani nella seconda guerra mondiale
Anno: vari
Nazionalità: Italiana
Genere: Immagini
Dimensione del file: 48,9 Mb
Formato del file: Pdf

Orari di seed e banda disponibile: 24H24 - 7/7 - da 30 Kbs in su

Messaggio modificato da Boadicea il Feb 14 2013, 05:09 PM

> File Allegato
File Allegato   Aerei italiani nella 2 Guerra Mondiale.torrent
Completati: 3511
Dimensione: 50 mb
Leechers: 0
seeders: 5
data ultimo seed: 2014-04-16 18:20:41
info_hash: 601643a61a79504f7363db530637b00c01cb0574
Tracker: http://tntvillage.org:2710/announce
Magnet: magnet link
Mostrami i peers di questa rel
Mostrami i dati del torrent

FREE CULTURE: Visita la Sezione

I RESTAURI DEI CICLI E DEI PROGETTI HANNO COME SCOPO IL RECUPERO DELLE RELEASES PRIVE DI SEED : PUOI LIBERAMENTE PARTECIPARE COME RELEASER COME EXPORTER O COME BABY SITTER
Messaggio Privato
Top
sorriso_v
Inviato il: Aug 31 2007, 10:25 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 3057
Utente Nr.: 19825
Iscritto il: 20-October 05



tutto perfetto loris, si va in all birra.gif
Messaggio Privato
Top
Virgilio GM Luftwaffe
Inviato il: Aug 31 2007, 11:24 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 78
Utente Nr.: 98115
Iscritto il: 30-September 06



ho un nuovo eroe biggrin.gif
te lo dico sin da ora: questa rel la adotto io! ok.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
loris
Inviato il: Aug 31 2007, 12:35 PM
Cita questo messaggio


\"1000rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 14213
Utente Nr.: 43948
Iscritto il: 4-February 06



Ti ringrazio è la prima volta che mi capita e ne sono davvero lusingato

clap.gif clap.gif ciao.gif ciao.gif

FREE CULTURE: Visita la Sezione

I RESTAURI DEI CICLI E DEI PROGETTI HANNO COME SCOPO IL RECUPERO DELLE RELEASES PRIVE DI SEED : PUOI LIBERAMENTE PARTECIPARE COME RELEASER COME EXPORTER O COME BABY SITTER
Messaggio Privato
Top
carrot
Inviato il: Aug 31 2007, 12:49 PM
Cita questo messaggio


\"tntripper\"

Group Icon

Gruppo: Residenti
Messaggi: 3070
Utente Nr.: 6278
Iscritto il: 29-June 05



Grazie per la release. Quella dell'aviazione italiana nella seconda guerra mondiale è un capitolo triste, mezzi inadeguati e tanto eroismo, alla faccia dei proclami pomposi. Solo verso la fine della guerra cominciarono ad arrivare caccia all'altezza della situazione, come il Sagittario; un bene o un male?

LE PERSONE VENGONO PRIMA DEI PRINCIPI
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
davide.vega
Inviato il: Oct 6 2007, 03:48 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 5
Utente Nr.: 143137
Iscritto il: 3-October 07



Ragazzi, è la prima volta che cerco di scaricare con tnt, sarei molto interessato a questo argomento, ma non riesco a scaricarlo! Questi sono i miei passaggi: clicco su download, si apre la finestra...clicco apri e nel momento di trasrimento al programma Torrent mi da "impossibile trovare il file specificato!" e mi ferma lì.

Qualcuno mi sà aiutare???
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
loris
Inviato il: Nov 28 2007, 12:51 AM
Cita questo messaggio


\"1000rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 14213
Utente Nr.: 43948
Iscritto il: 4-February 06



Inserito il Banner del Ciclo Cura "Ali nella storia" a cui stava lavorando l'amico Virgilio.

friends.gif friends.gif friends.gif

FREE CULTURE: Visita la Sezione

I RESTAURI DEI CICLI E DEI PROGETTI HANNO COME SCOPO IL RECUPERO DELLE RELEASES PRIVE DI SEED : PUOI LIBERAMENTE PARTECIPARE COME RELEASER COME EXPORTER O COME BABY SITTER
Messaggio Privato
Top
Vampira76
Inviato il: Nov 28 2007, 01:08 AM
Cita questo messaggio


\"residente\"
\"babysitter\"
\"biblioso\"

Group Icon

Gruppo: Funzionari
Messaggi: 15041
Utente Nr.: 81227
Iscritto il: 26-July 06



smile.gif Bravo lor, sarebbe bello farlo partire al più presto sto ciclo, così da poter ricordare degnamente un bravo ragazzo smile.gif


angel1.gif TNTiani ci serve il vostro aiuto, se avete materiale sull'aviazione contattateci angel1.gif

Crystal ZHero - Avventura GIEDI n° 00

Progetto EdiTNTrice Village... e l'editore sei tu!

Antone, Id0, Ragehard, Grisou, i miei Maestri, i miei Padri, i miei Amici

K=0 senza R&DLe mie adozioni

Tessa di Thor, Supreme Commander of the Asgard Fleet ∞

∆ Amo due dei che non si sono mai vantati di esser tali (un ricciolo ed un pinguino) ∆

Ke gli dei dei Bit ti otturino la via del download! (Citaz by ivanghé)

Drento de mi scuro, come notte, e temporai e pensieri de omo che no ga pase.
Cossa servi se fora xe de giorno, se 'l sol vivo se scariga sul mondo con tutta quela luse che imbriaga?
Me bastaria un lumin solo, per viver, un lumin picio, ma che 'l sia impinzado per mi.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
loris
Inviato il: Oct 26 2008, 02:29 PM
Cita questo messaggio


\"1000rel\"
\"curcoord\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 14213
Utente Nr.: 43948
Iscritto il: 4-February 06



Nell'ambito dell'Operazione Restauro del Ciclo "La Guerra degli Italiani" Link al topic di restauro procedo al reseed di questa release

birra.gif birra.gif

FREE CULTURE: Visita la Sezione

I RESTAURI DEI CICLI E DEI PROGETTI HANNO COME SCOPO IL RECUPERO DELLE RELEASES PRIVE DI SEED : PUOI LIBERAMENTE PARTECIPARE COME RELEASER COME EXPORTER O COME BABY SITTER
Messaggio Privato
Top
Alucard_89
Inviato il: Nov 1 2008, 08:59 AM
Cita questo messaggio


\"tntripper\"

Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 2224
Utente Nr.: 61039
Iscritto il: 2-April 06



user posted image

QUOTE
Export eseguito su:

EXPORT NAZIONALI

    BitDown
    FukaTorrents

   
EXPORT INTERNAZIONALI

    2Torrents
    Bitenova   
    Btscene---->Già presente
    Btjunkie
    Extremenova
    Fenopy---->Già presente
    h33t
    isohunt
    Mininova---->Già presente
    Mightynova---->Già presente
    Monova
    SeedPeer---->Già presente   
    Sumotorrent
    Torrent-gate
    Torrentat---->Già presente
    TorrentBox.com
    TorrentMatrix
    Torrentportal---->Già presente
    Torrentreactor.to
    TorrentYU
    BitTorrentShare---->Già presente
    metro torrents---->Già presente
    Demonoid
    smaragdtorrent


Al momento dell'export impossibile esportare su:
   
    Bttorrentmonster
    torrentlocomotive


Con questo TAG: Aerei italiani nella seconda guerra mondiale[PDF-ITA][Tntvillage.Scambioetico]

Stato della condivisione al momento dell'export:

Numero di download: 725
Completato: 1041
Leechers: 2
seeders: 2


Free Culture-->Benvenuti-->Statuto-->Releases
--------------------------------------------------------------------------
Messaggio Privato
Top
JoeFalchetto715
Inviato il: Feb 1 2013, 01:22 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 152
Utente Nr.: 518924
Iscritto il: 17-November 10



grazie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Chaeros
Inviato il: Feb 1 2013, 02:50 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 1596
Utente Nr.: 485495
Iscritto il: 22-August 10



grazie
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
assur76
Inviato il: Aug 17 2013, 03:54 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 812
Utente Nr.: 932619
Iscritto il: 30-March 13



grazie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni Discussione Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents