Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Per continuare a crescere abbiamo bisogno del Vostro supporto anche finanziario.

Puoi donare anche utilizzando PostePay, Per versare la tua donazione chiedi il numero di carta

Sostieni movimentopirati.org

 

  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

> Renata Viganò - L'Agnese va a morire - CoverBook13, [Pdf Epub -Ita] Romanzo - LAM Crew - 8marzo-[CURA] Ciclo II Guerra Mondiale - by Jinn
Jinn
  Inviato il: Mar 9 2011, 09:46 PM
Cita questo messaggio


Unregistered










user posted image
CoverBook n. 013
Collana Narrativa


user posted image user posted image

user posted image

===> L'AGNESE VA A MORIRE <===

===> RENATA VIGANÒ <===

fonte
Il romanzo si svolge nell’Italia settentrionale, durante la seconda guerra mondiale. In particolare durante quei terribili, lunghissimi mesi che vanno dall’armistizio dell’8 settembre alla liberazione del 25 aprile, e che hanno visto l’Italia del nord nelle mani dei nazifascismi, inferociti per la brutta piega che ha preso la loro guerra.A farne le spese è la popolazione civile, vittima sia dei rastrellamenti e delle rappresaglie di tedeschi e camicie nere, che dei bombardamenti “alleati”.Poi c’è la resistenza, i partigiani che come fantasmi si muovono tra i civili, senza dare nell’occhio; agiscono con la classica tecnica della guerriglia: individuano un bersaglio, colpiscono cercando di fare il maggior danno possibile (o il maggior bottino), spariscono nel nulla.L’atmosfera, l’ambiente, la tecnica di combattimento, le reazioni dei civili, tutto è narrato magistralmente da una scrittrice che ha vissuto in prima persona la resistenza, essendo stata un’attivista insieme al marito.Su tutto questo però campeggia una figura, quella dell’Agnese. E’ attraverso i suoi occhi che il lettore vede, sente, soffre e si commuove.All’inizio del romanzo, Agnese è una semplice lavandaia che non si occupa di politica; il suo mestiere dà da vivere a lei e a suo marito Palita, reso debole e inabile al lavoro da una malattia avuta in gioventù. Sta in casa, Palita, e lavora intrecciando ceste di vimini in compagnia della sua gatta nera. Debole solo nel corpo, ma forte nello spirito e di animo passionale, Palita è un comunista, in contatto con i partigiani.Forse viene scoperto, o forse i vicini denunciano ai tedeschi che la famiglia ha ospitato, la notte precedente, un soldato italiano disertore. Palita viene portato via da una camionetta tedesca ed inviato in Germania, assieme ad altri del paese sospettati di attività eversive. Qualche giorno dopo un amico del marito, riuscito a fuggire dal treno tedesco, racconta all’Agnese che Palita è morto; ma lei lo sapeva già, in cuor suo.Il medico l’aveva detto: riguardandosi, sarebbe vissuto fino a novant’anni. Ma doveva fare attenzione, ricevere tutte le cure.Ad Agnese non rimane più nulla: solo la gatta che il marito le ha affidato, ed un odio enorme per i tedeschi; un odio silenzioso, inespresso, ma potentissimo. A questo punto si presentano alla sua porta degli amici del marito: sono partigiani, le chiedono aiuto. Lei comincia a consegnare del materiale da un paese all’altro, diventa una “staffetta” della resistenza. La famiglia che le vive accanto, e che sospetta di aver denunciato il marito, ospita dei soldati tedeschi che amoreggiano con le due figlie. Uno di loro un giorno ammazza la gatta nera, quella che il marito, dal camion tedesco, aveva affidato all’Agnese; lei la raccoglie, piange, rimane inebetita una mezza giornata. Non è il dolore, o non solo, a tormentarla: è anche e soprattutto l’odio.Tornata a casa, trova il tedesco addormentato, mezzo ubriaco; gli strappa di mano il mitragliatore, non lo sa usare, glielo rompe in testa con tutta la sua forza.Poi corre ad avvertire i partigiani. Non le importa di aver ucciso un uomo, pensa solo ad avvertire il “comandante” che potrebbero esserci rastrellamenti, ripercussioni sui civili. Solo per questo si rammarica del suo gesto.E così che la casa dell’Agnese viene bruciata, la famiglia filotedesca massacrata, compresa una delle figlie incinta di un qualche loro soldato. Quanto all’Agnese, va a vivere con i partigiani, cucinando per loro, occupandosi delle provviste, facendo da mamma a tutti quei ragazzi. Essi cambiano spesso base: quando vengono scoperti, scappano. Qualcuno viene ucciso, qualcuno catturato. L’Agnese trova ospitalità presso una famiglia, ma la loro casa viene abbattuta da una bomba alleata. In seguito affitta una casa proprio accanto ad un comando tedesco, che non sospetta nulla. Il suo ruolo diventa di grande responsabilità: si occupa dei rifornimenti, coordina le staffette. I ragazzi la chiamano “mamma Agnese”, o “l’Agnese di Palita”,e la rispettano. La donna non bada al pericolo, dopo la morte del marito non ha più nulla da perdere; l’unica cosa di cui ha paura è di sbagliare, di fare qualcosa che possa risultare pericoloso per i suoi “ragazzi”.Due volte rischia di essere catturata, e due volte si salva in maniera fortuita. La terza volta viene rastrellata, per caso, in un paese dove non conosce nessuno; è sparito un camion militare, e finché non verrà ritrovato i tedeschi terranno in ostaggio quelle persone prese dalla strada: uomini, donne, bambini.Ad un certo punto cominciano a farli uscire, a liberarli. Il lettore, malgrado il titolo del libro la dica lunga, spera che la protagonista si salvi anche questa volta. Invece l’Agnese va incontro al suo destino, un destino con la faccia paonazza e l’accento tedesco, che imbraccia il fucile ed urla; l’Agnese distingue una sola parola: Kurt, il nome del tedesco che aveva assassinato dopo l’uccisione della gatta.
user posted image
L'Agnese va a morire è un romanzo neorealista scritto da Renata Viganò. Romanzo forse di ispirazione autobiografica, giacché Renata Viganò fu con il marito un'attivista della resistenza italiana.

Il romanzo è ambientato nelle Valli di Comacchio durante la seconda guerra mondiale, nello specifico nel periodo degli otto mesi precedenti alla liberazione dell'Italia.

Protagonista del romanzo è una lavandaia di mezz'età, di nome Agnese, che, dopo la morte del marito deportato, non essendosi mai interessata prima di politica, inizia a collaborare con i partigiani assumendo il ruolo di staffetta. Il marito di Agnese è Palita, un uomo reso debole da una malattia avuta da bambino, che lo costringe a stare in casa ad intrecciare ceste di vimini, malessere che portava la moglie a lavorare il doppio per mantenere se stessa ed il marito. Palita, per quanto fosse debole di fisico, era un uomo politicamente impegnato, era un comunista. Ad un certo punto del romanzo Palita viene catturato dai nazisti; ma l'autrice quale sia il vero motivo, lascia il dubbio; Palita potrebbe essere stato catturato perché in contatto con i partigiani, o a causa di una soffiata dei vicini di casa, in quanto la sera prima aveva ospitato un disertore italiano. Qualche giorno dopo alla cattura di Palita, un suo amico, riuscito a fuggire alla camionetta tedesca, annuncia ad Agnese la morte del marito. Ma la lavandaia dentro di sè lo sapeva già, perché sapeva che il marito doveva essere sempre curato. L'Agnese quindi si trova sola con la gatta del marito, tutto ciò che gli resta di lui, ed un odio profondo nei confronti dei nazisti. A non darle sicuramente una mano sono la vicina di casa e le figlie che amoreggiano coi soldati nemici. Una sera, dopo aver bevuto, uno di loro (Kurt) spara per divertimento alla gatta. Agnese allora lo colpisce in testa col fucile, e credendolo morto fugge nascondendosi presso una famiglia di partigiani. Da questo momento Agnese diventa l' organizzatrice delle staffette, e la "mamma" della compagnia partigiana. Ma proprio quando gli alleati inglesi stanno per prendere il sopravvento sui nemici, Agnese viene trattenuta dai soldati tedeschi e, riconosciuta da Kurt, viene uccisa.
Riscontri [modifica]

Tradotto in tredici lingue, valse all'autrice il Premio Viareggio nel 1949.

Ha avuto una trasposizione cinematografica uscita nel 1976 per la regia di Giuliano Montaldo. Il ruolo di Agnese è interpretato da Ingrid Thulin.

FONTE

Film su TNT - condiviso da Darayava
user posted image
===> user posted image <===
Autore: Renata Viganò
I edizione: 1949
Lingua: Italiano
Genere: Romanzo neorealista
Dimensione del file: 1,71 MB
Formato del file: Pdf A4/ocr - Epub

user posted image
===> user posted image <===

===> Renata Viganò <===
user posted image

Renata Viganò (Bologna, 17 giugno 1900 – Bologna, 23 aprile 1976) è stata una scrittrice e partigiana italiana.

Scrittrice precoce a soli 13 anni riuscì a far pubblicare, nel 1913, la sua prima raccolta di poesie, Ginestra in fiore, e nel 1916 Piccola Fiamma, ma raggiunse una certa notorietà solamente nel 1949 con L'Agnese va a morire, romanzo d'impianto neorealistico tra i più intensi della narrativa ispirata alla resistenza.

===> Biografia <===

Viganò fin da piccola con la passione della letteratura coltivava un sogno: fare da grande il medico, ma difficoltà economiche subentrate in famiglia la indussero ad interrompere il liceo e, suo malgrado, con senso del sacrificio e una maturazione affrettata e non voluta, ad entrare nel mondo del lavoro come inserviente e poi infermiera negli ospedali bolognesi.
Questo suo lavoro al servizio di chi aveva bisogno, non le impedì di scrivere, per quotidiani e periodici, elzeviri, poesie, racconti sino all'8 settembre 1943.
Con l'arrivo dell'armistizio la sua vita ebbe una svolta esistenziale: con il marito, Antonio Meluschi, l’infermiera-scrittrice partecipò alla lotta partigiana come staffetta, infermiera e collaborando alla stampa clandestina.

Di questo periodo disagiato ma intriso di sano idealismo esistenziale fu pervasa la susseguente produzione letteraria, che in L'Agnese va a morire 1949 raggiunse il punto più alto con il Premio Viareggio tradotto in quattordici lingue e trama per film omonimo diretto da Giuliano Montaldo.

Il romanzo raccontava vicende partigiane con onesta semplicità da cronista e, insieme con spirito di sincera adesione agli eventi e, fu considerato negli anni del dopoguerra un esempio, una testimonianza della narrativa neorealistica.

Vale la pena di ricordare, tra le opere della Viganò, almeno altri due libri sul tema della Guerra di liberazione: Donne della Resistenza 1955, ventotto affettuosi ritratti di antifasciste bolognesi cadute e, Matrimonio in brigata 1976, una raccolta di efficaci racconti partigiani, uscito proprio l'anno in cui la scrittrice è scomparsa. Due mesi prima della morte, a Renata Viganò fu assegnato il premio giornalistico "Bolognese del mese", per il suo stretto rapporto con la realtà popolare della città.
Opere
* L'Agnese va a morire. Torino, Einaudi, 1949.
* Mondine. Modena, Tipografia Modenese, 1952.
* Arriva la cicogna. Roma, Cultura sociale, 1954.
* Donne della Resistenza. Mursia, 1955.
* Ho conosciuto Ciro. Bologna, Tecnografia emiliana, 1959.
* Una storia di ragazze. Milano, Del Duca, 1962.
* Matrimonio in brigata. Vangelista, 1976.
FONTE

user posted image



user posted image:
  • TNT che mi ospita
  • Arkeyos e Dodies per aver creato la LAM Crew e per l'aiuto nella parte grafica
  • tutti gli interessati a questo argomento
.: Babysitting & Reseed :.

user posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted image


user posted image
Orari del seed e banda 24/24 - 10 kb/s fino ai primi 20 completi (salvo interruzioni occasionali)

Messaggio modificato da Boadicea il Feb 16 2013, 11:58 PM

> File Allegato
File Allegato   CoverBook 013 - Renata Vigano - L Agnese va a morire.torrent
Completati: 1081
Dimensione: 2 mb
Leecher: 1
seeders: 6
data ultimo seed: 2014-11-27 19:11:57
info_hash: b297774406aab657a1f4c44fcf188e6eb39413c6
Tracker: udp://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Magnet: magnet link
Mostrami i peers di questa rel
Mostrami i dati del torrent
Top
dodies
Inviato il: Mar 9 2011, 10:13 PM
Cita questo messaggio


\"100rel\"

Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 4142
Utente Nr.: 143734
Iscritto il: 4-October 07



grazie.gif Jinn anche per questo rilascio, speciale per tanti motivi.

Ti sposto in all e ti ringrazio con semplicità e profondità.

flowers.gif


La storia sta alla verità come la teologia sta alla religione... cioè, non esiste nessuna relazione tra di esse
---- - ---- - ---- - ---- - ---- - ---- -
Arcanum in omne re --- Sognare, desiderare, pensare e realizzare. ... Basterebbe Vivere e non sostare quieti a veder passare gli anni.
-----------------------------------------------------------------------------------------
La mente è una porta che si apre in tanti modi: leggendo, viaggiando, confrontando e condividendo.
Quando manca il pensiero, la porta è chiusa, quando manca la libertà si è persa la chiave.
Ricordiamoci sempre che si può, all'occorrenza, usare un ariete.

-----------------------------------------------------------------------------------------
«Prendete posizione! Prendete sempre posizione! Talvolta sbaglierete ma chi si rifiuta di prendere posizione sbaglia sempre!»
-----------------------------------------------------------------------------------------
Messaggio Privato
Top
darayava
Inviato il: Mar 9 2011, 10:18 PM
Cita questo messaggio


\"500rel\"
\"curcoord\"
\"babysitter\"
\"translators\"
\"freeculture\"

Group Icon

Gruppo: CURA-FC
Messaggi: 13575
Utente Nr.: 128370
Iscritto il: 12-May 07



Ricordo che è stato rilasciato anche il FILM




user posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted image


user posted image


Messaggio modificato da darayava il Mar 9 2011, 10:21 PM

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Boadicea
Inviato il: Mar 9 2011, 10:53 PM
Cita questo messaggio


\"100rel\"
\"translators\"

Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 5063
Utente Nr.: 499078
Iscritto il: 30-September 10



Grazie Jinn per la rella che infilo nel ciclo ok.gif

Solo una richiesta: inserire il tag

Evidenzio
[CURA] Ciclo II Guerra Mondiale
nella descrizione della release.

Messaggio modificato da Boadicea il Mar 9 2011, 10:57 PM

QUI POTETE TROVARE I LINK AGGIORNATI DEI BANNER DI TUTTI I CICLI CURA !

Cercansi detectives sulle tracce di Sherlock Holmes in filmati, fumetti, libri e cartoons dal 1900 in poi!
Riceverai il distintivo degli Irregolari Di Baker Street! Maggiori informazioni e lista dei soci li trovi
QUI
L'iscrizione comporta il solo dovere di inserire la targa nella propria firma!
Messaggio PrivatoSito Web dell
Top
Jinn
Inviato il: Mar 9 2011, 11:42 PM
Cita questo messaggio


Unregistered









Ecco fatto!
Grazie a tutti voi winky.gif
E ancora user posted image a Darayava per avermi suggerito questo testo!
Top
al1912
Inviato il: Mar 10 2011, 11:05 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Residenti
Messaggi: 2567
Utente Nr.: 268245
Iscritto il: 27-February 09



Grazie!! Ho visto il film tanto tempo fa ed ha contribuito a creare la mia coscienza politica attuale.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
scarechitto
Inviato il: Mar 10 2011, 02:23 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 1240
Utente Nr.: 387275
Iscritto il: 20-December 09



grazie.gif 1000
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Olargiu
Inviato il: Mar 12 2011, 10:47 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 4128
Utente Nr.: 13981
Iscritto il: 14-September 05



grazie.gif
Messaggio Privato
Top
Hawkman
Inviato il: Nov 1 2011, 11:39 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 3824
Utente Nr.: 557457
Iscritto il: 13-February 11



grazie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
cacuscactus
Inviato il: Nov 1 2011, 03:46 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2910
Utente Nr.: 31451
Iscritto il: 10-December 05



grazie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
inpuntadipiedi
Inviato il: Nov 1 2011, 10:29 PM
Cita questo messaggio


\"caffegrande\"

Group Icon

Gruppo: Dirigenti
Messaggi: 22499
Utente Nr.: 232798
Iscritto il: 2-August 08



user posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted image

LA MAPPA DEL VILLAGGIO

Vuoi salutare il villaggio ma non sai dove farlo? Piazza Grande è il posto giusto per te.

Aiuta la comunità: diventa baby sitter. Queste sono le mie adozioni.

Non riesci a scaricare una release? Se c'è il mio grazie mandami un MP, 9 volte su 10 conservo quello che ho scaricato.

☞The Baker Street Irregulars Society®☜
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Eilean
Inviato il: Nov 2 2011, 12:36 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 856
Utente Nr.: 434232
Iscritto il: 25-March 10



in più occasioni avevo adocchiato questo libro sugli scaffali della libreria... grazie.gif

Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
conte giallo
Inviato il: Oct 20 2012, 01:27 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 3134
Utente Nr.: 147521
Iscritto il: 8-October 07



grazie.gif clap.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Freja
Inviato il: Feb 5 2013, 08:27 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 1
Utente Nr.: 898470
Iscritto il: 5-February 13



Buongiorno, sono francese e devo lire questo libro per l'università. Ma non sono riuscita ad aprirlo. Con quale programma devo aprilo ??
Grazie della vostra risposta !!
Freja shiny.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
tunas74
Inviato il: Apr 10 2013, 11:42 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 40
Utente Nr.: 903007
Iscritto il: 11-February 13



Grazie!
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
robbi100
Inviato il: Sep 30 2013, 06:38 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 239
Utente Nr.: 873122
Iscritto il: 1-January 13



grazie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
dansmart
Inviato il: Nov 13 2013, 05:09 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2527
Utente Nr.: 1007231
Iscritto il: 30-August 13



grazie Jinn !
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
anamaya
Inviato il: Jan 11 2014, 09:36 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 760
Utente Nr.: 432998
Iscritto il: 22-March 10



Grazie book.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
tescan
Inviato il: Jan 24 2014, 10:20 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 1209
Utente Nr.: 1093957
Iscritto il: 7-January 14



Grazie!!!
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni Discussione Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents