Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Se hai dubbi non esitare a chiedere informazioni

Puoi donare anche utilizzando PostePay, Per versare la tua donazione chiedi il numero di carta

Sostieni movimentopirati.org

 

  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

> Mino Loy - Mussolini anatomia di un dittatore, [DivX - Ita Mp3] Documentario [CURA] La guerra degli italiani
serman
  Inviato il: Jun 19 2009, 06:49 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2738
Utente Nr.: 203980
Iscritto il: 27-February 08



user posted image

Posted by

user posted image
    MUSSOLINI ANATOMIA DI UN DITTATORE

    di Mino Loy


    user posted image


    user posted image


    Evidenzio



    Benito Mussolini: anatomia di un dittatore (1962)




    Genere: Documentary
    Durata: 96 min
    Regia: Mino Loy Adriano Baracco
    Sceneggiatura: Gian Carlo Fusco
    Fotografia: Fausto Zuccoli
    Produzione: Mino Loy
    Colonna Sonora: Egisto Macchi
    Montaggio: Pino Giomini





    imdb tag v2.0 20-06-09







    :::->Trama<-:::


    La pubblicazione di Anatomia di un dittatore di Mino Loy e di Benito Mussolini di Pasquale Prunas potrebbe costituire, insieme a quella del ben altrimenti importante e coraggioso All'armi, siam fascisti!, l'avvio anche in Italia di una ricerca storica condotta dal cinema con intenti critici e formativi. È una direzione ricca di possibilità e di prospettive di cui si parla da molti anni, e certo è anche per questo che la delusione comunicataci dai due "Mussolini" è così grave e profonda.
    È evidente da un lato che l'apparizione di questi due film di montaggio avviene non a caso oggi, coincide cioè con una ripresa dello spirito antifascista nella politica e nella cultura, una ripresa che ha raccolto in ogni città d'Italia l'adesione e l'interesse di larghi strati di giovani intorno alle lezioni sulla storia dell'antifascismo e della Resistenza e ha ispirato tutto un orientamento della narrativa cinematografica italiana. Ma per un altro verso i due film appaiono nel momento in cui quell'orientamento rivela (per vari segni e aspetti) una precoce e grave involuzione nella ambiguità delle sue scelte ideali, o nella freddezza illustrativa di certe sue "ricostruzioni", o peggio nella fioritura di una moda e maniera artificiale e deformatrice. Ed essi infatti non risultano estranei a questo clima involutivo.
    Non ci sembra comunque che Loy e Prunas vadano criticati per aver individuato l'asse del loro lavoro nella storia del dittatore, nell'ambizione di ricostruirne il volto e la personalità. Il problema non è questo, tant'è vero che Erwin Leiser nel suo Mein Kampf (Il dittatore folle) è riuscito a fare della biografia di Hitler la storia del paese e degli "altri", delle responsabilità più generali e collettive della Germania, superando nettamente le incertezze, le ipocrisie e gli equivoci della filmografia tedesco-occidentale sul nazismo. Ma Leiser muoveva nel suo lavoro di ricerca e di inquadramento del materiale da una prospettiva appunto di rigorosa consapevolezza storica, mentre Loy e Prunas, malgrado certe diversità esteriori nella distribuzione della materia e certe marginali diseguaglianze di tono, partono entrambi da una impostazione di superficiale ed esterno giornalismo di costume, da una aneddotica certo interessante e a tratti pungente, ma priva di una unitaria esplicazione critica.
    C'è da chiedersi pertanto quale possa essere la reazione di un giovane dinanzi a questo vorticoso e grottesco susseguirsi di parate, di atteggiamenti "marziali", di grinte dure e volitive, di piegamenti e flessioni del duce tra una furibonda e nazionalistica tirata e l'altra sulle belle piazze d'Italia, dinanzi a folle osannanti. È probabile che egli colga il ridicolo della situazione e si vergogni dei suoi padri, ma invano chiederà poi a Loy e a Prunas la risposta ai suoi assillanti interrogativi sul come e sul perché; eppure è quello un ridicolo che suggella venticinque anni di storia italiana tragica e cruenta e le responsabilità dei padri non si inscrivono in una storia di errori individuali o di follie collettive, ma rimandano a una situazione complessa che chiama in causa certe forze economiche e sociali ben determinate, certi orientamenti dell'opinione pubblica, i partiti e le istituzioni. Che è appunto il discorso che i due film lasciano sostanzialmente eluso.
    Il merito dei due registi, che non si vuole pregiudizialmente misconoscere, consiste quasi esclusivamente nell'essersi mossi per primi in una così stimolante direzione, nell'aver pazientemente ricercato negli archivi e nelle cineteche il materiale non a caso dimenticato per tanto tempo dei cinegiornali e delle "attualità" che componevano l'agiografia cinematografica del fascismo, nell'averne tentato una prima sistemazione intorno alla figura del "capo". Talune di quelle immagini, alludiamo soprattutto ai discorsi del duce, vengono ad assumere oggi una straordinaria forza d'urto e di provocazione proprio in quanto la loro apparente assurdità richiede perentoriamente risposte e chiarificazioni razionali. Come si determinò un tale carnevale permanente, quali le forze che lo inscenarono e lo tennero in piedi per tanto tempo, come esso si insinuò nel cuore e nella ragione delle folle: interrogativi a cui i due film non rispondono, oscillando fra un superficiale sarcasmo e un accorato e moralistico stupore. non toccando mai l'acume della satira e la violenza della indignazione.
    Loy e Prunas sembrano ignorare nella loro ricerca le indagini e i risultati a cui è pervenuta la più consapevole e matura storiografia antifascista, né partecipano della passione militante che ha indotto i promotori delle "lezioni" a ricostruire il volto del passato alla luce del loro attivo e consapevole antifascismo di oggi. La loro dimensione ideale non è la profondità e perspicuità della ricerca, ma la superficiale curiosità del rotocalco: riportano alla luce immagini e volti di cui non sanno darci il senso e la portata. La loro opera, utile nei limiti ben precisi che abbiamo indicato, risulta pertanto priva di nerbo critico e di efficacia formativa. L'incertezza, la superficialità, l'assenza di prospettive dei loro tentativi collocano purtroppo il cinema alla retroguardia della ripresa antifascista della cultura italiana e lasciano aperto il campo a una ricerca di cui All'anni, siam fascisti! costituisce la prima prova veramente avanzata e consapevole.

    :::->Critica<-:::


    Con la collaborazione di Adriano Baracco e produzione Zenith. L'impianto di questo documentario ideologico di montaggio è simile a quello di P. Prunas (Benito Mussolini), di taglio giornalistico più che storico, fondato sullo sviluppo cronologico, da Milano a Milano, dalla Marcia su Roma del '22 fino al piazzale Loreto del '45. Più dell'altro, si dà spazio alle vicende della Repubblica Sociale e alla Resistenza (con una breve sequenza appositamente girata a Giulino di Mezzegra, sui posti dove Mussolini e Claretta Petacci furono fucilati). Il commento di Giancarlo Fusco sottolinea gli aspetti sinistri più che quelli buffoneschi del regime: usa la sciabola, non il fioretto di Biagi e Zavoli

    ::::::->Scheda tecnica del DivX<::::::
    ::::> dati ottenuti con GsSpot Ver. 2.70a <::::


    Dimensione: 768 MB
    Durata: 01:26:36
    Video Codec: DivX 5.X
    Video Bitrate: 1199 kbp/s
    Risoluzione: 720x576
    FPS (Frames/sec):25
    QF (Frame quality): 0,116 b/p
    Audio Codec: Mp3
    Audio Bitrate: 32kb/s
    Freq Audio: 11.025Hz

    *Note: Orari di seed 19,00-6,00 e banda disponibile 150kb
    *Note: Tutte le mie rele sono anche RESEED ON REQUEST
    *Note: Verranno agganciati solo i primi 15 seed; questi a loro volta dovranno fare da seed a tutti gli altri leech; grazie della collaborazione

    -- Ringraziamenti --

    - ImbD.it per la scheda tecnica del film
    - Imageshak per l’hosting gratuito delle immagini
    - Cavalieroberto per la disponibilità del film

    * Le mie rele
    * Le mie adozioni

    user posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted image


Messaggio modificato da serman il Jun 20 2009, 11:12 AM

> File Allegato
File Allegato   La7 Doc 090531 Mussolini anatomia di un dittatore.torrent
Completati: 206
Dimensione: 788 mb
Leechers: 0
seeders: 0
data ultimo seed: 2011-06-07 08:16:32
info_hash: d4968f676a36adb4c1d249d613990416bdf6eede
Tracker: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Magnet: magnet link
Mostrami i peers di questa rel
Mostrami i dati del torrent

Impegnarsi per un mondo migliore, significa aiutare i giovani che hanno fame di democrazia e sete di cultura.

Diventa anche tu, releaser di TNT, e partecipa condividendo materiale

Informazioni per la richiesta di reseed dalle 24,00-06,00:
Le richieste vanno fatte nella release;per poter scaricare la mia banda disponibile per il reseed, e quindi per accorciarne i tempi, bisogna lasciare solo il torrent richiesto in upload, minimo a 40kb, e sospendere temporaneamente fino a completamento dello scarico tutti i rimanenti torrent in upload.
Dopo il completamento ricordarsi del vecchio detto popolare:
"Tanto ricevi ...... tando dai"; in realtà andrebbe scritto al contrario. A parte questo decidete voi quanto tempo rimanere in seed quando il torrent lo necessita, per permettermi nel frattempo di rilasciare nuovi documentari e soddifare altre richieste.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Berjoska
Inviato il: Jun 19 2009, 07:30 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: V.I.P.
Messaggi: 10564
Utente Nr.: 104451
Iscritto il: 11-November 06



Tutto a posto&niente in ordine... ti saluto&sonu con un paio di detti&modi di dire e spostus subuntissimus con un detto mius
EDIT
Credo che manchi una "T" nel corpo della release
Messaggio Privato
Top
kuz
Inviato il: Jun 20 2009, 06:43 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 240
Utente Nr.: 217483
Iscritto il: 22-April 08



birra.gif
Messaggio Privato
Top
BomiBomi
Inviato il: Jun 1 2011, 10:20 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 6
Utente Nr.: 245780
Iscritto il: 18-October 08



Qualcuno per un re-seed? Grazie mille.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
serman
Inviato il: Jun 4 2011, 12:19 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2738
Utente Nr.: 203980
Iscritto il: 27-February 08



Ciao Bomi; stasera sul tardi, metterò in reseed la tua richiesta; ti prego solo di fare attenzione a lasciare almeno 25kb in up mentre scarichi e di rimanere un pò in resee, in modo da potermi dedicare ad altre richieste smile.gif ; ti auguro una buona visione birra.gif .

serman peace[1].gif

Impegnarsi per un mondo migliore, significa aiutare i giovani che hanno fame di democrazia e sete di cultura.

Diventa anche tu, releaser di TNT, e partecipa condividendo materiale

Informazioni per la richiesta di reseed dalle 24,00-06,00:
Le richieste vanno fatte nella release;per poter scaricare la mia banda disponibile per il reseed, e quindi per accorciarne i tempi, bisogna lasciare solo il torrent richiesto in upload, minimo a 40kb, e sospendere temporaneamente fino a completamento dello scarico tutti i rimanenti torrent in upload.
Dopo il completamento ricordarsi del vecchio detto popolare:
"Tanto ricevi ...... tando dai"; in realtà andrebbe scritto al contrario. A parte questo decidete voi quanto tempo rimanere in seed quando il torrent lo necessita, per permettermi nel frattempo di rilasciare nuovi documentari e soddifare altre richieste.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
BomiBomi
Inviato il: Jun 6 2011, 07:19 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 6
Utente Nr.: 245780
Iscritto il: 18-October 08



Grazie serman,

per il re-seed. Da adesso in poi sto leeching e dopo rimango in re-seed per qualche settimane. Quindi se qc voi, il film è la.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni Discussione Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneAvvia sondaggio

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents