Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Sostieni la causa dello Scambio Etico, dona a TNT

Puoi donare anche utilizzando PostePay, Per versare la tua donazione chiedi il numero di carta

Sostieni movimentopirati.org

 

  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussione

> La storia del fascismo - La sconfitta delle opposizioni, (1925-1926) [DivX - Ita Mp3] Doc [CURA] Mussolini
serman
  Inviato il: May 3 2009, 04:35 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2716
Utente Nr.: 203980
Iscritto il: 27-February 08




user posted image

Posted by

user posted image........ user posted image

    LA STORIA DEL FASCISMO [03/13]

    La sconfitta delle opposizioni e la costituzione dello stato autoritario (1925-1926)

    user posted image



    user posted image





    :::->Scheda tecnica del filmato<-:::



    Titolo: La sconfitta delle opposizioni e la costituzione dello stato autoritario [03/13]
    Serie: La storia del fascismo
    Genere: documentario
    Audio: Italiano
    Sottotitoli: n.d.


    :::->La dottrina del fascismo<-:::


    La Dottrina del Fascismo non risale alla sua nascita bensì al 1933 ed è stilata da Benito Mussolini e Giovanni Gentile.

    :::->Idee fondamentali<-:::


    I - Come ogni salda concezione politica, il fascismo è prassi ed è pensiero, azione a cui è immanente una dottrina, e dottrina che, sorgendo da un dato sistema di forze storiche, vi resta inserita e vi opera dal di dentro. Ha quindi una forma correlativa alle contingenze di luogo e di tempo, ma ha insieme un contenuto ideale che la eleva a formula di verità nella storia superiore del pensiero. Non si agisce spiritualmente nel mondo come volontà umana dominatrice di volontà senza un concetto della realtà transeunte e particolare su cui bisogna agire, e della realtà permanente e universale in cui la prima ha il suo essere e la sua vita. Per conoscere gli uomini bisogna conoscere l'uomo; e per conoscere l'uomo bisogna conoscere la realtà e le sue leggi. Non c'è concetto dello stato che non sia fondamentalmente concetto della vita: filosofia o intuizione, sistema di idee che si svolge in una costruzione logica o si raccoglie in una visione o in una fede, ma è sempre, almeno virtualmente, una concezione organica del mondo.
    II - Così il fascismo non si intenderebbe in molti dei suoi atteggiamenti pratici, come organizzazione di partito, come sistema di educazione, come disciplina, se non si guardasse alla luce del suo modo generale di concepire la vita. Modo spiritualistico. Il mondo per il fascismo non è questo mondo materiale che appare alla superficie, in cui l'uomo è un individuo separato da tutti gli altri e per sé stante, ed è governato da una legge naturale, che istintivamente lo trae a vivere una vita di piacere egoistico e momentaneo. L'uomo del fascismo è individuo che è nazione e patria, legge morale che stringe insieme individui e generazioni in una tradizione e in una missione, che sopprime l'istinto della vita chiusa nel breve giro del piacere per instaurare nel dovere una vita superiore libera da limiti di tempo e di spazio: una vita in cui l’individuo, attraverso l'abnegazione di sé, il sacrifizio dei suoi interessi particolari, la stessa morte, realizza quell'esistenza tutta spirituale in cui è il suo valore di uomo.
    III - Dunque concezione spiritualistica, sorta anche essa dalla generale reazione del secolo contro il fiacco e materialistico positivismo dell'Ottocento. Antipositivistica, ma positiva: non scettica, né agnostica, né pessimistica, né passivamente ottimistica, come sono in generale le dottrine (tutte negative) che pongono il centro della vita fuori dell'uomo, che con la sua libera volontà può e deve crearsi il suo mondo. Il fascismo vuole l'uomo attivo e impegnato nell'azione con tutte le sue energie: lo vuole virilmente consapevole delle difficoltà che ci sono, e pronto ad affrontarle. Concepisce la vita come lotta pensando che spetti all'uomo conquistarsi quella che sia veramente degna di lui, creando prima di tutto in sé stesso lo strumento (fisico, morale, intellettuale) per edificarla. Così per l'individuo singolo, così per la nazione, così per l'umanità. Quindi l'alto valore della cultura in tutte le sue forme - arte, religione, scienza - e l'importanza grandissima dell'educazione. Quindi anche il valore essenziale del lavoro, con cui l'uomo vince la natura e crea il mondo umano (economico, politico, morale, intellettuale).
    IV - Questa concezione positiva della vita è evidentemente una concezione etica. E investe tutta la realtà, nonché l'attività umana che la signoreggia. Nessuna azione sottratta al giudizio morale; niente al mondo che si possa spogliare del valore che a tutto compete in ordine ai fini morali. La vita perciò quale la concepisce il fascista è seria, austera, religiosa: tutta librata in un mondo sorretto dalle forze morali e responsabili dello spirito. Il fascista disdegna la vita «comoda».
    V - Il fascismo è una concezione religiosa, in cui l'uomo è veduto nel suo immanente rapporto con una legge superiore, con una Volontà obiettiva che trascende l'individuo particolare e lo eleva a membro consapevole di una società spirituale. Chi nella politica religiosa del regime fascista si è fermato a considerazioni di mera opportunità, non ha inteso che il fascismo, oltre a essere un sistema di governo, è anche, e prima di tutto, un sistema di pensiero.
    VI - Il fascismo è una concezione storica, nella quale l'uomo non è quello che è se non in funzione del processo spirituale a cui concorre, nel gruppo familiare e sociale, nella nazione e nella storia, a cui tutte le nazioni collaborano. Donde il gran valore della tradizione nelle memorie, nella lingua, nei costumi, nelle norme del vivere sociale. Fuori della storia 1'uomo è nulla. Perciò il fascismo è contro tutte le astrazioni individualistiche, a base materialistica, tipo sec. XVIII; ed è contro tutte le utopie e le innovazioni giacobine. Esso non crede possibile la «felicità» sulla terra come fu nel desiderio della letteratura economicistica del `700, e quindi respinge tutte le concezioni teleologiche per cui a un certo periodo della storia ci sarebbe una sistemazione definitiva del genere umano. Questo significa mettersi fuori della storia e della vita che è continuo fluire e divenire. Il fascismo politicamente vuol essere una dottrina realistica; praticamente, aspira a risolvere solo i problemi che si pongono storicamente da sé e che da sé trovano o suggeriscono la propria soluzione. Per agire tra gli uomini, come nella natura, bisogna entrare nel processo della realtà e impadronirsi delle forze in atto.
    VII - Antiindividualistica, la concezione fascista è per lo Stato; ed è per l'individuo in quanto esso coincide con lo Stato, coscienza e volontà universale dell'uomo nella sua esistenza storica. E' contro il liberalismo classico, che sorse dal bisogno di reagire all'assolutismo e ha esaurito la sua funzione storica da quando lo Stato si è trasformato nella stessa coscienza e volontà popolare. Il liberalismo negava lo Stato nell'interesse dell'individuo particolare; il fascismo riafferma lo Stato come la realtà vera dell'individuo. E se la libertà dev'essere l'attributo dell'uomo reale, e non di quell'astratto fantoccio a cui pensava il liberalismo individualistico, il fascismo è per la libertà. E' per la sola libertà che possa essere una cosa seria, la libertà dello Stato e dell'individuo nello Stato. Giacché, per il fascista, tutto è nello Stato, e nulla di umano o spirituale esiste, e tanto meno ha valore, fuori dello Stato. In tal senso il fascismo è totalitario, e lo Stato fascista, sintesi e unità di ogni valore, interpreta, sviluppa e potenzia tutta la vita del popolo.
    VIII - Né individui fuori dello Stato, né gruppi (partiti politici, associazioni, sindacati, classi). Perciò il fascismo è contro il socialismo che irrigidisce il movimento storico nella lotta di classe e ignora l'unità statale che le classi fonde in una sola realtà economica e morale; e analogamente, è contro il sindacalismo classista. Ma nell'orbita dello Stato ordinatore, le reali esigenze da cui trasse origine il movimento socialista e sindacalista, il fascismo le vuole riconosciute e le fa valere nel sistema corporativo degli interessi conciliati nell'unità dello Stato.
    IX - Gli individui sono classi secondo le categorie degli interessi; sono sindacati secondo le differenziate attività economiche cointeressate; ma sono prima di tutto e soprattutto Stato. Il quale non è numero, come somma d'individui formanti la maggioranza di un popolo. E perciò il fascismo è contro la democrazia che ragguaglia il popolo al maggior numero abbassandolo al livello dei più; ma è la forma più schietta di democrazia se il popolo è concepito, come dev'essere, qualitativamente e non quantitativamente, come l'idea più potente perché più morale, più coerente, più vera, che nel popolo si attua quale coscienza e volontà di pochi, anzi di Uno, e quale ideale tende ad attuarsi nella coscienza e volontà di tutti. Di tutti coloro che dalla natura e dalla storia, etnicamente, traggono ragione di formare una nazione, avviati sopra la stessa linea di sviluppo e formazione spirituale, come una coscienza e una volontà sola. Non razza, nè regione geograficamente individuata, ma schiatta storicamente perpetuantesi, moltitudine unificata da un'idea, che è volontà di esistenza e di potenza: coscienza di sé, personalità.
    X - Questa personalità superiore è bensì nazione in quanto è Stato. Non è la nazione a generare lo Stato, secondo il vieto concetto naturalistico che servì di base alla pubblicistica degli Stati nazionali nel secolo XIX. Anzi la nazione è creata dallo Stato, che dà al popolo, consapevole della propria unità morale, una volontà, e quindi un'effettiva esistenza. Il diritto di una nazione all'indipendenza deriva non da una letteraria e ideale coscienza del proprio essere, e tanto meno da una situazione di fatto più o meno inconsapevole e inerte, ma da una coscienza attiva, da una volontà politica in atto e disposta a dimostrare il proprio diritto: cioè, da una sorta di Stato già in fieri. Lo Stato infatti, come volontà etica universale, è creatore del diritto.
    XI - La nazione come Stato è una realtà etica che esiste e vive in quanto si sviluppa. Il suo arresto è la sua morte. Perciò lo Stato non solo è autorità che governa e dà forma di legge e valore di vita spirituale alle volontà individuali, ma è anche potenza che fa valere la sua volontà all'esterno, facendola riconoscere e rispettare, ossia dimostrandone col fatto l'universalità in tutte le determinazioni necessarie del suo svolgimento. E perciò organizzazione ed espansione, almeno virtuale. Cosi può adeguarsi alla natura dell'umana volontà, che nel suo sviluppo non conosce barriere, e che si realizza provando la propria infinità.
    XII - Lo Stato fascista, forma più alta e potente della personalità, è forza, ma spirituale. La quale riassume tutte le forme della vita morale e intellettuale dell'uomo. Non si può quindi limitare a semplici funzioni di ordine e tutela, come voleva il liberalismo. Non è un semplice meccanismo che limiti la sfera delle presunte libertà individuali. È forma e norma interiore, e disciplina di tutta la persona; penetra la volontà come l'intelligenza. Il suo principio, ispirazione centrale dell'umana personalità vivente nella comunità civile, scende nel profondo e si annida nel cuore dell'uomo d'azione come del pensatore, dell'artista come dello scienziato: anima dell'anima.
    XIII - Il fascismo insomma non è soltanto datore di leggi e fondatore d'istituti, ma educatore e promotore di vita spirituale. Vuoi rifare non le forme della vita umana, ma il contenuto, l'uomo, il carattere, la fede. E a questo fine vuole disciplina, e autorità che scenda addentro negli spiriti, e vi domini incontrastata. La sua insegna perciò è il fascio littorio, simbolo dell'unità, della forza e della giustizia.



    :::->Scheda tecnica del DivX<:::

    ::::> dati ottenuti con GsSpot Ver. 2.70a <::::


    Dimensione: 704MB
    Dimensione video: 671MB
    Dimensione audio: 29,9MB
    Durata: 00:32:44
    Video Codec:DivX 6.0.0
    Video Bitrate: 2.868 kb/s
    Risoluzione: 720x512
    FPS (Frames/sec):25
    QF (Frame quality): 0,311 b/p
    Audio Codec: Mp3
    Audio Bitrate: 128kb/s
    Freq Audio: 48.000Hz

    *Note: Orari di seed 19,00-6,00 e banda disponibile 150kb
    *Note: Tutte le mie rele sono anche “RESEED ON REQUEST
    *Note: Verranno agganciati solo i primi 15 seed; questi a loro volta dovranno fare da seed a tutti gli altri leech; grazie della collaborazione

    -- Ringraziamenti --


    - Il messaggero.it
    - Imageshack per l'hosting gratuito delle immagini

    * Le mie rele
    *Le mie adozioni

    user posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted image


Messaggio modificato da Boadicea il Apr 29 2013, 07:25 PM

> File Allegato
File Allegato   La Sconfitta delle Opposizioni 03 - 13.torrent
Completati: 806
Dimensione: 722 mb
Leechers: 0
seeder: 1
data ultimo seed: 2014-04-16 12:33:43
info_hash: dda24dff88311f584db6cbaf975b8ddf5f6cb1cd
Tracker: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Magnet: magnet link
Mostrami i peers di questa rel
Mostrami i dati del torrent

Impegnarsi per un mondo migliore, significa aiutare i giovani che hanno fame di democrazia e sete di cultura.

Diventa anche tu, releaser di TNT, e partecipa condividendo materiale

Informazioni per la richiesta di reseed dalle 24,00-06,00:
Le richieste vanno fatte nella release;per poter scaricare la mia banda disponibile per il reseed, e quindi per accorciarne i tempi, bisogna lasciare solo il torrent richiesto in upload, minimo a 40kb, e sospendere temporaneamente fino a completamento dello scarico tutti i rimanenti torrent in upload.
Dopo il completamento ricordarsi del vecchio detto popolare:
"Tanto ricevi ...... tando dai"; in realtà andrebbe scritto al contrario. A parte questo decidete voi quanto tempo rimanere in seed quando il torrent lo necessita, per permettermi nel frattempo di rilasciare nuovi documentari e soddifare altre richieste.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Berjoska
Inviato il: May 3 2009, 07:51 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: V.I.P.
Messaggi: 10560
Utente Nr.: 104451
Iscritto il: 11-November 06



Ok seed presente finalDente e mandiamo in all uno dei famosi documentari del nostro serman
Messaggio Privato
Top
didac56
Inviato il: May 5 2009, 10:46 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Contribuenti
Messaggi: 149
Utente Nr.: 210182
Iscritto il: 24-March 08



grazie.gif grazie.gif grazie.gif clap.gif ok.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
angleone
Inviato il: Aug 27 2011, 10:24 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 3808
Utente Nr.: 399147
Iscritto il: 9-January 10



shiny.gif grazie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
robitor
  Inviato il: Feb 5 2014, 07:06 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 4
Utente Nr.: 340215
Iscritto il: 30-September 09



Ciao a tutti, non so bene come devono essere fatte le richieste, comunque l'intento è quello di farne una. Mi interesserebbe la serie Storia del Fascismo per mio figlio che la sta studiando proprio in questi giorni e poi sosterrà l'esame di maturità. Grazie.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
serman
Inviato il: Feb 5 2014, 12:38 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2716
Utente Nr.: 203980
Iscritto il: 27-February 08



ciao Robitor; devi scaricare le puntate e dove non c'è seed, fare la richiesta di reseed nella release, aggiungendo un post birra.gif .

serman peace[1].gif

Impegnarsi per un mondo migliore, significa aiutare i giovani che hanno fame di democrazia e sete di cultura.

Diventa anche tu, releaser di TNT, e partecipa condividendo materiale

Informazioni per la richiesta di reseed dalle 24,00-06,00:
Le richieste vanno fatte nella release;per poter scaricare la mia banda disponibile per il reseed, e quindi per accorciarne i tempi, bisogna lasciare solo il torrent richiesto in upload, minimo a 40kb, e sospendere temporaneamente fino a completamento dello scarico tutti i rimanenti torrent in upload.
Dopo il completamento ricordarsi del vecchio detto popolare:
"Tanto ricevi ...... tando dai"; in realtà andrebbe scritto al contrario. A parte questo decidete voi quanto tempo rimanere in seed quando il torrent lo necessita, per permettermi nel frattempo di rilasciare nuovi documentari e soddifare altre richieste.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
robitor
Inviato il: Feb 6 2014, 12:10 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 4
Utente Nr.: 340215
Iscritto il: 30-September 09



helpsmilie.gif Ciao, devo innanzi tutto dirvi che il "catalogo" è ottimo. Ma la richiesta, dici, va fatta nella release. Io non so esattamente che cosa intendi, ma ad intuito, pensavo di averla fatta nel posto giusto. Se non è così mi spieghi dove è l'errore e la giusta procedura? Grazie 1000. R. T. helpsmilie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Dilling
Inviato il: Feb 7 2014, 01:41 AM
Cita questo messaggio


\"residente\"

Group Icon

Gruppo: Admin
Messaggi: 34227
Utente Nr.: 275
Iscritto il: 24-March 05




Limitazione a TNT contro PayPal da FPM
Se volete inviate una donazione il Movimento dei Pirati
vi ringrazio anche per TNT Village.

...abbi sempre il coraggio di seguire il tuo cuore e le tue intuizioni.
“Se noi vogliamo essere ancora presenti, ebbene dobbiamo essere per le cose che nascono, anche se
hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime.”

Movimento dei Pirati
Questo è il sito ufficialmente di TNT Village
Iscriviti, ti serve, TNT magari è offline..

Messaggio Privato
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni Discussione Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussione

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents