Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.

Sostieni movimentopirati.org

 

  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussione

> Guido Chiesa - Il Partigiano Johnny (2000), [XviD - Ita Mp3] Drammatico [CURA] Ciclo II Guerra Mondiale
loris
  Inviato il: Mar 26 2009, 10:22 AM
Cita questo messaggio


\"1000rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 7889
Utente Nr.: 43948
Iscritto il: 4-February 06



user posted image

user posted image

Il gruppo SPG è lieto di presentarVi:

GUIDO CHIESA

IL PARTIGIANO JOHNNY

user posted image

user posted image



Il partigiano Johnny

Altri titoli: Johnny the Partisan

Diretto da Guido Chiesa
Soggetto: dall'omonimo romanzo di Beppe Fenoglio
Sceneggiatura: Guido Chiesa, Antonio Leotti
Fotografia : Gherardo Gossi
Montaggio: Luca Gasparini
Musiche : Alexander Balanescu
Suono: Fabio Felici
Costumi: Marina Roberti
Scenografia : Davide Bassan
con: Claudio Amendola (Nord), Stefano Dionisi (Johnny), Fabrizio Gifuni (Ettore), Umberto Orsini (Pinin), Giuseppe Cederna (Nemega), Felice Andreasi (Mugnaio), Chiara Muti (Elda), Barbara Lerici, Andrea Prodan
Produzione: Fandango
Origine: Italia 2000
Durata: 135’

SCREENSHOTS

user posted image

TRAMA

Johnny, studente di letteratura inglese ad Alba, decide di combattere i nazifascisti unendosi a una banda partigiana comunista. Ben presto comprende come la vita del partigiano non sia quell’avventura poetica che si era immaginato; lasciata la prima banda, Johnny confluisce in un’altra formazione partigiana composta da militari dell’ex esercito regio ma, all’indomani dell’inutile occupazione di Alba, si accentua il suo disagio verso i tatticismi e le strategie dei nuovi compagni. Dopo la drammatica perdita di Alba, hanno luogo i terribili rastrellamenti dei nazifascismi che mettono in fuga i partigiani. Johnny passa l’inverno del 1943 nella solitudine di una cascina; in questa condizione egli trova finalmente la sua dimensione ideale, la sua ragione d’essere partigiano. Diventa uomo.....................................


RECENSIONE

Con Il partigiano Johnny Guido Chiesa realizza il suo desiderio più ambizioso: portare al cinema il romanzo di Beppe Fenoglio di cui è stata pubblicata postuma una prima versione nel 1968. Questa impresa non è riuscita a molti altri registi e sceneggiatori, a causa dell’irriducibilità dello scrittore all’interno di schemi precostituiti, a causa del suo stile di scrittura molto personale e irriproducibile con mezzi audiovisivi. Chiesa, da appassionato studioso (non solo in campo cinematografico) della Resistenza piemontese e delle Langhe, si avvicina al romanzo di Fenoglio conservandone il tratto più rilevante, ovvero le inquietudini del giovane Johnny davanti ai formalismi ideologici dei suoi compagni partigiani. Il suo è un travaglio esistenziale che lo porta all’azione solitaria in un Paese diviso da una guerra civile.
Sia come film storico, sia come storia della crescita di un individuo, Il partigiano Johnny racconta vicende che si svolgono ad Alba e nelle Langhe, ritratte tramite «immagini quasi scabre, colorate con una tavolozza neutra e omogenea» (E. Magrelli, "Film TV", 21.11.2000). Questa zona del Piemonte pare un luogo piuttosto difficile da penetrare soprattutto per quanto riguarda la mentalità della gente: il loro tratto più comune, infatti, è «una diffusa riluttanza a dare confidenza, una tendenza atavica a risolvere i problemi senza chiedere niente a nessuno» (S. Della Casa, “Kataweb Cinema”).
Recuperando, secondo alcuni, gli insegnamenti del Neorealismo (in particolare, di Paisà di Roberto Rossellini, da cui Guido Chiesa mutua la frase conclusiva, che annuncia la fine della guerra), il regista torinese firma un film «più attento alla verosimiglianza che agli aspetti spettacolari» (Tullio Kezich, "Corriere della Sera", 18.11.2000). Pertanto il film assume quasi l’aspetto di un documento storico, perché immerge «la freschezza della testimonianza in una scrupolosa ambientazione resa ancor più suggestiva dal ricorso a una sorta di decolorazione dell’immagine nella bella fotografia di Gherardo Gossi» (Ibidem).
Proprio Gherardo Gossi spiega i principi in base ai quali è stato deciso il taglio fotografico da dare alle inquadrature: «i nostri punti di riferimento erano per lo più documentari d’epoca e foto sulla Resistenza. L’idea di fondo era di evitare una visione edulcorata della guerra, con immagini troppo ripulite e partigiani che sembrassero modelli (in questo senso scenografo e costumista hanno dato un apporto fondamentale), cercando invece di riprodurre col maggior realismo possibile l’anno e mezzo vissuto tra e montagne, gli stenti e il freddo, la fatica sul volto degli attori e l‘autenticità degli ambienti non ricostruiti. [...] Guido ha deciso fin dall’inizio che il modo migliore di raccontare il romanzo di Fenoglio sarebbe stato quello di vedere la realtà attraverso gli occhi di Johnny, stando addosso al protagonista [...]. Inoltre, per sottolineare l’atmosfera cupa e drammatica della guerra, abbiamo lavorato, sia durante le riprese che durante la fase di stampa della pellicola, sulla decolorazione e sull’enfatizzazione della grana della pellicola, smorzando l’intensità dei colori e aumentando molto i contrasti» (G. Gossi, in D. De Gaetano, a cura, Tra emozione e ragione. Il cinema di Guido Chiesa, Lindau, Torino, 2000).
Anche la colonna sonora del film è stata studiata con cura meticolosa, soprattutto per quanto riguarda la presa diretta di dialoghi e rumori. «Essendo un film d’epoca», afferma il musicista e fonico Giuseppe Napoli, «la presa diretta è stata piuttosto complicata visto che, come per gli elementi architettonici e scenografici, abbiamo dovuto trovare le ambientazioni giuste per evitare rumori inopportuni o anacronistici. [...] Per Guido fare la presa diretta del suono non è una scelta di convenienza economica ma risponde a precise esigenze registiche: è una pratica faticosa ma che esalta la resa espressiva dei rumori sulla scena e soprattutto dà maggiore efficacia alla recitazione degli attori» (G. Napoli, Ibidem).
Il film – come già il romanzo – costituisce una riflessione «su un uomo in guerra, sul mestiere di sopravvivere, sul “lavoro” del partigiano. [...] Incontri, fughe, rastrellamenti, pioggia, fango, agguati, sangue, paura, ti restano infine negli occhi in una forma ripetitiva, ossessiva, selvaggia, come in una cronaca pittorica della disperazione di libertà» (S. Danese, “Il Giorno”, 18.11.2000).
L’inquietudine e la formazione del protagonista si legano alla crudeltà ed all’incertezza della situazione storica: una guerra terribile viene «combattuta tra freddo, pioggia e stenti, dove si attacca e si è attaccati di sorpresa, bisogna fuggire e nascondersi, si conquista una città sapendo di perderla subito dopo. Chiunque può essere un amico o un traditore: e dall´alternativa dipende la vita del partigiano [...] il film di Chiesa intende soprattutto mettere in scena questa sofferenza, la quotidianità di una guerra [...] in cui [...] ogni azione può scatenare una rappresaglia sanguinosa sulla popolazione civile» (E. Magrelli, Op. cit.).
Del film, la critica ha apprezzato le interpretazioni degli attori e le ambientazioni, qualcuno ha notato l’anacronismo di far suonare Moonlight Serenade di Glenn Miller in una festa nell’autunno 1944. «Per misurare la coerenza antiretorica di Chiesa basterebbe paragonare il suo film con La tregua, l'adattamento del romanzo di Primo Levi diretto tre anni fa da Francesco Rosi. I modelli del regista torinese sono altri: il cinema neorealista, e in particolare l'ultimo episodio di Paisà, da un lato, dall'altro La sottile linea rossa di Terrence Malick. L'unica cosa che stona, in tutto ciò, è a carico della colonna sonora, con la musica invadente di Alexander Balanescu e la voce over-screen che narra o commenta in inglese. Invece le scene di guerra risultano assolutamente convincenti, proprio per l'essenza di eticità e l'inesorabile ripetitività con cui sono rappresentate.
L'ambientazione “on location” sui luoghi dell'azione è ineccepibile. Ottima l'interpretazione di Stefano Dionisi, adeguato e ben diretto tutto il cast» (R. Nepoti, “la Repubblica”, 18..11.2000).
Il film è interamente piemontese: oltre all’ambientazione e al regista sono piemontesi molti collaboratori di Guido Chiesa, dal direttore della fotografia Gherardo Gossi al montatore Luca Gasparini e all’operatore steadycam Giovanni Gebbia.
Una curiosità riguarda la seconda banda partigiana a cui Johnny si unisce, la Martini Mauri, brigata azzurra composta da militari dell´ex-esercito regio: nella realtà storica ne fece parte, tra gli altri, Folco Lulli, l’attore che dopo la fine della guerra avrebbe interpretato molti ruoli di gerarca fascista.



RAPPORTO AVInaptic


[ Info sul file ]

Nome: Guido Chiesa - Il Partigiano Johnny.avi
Data: 25/03/2009 20:20:58
Dimensione: 1,623,244,800 bytes (1548.047 MB)

[ Info generiche ]

Durata: 02:08:27 (7706.72 s)
Tipo di contenitore: AVI OpenDML
Streams totali: 2
Tipo stream n. 0: video
Tipo stream n. 1: audio
Audio streams: 1
ISFT: VirtualDubMod 1.5.10.2 (build 2540/release)
JUNK: VirtualDubMod build 2540/release

[ Dati rilevanti ]

Risoluzione: ALTA (704 x 368)
Larghezza: multipla di 32 (BENE)
Altezza: multipla di 16 (BENE)
Qualità DRF medio: MEDIA (3.800204)
Qualità deviazione standard: MEDIA (0.847030)
Media pesata dev. std.: ALTA (0.630305)

[ Traccia video ]

FourCC: xvid/XVID
Risoluzione: 704 x 368
Frame aspect ratio: 44:23 = 1.913043
Pixel aspect ratio: 1:1 = 1
Display aspect ratio: 44:23 = 1.913043
Framerate: 25 fps
Frames totali: 192668
Stream size: 1,429,720,028 bytes
Bitrate: 1484.128166 kbps
Qf: 0.229145
Key frames: 1644 (0; 36; 78; 80; 82; ... 192667)
Null frames: 0
Min key int: 1
Max key int: 300
Key int medio: 117.194647
Ritardo: 0 ms

[ Traccia audio ]

Audio tag: 0x55 (MP3)
Bitrate (contenitore): 192 kbps CBR
Canali (contenitore): 2
Frequenza (contenitore): 48000 Hz
Chunks: 191850
Stream size: 184,187,520 bytes
Preload: 0 ms
Max A/V diff: 13512 ms
Tipo: MPEG-1 Layer III
Initial skip: 336,384 bytes
MPEG frames: 319186
Durata: 02:07:40 (7660.464 s)
Chunk-aligned: No
Emphasis: none
Mode: joint stereo
Ritardo: 0 ms

[ Info sulla codifica MPEG4 ]

User data: XviD0046
Packed bitstream: No
QPel: No
GMC: No
Interlaced: No
Aspect ratio: Square pixels
Quant type: H.263
Frames totali: 192668
Drop/delay frames: 0
Frames corrotti: 0

[ Analisi DRF ]

DRF medio: 3.800204
Deviazione standard: 0.847030
DRF max: 11

Rapporto generato da AVInaptic (18-11-2007) in data 26 mar 2009, h 10:28:00


NOTE:

FORMATO XVID
Audio = Italiano Mp3
Sottotitoli = Nessuno




user posted image

Messaggio modificato da robbyrs il Mar 23 2013, 09:59 PM

> File Allegato
File Allegato   Guido Chiesa Il Partigiano Johnny.torrent
Dimensione: 1588 mb
Seeder:1
Leechers: 0
Completati: 8566
Data ultimo seed: 2017-03-28 04:07:58
Info_hash: 6993E9800A88FF3C277F7BDDC9E21E192922B3FA
Visualizza la lista dei peers
Visualizza i dettagli del torrent

Messaggio Privato
Top
loris
Inviato il: Mar 26 2009, 10:29 AM
Cita questo messaggio


\"1000rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 7889
Utente Nr.: 43948
Iscritto il: 4-February 06



Il Partigiano Johnny è un eccellente film Italiano magnificamente diretto ed interpretato.
Vivamente consigliato. Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Beppe Fenoglio, un capolavoro
probabilmente il miglior libro sulla Resistenza
Buona visione

birra.gif birra.gif

Messaggio Privato
Top
loris
Inviato il: Apr 2 2009, 12:43 PM
Cita questo messaggio


\"1000rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 7889
Utente Nr.: 43948
Iscritto il: 4-February 06



EXPORT EFFETTUATO

Messaggio Privato
Top
flouminense
Inviato il: Aug 16 2014, 08:39 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 420
Utente Nr.: 987440
Iscritto il: 19-July 13



QUOTE (loris @ Mar 26 2009, 10:29 AM)
Il Partigiano Johnny è un eccellente film Italiano magnificamente diretto ed interpretato.
Vivamente consigliato. Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Beppe Fenoglio, un capolavoro
probabilmente il miglior libro sulla Resistenza
Buona visione

birra.gif birra.gif

grazie
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
cavasin10
Inviato il: Dec 1 2014, 06:01 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 1
Utente Nr.: 1274630
Iscritto il: 1-December 14



grazie.gif toot[1].gif

Completati: 7460
Dimensione: 1588 mb
Leechers: 6
seeder: 1
data ultimo seed: 2014-12-02 01:23:19



Messaggio modificato da Dilling il Dec 2 2014, 12:25 AM
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni Discussione Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussione

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents