Tnt village
tntvillage.scambioetico.org · Statuto T.N.T.      Aiuto      Cerca      Utenti      Calendario

Mantieni TNT senza pubblicita': contribuisci

Puoi donare anche utilizzando PostePay, Per versare la tua donazione chiedi il numero di carta

Sostieni movimentopirati.org

 

  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussione

> Augusto Genina - Bengasi, [DivX - Ita Mp3] Film Storico [CURA] Mussolini
serman
  Inviato il: Mar 19 2009, 08:11 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2775
Utente Nr.: 203980
Iscritto il: 27-February 08




user posted image


Posted by


user posted image

    BENGASI [1942]

    di Augusto Genina

    Film di regime


    user posted image


    user posted image


    Evidenzio



    Bengasi (1942) - IMDb




    Cast: Fosco Giachetti Mária Tasnádi Fekete Amedeo Nazzari Vivi Gioi Guido Notari Carlo Tamberlani Leo Garavaglia Laura Redi Fedele Gentile Amelia Bissi Giorgio Costantini Guglielmo Sinaz Carlo Duse Pier Giorgio Herliczer Giovanni Grasso Anna Arena Silvio Bagolini Galeazzo Benti Ciro Berardi Giuseppe Condorelli Vasco Creti Enrico Effernelli Pasquale Fasciano Silvio Ferrazza Gabriele Ferzetti Carmine Garibaldi Fontana Giachetti Romolo Giordani Giulio Giorgetti Laura Clara Giudice Mario Lodolini Alberto Marchió Antonio Marietti Carlo Mariotti Corrado Nardi Giovanni Onorato Giulio Panicali Emilio Petacci Giovanni Petti Aldo Pini Rudy Randi Fulvio Ranieri Mario Revera Antimo Reyner Ugo Sasso Edda Soligo Plinio Torrini Joop van Hulzen





    imdb tag v2.0 06-08-13















    :::->Trama<-:::


    Insieme al film Lo squadrone bianco, un altro titolo fondamentale nella storia del cinema coloniale italiano e nella filmografia di Augusto Genina, di cui ricorrono quest’anno i cinquant’anni dalla morte (Roma, 12 settembre 1957). Parliamo di Bengasi, realizzato da Genina nel 1942 e presentato alla Mostra di Venezia, dove ha vinto la Coppa Mussolini per il Miglior film italiano e la Coppa Volpi per la Migliore interpretazione maschile, attribuita a Fosco Giachetti.
    Pur restando all’interno del genere del film di guerra, di chiara ambientazione coloniale, Genina riesce a costruire un ritratto corale, commovente e appassionante, in cui – malgrado le bandiere italiane e le svastiche tedesche che sventolano alla fine del film in una Bengasi ritornata, ancora per poco in realtà, italiana – è evidente la denuncia della cecità degli uomini che persistono nella guerra, quando i segni della disfatta e della tragedia sono presenti ovunque. E sono le donne, appunto, moderne Cassandre, a dover portare il peso e la sofferenza di questa “preveggenza”. Come recita il cartello iniziale del film: «Questo che fu il dramma delle popolazioni italiane di Bengasi e del Gebel Cirenaico è dedicato alle donne che della guerra sopportano i sacrifici più profondi con la fede più silenziosa».
    Bengasi può essere considerato come l’ultima parte del trittico di Genina sull’epopea fascista, dopo Lo squadrone bianco (1936) e L’assedio dell’Alcazar (1940), dalla conquista coloniale alla guerra civile spagnola, fino alla guerra d’Africa. Un trittico incarnato dalla figura di Fosco Giachetti, protagonista di tutti e tre i film, anche se, in realtà, si passa dal dramma individuale del primo alla tragedia corale dell’ultimo. Il film ebbe un’accoglienza alquanto fredda, nonostante recensioni positive e due premi a Venezia, anche perché uscì nelle sale quando la città era ormai stata riconquistata dagli inglesi. Nonostante l’ambientazione coloniale sia stata interamente ricostruita in studio, il film inserisce riferimenti concreti ed evidenti alla situazione politica: non solo l’aspetto esotico degli scorci pittoreschi di Bengasi e degli indigeni spettatori passivi degli eventi bellici o che rimpiangono la presenza degli italiani portatori di civiltà; ma anche alcuni particolari, come le beffarde scritte fasciste che si prendono gioco del nemico (“Ci starete poco e ci starete male”) o le bandiere naziste con la svastica che sventolano accanto a quelle italiane.
    L’aspetto più moderno di Bengasi è l’attenzione del regista per le figure femminili, sottolineando il ruolo delle donne (anche se fatto di sacrificio, fede e silenzio) e insieme superando il discorso coloniale, parlando essenzialmente di guerra, che appare così come la diretta e naturale, anche se dolorosa, conseguenza dell’impresa imperiale. A questo riguardo, Bengasi rappresenta in qualche modo l’altra faccia di Sotto la croce del sud di Guido Brignone (1939), essendo l’unico film coloniale a mettere in scena le donne italiane in AOI, tanto decantate dalla propaganda quanto assenti sugli schermi e nella vita politica. Come fa notare Robin Pickering-Iazzi, la terra coloniale è considerata come un diverso tipo di spazio, con profonde implicazioni per le donne moderne, per cui «i critici culturali conservatori che parlavano sotto gli auspici del fascismo, e non solo, inveivano contro le crescenti incursioni delle donne nelle piazze italiane», mentre sulle riviste dell’epoca «gli articoli sulle colonie italiane indirizzati esplicitamente alle lettrici le autorizzavano, anzi le invitavano, ad occupare i territori coloniali urbani e di frontiera, raffigurati come la terra dove i desideri femminili potevano espandersi liberamente». Anche se, in realtà, alla donna viene riservato un ruolo tradizionale, di moralizzazione, e la sua presenza nelle colonie viene invocata per impedire la relazione sessuale tra i coloni italiani e le indigene e dunque l’incrocio tra le razze.
    Questa contraddizione del ruolo femminile in colonia è portata all’estremo da Genina: dietro l’apparente preminenza dei protagonisti maschili, sono le donne ad essere le vere eroine del film, come si evince dalle quattro storie che si susseguono e si intrecciano nella Bengasi messa sotto assedio dagli inglesi. Il cap. Berti (Giachetti) obbliga la moglie Carla, che non vuole, a lasciare Bengasi, ma nel tragitto il figlioletto viene ferito a morte. L’ufficiale Filippo (Nazzari), una spia al servizio degli italiani, convince la giovane ricercatrice chimica Giuliana a sposarlo, ma viene arrestato dagli inglesi. Una vecchia contadina ritrova il figlio, cieco, e torna con lui alla fattoria, per scoprire che gli inglesi gli hanno ucciso il marito. La giovane prostituta Fanny (il vero nome è Maria) si redime rischiando la vita per un soldato ferito, che le promette di sposarla al ritorno in Italia. Queste quattro storie di eroismo al femminile corrispondono a diverse tipologie femminili in colonia: la donna “moralizzatrice”, moglie e madre (Carla e la vecchia rurale); la “donna nuova”, dedita, come l’uomo nuovo, al dovere, alla patria e alla colonia (Giuliana); la donna perduta, che si redime per amore (Fanny/Maria) .
    In tutti i casi, il femminile viene addomesticato, rinchiuso nell’eterno ruolo di madre o subordinato all’autorità maschile. Ma un’atmosfera cupa e fredda, di morte, domina tutte e quattro le storie, e se le parabole femminili sono improntate al sacrificio, all’espiazione e all’attesa, sono gli uomini – legati indissolubilmente alla guerra – ad essere feriti, arrestati, uccisi. Anche qui, Genina sembra sposare, approfondire e infine superare il genere coloniale: il melodramma viene usato come veicolo di propaganda e di accettazione dei ruoli sociali previsti dal regime per le donne, ma insieme come denuncia dell’impossibilità di indossarli fino in fondo.
    Da segnalare, però, un errore evidente nel titolo e nella trama del film: il Dvd viene presentato nel Menù con il titolo Bengasi anno ’41 , che non compare nei titoli di testa e che è il titolo della versione successiva del film, rimaneggiata dal produttore Carlo Bassoli nel 1955. La trama riportata sulla copertina del Dvd - e purtroppo in molte altre banche dati cinematografiche - corrisponde appunto a questa versione successiva, e non al film realizzato da Genina nel 1942.
    L’episodio aggiunto da Bassoli, che che fa da cornice al film, vede Giuliana (Vivi Gioi) recarsi molti anni dopo in pellegrinaggio ad El Alamein, accompagnata da un ufficiale inglese, Charles, che vorrebbe sposarla. Qui Giuliana rievoca alcuni episodi dell’occupazione inglese di Bengasi nel 1941. Le quattro storie, i quattro destini descritti dal film di Genina vengono quindi ripresentati come flash-back, alla fine del quale Guliana accetta la proposta di matrimonio.

    ::::::->Scheda tecnica del DivX<::::::
    ::::> dati ottenuti con GsSpot Ver. 2.70a <::::



    Dimensione: 698MB
    Durata: 01:41:04
    Video Codec: DivX 5.1
    Video Bitrate: 869kbp/s
    Risoluzione: 352x256
    FPS (Frames/sec):25
    QF (Frame quality): 0,386 b/p
    Audio Codec: Mp3
    Audio Bitrate: 80kb/s
    Freq Audio: 32.000Hz

    *Note: Orari di seed 19,00-6,00 e banda disponibile 500kb
    *Note: Tutte le mie rele sono anche “RESEED ON REQUEST
    *Note: Verranno agganciati solo i primi 15 seed; questi a loro volta dovranno fare da seed a tutti gli altri leech; grazie della collaborazione

    -- Ringraziamenti --

    - ImbD.it
    - ImageShack per l'hosting gratuito delle immagini
    - Cavalieroberto per la disponibilità del film

    * Le mie rele
    *Le mie adozioni

    user posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted image


Messaggio modificato da Boadicea il Aug 6 2013, 03:09 PM

> File Allegato
File Allegato   Augusto Genina - Bengasi.torrent
Completati: 570
Dimensione: 716 mb
Leecher: 1
seeder: 1
data ultimo seed: 2014-11-23 09:30:22
info_hash: c4aa283aced08603155b6cdd58d43920d12df04f
Tracker: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Magnet: magnet link
Mostrami i peers di questa rel
Mostrami i dati del torrent

Impegnarsi per un mondo migliore, significa aiutare i giovani che hanno fame di democrazia e sete di cultura.

Diventa anche tu, releaser di TNT, e partecipa condividendo materiale

Informazioni per la richiesta di reseed dalle 24,00-06,00:
Le richieste vanno fatte nella release;per poter scaricare la mia banda disponibile per il reseed, e quindi per accorciarne i tempi, bisogna lasciare solo il torrent richiesto in upload, minimo a 40kb, e sospendere temporaneamente fino a completamento dello scarico tutti i rimanenti torrent in upload.
Dopo il completamento ricordarsi del vecchio detto popolare:
"Tanto ricevi ...... tando dai"; in realtà andrebbe scritto al contrario. A parte questo decidete voi quanto tempo rimanere in seed quando il torrent lo necessita, per permettermi nel frattempo di rilasciare nuovi documentari e soddifare altre richieste.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
pir8
Inviato il: Mar 19 2009, 09:22 PM
Cita questo messaggio


\"releaser\"
\"5000rel\"
\"tntripper\"
\"coordinatore\"
\"residente\"
\"babysitter\"
\"tnttv\"

Group Icon

Gruppo: Funzionari
Messaggi: 29728
Utente Nr.: 18178
Iscritto il: 9-October 05



Ottima proposta Serman.. clap.gif
La release è completa e ben curata come sempre, passo in all
grazie.gif birra.gif

PER I MIEI MUX NON USATE WINZOZ MEDIA PLAYER - USATE VLC, BSPLAYER, MPC-HC

:::->TOPIC COORDINAMENTO DELLE MIE SERIE TV<-:::
:::->TOPIC COORDINAMENTO PACK SERIE TV<-:::

.:Ti piacerebbe sapere come muxare ma non sai da dove iniziare?
prova la mia guida.Potrebbe esserti utile:.
[/color]


:::->Vuoi sapere se questo torrent è stato adottato?<-:::Guarda qui!
Messaggio Privato
Top
kuz
Inviato il: Mar 20 2009, 10:17 AM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 240
Utente Nr.: 217483
Iscritto il: 22-April 08



Ah....però!!!!!!
clap.gif clap.gif clap.gif clap.gif
Messaggio Privato
Top
warriorwolf
Inviato il: Jul 10 2011, 02:31 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 299
Utente Nr.: 472181
Iscritto il: 10-July 10



grazie.gif
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
laurentnice
  Inviato il: Nov 21 2011, 10:20 PM
Cita questo messaggio



Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 10
Utente Nr.: 527624
Iscritto il: 7-December 10



QUOTE (serman @ Mar 19 2009, 08:11 PM)

user posted imageuser posted image


Posted by


user posted image

    BENGASI [1942]

    di Augusto Genina

    Film di regime


    user posted image


    user posted image


    Evidenzio



    Bengasi (1942) - IMDb




    Cast: Fosco Giachetti Mária Tasnádi Fekete Amedeo Nazzari Vivi Gioi Guido Notari Carlo Tamberlani Leo Garavaglia Laura Redi Fedele Gentile Amelia Bissi Giorgio Costantini Guglielmo Sinaz Carlo Duse Pier Giorgio Herliczer Giovanni Grasso Anna Arena Silvio Bagolini Galeazzo Benti Ciro Berardi Giuseppe Condorelli Vasco Creti Enrico Effernelli Pasquale Fasciano Silvio Ferrazza Gabriele Ferzetti Carmine Garibaldi Fontana Giachetti Romolo Giordani Giulio Giorgetti Laura Clara Giudice Mario Lodolini Alberto Marchió Antonio Marietti Carlo Mariotti Corrado Nardi Giovanni Onorato Giulio Panicali Emilio Petacci Giovanni Petti Aldo Pini Rudy Randi Fulvio Ranieri Mario Revera Antimo Reyner Ugo Sasso Edda Soligo Plinio Torrini Joop van Hulzen





    imdb tag v2.0 21-11-11












    :::->Trama<-:::


    Insieme al film Lo squadrone bianco, un altro titolo fondamentale nella storia del cinema coloniale italiano e nella filmografia di Augusto Genina, di cui ricorrono quest’anno i cinquant’anni dalla morte (Roma, 12 settembre 1957). Parliamo di Bengasi, realizzato da Genina nel 1942 e presentato alla Mostra di Venezia, dove ha vinto la Coppa Mussolini per il Miglior film italiano e la Coppa Volpi per la Migliore interpretazione maschile, attribuita a Fosco Giachetti.
    Pur restando all’interno del genere del film di guerra, di chiara ambientazione coloniale, Genina riesce a costruire un ritratto corale, commovente e appassionante, in cui – malgrado le bandiere italiane e le svastiche tedesche che sventolano alla fine del film in una Bengasi ritornata, ancora per poco in realtà, italiana – è evidente la denuncia della cecità degli uomini che persistono nella guerra, quando i segni della disfatta e della tragedia sono presenti ovunque. E sono le donne, appunto, moderne Cassandre, a dover portare il peso e la sofferenza di questa “preveggenza”. Come recita il cartello iniziale del film: «Questo che fu il dramma delle popolazioni italiane di Bengasi e del Gebel Cirenaico è dedicato alle donne che della guerra sopportano i sacrifici più profondi con la fede più silenziosa».
    Bengasi può essere considerato come l’ultima parte del trittico di Genina sull’epopea fascista, dopo Lo squadrone bianco (1936) e L’assedio dell’Alcazar (1940), dalla conquista coloniale alla guerra civile spagnola, fino alla guerra d’Africa. Un trittico incarnato dalla figura di Fosco Giachetti, protagonista di tutti e tre i film, anche se, in realtà, si passa dal dramma individuale del primo alla tragedia corale dell’ultimo. Il film ebbe un’accoglienza alquanto fredda, nonostante recensioni positive e due premi a Venezia, anche perché uscì nelle sale quando la città era ormai stata riconquistata dagli inglesi. Nonostante l’ambientazione coloniale sia stata interamente ricostruita in studio, il film inserisce riferimenti concreti ed evidenti alla situazione politica: non solo l’aspetto esotico degli scorci pittoreschi di Bengasi e degli indigeni spettatori passivi degli eventi bellici o che rimpiangono la presenza degli italiani portatori di civiltà; ma anche alcuni particolari, come le beffarde scritte fasciste che si prendono gioco del nemico (“Ci starete poco e ci starete male”) o le bandiere naziste con la svastica che sventolano accanto a quelle italiane.
    L’aspetto più moderno di Bengasi è l’attenzione del regista per le figure femminili, sottolineando il ruolo delle donne (anche se fatto di sacrificio, fede e silenzio) e insieme superando il discorso coloniale, parlando essenzialmente di guerra, che appare così come la diretta e naturale, anche se dolorosa, conseguenza dell’impresa imperiale. A questo riguardo, Bengasi rappresenta in qualche modo l’altra faccia di Sotto la croce del sud di Guido Brignone (1939), essendo l’unico film coloniale a mettere in scena le donne italiane in AOI, tanto decantate dalla propaganda quanto assenti sugli schermi e nella vita politica. Come fa notare Robin Pickering-Iazzi, la terra coloniale è considerata come un diverso tipo di spazio, con profonde implicazioni per le donne moderne, per cui «i critici culturali conservatori che parlavano sotto gli auspici del fascismo, e non solo, inveivano contro le crescenti incursioni delle donne nelle piazze italiane», mentre sulle riviste dell’epoca «gli articoli sulle colonie italiane indirizzati esplicitamente alle lettrici le autorizzavano, anzi le invitavano, ad occupare i territori coloniali urbani e di frontiera, raffigurati come la terra dove i desideri femminili potevano espandersi liberamente». Anche se, in realtà, alla donna viene riservato un ruolo tradizionale, di moralizzazione, e la sua presenza nelle colonie viene invocata per impedire la relazione sessuale tra i coloni italiani e le indigene e dunque l’incrocio tra le razze.
    Questa contraddizione del ruolo femminile in colonia è portata all’estremo da Genina: dietro l’apparente preminenza dei protagonisti maschili, sono le donne ad essere le vere eroine del film, come si evince dalle quattro storie che si susseguono e si intrecciano nella Bengasi messa sotto assedio dagli inglesi. Il cap. Berti (Giachetti) obbliga la moglie Carla, che non vuole, a lasciare Bengasi, ma nel tragitto il figlioletto viene ferito a morte. L’ufficiale Filippo (Nazzari), una spia al servizio degli italiani, convince la giovane ricercatrice chimica Giuliana a sposarlo, ma viene arrestato dagli inglesi. Una vecchia contadina ritrova il figlio, cieco, e torna con lui alla fattoria, per scoprire che gli inglesi gli hanno ucciso il marito. La giovane prostituta Fanny (il vero nome è Maria) si redime rischiando la vita per un soldato ferito, che le promette di sposarla al ritorno in Italia. Queste quattro storie di eroismo al femminile corrispondono a diverse tipologie femminili in colonia: la donna “moralizzatrice”, moglie e madre (Carla e la vecchia rurale); la “donna nuova”, dedita, come l’uomo nuovo, al dovere, alla patria e alla colonia (Giuliana); la donna perduta, che si redime per amore (Fanny/Maria) .
    In tutti i casi, il femminile viene addomesticato, rinchiuso nell’eterno ruolo di madre o subordinato all’autorità maschile. Ma un’atmosfera cupa e fredda, di morte, domina tutte e quattro le storie, e se le parabole femminili sono improntate al sacrificio, all’espiazione e all’attesa, sono gli uomini – legati indissolubilmente alla guerra – ad essere feriti, arrestati, uccisi. Anche qui, Genina sembra sposare, approfondire e infine superare il genere coloniale: il melodramma viene usato come veicolo di propaganda e di accettazione dei ruoli sociali previsti dal regime per le donne, ma insieme come denuncia dell’impossibilità di indossarli fino in fondo.
    Da segnalare, però, un errore evidente nel titolo e nella trama del film: il Dvd viene presentato nel Menù con il titolo Bengasi anno ’41 , che non compare nei titoli di testa e che è il titolo della versione successiva del film, rimaneggiata dal produttore Carlo Bassoli nel 1955. La trama riportata sulla copertina del Dvd - e purtroppo in molte altre banche dati cinematografiche - corrisponde appunto a questa versione successiva, e non al film realizzato da Genina nel 1942.
    L’episodio aggiunto da Bassoli, che che fa da cornice al film, vede Giuliana (Vivi Gioi) recarsi molti anni dopo in pellegrinaggio ad El Alamein, accompagnata da un ufficiale inglese, Charles, che vorrebbe sposarla. Qui Giuliana rievoca alcuni episodi dell’occupazione inglese di Bengasi nel 1941. Le quattro storie, i quattro destini descritti dal film di Genina vengono quindi ripresentati come flash-back, alla fine del quale Guliana accetta la proposta di matrimonio.

    ::::::->Scheda tecnica del DivX<::::::
    ::::> dati ottenuti con GsSpot Ver. 2.70a <::::



    Dimensione: 698MB
    Durata: 01:41:04
    Video Codec: DivX 5.1
    Video Bitrate: 869kbp/s
    Risoluzione: 352x256
    FPS (Frames/sec):25
    QF (Frame quality): 0,386 b/p
    Audio Codec: Mp3
    Audio Bitrate: 80kb/s
    Freq Audio: 32.000Hz

    *Note: Orari di seed 19,00-6,00 e banda disponibile 500kb
    *Note: Tutte le mie rele sono anche “RESEED ON REQUEST
    *Note: Verranno agganciati solo i primi 15 seed; questi a loro volta dovranno fare da seed a tutti gli altri leech; grazie della collaborazione

    -- Ringraziamenti --

    - ImbD.it
    - ImageShack per l'hosting gratuito delle immagini
    - Cavalieroberto per la disponibilità del film

    * Le mie rele
    *Le mie adozioni

    user posted imageuser posted imageuser posted imageuser posted image

buonanotte Non riesco a scaricare questo film -bengasi grazie
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
serman
Inviato il: Nov 22 2011, 12:31 PM
Cita questo messaggio


\"250rel\"

Group Icon

Gruppo: Domiciliati
Messaggi: 2775
Utente Nr.: 203980
Iscritto il: 27-February 08



in settimana rimetto lo rimetto in reseed; buona visione a tutti birra.gif .

serman peace[1].gif

Impegnarsi per un mondo migliore, significa aiutare i giovani che hanno fame di democrazia e sete di cultura.

Diventa anche tu, releaser di TNT, e partecipa condividendo materiale

Informazioni per la richiesta di reseed dalle 24,00-06,00:
Le richieste vanno fatte nella release;per poter scaricare la mia banda disponibile per il reseed, e quindi per accorciarne i tempi, bisogna lasciare solo il torrent richiesto in upload, minimo a 40kb, e sospendere temporaneamente fino a completamento dello scarico tutti i rimanenti torrent in upload.
Dopo il completamento ricordarsi del vecchio detto popolare:
"Tanto ricevi ...... tando dai"; in realtà andrebbe scritto al contrario. A parte questo decidete voi quanto tempo rimanere in seed quando il torrent lo necessita, per permettermi nel frattempo di rilasciare nuovi documentari e soddifare altre richieste.
Messaggio PrivatoIndirizzo Email
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :
 

Opzioni Discussione Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussione

 

Scambio etico - ethic share
 Debian powered site  Nginx powered site  Php 5 powered site  MariaDB powered site  xml rss2.0 compliant  no software patents  no software patents